Esplosione di un deposito di carburante di Londra: dettagli

Ecco alcuni dettagli sul disastro di ieri. Pezzi selezionati estratti dal sito LeMonde.fr

 "La più grande esplosione di un deposito di carburante mai avvenuto in tempo di pace in Europa ha causato un gigantesco incendio (...)"

 »(..) tutto fa pensare che sia un incidente. I media britannici ricordano tuttavia che il numero due di Al-Qaeda, l'egiziano Ayman Al-Zawahri, aveva chiamato a settembre per colpire gli impianti petroliferi. "La maggior parte delle entrate va ai nemici dell'Islam", in una cassetta trasmessa dal canale Al-Jazeera, e che circolava su Internet nei giorni scorsi. "

 Il capo dei vigili del fuoco (…) sperava che l'incendio potesse essere contenuto durante la giornata di lunedì. (ipotesi secondo noi molto ottimiste visto le fiamme di dirigere questo pomeriggio) (...) "

 Una cortina di fumo grigio ha offuscato i cieli di Londra domenica e ha causato l'oscurità nel bel mezzo di una giornata molto soleggiata. Lunedì questa nuvola si stava dirigendo verso la Francia. Secondo diversi esperti, questi fumi "leggermente tossici" comprendono principalmente monossido di carbonio e anidride carbonica. Non rappresentano un pericolo immediato per la salute, sebbene sia stato consigliato agli asmatici e alle persone con malattie polmonari croniche di proteggersi.

Leggi anche:  Wave: un ibrido camion rotolamento elettrico ricaricabile

Dal punto di vista ecologico, l'attuale clima secco rende improbabile un fenomeno di "pioggia nera". L'Agenzia per l'ambiente è particolarmente preoccupata per i rischi di inquinamento provocati dai fiumi nel caso in cui il carburante defluisca dal sito. Ma è stata ritenuta improbabile domenica. "

 Buncefield immagazzina fino a 150 tonnellate di combustibili e derivati ​​del petrolio, o il 000% del fabbisogno nazionale. È il quinto deposito più grande dei 5 esistenti nel paese. (...) " 

Leggi l'articolo completo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *