Il bistrot del sito, il tempo libero e il relax, l'umorismo e simpatiaRiflessione sulla volontà politica

Gli sviluppi di forums e il sito. Umorismo e convivialità tra i membri del forum - Tutto è tutto - Presentazione di nuovi membri registrati Relax, tempo libero, tempo libero, sport, vacanze, passioni ... Cosa fai nel tuo tempo libero? Forum di scambi sulle nostre passioni, attività, svaghi ... creativi o ricreativi!
Bibiphoque
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 749
iscrizione: 31/03/04, 07:37
Località: Bruxelles

Riflessione sulla volontà politica

Messaggio non luda Bibiphoque » 20/08/04, 11:45

: Huh:
hi,
Da qualche tempo, già navigando in rete, trovo molti articoli, brevetti, metodi e altri che consentono di ridurre gli ANNI se non sopprimono la necessità di combustibili fossili per la produzione di energia e trasporti, inoltre, sembrano esserci mezzi puliti per usare l'energia nucleare senza produrre questi rifiuti di lunga durata che avvelenano il nostro ambiente.

Mi sembra, anche a rischio di essere catalogato negli anarchici, che il principale ostacolo allo sviluppo di queste tecniche è una vera volontà politica di non cambiare NULLA nell'attuale sistema, gli unici pseudo-progressi sono stati, ad esempio, l'uso di convertitori catalitici, che sono solo una brutta cosa per i veicoli.
Il potere politico non ha in effetti alcun potere o potere conferito dal potere del denaro, come prova degli esempi di società che OBBLIGANO i loro lavoratori ad accettare di perdere le prestazioni sociali conquistate duramente in passato con il pretesto della redditività: il non i lavoratori impongono le loro leggi ai lavoratori. (esempi in Germania e senza dubbio, la piega è presa, presto altrove in Europa)
Mentre sappiamo benissimo che queste società realizzano profitti significativi e che i loro "debiti" sono spesso dovuti a shenanigans finanziari ben messi insieme in trasferimento, trasferimento di produzione ecc.
I politici dovrebbero rappresentare i loro elettori, cioè noi, non i finanziatori, quindi perché nessuna misura reale è presa per imporre alle industrie di utilizzare determinati processi? È ovvio che non dobbiamo soffrire nel vedere l'economia crollare perché la transizione deve essere regolare, imporre un cambiamento radicale e immediato, ma segnare un reale desiderio di cambiamento ragionato in termini di sostenibilità e ottenere questi cambiamenti da parte del potere politico che rappresentano davvero i cittadini.
B) B) B)
A+
0 x
Questo non è perché abbiamo sempre detto che è impossibile che non dobbiamo provare :)

Christine
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1144
iscrizione: 09/08/04, 22:53
Località: In Belgio, una volta

Messaggio non luda Christine » 21/08/04, 21:10

ohlala, cosa concordo con te!

Mi piacerebbe poter incollare qui due grafici pubblicati in "La recensione sostenibile" ma il forum non lo consente (ma probabilmente lo farò un giorno in un articolo).

Il primo mostra "l'evoluzione del prezzo finale dell'energia e del costo del lavoro" tra il 1985 e il 2001.
Olio combustibile: -54%
Gas naturale: -41%
Elettricità: -48%
Lavoro (stipendio + spese): + 66%

Il ragionamento del manager è semplice: risparmiamo sul lavoro che aumenta di più, vale a dire il lavoro! D'altra parte, è umano: il risparmio energetico comporta studi, il cambio di macchine, la riorganizzazione dell'azienda, il rischio che il prezzo dell'energia aumenti ... in breve, comporta costi. D'altra parte, è molto più facile (e più economico) fare pressione sui dipendenti!


Il secondo grafico mostra la "Produttività del lavoro, dell'energia e dei materiali nell'industria degli Stati Uniti" nel 1950, 1970 e 1997.
La produttività del 1950 è considerata la base 100. Nel 1997:
Energia: ca. 110
Materie prime: ca. 110
Lavoro umano: 340!

La pressione sui dipendenti funziona! Non costa quasi nulla, ma cosa comporta!


Vedo in questi grafici la conferma di ciò che vedo ogni giorno: malessere sul lavoro, precarietà, allentamento dei legami sociali. E una soluzione: smettere di far vivere le persone come pazzi e concentrarsi sulla crescita (ha bisogno di crescita? Ma non è questa la domanda di oggi) che consente alle persone di vivere meglio et pas de consumare di più . L'aumento della produttività nell'uso dell'energia è uno di questi. È qui che si incontrano economia ed ecologia (chi ha detto "econologia"? Va bene, segui :P )

Ma da lì per imporre .... hmm ... personalmente sono abbastanza allergico agli obblighi (chi ha detto "anarchico"?) E spero sempre piuttosto di convincere o incitare. Mi è stato detto che il mio ottimismo mi perderà ...
0 x
Bibiphoque
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 749
iscrizione: 31/03/04, 07:37
Località: Bruxelles

Messaggio non luda Bibiphoque » 23/08/04, 09:16

: Huh:
hi,
Ho anche notato che quando il prezzo del diesel è aumentato, i camionisti hanno messo il casino ... e ha funzionato !!
Inoltre, la maggior parte delle tasse "ecologiche" che ci vengono imposte sono utilizzate solo a valle del consumo, mentre il loro costo sarebbe molto più basso se fossero applicate a monte (cioè durante la produzione) trovo questo sistema particolarmente malhonete !! Perversa il significato stesso del processo, inquiniamo, quindi paghiamo per ripulire: arrabbiato:
Per quanto riguarda la pazienza, questo è ciò che mi rattrista, a forza di aspettare, non si fa nulla ... <_ <
A+
0 x
Questo non è perché abbiamo sempre detto che è impossibile che non dobbiamo provare :)
Christine
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1144
iscrizione: 09/08/04, 22:53
Località: In Belgio, una volta

Messaggio non luda Christine » 23/08/04, 10:25

Sì, i camionisti hanno incasinato infastidendo tutti gli altri! Il trasporto su strada è la principale fonte di inquinamento da CO2, ecc. Hanno difeso i loro interessi particolari e quindi continuiamo a inquinare felicemente anziché sviluppare trasporti meno inquinanti o cercare di razionalizzare le aberrazioni (stile che una patata francese ha inviato in Italia per essere condizionata prima di tornare per essere commercializzata in 30 terminali del suono luogo di produzione!)!

Per quanto riguarda le tasse ecologiche, ovviamente sono solo "permessi di inquinamento". Ma li ho difesi? Ho detto che non si dovrebbe fare nulla? Non è perché pensiamo che tagliare la testa del re non sia una buona cosa che siamo realisti finora! Dobbiamo fermarci con "chi non è con me è contro di me"! Questo è un ragionamento simile a bin Laden. Basta di Ayatollas of Ecology!

L'evoluzione non è rivoluzione!

Le buone ragioni non giustificano l'irragionevolezza!
0 x
Bibiphoque
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 749
iscrizione: 31/03/04, 07:37
Località: Bruxelles

Messaggio non luda Bibiphoque » 24/08/04, 07:49

: blink :: huh :;) :P :D
hi,
La mia osservazione è stata generale, non ho messo in discussione nessuna persona in particolare (modalità umorismo attiva: chi si sente punto, prude! :P ) umorismo spento, e esco .... B)
A+
0 x
Questo non è perché abbiamo sempre detto che è impossibile che non dobbiamo provare :)




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Torna a "Il bistrot del sito, il tempo libero e il relax, l'umorismo e simpatia"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 3