Lo Stato e HVB

Ecco un articolo un po 'vecchio ma probabilmente ancora attuale.

Parole chiave: HVB, HVP, combustibile olio vegetale, gasolio, fiscali, Tipp, ADEME, soldi dello stato.

Nella regione di Agen, un centinaio di auto funzionano da diversi anni con olio vegetale grezzo (HVB) di Valénergol (Recupero energetico da semi oleosi), l'azienda che questo muratore ambientale ha creato nel 1996 con una ventina di amici per "Per dimostrare a grandezza naturale che è possibile produrre la sua energia senza alcun governo o supervisione economica". Cinque anni dopo, l'esperienza sta volgendo al termine. Se la produzione e l'utilizzo di combustibili vegetali non ponevano alcun problema, Valénergol non è riuscita invece a liberarsi dalla vigilanza fiscale. Sequestrato di una denuncia della direzione nazionale delle indagini doganali, il tribunale di polizia di Agen ha condannato i due dirigenti dell'azienda, il 18 ottobre, a pagare 33 franchi al Tesoro per aver venduto almeno agli automobilisti ". 000 litri di olio di girasole ”senza pagare la tassa interna sui prodotti petroliferi (TIPP), da cui sono esenti tutti i biocarburanti - con la sola eccezione degli oli grezzi di girasole, colza o cocco. Secondo Markus Gröber, proprietario di un piccolo frantoio artigianale vicino ad Agen, che fornisce carburante a tre trattori, “l'olio che produciamo per i motori ha un solo difetto: è fin troppo facile da produrre. ". "Le dogane non vogliono sentirne parlare", continua Etienne Poitrat, responsabile dei biocarburanti presso l'Agenzia per l'ambiente e la gestione dell'energia (Ademe).

Leggi anche:  Micro-CHP semplice con olio vegetale

Per lo Stato, che riceve 160 miliardi di franchi ogni anno nell'ambito del TIPP, il rischio di evasione fiscale è preso tanto più seriamente in quanto la produzione di questo carburante è incontrollabile e il suo processo di fabbricazione alla portata di tutti. Basta una piccola pressa da 30 franchi, uno o due serbatoi di plastica e qualche centinaio di filtri da caffè, si chiede il signor JUSTE, che ha armeggiato con una batteria di imbuti per rimuovere le impurità questo liquido viscoso è stato venduto per 000 franchi al litro. Il basso costo del petrolio (tasse escluse) e la vigilanza delle dogane da soli non spiegano lo sviluppo embrionale di questa fonte di energia rinnovabile, ben nota ai produttori di motori da più di un secolo.

Se più di cento automobilisti lo utilizzano clandestinamente ogni giorno in Francia, finora sono stati effettuati solo dieci esperimenti legali sulle macchine agricole.

È che ci vuole coraggio o incoscienza per usare questo petrolio condannato scientificamente, dal 1993, in un controverso rapporto presentato al Primo Ministro. Scritto da Raymond Levy, ex amministratore delegato della Renault ed ex numero due della Elf, il documento spiega in tre righe come l'uso diretto dell'olio "intasa i cilindri" dei motori di cui "deteriora la qualità dei lubrificanti". Un anno prima, un giovane medico dell'Università di Poitiers, Gilles Vaïtilingom, aveva tuttavia dedicato la sua tesi alle applicazioni di un olio che può essere utilizzato senza problemi in tutti i motori diesel ad iniezione indiretta. Il ricercatore non è mai stato consultato. Il rapporto Levy rispondeva a un ordine ben preciso: quello di "aumentare la competitività del settore dei diesteri", a base di colza, rispetto al gasolio per fornire un nuovo sbocco industriale ai produttori di semi oleosi. Disattivati ​​dalla riforma della politica agricola comune che imponeva loro di congelare il 10% della loro terra, si offrì loro, con il diester, uno sbocco inaspettato per la coltivazione dei loro maggesi, autorizzati a fini energetici. Tutte le cooperative agricole e i piccoli commercianti sono poi entrati nel capitale di Sofiprotéol, l'ente finanziario del settore dei semi oleosi, che ha investito centinaia di milioni di franchi nella costruzione di tre impianti di esterificazione chimica. "Il settore è stato ben bloccato dai professionisti del settore", afferma Jean-Marie Charles, del Segretario di Stato per l'Industria. "I produttori non hanno più il controllo", aggiunge Gröber, anche lui produttore di girasoli biologici. Tutto l'olio va ad un unico stabilimento al quale siamo obbligati a vendere. "

Leggi anche:  L'olio è nel prato

studi favorevoli

Un ultimo attore è stato infine quello di contribuire a garantire che la produzione di olio vegetale sia utilizzata solo per l'alimentazione. Ademe, dove sono rappresentate nel consiglio di amministrazione tutte le principali società energetiche francesi (TotalFinaElf, EDF, GDF, Rhône Poulenc, ecc.) E che da sola fornisce tutta la competenza alle autorità pubbliche sulle energie rinnovabili, non ha mai nascosto i suoi dubbi sulle qualità “inaffidabili” degli oli vegetali. "Per beneficiare del sostegno di Ademe, abbiamo dovuto impegnarci ad acquistare a 8 franchi per litro di oli da produttori e partner di Sofiprotéol, ovvero tre volte il prezzo a cui potevamo produrlo noi stessi", ricorda Jean-Loup LESUEUR, presidente dell'associazione Agricoltura ed energie verdi, uno dei primissimi automobilisti francesi a guidare sul girasole. Presentato agli esperti di Ademe nel 1998, nell'ambito di un concorso nazionale sulla produzione di biocarburanti, il progetto Valénergol non ha avuto la possibilità di essere accettato, ufficialmente perché troppo ambizioso. . Ma per il signor POITRAT, "è il ministero delle Finanze che si è opposto al suo finanziamento".

Leggi anche:  L'olio rompe i motori?

Di fronte al monopolio degli industriali, agli ostacoli tecnici, agli studi sfavorevoli, all'esenzione dal TIPP riservata al solo settore degli esteri, gli artigiani dell'olio vegetale grezzo non ebbero rapidamente altra scelta che perseguire da soli e senza aiuti pubblici, a volte illegalmente, i loro esperimenti sulla carburazione. Altre organizzazioni, come il Consiglio regionale del Midi-Pirenei, hanno ritenuto il processo sufficientemente promettente da accettare, contro il parere del Sig. POITRAT di Ademe, di finanziare il loro progetto pagando il TIPP su ogni litro di combustibile vegetale consumato. da trattori. Iniziato nel novembre 1999, l'esperimento è in corso.

Le Monde, versione cartacea ottobre 2001

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *