Il flusso di petrolio a 1973 1984

Il flusso di olio e lo scambio di 1973 2004 a.

Parole chiave: mappa, energia, olio, olio, flusso, barche, quantità, provenienza, oleodotto, oleodotto, Medio Oriente, Europa, USA, America

Ecco alcune mappe che mostrano l'evoluzione dei flussi di petrolio negli ultimi 30 anni. Per ogni scheda faremo alcune brevi analisi. Analisi più precise possono essere effettuate semplicemente osservando le mappe.

1) La situazione in 1973

a) La mappa


Clicca per ingrandire

b) Analisi

Distribuzione della produzione in milioni di tonnellate e%:
- Medio Oriente: 989 (63,26%)
- Africa occidentale: 106 (6,78%)
- Nord Africa: 163 (10,43%)
- America Latina: 187,5 (12%)
- Indonesia: 69 (4,41%)
- URSS: 49 (3,13%)

Totale: 1563,5 milioni di tonnellate sono 12 311 milioni di barili o 33 milioni di barili al giorno.

Nel 1973 la dipendenza del mondo, in particolare dell'Europa, dal Medio Oriente era pressoché totale ad eccezione del Nord America.

In effetti, saremo sorpresi dalle bassissime importazioni di greggio arabo negli Stati Uniti e in Canada (appena 20 milioni di tonnellate o il 7,3% delle loro importazioni). Le produzioni nazionali dovevano, ancora all'epoca, compensare la domanda americana.

Leggi anche:  CITEPA: l'inquinamento atmosferico da ufficio in Francia

Le zone da cui dipendono maggiormente gli USA sono l'America Centrale e Latina (57% delle loro importazioni). Questo indubbiamente spiega, in parte, le forti implicazioni e il controllo dei governi americani durante questi decenni su questi paesi.

Va anche notato che il Canale di Suez non è aperto ai transiti petroliferi e per una buona ragione: "Dopo la guerra dei sei giorni del 1967, il canale rimase chiuso fino al 1975, con una forza di pace delle Nazioni Unite rimasta in vigore fino al 1974".

2) La situazione in 1984

a) La mappa


Clicca per ingrandire

Leggi anche:  guerre per il petrolio

b) Analisi

Distribuzione della produzione in milioni di tonnellate e%:
- Medio Oriente: 489 (42,26%)
- Africa occidentale: 83 (7,22%)
- Nord Africa: 114 (10%)
- America Latina: 202 (17,57%)
- Indonesia: 79 (6,87%)
- URSS: 126 (10,96%)
- Europa occidentale: 42 (3,65%)
- Cina: 15 (1,3%)

Totale: 1150 milioni di tonnellate è 9055 milioni di barili o 24,8 milioni di barili al giorno.

Tra il 1973 e il 1984 la produzione mondiale è diminuita di circa il 25%. Questo è direttamente collegato all'esplosione dei prezzi. Visualizza i prezzi storici del petrolio.

Le esportazioni dal Medio Oriente sono diminuite di oltre il 50% e per una buona ragione: la creazione dell'OPEC e delle sue quote, la crisi iraniana e soprattutto l'aumento del costo del petrolio.

A parte questo fatto, non ci sono cambiamenti evidenti nella produzione mondiale. Compaiono due nuove zone di produzione: il Mare del Nord e la Cina. Stranamente, il Mare del Nord esporta 3/4 della sua produzione in Nord America, che rimane ancora indipendente dal petrolio arabo come nel 1973.

Leggi anche:  Storia del prezzo del barile di petrolio: catalizzatori e grandi eventi

Flussi petroliferi globali in 1998, 2001 e 2004

Imparare fonti sempre:
- Forum energie, geopolitica e petrolio
- Mercato e consumo globale del petrolio
- sito mappatura Sciences Po
- banca dati cartografica Sience Po

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *