Il HVP-C: combustibile olio vegetale puro e la legge

Olio vegetale grezzo, diestere, bio-etanolo o altri biocarburanti, o carburanti di origine vegetale ...
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 02/01/07, 20:06

Ciao Radasse 2000

Ti risponderò stasera (ho un lavoro su un motore affidabile, più affidabile di quello che cadi nei Rooll)
Eppure, con tutta la tecnologia francese, non sei ancora incasinato per sostituire i vecchi motori come questo
Anche la Renault l'ha provato e non ha funzionato, perché?


Ti spiegherò il vecchio motore e l'affidabilità e ti spiegherò anche se un guasto non ha importanza? e anche elicottero e chiave dinamometrica
ci porti in cantina! questo pistone è montato su un motore ceraminil, ha un diametro di 123 mm!
Sappi che i fili della candela o dell'iniettore non si rovesciano quando vengono serrati, ma quando vengono svitati.

Andre
0 x

Avatar de l'utilisateur
antoinet111
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 874
iscrizione: 19/02/06, 18:17
Località: 29 - Landivisiau

da antoinet111 » 02/01/07, 20:15

Radasse2000 ha scritto:Potrei essere un troll, ma quando si tratta di disinquinamento, tocco la mia palla a differenza di molte persone su questo forum a quanto pare!


magro e ancora non hai capito:

se prendiamo dalle riserve di petrolio e gas, espelliamo particelle (CO2) nell'atmosfera. in questo caso c'è uno squilibrio tra assorbimento e produzione, nell'ecosistema;

in caso di utilizzo su un vecchio trombone (dixit radasse2000 su un vito 220 cdi 100% HVB) un combustibile veramente organico (hvp, hvb, non capisco teep, emhv, biodiesel, diester commerciale) così come il campionamento viene eseguito nell'ecosistema (la pianta ha bisogno di molto carbonio per sintetizzare la propria materia organica mediante la fotosintesi) e il rifiuto è fatto in natura. il saldo è quindi equilibrato.

quando pensi


puoi creare quanti standard anti-inquinamento vuoi e pulire i tuoi motori quanto vuoi, ripeto, non dovresti risuonare da un punto di vista "fuori dagli schemi", ma su scala globale più ampia.
0 x
Io voto per la scrittura di posta e la praticità del calcestruzzo.
Giù i parlatori e ventilatori a soffitto!
Petromax
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 17
iscrizione: 21/07/05, 22:10

da Petromax » 02/01/07, 20:23

Ciao Radasse2000
Non essendo un seguace di sculacciate (ognuna la sua cosa), mi concederei alcune osservazioni

2 Per oleoso (il tuo riferimento apparentemente in termini di meccanica), è una risata!
Ho letto "la valvola EGR serve per abbassare la temperatura di combustione, ma per HVB bisogna aumentarla, la soluzione è tapparla". Questo è "campione del mondo", i ragazzi non si pongono nemmeno la domanda sul perché stiamo cercando di abbassare la temperatura di combustione! Risposta, la produzione di Nox aumenta esponenzialmente con l'aumentare della temperatura nella camera. Fondamentalmente con HVB e questo tipo di assemblaggio creerai molto più Nox. Nox è un gas piuttosto divertente perché è cancerogeno. Ma hey, secondo te, non è un inquinante ...


Sarebbe abbastanza onesto per me dire che ridurre la temperatura di combustione riciclando i gas di scarico, se diminuisce Nox aumenta la produzione di HC e degrada le prestazioni del motore (leggero consumo eccessivo).
Non contestare la nocività di Nox, ma la valvola EGR non è una panacea per me.
Non "toccare la mia palla" in materia di disinquinamento, puoi sicuramente darmi la tua opinione sulla compatibilità tra HVB e post-trattamento di Nox (iniezione di Urea, AD-Blue), che mi interessa.
Questi dispositivi sono equipaggiati solo per il momento in cui i motori dei camion (impostazione bp T ° C e carico del motore), ma a quanto pare ci sono anche alcuni problemi con il FAP su VP.

3 Per quanto riguarda l'uso di HVB in un motore moderno, anche loro raccomandano di non superare il 5%! In questo caso, potresti anche non mettere nulla! Soprattutto in parallelo, si consiglia un cambio dell'olio ogni 5000 km (normalmente 20000) dopo di che ricicla l'olio? Chi inquina?
Per quanto riguarda coloro che spendono il 30% e che rompono il motore in garanzia, si prendono cura di non dirlo per non dover pagare le cose cattive. Un bell'esempio di responsabilità! Ho davvero apprezzato la testimonianza del ragazzo che rompe il suo turbo e poi il suo motore con HVV al 30% e che crede che non sia a causa del carburante.
Mentre il fenomeno è chiaro:
HVB> degrado della segmentazione> consumo di olio + diluizione di HVB nell'olio> degrado delle proprietà meccaniche dell'olio> Rottura del turbo (un turbo accende il cuscinetto idraulico a più di 200000 giri / min e raggiunge T ° sopra gli 800 ° C che lo rende un organo estremamente sensibile!)> Poco dopo un consumo eccessivo di olio (lì i segmenti hanno infatti rinunciato al fantasma)> cambio motore a spese Renault!
Bravo l'HVB e bravo la buona fede del proprietario! Fortunatamente per lui che l'incidentologia non ha richiesto un'analisi di petrolio e carburante!


Non vedo cosa sarebbe ridicolo incorporare 5% di HVB nel diesel promuovendo un corto circuito.

È meno ridicolo incorporare il 5,75% di questo stesso olio esterificato in fabbriche colossali pagate dal contribuente gestendo un certo numero di camion, riservando il margine alle grandi cooperative agricole associate alle petroliere. Tutto questo ovviamente continuando ad addebitare al contribuente (di nuovo lui) i maggesi agricoli, quando tecnicamente non c'è differenza?

Per la diluizione di HVB in olio motore, consultare FUCHS Plantomot 5W40 o PANOLIN Biomot 5W40. Scopri anche la nanofiltrazione dell'olio motore (ad esempio KLEENOIL).
Mentre sei lì, scopri il lavoro di Elsbett, VWP, ...
Per essere categorico come te, sarebbe necessario conoscere un po 'di più l'argomento mi sembra.
La tua ignoranza del lavoro svolto su HVB Beyond Rhine è edificante (persino spaventoso).

In tutta cordialità
Dernière édition par Petromax il 02 / 01 / 07, 20: 56, 2 modificato una volta.
0 x
Avatar de l'utilisateur
zac
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 1446
iscrizione: 06/05/05, 20:31
Località: Piton St Leu
x 2

da zac » 02/01/07, 20:44

ciao

Cercherò di spiegarglielo (se lui è un ingegnere è incasinato, è formattato; scusa christophe).

prendi un'isola (a caso) nell'Oceano Indiano. la popolazione americanizzata si nutre di patatine fritte e macdo.

l'olio della friggitrice è finito 9 volte su 10 in una discarica non controllata e poi viene fatto bollire nei rifiuti o finito nel sottosuolo o in mare.

durante questo periodo importiamo diesel a costi elevati (di qualità scadente) e rifiutiamo una seconda volta merda nelle ammosfere.

idioti come me e i miei amici, raccogliamo questi oli e gestiamo il nostro veicolo (con pantoni aggiuntivi).

inquinamento: un po 'di co², qualche nox, un po' di co e dovrà ancora dimostrarmelo.

guadagno: migliaia di litri di petrolio che non vanno allo stato brado, petrolio che rimane sottoterra, meno trasporti; motori con più coppia più piacevole da usare e più affidabile.
quindi veicoli successivamente riformati (energia grigia).

quindi apri gli occhi, lascia andare il banco di prova (che in ogni caso non significa nulla sul motore di un'auto), anche se i tuoi veicoli da 4/5 o 12 euro non inquinano più con le loro pentole, inquinano ancora di più con la loro fabbricazione e l'infrastruttura intese a farli rotolare.

Finalmente un ultimo punto: i super veicoli su cui poggiamo il nostro caro produttore europeo sono impossibili da girare su 80/100 del pianeta; è un ottimo computer che gestisce tutto ma quando la prima valigia diagnostica e il ragazzo competente sono a 10000 km che cosa è caro automobilista quando si rompe?

@+
0 x
Ha detto la zebra, Freeman (razza in via di estinzione)
Questo non è perché io sono CON io non cerco di fare cose intelligenti.
Radasse2000
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 13
iscrizione: 29/12/06, 19:50

da Radasse2000 » 02/01/07, 23:28

piccolo calcolo:
o si estrae un campo di colza in grado di assorbire 1 tonnellata di CO² da questo olio di campo per ottenere 0,5 tonnellate di CO² (indipendentemente dal rapporto assorbimento / produzione, questo rapporto sarà semplificato). Per trasformare la colza in petrolio, usiamo energia, quindi produciamo CO² o "x" tonnellate. Supponendo di utilizzare solo questo biocarburante, il bilancio dell'assorbimento di CO² per questo campo è il seguente:
1-0.5-x-0 = 0.5-x tonnellate assorbite

Nel caso in cui coltiviamo gli stessi campi e non lavoriamo la colza e utilizziamo invece combustibili fossili, otteniamo la seguente valutazione:
1 tonnellata assorbita dal campo
0 tonnellate di olio
0.5 tonnellate di combustibile fossile
Tuttavia, l'energia necessaria per estrarre il combustibile fossile è tre volte inferiore a quella utilizzata per il trattamento della colza, il che porta a una produzione di CO² di "x / 3"
i risultati sono i seguenti:
1-0-x/3-0.5=0.5-x/3 tonnes absorbées

Ora se facciamo la differenza tra le due soluzioni otteniamo:
2 * x / 3 tonnellate di CO² in meno nell'atmosfera per la seconda ipotesi (coltivazione di colza senza trasformazione in petrolio e uso di combustibili fossili)
E sì ... è così che succede se prendiamo davvero le cose nel loro insieme ...


prendi un'isola (a caso) nell'Oceano Indiano. la popolazione americanizzata si nutre di patatine fritte e macdo.

l'olio della friggitrice è finito 9 volte su 10 in una discarica non controllata e poi viene fatto bollire nei rifiuti o finito nel sottosuolo o in mare.

durante questo periodo importiamo diesel a costi elevati (di qualità scadente) e rifiutiamo una seconda volta merda nelle ammosfere.

idioti come me e i miei amici, raccogliamo questi oli e gestiamo il nostro veicolo (con pantoni aggiuntivi).


Come viene già prodotta l'elettricità sulla tua isola? Faresti meglio a bruciare questo olio nelle centrali elettriche dove verrà utilizzato in modo più efficiente e più efficiente rispetto a un veicolo.

È meno ridicolo incorporare il 5,75% di questo stesso olio esterificato in fabbriche colossali pagate dal contribuente gestendo un certo numero di camion, riservando il margine alle grandi cooperative agricole associate alle petroliere. Tutto questo ovviamente continuando ad addebitare al contribuente (di nuovo lui) i maggesi agricoli, quando tecnicamente non c'è differenza?


Non ho mai detto che fare biocarburanti per funzionare all'5,75% fosse una buona idea!
Per quanto riguarda i daini, possono essere utili per il rinnovamento del territorio. Inoltre, si dovrebbe sapere che in Francia, se si volesse passare al biocarburante al 100%, le superfici agricole, compresi i daini, sarebbero appena sufficienti. Ma ciò significherebbe andare a cercare altrove o stringere la cintura!

Per la diluizione di HVB in olio motore, consultare FUCHS Plantomot 5W40 o PANOLIN Biomot 5W40. Scopri anche la nanofiltrazione dell'olio motore (ad esempio KLEENOIL).
Mentre sei lì, scopri il lavoro di Elsbett, VWP, ...
Per essere categorico come te, sarebbe necessario conoscere un po 'di più l'argomento mi sembra.
La tua ignoranza del lavoro svolto su HVB Beyond Rhine è edificante (persino spaventoso).

Nemmeno io ho un pb con quello, ma quando rotoli sull'HVB e diluisci il tuo olio a poco a poco, sai per un momento qual è il tuo tasso di diluizione? Dove sono le tue qualità di lubrificante? NO! Mentre quando si integra volontariamente una parte nella costituzione del proprio olio, non si ha questo problema.

E non voglio passare la mia vita a spiegare le basi dei cicli ecologici.

È normale che tu non capisca niente neanche ...

Sappi che i fili della candela o dell'iniettore non si rovesciano quando vengono serrati, ma quando vengono svitati.


È chiaro che quando ci stringiamo come un bruto dopo è più difficile da rimuovere ...

Non vedo cosa sarebbe ridicolo incorporare 5% di HVB nel diesel promuovendo un corto circuito.

Incorporare 5% di olio se si tratta di dividere gli intervalli di scarico non 4 Non sono sicuro che l'ambiente venga trovato (soprattutto quando vediamo cosa è fatto con la maggior parte degli oli usati) casi ...)

Sarebbe abbastanza onesto per me dire che ridurre la temperatura di combustione riciclando i gas di scarico, se diminuisce Nox aumenta la produzione di HC e degrada le prestazioni del motore (leggero consumo eccessivo).

L'aumento di HC è relativamente trascurabile rispetto alla diminuzione di NOx. Quando le prestazioni del motore, devi sapere cosa vuoi lucidare di meno o guidare velocemente. Non fatevi ingannare se nessun produttore, riuscendo a fare a meno della valvola EGR è che c'è una ragione!

Non "toccare la mia palla" in materia di disinquinamento, puoi sicuramente darmi la tua opinione sulla compatibilità tra HVB e post-trattamento di Nox (iniezione di Urea, AD-Blue), che mi interessa.
Questi dispositivi sono equipaggiati solo per il momento in cui i motori dei camion (impostazione bp T ° C e carico del motore), ma a quanto pare ci sono anche alcuni problemi con il FAP su VP.

Le molecole create dalla combustione in HVB o GO sono le stesse. il trattamento è quindi identico. Solo i processi di rigenerazione di Noxtrap sono diversi perché l'HVB produce di più ed è necessario regnare più spesso.

Questi dispositivi sono equipaggiati solo per il momento in cui i motori dei camion (impostazione bp T ° C e carico del motore), ma a quanto pare ci sono anche alcuni problemi con il FAP su VP.

Ad oggi solo la Mercedes ha rilasciato un Noxtrap in serie, la Renault sta arrivando. C'è davvero un impatto sui motori FAPé perché è necessario essere in grado di conciliare tutte le strategie di rigenerazione dei due componenti. Il fatto di dover generare CO per rigenerare la trappola di Nox ha anche l'effetto di generare particelle che bloccano il FAP ... E sì lo sviluppo è complicato ...

Finalmente un ultimo punto: i super veicoli su cui poggiamo il nostro caro produttore europeo sono impossibili da girare su 80/100 del pianeta; è un ottimo computer che gestisce tutto ma quando la prima valigia diagnostica e il ragazzo competente sono a 10000 km che cosa è caro automobilista quando si rompe?

I paesi "occidentali" a cui sono destinati questi veicoli hanno le infrastrutture necessarie per la diagnosi, quindi nessuna preoccupazione per la maggior parte dei veicoli. Per quanto riguarda l'Asia, non passerà molto tempo. Per quanto riguarda i paesi emergenti, sono previsti anche motori meno moderni, che tuttavia costituiscono un progresso significativo in termini di consumi e controllo dell'inquinamento rispetto agli oggetti d'antiquariato attualmente utilizzati in questi paesi!

Cercherò di spiegarglielo (se lui è un ingegnere è incasinato, è formattato; scusa christophe).

Mi piace il modo in cui cataloghi! Dopo sono io che troviamo limitato!
0 x

Avatar de l'utilisateur
abyssin3
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 620
iscrizione: 18/07/05, 15:12

da abyssin3 » 03/01/07, 00:53

Radasse2000,
Hai ragione toute la linea! E quale conoscenza ci mostri lì tutti noi, che ci guardiamo da anni e non abbiamo mai visto prove del genere prima del nostro naso!

L'argomento è chiuso e questa discussione può quindi fermarsi . È stato un piacere!




E se stai cercando altre informazioni, non esitare a visitare http://www.lettres.net/troll.htm nel tuo intervaux pausa
0 x
Avatar de l'utilisateur
Cuicui
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3547
iscrizione: 26/04/05, 10:14
x 3

da Cuicui » 03/01/07, 01:11

Ciao, Radasse 2000
Cosa pensi sia meglio,
- produrre una piccola quantità di CO2 di origine fossile che si accumulerà nell'atmosfera e aumenterà l'effetto serra
- produrre più CO2 dalla combustione dell'olio di colza, CO2 che verrà regolarmente riciclato dalle nuove piantagioni di colza, evitando l'accumulo?
0 x
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 03/01/07, 03:19

Salve produttore del motore

1
Per il pistone André, devo ammettere (probabilmente ti farà piacere) Non ho mai visto questo tipo di rottura prima. Forse perché lavoro solo su motori moderni e affidabili! In quanto tale, rido bene quando da un lato mi dici che i motori moderni non sono affidabili e che dall'altro continui a rompere i pistoni sui tuoi pezzi d'antiquariato! Ma ehi è probabile che come tutti sanno, rompere un pistone non è un grave fallimento!
È un po 'come rovinare le filettature delle viti quando si stringono le candele! Esiste uno strumento chiamato chiave dinamometrica che è molto utile per risolvere questi problemi. L'altro è il riflesso che porta alla conclusione che è inutile stringere una candela a 50N.m!


Prima di abbandonare questo argomento, ho intenzione di dire da dove viene il pistone, non per te, sai troppo dei motori per noi.
è un pistone del motore Lycoming O290 d2 motore 4 cilindri raffreddato ad aria con aria che sviluppa 140 CV a 2800 giri / min e 135 CV a 2600 giri / min
si tratta di un segmento che si è rotto in seguito a un'usura opacizzata delle scanalature dopo un utilizzo a velocità eccessiva di 2800 giri / min. questo problema si verifica. Questo motore consuma 1 litro di olio ogni 4 ore e questo è normale in aviazione, sul radiale pompiamo 1 litro all'ora!
Devi sapere che questi antichi motori, tutta la flotta di aerei francesi funziona con Lycoming o Continental. Stiamo ancora aspettando il motore diesel Renault? o la perfezione di Potez
Fortunatamente, hai due bretoni (Serge Pennec) che sanno come costruire e usare motori diesel di vecchia generazione su bellissimi aerei.
Come dici di rompere un pistone non è una rottura grave, non so se ti fossi seduto accanto a me quando è successo ridevi tanto, 30 km di legno da attraversare prima di trovare un posto favorevole, è che quando parlo di affidabilità, un motore che continua a funzionare a metà velocità anche con una valvola che vi cade dentro.
In pratica, questi motori devono smontare i cilindri ogni 800 ore e talvolta meno per misurare l'usura dei segmenti e la valvola potrebbe cambiare il pistone è segmento.
su questi motori tutti i fori filettati nell'alluminio sono elicoidali e le candele devono essere smontate almeno una volta all'anno o a 50 ore e serrate con la chiave dinamometrica, se si lascia una candela serrata per diversi anni si rischia di strappare le reti, quindi dimmi di più sulla chiave dinamometrica e smetti di pensare che tutti lavorano come fabbri, viviamo in legno ma abbiamo strumenti!

All'inizio con le foto del pistone che ho pubblicato avresti dovuto diagnosticare un motore che consuma molto olio, un segmento rotto e scanalature opache (non chiedevamo da dove provenga il pistone)
ma questi dettagli lo ha diagnosticato il ragazzo che fa girare la scopa attorno al banco di prova.
Per me lavori solo su sistemi anti-soluzione,

Ora per la valvola ERG non prenderci per i selvaggi, perché vivo vicino ad Abenaki, sappiamo a cosa serve e cosa fa. Questo esiste dagli anni '75 in America.
Su un diesel che ha molti km e un po 'di usura i produttori mettono in risalto lo sfiato nell'aspirazione che fa un inceppamento nel collettore di aspirazione con i gas di scarico della valvola ERG (spesso non è stato necessario pulire un tubo!) è vero, ho dimenticato che lavori con nuovi motori.

Non ti preoccupare, non supera le mie capacità! Secondo te perché su un panton, il TAVT (temperatura prima della turbina) è più basso? Ciò potrebbe essere dovuto a un fenomeno di evaporazione dell'acqua? E questa evaportaion sarebbe possibile che generi gas? E questi gas sarebbero in grado di generare pressione sul pistone?
Quindi sì, il sistema panton aiuta a recuperare energia e ridurre i consumi! Ma no, non è meno inquinante! Il vapore nel cilindro degrada la combustione e genera particelle, CO (gas mortale) e un tasso estremamente elevato di HC (non bruciato)! Inoltre impedisce il funzionamento del catalizzatore e del filtro antiparticolato! Se questo sistema non è mai stato messo in produzione è perché era più inquinante
!

Per affermarlo, hai fatto delle misurazioni su un panton che funziona? per prima cosa devi usare un pantalone da passeggio prima di fare le misurazioni, e per me farlo funzionare non è stato un percorso facile e talvolta a volte non funziona.
Per quanto riguarda l'inquinamento, non vorrei commentare questo argomento, non ho alcuna competenza in questo settore, ma tu mi sembri. che inquina di più, hai riferimenti? figure?
Il vapore acqueo nel cilindro degrada la combustione e genera particelle
,

è vero, la stessa cosa quando si immettono troppi gas di scarico con l'ERG ma quando si immette la giusta quantità di vapore nel motore sono tutt'altro che convinto che degrada la combustione o che generi più incombusti . Su un motore a benzina è ancora più visibile se metti troppa acqua, suppongo che tu legga questo sul test BMW.
Ma spiegami come possiamo degradare la combustione, produrre meno fumo e consumare meno gasolio?
Sarei curioso di sapere quale cifra sei arrivato con un panton sui consumi e sulle temperature di scarico? poiché sei attrezzato per misurare!

Un altro argomento quando parli di diluizione dell'olio trovo molto vaghe le tue risposte, con il diesel c'è tanta diluizione le gocce spruzzate male quelle che si attaccano alla superficie finiscono per raccogliersi nell'olio della coppa dipendono dall'uso del motore.
Non ci hai parlato della ciliegina sui motori? o nella tua lingua la verniciatura dei cilindri doveva essere a base di olio al 100%.
Per quanto riguarda la fase turbo, accade su Garett proprio con la tua teoria di cambiare l'olio a 10000 km
questo è vero per un uso ideale, ma per un uso normale questa pratica rende i motori che invecchiano molto male
Personalmente cambio olio a 5000 km e ancor meno nella stagione invernale, i frequenti partenze a -20 e brevi viaggi contaminano rapidamente l'olio, e dato che sono particolare apro i miei filtri dell'olio (vende un apro una scatola appositamente progettata) ed esamino la fisarmonica. Molti filtri dell'olio si intasano e la valvola di ritegno si apre funziona come nessun filtro. Sull'olio motore non lesino, è la vita del motore.
Sull'aereo cambio l'olio a 25 in punto, l'olio è semisintetico W15 / 50 aeroshell.
Per le pompe bosh e le pompe Lucas è in particolare l'asse motore nelle lucas che funge da (perno di sicurezza) quando l'olio manca di fluidità o l'iniettore ha un taratura troppo elevata dell'asse pete

Ora ti renderò felice. Non consiglio di girare a olio senza aver preso tutte le precauzioni necessarie, questo è uno dei motivi per cui abbiamo aperto diversi motori all'inizio, ma abbiamo dovuto imparare e scoprire perché? una volta risolti questi problemi, funziona bene finché si utilizza olio ben filtrato e ben decantato alla giusta temperatura. Conosciamo i problemi della diluizione, della glassa e del segmento incollato e tutto il resto, a causa di un cattivo uso dell'olio. La maggior parte di questi problemi è stata risolta.
Ma quello, non vuoi parlare di come dovremmo procedere a lavorare al 100% in olio, preferisci dire che non va bene ...
Non consiglierei mai di camminare al 100% senza apportare modifiche, pompa booster termostatata termostaticamente controllata con ritorno ad anello 80c con ebollizione, avviamento e spurgo su diesel, e un migliore sistema di riscaldamento sul settore in cui vivo in un paese freddo! Trasferire nell'olio solo quando il motore e l'olio hanno raggiunto 80 ° C, sostituire l'olio motore entro 5000 km se il piccolo uso viaggia, durante il funzionamento con olio non esitate a controllare e tagliare gli iniettori , non è consentito guidare con iniettori che spruzzano male
smontare comunque gli iniettori e passarli sulla pompa è una cosa da poco (quando si ha a che fare con un motore ben progettato, tararli quando si hanno le rondelle e i distanziali non è lungo .. tutto qui camminare a lungo nell'olio ...

Questo è tutto ciò che ho da dirti, risponderò che per domande e argomenti sui motori che conosco bene, il lato di analisi del gas su un motore non ne so nulla e non ho nulla da misurare nel mio piccolo garage ..
Diciamo che non ci insegni nulla quando dici che non ci sono abbastanza campi per produrre petrolio, è come se ci avessi detto che ci sono troppe persone sulla terra che guidano in auto.
Ciò che mi stupisce perché hai scelto questo forum che è piuttosto generale mentre ci sono altri specializzati in oleosi con ragazzi di esperienza in materia ..
Il proverbio tedesco che dice: Nella terra dei ciechi, con un occhio solo sono re.

Andre
0 x
Avatar de l'utilisateur
antoinet111
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 874
iscrizione: 19/02/06, 18:17
Località: 29 - Landivisiau

da antoinet111 » 03/01/07, 09:40

: Idea: solo per chiarire una cosa, una colza è alta 1,5 m per 25 m di larghezza, immagina un po 'tutta la materia organica (diversi kg), l'intera pianta viene frantumata e lascia nei campi, tranne una parte molto piccola circa 30 a 40 g di semi, che hanno olio e ancora solo il 30% (70% del pasto), quindi una pianta assorbirà kg di CO2 per ripristinare solo pochi grammi di petrolio,

quindi il rapporto tra consumo di CO2 della pianta ed espulsione allo stato brado (dal vaso) e ampiamente favorevole a un calo del livello di CO2 nell'atmosfera verso il degrado da parte dei microrganismi del suolo.

"" D'altra parte, il bilancio energetico del nuovo petrolio agricolo, prodotto in corto circuito, è stato calcolato dalADEME ed è 6 (il petrolio restituisce 6 volte più energia della sua produzione richiesta) ... che è molto più di qualsiasi altro carburante! "origine oliomobile"
http://www.ademe.fr/partenaires/agrice/ ... ues_fr.pdf

non sei né un biologo né un agricoltore, io sono solo un piccolo produttore di semi, che ha fatto un minimo di studio in questa materia. quindi lascia cadere le equazioni sbagliate che gli altri sanno come fare meglio di te.

PS: abyssin3 + ¨1, il soggetto diventa noioso e si è discostato.
0 x
Io voto per la scrittura di posta e la praticità del calcestruzzo.

Giù i parlatori e ventilatori a soffitto!
Avatar de l'utilisateur
pluesy
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 291
iscrizione: 26/11/04, 22:39
Località: 88 Saint Die Vosges

da pluesy » 03/01/07, 13:56

radasse 2000 Potrei essere stupido ma non ho capito il tuo calcolo del CO2 nell'atmosfera ...

per me se avrò la possibilità di possedere un appezzamento di un ettaro e pianterò la colza producendo 1000L / anno che ho un'auto che mangia da 5 a 100 potrei percorrere 20 km / anno
se questa terra ha anche una chiazza di petrolio da 100 m3 avrò la scelta tra pompare olio o coltivare semi di colza per nutrire la mia auto ... in entrambi i casi spruzzerò nell'atmosfera 1000L di merda / anni
siamo d'accordo che è simile ...
ma dopo 100 anni se avessi pompato tutto l'olio avrei avuto un vuoto di 100 m3 nel mio seminterrato e 100 m3 di merda in più nella mia atmosfera (questo è il principio dei vasi comunicanti : Cheesy: ) se ho piantato la colza e che ogni anno la colza viene ricostituita grazie al sole e alla merda che ho respinto nell'atmosfera penso che dopo 100 anni 1000 anni vedo 10 000 anni avrò niente più merda che all'inizio nella mia atmosfera e sarò limitato alla vita del sole (5 miliardi di anni) per lo sfruttamento di questa energia mentre la mia riserva di petrolio, piccola o grande, finirò un giorno o l'altro arrivando alla fine e se è più nel seminterrato sarà necessariamente nell'atmosfera (non si perde nulla, non si crea nulla) con una concentrazione di inquinanti che inevitabilmente aumenta sopra il esaurimento di petrolio nel seminterrato ... negare che per me è negare l'ovvio e tutti i tuoi bellissimi calcoli scientifici non mi faranno cambiare idea

Ovviamente è ovvio che il petrolio non è una panacea e che può essere solo una soluzione di transito marginale, ad esempio con un ettaro di terra. Puoi fare le seguenti cose come desiderato:

- nutrire un cavallo
-alimentare una mucca o un bue
-alimentare cinque pecore
-alimentazione 20 umani (cereali)
-alimentare 2 auto che viaggiano 10 km / anno e consumano 000 litri di olio / 5 km
-alimentare 6 auto che viaggiano 10 km / anno e consumano 000 litri di etanolo / 10 km

500 auto elettriche che viaggiano 10 km / anno a 000 kwh / 20 km se copriamo il campo dei pannelli fotoelettrici con un'efficienza del 100%

864 auto elettriche che percorrono 10 000 km / anno a 20 kwh / 100 km con una turbina eolica di 80 metri di diametro di 2 megawatt che opera il 10% delle volte e continua a coltivare ciò che vogliamo sotto ...

È vero che la soluzione petrolifera non è redditizia per la produzione di massa e monopolizzerà la maggior parte della terra utilizzata per nutrirci, ma non sastidisce le persone marginali con terre incolte o una buona fonte di petrolio usato. vecchi gimbards e fai-da-te si dice spesso che piccoli corsi d'acqua formino grandi fiumi e il 10% di una soluzione qui il 7% di un altro per ect ... può finire per rendere il 100% rinnovabile bene sui pionieri e gli illuminati dell'inizio spesso pagano le cose cattive e spesso passano per pazzi ma quello che gira e che la maggior parte dei problemi è risolta, gli altri non si fanno pregare di seguire il movimento finché è nel aria del tempo che è di moda e che non è troppo complicato da installare e che è davvero redditizio dal punto di vista del portafoglio.

una soluzione sì la soluzione no ... lì sono d'accordo con te ...
Dernière édition par pluesy il 05 / 01 / 07, 12: 43, 5 modificato una volta.
0 x

"Ci sono solo due cose infinite, l'universo e la stupidità umana ... ma per il mondo, non ho la certezza assoluta."
[Albert Einstein]


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "biocarburanti, i biocarburanti, i biocarburanti, BTL, combustibili alternativi non fossili ..."

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 8