Emmanuel Faber, capo ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri

Economia attuale e sviluppo sostenibile compatibile? La crescita del PIL (a tutti i costi), lo sviluppo economico, l'inflazione ... Come concillier l'economia attuale con l'ambiente e lo sviluppo sostenibile.
Avatar de l'utilisateur
GuyGadeboisTheBack
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3787
iscrizione: 10/12/20, 20:52
Località: 04
x 912

Emmanuel Faber, capo ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da GuyGadeboisTheBack » 15/03/21, 12:55

La decrittazione ecologica. Perché Emmanuel Faber, il boss di Danone, è atterrato

Emmanuel Faber lascia Danone. Gli azionisti sono riusciti a cacciarlo dal gruppo. Domenica 14 marzo un consiglio di amministrazione ha approvato la sua partenza immediata.

Emmanuel Faber era sotto la pressione di alcuni azionisti, quello dei fondi di investimento esteri: in particolare un britannico, Bluebell, e un americano, Artisan Patners, che possiede il 3% del capitale di Danone. Entrambi hanno rivendicato il capo di questo capo atipico, laureato in HEC, che è entrato a far parte di Danone nel 1997. Emmanuel Faber ha trascorso gran parte della sua carriera nel gruppo agroalimentare, succedendo a Franck Riboud, e ha modernizzato l'azienda. Ma era sorprendente nel classico mondo dei boss. Ad esempio, è stato uno dei primi ad abbassare la sua retribuzione, a devolvere parte delle sue entrate ad associazioni. Negli anni '90 ha pubblicato un libro contro gli abusi della finanza, non ha nemmeno nascosto le sue convinzioni ambientali.

Emmanuel Faber è stato sostenuto dai sindacati, nonostante l'annuncio di un piano di ristrutturazione che prevedeva 2 tagli di posti di lavoro su 000 nel mondo. Nelle ultime settimane aveva dato impegni ai suoi azionisti, in particolare accettando di lasciare la carica di amministratore delegato, ma non era abbastanza.

Guadagno insufficiente

Viene criticato per non aver realizzato profitti sufficienti per gli azionisti, per aver tagliato i loro dividendi. Certamente Danone ha pianificato di pagare quest'anno, ma non abbastanza per questi fondi di investimento. L'anno scorso la quota Danone ha perso il 27% in borsa, ma il gruppo resta redditizio, e ha un giro d'affari di 24 miliardi di euro. La redditività, tuttavia, è inferiore a quella dei suoi concorrenti, Nestlé o Unilever.

Emmanuel Faber si definisce un capo sociale, responsabile, al punto da iscrivere in bianco e nero le sue convinzioni negli statuti dell'azienda, poiché aveva fatto di Danone la prima azienda con una missione CAC 40, vale a dire - per dire che il group si impegna a non considerare i soli profitti finanziari per definire la propria strategia.
Emmanuel Faber viene sostituito da Gilles Schepp

L'ex capo di Legrand, 62 anni, assume la presidenza del consiglio. È entrato in Danone lo scorso dicembre ed è chiaramente nelle mani del fondo di investimento americano Artisan.
Ma al di là degli uomini, la partenza di Emmanuel Faber è un piccolo terremoto nel mondo degli affari. Questo è un segno che i fondi di attivisti stranieri hanno preso il controllo di questa ammiraglia francese. Quel capitalismo tradizionale si oppone finalmente a una vera resistenza alle riforme, per sviluppare il suo software, anche in un mondo attraversato dal Covid-19.

https://www.francetvinfo.fr/replay-radi ... 15341.html

Ah, il sistema neoliberista è bellissimo ... confidiamoci per cambiare il mondo .............................. a il suo profitto. :il male:
2 x
"È meglio mobilitare la tua intelligenza su cazzate che mobilitare le tue cazzate su cose intelligenti. La malattia più grave del cervello è pensare." (J. Rouxel)
"No ?" ©
"Per definizione la causa è il prodotto dell'effetto" .... "Non c'è assolutamente niente da fare sul clima" .... "La natura è merda". (Truyphion)

ABC2019
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7776
iscrizione: 29/12/19, 11:58
x 348

Oggetto: Il parton con finalità ambientali di Danone sbarcato da fondi pensione esteri




da ABC2019 » 15/03/21, 13:09

mi chiedevo quali partoni (che sono componenti elementari di particelle composite come i protoni: https://fr.wikipedia.org/wiki/Parton ) è venuto a fare in questo forum : Mrgreen:
0 x
Passare per un idiota agli occhi di uno sciocco è un piacere da buongustai. (Giorgio CORTELINE)
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 59299
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 2364

Ri: Emmanuel Faber, partron ambientalista di Danone sbarcato da fondi pensione esteri




da Christophe » 15/03/21, 13:18

Roooh ABC hai mai fatto errori di battitura?

Qui è corretto!
0 x
ABC2019
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7776
iscrizione: 29/12/19, 11:58
x 348

Ri: Emmanuel Faber, partron ambientalista di Danone sbarcato da fondi pensione esteri




da ABC2019 » 15/03/21, 13:33

visto il titolo della tua risposta, non è stato facile : Mrgreen:
0 x
Passare per un idiota agli occhi di uno sciocco è un piacere da buongustai. (Giorgio CORTELINE)
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 59299
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 2364

Ri: Emmanuel Faber, boss ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da Christophe » 15/03/21, 13:38

Se va bene !!

Rohh il formaggio!

Citando usiamo il titolo sbagliato nella risposta ... tutto qui ..
0 x

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 59299
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 2364

Ri: Emmanuel Faber, boss ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da Christophe » 15/03/21, 14:40

L'articolo Novethic: https://www.novethic.fr/actualite/entre ... 49624.html

Emmanuel Faber alla Danone, Paul Polman alla Unilever, due leader immolati sull'altare della redditività

Il brutale licenziamento del CEO di Danone nella notte tra il 14 e il 15 marzo 2021 è l'epilogo di una situazione di stallo che è diventata simbolica. Alimenterà il dibattito alle assemblee generali di primavera in cui le aziende difenderanno i risultati del 2020 a mezz'asta attorno a una domanda: gli azionisti possono chiedere dividendi e continuare a salire i prezzi delle azioni a scapito di strategie di lunga durata?

Nell'industria alimentare, difendere strategie sostenibili sfidate dai tuoi azionisti può essere costoso. Paul Polman, amministratore delegato di Unilever, l'aveva sperimentato due anni prima di Emmanuel Faber. I due uomini si assomigliano poco, ma i francesi e gli olandesi sono stati due voci potenti nella transizione del loro settore verso modelli più sostenibili. Negli ultimi anni sono stati i protagonisti delle piattaforme dedicate all'impegno delle aziende per lo sviluppo sostenibile.

Hanno spiegato i cambiamenti necessari nell'industria alimentare dove i modelli dominanti contribuiscono ad accentuare il cambiamento climatico e il degrado della biodiversità. In stili diversi, hanno tenuto discorsi simili che consistevano nel combinare il rispetto per l'ambiente e il miglioramento delle condizioni sociali lungo tutta la catena del subappalto, mettendo in discussione l'eccesso di remunerazione dei manager. Emmanuel Faber aveva deciso di rinunciare alla pensione nel 2019, ovvero 28 milioni di euro, "per motivi personali".

Sacrifica i profitti

Paul Polman aveva rifiutato un aumento del suo pacchetto nel 2015 con la motivazione che l'importo della sua retribuzione (10 milioni di euro) "lo infastidiva" rispetto a tanti altri che lavoravano altrettanto. Questi due elementi hanno indubbiamente contribuito a "scavare la fossa" dei leader delle multinazionali dell'agrobusiness. Emmanuel Faber e Paul Polman hanno così messo in discussione le regole che governano il mondo delle grandi società quotate, i cui amministratori devono essere sempre meglio retribuiti per portare sempre più soldi ai loro azionisti.

Il loro rifiuto viene interpretato da questi ultimi come un rischio di sacrificare profitti a breve termine e quindi dividendi a vantaggio di strategie sostenibili, che sono tuttavia essenziali per la sostenibilità dell'attività stessa di queste industrie. I due uomini erano ben consapevoli che stavano facendo un atto di equilibrio. Paul Polman non è riuscito a lanciare un movimento per sopprimere i sacrosanti rapporti trimestrali che alimentano la macchina infernale delle fluttuazioni del mercato azionario a brevissimo termine.

Supporto degli azionisti

In una video intervista rilasciata all'Expansion il 20 marzo 2015, ha affermato: "Gli amministratori delegati devono spiegare ai loro azionisti perché una visione aziendale incentrata sullo sviluppo sostenibile è buona e, se la spieghiamo bene, troviamo abbastanza azionisti per supportarla. Vogliono proteggere ciò che è più prezioso per aziende come la nostra, la sua reputazione ". Tre anni dopo, Paul Polman è stato cacciato da azionisti ostili alla sua strategia e preoccupato di vedere questo CEO più interessato allo sviluppo sostenibile che ai ritorni finanziari. Ha lasciato le redini del gruppo all'inizio del 2019 e da allora si è dedicato alle cause ambientali e sociali che gli sono care.

Emmanuel Faber è stato rilasciato dal suo ruolo di manager di Danone per meno di 24 ore. Deve certamente meditare sulla velocità della sua discesa agli inferi. Meno di un anno fa, ha trionfato dopo aver fatto adottare al 99% degli azionisti lo status di società con una missione, una prima per il CAC 42.
1 x
Avatar de l'utilisateur
Macro
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 4021
iscrizione: 04/12/08, 14:34
x 320

Ri: Emmanuel Faber, boss ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da Macro » 15/03/21, 15:10

Ebbene eccolo ... Questo signore potrà sicuramente esprimere appieno le sue capacità in una società più attenta allo sviluppo sostenibile ...
.
1 x
L'unico sicuro in futuro cosa. E 'che ci possono possibilità che sia conforme alle nostre aspettative ...
Avatar de l'utilisateur
thibr
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 690
iscrizione: 07/01/18, 09:19
x 253

Ri: Emmanuel Faber, boss ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da thibr » 15/03/21, 20:20


sembra abbastanza stimabile soprattutto per un capo : Wink:
1 x
Avatar de l'utilisateur
Obamot
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 16513
iscrizione: 22/08/09, 22:38
Località: regio genevesis
x 1294

Ri: Emmanuel Faber, boss ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da Obamot » 15/03/21, 20:51

Grazie per il video e per questo thread. Realismo sociale - che alcuni negli ambienti economici chiamano "ideologia", perché probabilmente lo confondono con l'idealismo? - raramente corrisponde al realismo economico. Sebbene atipico e piuttosto comprensivo, noto comunque che Danone è un'azienda di avvelenamento di massa con prodotti che creano più dipendenza.
È un "uomo buono" in tutta la sua soggettività.

Bella e meritata standing ovation al termine del discorso ...!
0 x
Club dei “divertenti” di forum: ABC2019, Izentrop, Pedrodelavega, Sicetaitsimple (non cambia nulla)
ABC2019
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7776
iscrizione: 29/12/19, 11:58
x 348

Ri: Emmanuel Faber, boss ecologista umanista alla Danone, sbarcato da fondi pensione stranieri




da ABC2019 » 15/03/21, 22:38

È sempre complicato regolare, strategie che non hanno un chiaro ottimo (o più precisamente nessuna funzione chiara da ottimizzare)

Tipo "faremo soldi ma in modo sociale"

o

"faremo la guerra ma senza uccidere troppe persone"

o

"garantiremo un buon tenore di vita ma senza consumare troppe risorse"

o

"lotteremo contro i covid ma cercando di non disturbare troppo le persone".
0 x
Passare per un idiota agli occhi di uno sciocco è un piacere da buongustai. (Giorgio CORTELINE)


Di nuovo a "Economia e delle Finanze, la sostenibilità, la crescita, il PIL, i sistemi fiscali ecologici"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 9