orto di permacultura

Le fasi della creazione di un orto in permacultura

Con l'arrivo delle temperature primaverili, si è tentati di intraprendere lo sviluppo di giardini e spazi verdi, o anche quello di a balcone orto. Questo è quindi il momento perfetto per richiamare il concetto di permacultura, una modalità di agricoltura basata sullo sviluppo sostenibile, rispettosa della biodiversità e delle persone e il cui obiettivo è imitare il funzionamento degli ecosistemi naturali.

I principali concetti di permacultura

La parola permacultura è stata assemblata dalle parole "permanente" e "agricoltura", di per sé riflette abbastanza bene il concetto utilizzato. Si tratta quindi di coltivare prestando attenzione alla terra, agli uomini e avendo cura di ridistribuire le eccedenze prodotte. Il concept è nato negli anni '70 per iniziativa di Bill Mollison e David Holmgren o meglio è rinato da quando in natura tutto è permacultura!

L'obiettivo è ricreare un ecosistema a sé stante in cui integrare armoniosamente gli elementi che si desidera coltivare. Quindi la permacultura non si limiterà alla coltivazione di ortaggi. È tutto un insieme di elementi volti a produrre in modo sano e sostenibile. Ad esempio, prediligendo varietà che si autoseminano: come è il caso della zucca, delle carote, ma anche di alcune insalate come la lattuga o la lattuga d'agnello. Un elenco abbastanza completo di queste verdure può essere trovato sul sito LazyGardener.com

Dal 2014, il forum econology, Didier timoniere ha anche sviluppato una nuova tecnica di permacultura a base di fieno. Parecchi libri da giardino pigrizia, sono stati persino pubblicati in seguito a questi scambi sul forum ! Puoi trovare regolarmente Didier sul suo canale Youtube:

Può trattarsi anche di convivenza con insetti già presenti nell'ambiente. In tal modo i lombrichi sono i migliori alleati della permacultura. Permettono di aerare il terreno, favorendo la crescita delle piante. E' possibile inserire anche animali che possono contribuire a loro modo alla buona riuscita del vostro orto. Così poche galline in un giardino coltivato in permacultura possono naturalmente impedire la proliferazione di insetti che distruggono le piantagioni (lumache e lumache per esempio). Parteciperanno anche all'aerazione del terreno e produrranno uova. Attenzione, però, a rispettare uno spazio ragionevole per il numero di galline introdotte onde evitare un effetto opposto e un eccessivo degrado del vostro terreno.

Un altro insetto da citare: la coccinella! Introdotto sotto forma di larve, combatterà efficacemente e naturalmente contro gli afidi di cui si nutre. Di seguito la foto di una larva di coccinella, date loro un caloroso benvenuto nelle vostre piantagioni:

Leggi anche:  Le Potager du Paresseux di Didier Helmstetter (Did67), un orto senza sforzo con il fieno

larva di coccinella

Come e quando avviare un orto o un orto in permacultura?

Esistono diversi metodi di permacultura e quindi diverse possibilità di partenza. Un primo approccio è quello di non dissodare affatto il terreno. Perché ciò sia possibile, dovrà essere pacciamato in modo che le piante non crescano più lì in modo che possa essere poi ripiantato. Prima della pacciamatura, è consigliabile tagliare l'erba in modo ravvicinato e lasciarla in posizione. Una volta che l'erba si è decomposta, il terreno può essere ricoperto con un substrato come paglia, trucioli di legno, ma anche foglie morte o BRF (Bois Raméal Fragmenté). Le possibilità sono varie. Il seguente video spiega cos'è il BRF e come realizzarlo:

La pacciamatura avviene di solito in primavera. Va poi lasciato in posa per un'intera stagione senza piantare per attaccare le colture la primavera successiva in terriccio opportunamente preparato. La pacciamatura non deve essere posizionata su un terreno troppo secco, troppo freddo o troppo imballato. E' possibile praticarlo a fine estate o in autunno, ma sconsigliato farlo in inverno.

Un altro metodo di coltivazione è dissodare leggermente il terreno. Questo metodo è consigliato, ad esempio, su terreni pesanti o compatti. Si tratta quindi di lavorare il terreno su un 15° cm, utilizzando strumenti come l'artiglio, la grelinette o l'arvicola. Nel seguente video potete scoprire le grelinette:

Dopo il passaggio di questi attrezzi è consigliabile eliminare le erbacce (nome dato alle erbacce in permacultura) e aggiungere del compost per arricchire il terreno.

Qual è il sistema del tumulo?

In permacultura è anche possibile lavorare creando quelli che vengono chiamati “tumuli”. Si tratta di aree di terreno che svilupperete sollevandole da terra ad un'altezza di 15-30 cm. Tuttavia, dovresti sapere che la loro progettazione richiederà tempo e più conoscenze tecniche rispetto alla semina direttamente su un terreno pianeggiante. Occorre quindi pensare prima al beneficio del loro utilizzo.

Ci sono molti diversi tipi di tumuli. Alcuni sono “posizionati” direttamente sulla superficie del terreno, mentre altri sono costruiti su tronchi “sepolti” (questi sono i tumuli Hulgelkultur, dal nome del loro progettista). Questo secondo tipo di cumulo si decompone molto lentamente e richiederà pochissima manutenzione nonostante sia più complesso da allestire. L'ideale è poter costruire i cumuli in gruppi per facilitarne lo sviluppo.

Leggi anche:  Download: Agricoltura, bilancio energetico delle colture agricole e equivalenti di petrolio

I tumuli non sono adatti a tutte le situazioni, non sono nemmeno consigliati per alcuni ecosistemi. Quindi un clima ventoso ne controindica l'uso perché tenderebbero ad asciugarsi troppo rapidamente. Tuttavia, nei casi in cui i cumuli sono fattibili, portano poi molti vantaggi: estetici, pratici poiché non c'è più bisogno di chinarsi per lavorare. I cumuli aiutano anche a evitare di compattare il terreno. Renderanno possibile una buona irrigazione del terreno, senza favorire l'eccesso di umidità, che sarà favorevole alla crescita delle piante.

L'importanza di scegliere la disposizione delle piante

In permacultura, sono le associazioni di piante che consentiranno una sinergia benefica per la loro crescita. In natura, troviamo spesso alcune piante una accanto all'altra. È il caso, ad esempio, della pianta del corbezzolo selvatico, che cresce frequentemente ai piedi del nocciolo. Sarà inoltre possibile abbinare piante che avranno un ciclo lungo con altre piante a ciclo breve, ad esempio patate con ravanelli o lattuga. Queste associazioni permetteranno alle piante di beneficiare dei vantaggi che saranno loro forniti dalla pianta vicina (è il caso, ad esempio, di una pianta alta che porterebbe ombra a una pianta più fragile). Attenzione, le piante nella stessa zona, o sullo stesso tumulo, devono però avere le stesse necessità di acqua, fertilizzante, ecc.

D'altra parte, alcune piante possono essere aggiunte allo scopo di agire come insetticida per la loro area di impianto piuttosto che per il consumo. In effetti, sono da evitare insetticidi e fertilizzanti chimici. Il basilico, ad esempio, è un buon repellente contro mosche e macchioline, ma anche contro le formiche. La lavanda è anche un efficace insetticida, in macerazione può essere utilizzata anche in casa contro i ragni, ma anche contro le pulci o anche alcuni acari della polvere. Attenzione però perché alcune piante hanno sicuramente un'azione repellente contro gli insetti, ma anche una forte tendenza a diffondersi velocemente nell'orto con il rischio di soffocare altre piantagioni. È il caso, ad esempio, della menta, che si sviluppa molto rapidamente utilizzando i suoi stoloni.

Leggi anche:  Le Potager du Sloth: origine, obiettivi e principi Video

Irrigazione e compostaggio in permacultura

L'utilizzo di serbatoi di recupero dell'acqua piovana permette di irrigare il vostro terreno il più naturale possibile. A seconda delle dimensioni del terreno, può essere consigliabile disporre di più cisterne in prossimità delle aree da irrigare per facilitare la realizzazione. D'altra parte, può essere utile avere diversi punti d'acqua scoperti nella tua terra in modo che gli insetti, ma anche gli uccelli possano venire ad abbeverarsi lì. Attenzione, però, che questi punti d'acqua non si trasformino in acqua stagnante attirando le zanzare!!

Per ridurre la frequenza delle annaffiature, una soluzione si è dimostrata valida: l'uso di oyas. Si tratta di serbatoi d'acqua in terracotta che vengono interrati vicino alla pianta che si desidera annaffiare. L'erba di marram deve essere coperta per evitare un'evaporazione troppo rapida dell'acqua, è anche possibile pacciamarle per ridurre ulteriormente l'evaporazione dovuta al calore eccessivo. Tuttavia, ci vorranno in media 20 euro per fanerogame, il che può rappresentare rapidamente un costo significativo.

Un'altra soluzione può essere quella di annaffiare direttamente ai piedi delle piante per limitare la perdita d'acqua. Questa volta sarà facilmente realizzabile recuperando le bottiglie di plastica quindi sarà sufficiente rimuovere il fondo, prima di seppellire il collo ai piedi della pianta da annaffiare. Basterà poi riempire il flacone regolarmente, piuttosto che spruzzare a caso con un getto d'acqua rischiando di favorire l'ustione delle foglie da parte del sole.

Infine, un altro elemento importante da integrare nella tua terra: il compost. Sarà fondamentale per permettervi di dare una seconda vita alle erbacce che avete dovuto rimuovere. Ma anche e soprattutto per contribuire all'arricchimento del terreno per le vostre colture. L'ideale è utilizzare una soluzione di compostaggio che ti permetta di inserire i tuoi rifiuti verdi dall'alto. Successivamente recuperare il compost utilizzando un'apertura facilitata sul fondo.

Per andare oltre

La permacultura può essere applicata anche all'agricoltura per scopi commerciali. Già nel 2016 a Studio INRA sulla permacultura lo vedeva come un metodo di coltivazione potenzialmente redditizio. In questo caso può anche essere interessante guardare anche il lato della fotovoltaico applicato all'agricoltura.

Il seguente video presenta i vantaggi di rivolgersi ad un'agricoltura più rispettosa del suolo e della natura:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *