Il cambiamento climatico: CO2, warming, serra ...Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Riscaldamento e cambiamento climatico: cause, conseguenze, analisi ... Dibattito sulla CO2 e di altri gas ad effetto serra.
Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 8361
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 119

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Remundo » 15/09/18, 18:29

non è rimasto nulla, in tutto il rigore, è già troppo tardi. : Idea:

In attesa, sospetto persino che le emissioni annuali di CO2 continueranno o addirittura cresceranno nei prossimi anni 2.
0 x
ImmagineImmagineImmagine

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 15/09/18, 20:41

330 km / h per il super typhoon mangkhut ... ma sto bene, va bene ...

Il super typhoon Mangkhut è 3 volte più potente dell'uragano Firenze

https://www.rtbf.be/info/societe/detail ... d=10019798

Mangkhut: super tifone della categoria 5 / 5

È pubblicizzato come il ciclone tropicale più potente dell'anno. E per una buona ragione, nelle zone più colpite delle Filippine, i venti generati dal tifone Mangkhut hanno raggiunto una velocità fino a 330 km / h. E che poche ore dopo l'uragano di Firenze ha colpito la costa orientale degli Stati Uniti a 110 km / h. Con un diametro di 1.400 km, Mangkhut ha coinvolto, nella sua traiettoria diretta, non meno di 5 milioni di persone, principalmente nelle aree rurali e agricole. Si tratta di abitazioni improvvisate esplose, soprattutto nelle Filippine settentrionali, dove Luzon, la più grande isola dell'arcipelago, è stata privata del potere. Al momento, le autorità hanno registrato la morte di 4 nelle Filippine e a Taiwan, vittime dello scolo dei pendii e delle onde maggiori che hanno travolto le aree popolate. Impressionanti inondazioni corrono per le strade e diverse case sono allagate.
1 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 26/09/18, 18:26

https://www.letemps.ch/sciences/avons-p ... climatique

Come abbiamo perso la lotta contro il cambiamento climatico

Il "New York Times" ha appena pubblicato un sondaggio molto lungo per spiegare la procrastinazione sul lato statunitense che ha impedito l'emergere di forti misure per ridurre le emissioni di carbonio quando c'era ancora tempo, tra 1979 e 1989. Una storia avvincente lodata nella comunità scientifica, una pagina nella nostra storia universale di cui qui sono le linee principali

(...)
1 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 03/10/18, 09:28

https://www.levif.be/actualite/europe/l ... 34711.html
Gli incendi in Europa peggioreranno anche se saranno raggiunti gli obiettivi climatici
Il Vif

Raggiungere gli obiettivi più ottimistiche del l'accordo sul clima di Parigi non impedirà zone devastate ogni anno da incendi nell'Europa meridionale a crescere almeno 40% da 2100, Martedì ha avvertito i ricercatori.

Dopo due anni di micidiali incendi boschivi in ​​Grecia, Portogallo, Spagna, Francia meridionale e Italia, gli scienziati dell'Università di Barcellona dicono che più foreste potrebbero essere devastate dalle fiamme in futuro, soprattutto se gli obiettivi fissati dall'accordo 2015 di Parigi non sono rispettati.

Con questo accordo, la comunità internazionale si è impegnata ad agire per limitare il riscaldamento della temperatura media della Terra al di sotto del limite di + 2 ° C rispetto al livello precedente alla rivoluzione industriale e, se possibile, 1,5 ° C.

Nel primo studio di questo tipo, i ricercatori hanno esaminato come incendi peggiorano nei quattro paesi mediterranei 1,5 + C + C o + 2 3 ° C entro la fine del secolo a sistemi di modellazione computerizzata.

"Questo è importante perché ci sono molti incendi in questo settore, ad esempio in Grecia quest'anno o l'estate precedente in Portogallo", afferma Marco Turco, che ha guidato lo studio.

L'area interessata dagli incendi nell'Europa meridionale potrebbe aumentare da 40 a 54% se l'aumento della temperatura media è limitato a 1,5 ° C. In caso di aumento di 2 ° C, le aree distrutte dal fuoco aumenterebbero da 62 a 87% e fino a 187% se il termometro sale di 3 ° C.

Attualmente, l'Europa meridionale perde circa 4.500 km2 un anno a causa degli incendi boschivi.

A luglio, circa persone 100 sono morte nell'incendio che ha devastato la località balneare di Mati, nei sobborghi di Atene. A giugno 2017, persone 64 sono morte nell'incendio scoppiato nel comune di Pedrogao Grande, 190 km a nord di Lisbona.
1 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
izentrop
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3648
iscrizione: 17/03/14, 23:42
Località: Picardie
x 234
Contatto:

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda izentrop » 03/10/18, 11:00

Inoltre, i firewall funzionano raramente condizioni aride e ventose.
0 x
"I dettagli rendono la perfezione e la perfezione non è un dettaglio" Leonardo da Vinci

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 12/11/18, 12:24

0 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 12/11/18, 12:27

Per il riferimento a Chirac è qui: https://fr.wikipedia.org/wiki/Notre_mai ... s_ailleurs
0 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 12/11/18, 18:32

Ci crediamo, ci crediamo! Ma sottile allora, tutto ciò che è menzionato in questo articolo è difeso sull'econologia dagli anni 15! : Cheesy:

La vittoria per il clima è ancora possibile

IL CERCHIO / PUNTO DI VISTA - Limitare le temperature globali al grado 1,5 è l'unico modo per raggiungere la giustizia sociale proteggendo il nostro ambiente. E contrariamente alla credenza popolare, questo non è un obiettivo impossibile.
Secondo l'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), la principale autorità scientifica mondiale sui cambiamenti climatici, è ancora possibile evitare che le temperature globali aumentino di oltre 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali. La posizione dell'IPCC rappresenta un passo verso questa forma di "realismo radicale" che molti attori della società civile hanno a lungo sostenuto.

Per combattere contro il riscaldamento globale, l'IPCC non si basa su una proposta di geoingegneria - tipo sequestranti enormi quantità di anidride carbonica atmosferica nelle profondità dell'oceano, o "protezione solare" di aerosol a spruzzo l'atmosfera. Si concentra maggiormente su come potremmo prima evitare di superare la soglia 1,5 ° C. Secondo il gruppo, dobbiamo immediatamente decarbonizzare l'economia globale, ridurre le emissioni di CO45 di circa 2% di 2030 e ridurre a zero le emissioni nette di 2050.

Raggiungere questi obiettivi non richiederà solo una trasformazione dell'attività economica, ma anche che affrontiamo dinamiche di potere distruttivo frontale e disuguaglianze sociali. Una nuova antologia pubblicata dalla Fondazione Heinrich Böll, intitolata "Realismo radicale per la giustizia climatica", delinea le strategie sviluppate dai movimenti sociali internazionali e dalla società civile per produrre questo cambiamento.

Rendere l'energia un bene pubblico

Abbiamo urgentemente bisogno di una riduzione gestita politicamente nella produzione di combustibili fossili. Ciò comporta il ritiro delle attività di esplorazione e produzione di petrolio, gas e carbone. Come spiega Oil Change International, non si tratta di un'azione improvvisa o affrettata per "fermare improvvisamente e drammaticamente la produzione di combustibili fossili, abbandonare i beni, incidere sulle economie, così come dimenticando i lavoratori e le comunità che dipendono dal settore energetico ".

Nella costruzione del settore delle energie rinnovabili, dobbiamo evitare di duplicare i sistemi che hanno portato a iniquità e creando dinamiche di potere distruttivo nel settore dei combustibili fossili e di altre industrie. L'obiettivo è quello di sostituire l'approccio del mercato guidato dagli investitori, che caratterizza la produzione di energia, con un approccio che considera l'energia come un bene pubblico, mentre passa alla proprietà e alla gestione sociale dell'energia. riserve energetiche.

Sulla base della sovranità energetica e dell'autodeterminazione, questo approccio produrrebbe una decarbonizzazione più rapida, compresa l'indebolimento della resistenza al cambiamento che caratterizza gli interessi speciali. Questo approccio faciliterebbe anche la ristrutturazione dei sistemi energetici per soddisfare i bisogni sociali ed ecologici.

Obiettivo zero rifiuti

Un'altra trasformazione a livello di sistema che porterebbe a una significativa riduzione delle emissioni sarebbe quella di creare un'economia circolare a rifiuti zero in cui tutto ciò che produciamo e consumiamo tornerebbe alla natura, o sarebbe riciclato e riutilizzato.

Prendiamo l'esempio della produzione tessile, che ha generato emissioni di gas serra 2015 equivalenti a 1,2 miliardi di tonnellate di CO2. Queste massicce emissioni - più grande della totale combinato trasporti aerei e marittimi internazionali - riflettono una cultura della "moda usa e getta", che produce abbigliamento a costi minimi, ed è in attesa di vedere costantemente rinnovare le consumatori guardaroba. Se avessimo sostituito i nostri vestiti con la stessa frequenza, il volume totale dei gas a effetto serra emessi da questo settore sarebbe diminuito del 44%.

Nel settore tessile, un'economia circolare a spreco zero non implicherebbe solo l'uso dell'abbigliamento prodotto più a lungo, ma anche il miglioramento del riciclaggio e della lavorazione dei materiali, al fine di evitare processi di creazione di emissioni come incenerimento. I progressi più significativi deriverebbero dall'introduzione di processi produttivi meno dispendiosi.

Optare per l'agroecologia

Devono essere prese misure importanti anche nell'uso del suolo (comprese le modifiche all'agricoltura e alla zonizzazione). Come sostenuto dall'agricoltore internazionale Via Campesina, le emissioni del sistema alimentare industriale rappresentano 44 al 57% del totale globale.

Un sistema di produzione agroecologica contadina, basato sulla sovranità alimentare, le aziende agricole di piccola scala e l'agricoltura biologica sarebbe da La Via Campesina dimezzato nel giro di pochi decenni le emissioni di carbonio da agricoltura. Il funzionamento di questo approccio è dimostrato: le piccole fattorie, i contadini, i pescatori, le comunità locali, i lavoratori rurali, le donne ei giovani nutrono già il 70% della popolazione mondiale, utilizzando solo il 25% delle risorse agricole del mondo. pianeta.

Sostituire le foreste

C'è anche la necessità di ripristinare gli ecosistemi naturali che sono stati distrutti. Le foreste e le torbiere, in particolare, possono immagazzinare diverse centinaia di gigatonnellate di CO2 dall'atmosfera. Il loro restauro proteggerebbe non solo la biodiversità, ma anche le popolazioni locali, comprese le comunità indigene i cui diritti sulla terra sono sistematicamente violati. Inoltre, il mantenimento e l'espansione del territorio gestito dalle popolazioni indigene e dalle comunità locali potrebbero contribuire a mantenere scorte di carbonio equivalenti a più di 1.000 gigatonnellate di CO2.

Secondo un rapporto dell'Alleanza per il clima, la terra, l'ambizione e i diritti, gli approcci ecosistemici terrestri e le trasformazioni agro-ecologiche nei sistemi di produzione e consumo di cibo - compresa una maggiore proprietà locale - potrebbero annualmente evitare 13 gigatonnellate equivalenti di CO2 delle emissioni, e quasi ogni anno, fino 2050 10 gigatonnellate equivalenti di carbonio immagazzinato nelle CO2. Ciò rappresenterebbe un totale di gigatonnellate 448 di CO2 non emesse da 2100: circa dieci volte l'attuale volume globale di emissioni.

Un nuovo sistema socio-economico

Limitando a 1,5 ° C l'aumento delle temperature globali al di sopra dei livelli pre-industriali è la nostra unica speranza di contenere gli effetti di una crisi climatica nata da ingiustizie storiche e profonde disuguaglianze. L'unico modo per raggiungere questo obiettivo sarà attraverso la transizione verso un nuovo sistema socio-economico. Ciò significa abbandonare la stretta ossessione per la crescita del PIL per favorire un approccio ai beni comuni, che è davvero al servizio di una vita migliore per le persone.

Richiedere una tale trasformazione non è "ingenuo" o "politicamente irrealizzabile". È un approccio radicalmente realistico. È semplicemente l'unico modo per ottenere giustizia sociale proteggendo l'ambiente dai devastanti cambiamenti climatici.

Barbara Unmüssig è presidente della Fondazione Heinrich Böll.

Questo articolo è pubblicato in collaborazione con Project Syndicate.


https://www.lesechos.fr/idees-debats/ce ... 220983.php
0 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 23/11/18, 09:04



Smettiamola di girare intorno alla pentola climatica!

C'è un bisogno urgente di radicalizzare la lotta per il clima. Da un riscaldamento di 2 ° C, la Terra potrebbe passare a un regime di "pianeta forno". Un cataclisma inimmaginabile, con un aumento degli oceani di almeno 12 metri e una biodiversità collassata. Se l'umanità fosse sopravvissuta sarebbe a costo di eliminare i più poveri nei paesi poveri, che sono i meno responsabili dei cambiamenti climatici!

Il riscaldamento è molto più minaccioso e più veloce di quanto pensassimo. La temperatura è salita 1.1 ° C al di sopra 18e secolo e le conseguenze sono lì: la siccità, cicloni ultra-violente, inondazioni, scioglimento dei ghiacci ... Non c'è dubbio che è possibile: il disastro è acceso. Ogni sforzo deve essere fatto per mantenere il riscaldamento sotto 1,5 ° C, come deciso al COP21.

Questo non è ciò che sta accadendo, tutt'altro. Multinazionali, finanza e governi al loro servizio non la ascoltano in questo modo: "Implementare tutto" metterebbe in pericolo crescita e profitti. Per il momento, nessuno dei paesi europei ha mai rispettato i suoi impegni COP21.

Stanno emergendo due campi politici.

(...)
0 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 48328
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 599

Re: Gli ultimi dati di riscaldamento globale

Messaggio non luda Christophe » 23/11/18, 09:45

E il mondo si accontenta di un booster con un articolo insipido in occasione del COP24 (già 24 ?? sono rimasto su 21 lol)



La stampa belga è decisamente più libera e coraggiosa di analisi !!
0 x
Ce forum ti ha aiutato o consigliato? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Torna a "cambiamenti climatici: CO2, il riscaldamento, l'effetto serra ..."

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 1