Energia elettrica, elettronica e IT Hi-Tech, Internet, bricolage, illuminazione, materiali e nuoveTutte le nuove {reti 12V anziché 220V? ...}

Hi-tech apparecchiature elettroniche e computer e di Internet. Migliore utilizzo di energia elettrica, aiutare con il lavoro e le specifiche, selezione delle apparecchiature. Presentazioni infissi e piani. Onde e inquinamento elettromagnetico.
swyng69
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 2
iscrizione: 21/11/05, 21:17

Tutte le nuove {reti 12V anziché 220V? ...}

Messaggio non luda swyng69 » 21/11/05, 21:23

hi,
Non so su quale forum dirigimi quindi ti spiegherò il mio punto di vista e forse dovrò andare altrove.
Bene, penso che oggi l'uso di 220 volt non sia più necessariamente necessario, tutte le apparecchiature esistenti hanno trasformatori all'interno. Quindi risparmieremmo se fissassimo all'uscita dei nostri misuratori EDF una tensione di 12 volt.
Non so quanta energia costa questa trasformazione. Se perdiamo troppa energia o qualcosa del genere, cosa succede se il nostro reale consumo di energia diminuisce?
0 x

Avatar de l'utilisateur
L'ex Oceano
modérateur
modérateur
post: 1570
iscrizione: 04/06/05, 23:10
Località: Lorena - Francia
x 1

Messaggio non luda L'ex Oceano » 21/11/05, 21:52

Siamo passati da 110 V a 220 V perché una tensione più elevata ci consente di trasmettere la stessa potenza con metà intensità.

Poiché le perdite di linea sono dovute alla resistenza di circuiti elettrici e linee in forma termica, secondo P = RI², vediamo che raddoppiare l'intensità quadruplica la perdita di energia.

Passare da 220-240 V a 12V equivarrebbe a dividere per circa 20 la tensione. Trasmettere la stessa potenza significherebbe fornire 20 volte più intensità, quindi utilizzare fili di sezione molto più grande (quindi più costosa) e moltiplicare le perdite di linea di 20² = 400 volte circa ...

È meglio rimanere a 220/240 V per i dispositivi più comuni. Inoltre, se osserviamo i trasformatori dei nostri altri dispositivi (telefoni cordless, cellulari, fax, segreterie telefoniche, box ADSL, modem, stampanti, scanner, ecc.) Hanno principalmente tensioni di uscita diverse (3 V a 24 V). Quindi avremmo ancora bisogno di dispositivi di regolazione della tensione per fornire la tensione corretta, in breve non sarà nulla di più semplice ...

D'altra parte, nel caso di un alimentatore di riserva o da ENR, un circuito batteria da 12 V con dispositivi economici da 12 V può essere considerato ...
0 x
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 54202
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 1555

Messaggio non luda Christophe » 21/11/05, 22:18

Qui mi viene in mente una domanda a cui non ho mai avuto una risposta chiara: la scelta di 50/60 Hz?

Qualcuno ha una spiegazione tecnica o storica (o altro?) Per spiegare la scelta di questi valori?

1) Per i valori 50 o 60?

2) E perché proprio una differenza a seconda del paese (ma penso che provenga dalla concorrenza industriale)
0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - MIGLIORIAMO I NOSTRI SCAMBI NEL FORUM - Pubblica un articolo su Econology e Google News
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

Messaggio non luda Andre » 22/11/05, 06:36

Buongiorno,
la frequenza è una forma ((di energia)) oltre alla tensione e all'amperaggio
ci vorrà molto tempo per spiegare semplicemente
All'inizio la frequenza era di 25 hZ, il fluorescente lampeggiava
Il design del trasformatore era più grande con più avvolgimento sulle bobine. I motori avevano una bassa velocità di rotazione
a due poli che ha dato 1500 rpm
un motore a 2 poli a 50 Hz ruota a 3000 giri / min
in 60 hz 3600 rpm
maggiore è la frequenza, meno motori sono e molto meno filo sulle bobine
nei computer l'alimentatore e molte saldatrici, per risparmiare filo e massa nel trasformatore
produciamo una corrente a media frequenza da 400 a 600Hz, quindi viene reimpostata per la saldatura, costruendo macchine leggere ed economiche, poiché la generalizzazione di inverter e raddrizzatori può permettercelo.
Ma non si può aumentare troppo la frequenza della corrente di settore che dà altri problemi e perdite quando è necessario trasportarlo di più la domanda di quella reattiva è collegata alla frequenza, una certa linea con alta tensione della corrente e rettificata per essere trasportato e consegnato in alternativa all'arrivo
Per provare a illustrare la frequenza per tutti
è un po 'come prendere 3 bobine spostate di 120 gradi in cui ruotiamo un magnete, è il generatore
alla fine della linea di questi 3 fili colleghiamo 3 bobine a 120 gradi (lo stesso del generatore) diventa un motore
che gira esattamente alla stessa velocità del generatore in modo che più veloce il generatore gira più velocemente il motore gira (un po 'come se fosse un asse meccanico che guida il motore, ma in realtà è un campo magnetico rotante)
Il principio della trifase è di dare una direzione alla rotazione dei motori che crea un campo rotante polarizzato, mentre alla singola fase il senso di rotazione deve essere dato artificialmente al motore.
Quindi la potenza del motore dipende dalla corrente della tensione e da un (un po 'della velocità di rotazione), questo è solo questo, una semplice illustrazione in realtà è un po' diversa, troppo lunga da elaborare qui.
Un motore progettato per 50Hz fornito con 60Hz ha troppi giri sulle sue bobine sarebbe necessario aumentare del 20% la sua tensione
Un motore progettato per funzionare a 60 Hz alimentato a 50 Hz non ha giri sufficienti per queste bobine, la tensione dovrebbe essere ridotta del 20%
Andre
0 x
Avatar de l'utilisateur
L'ex Oceano
modérateur
modérateur
post: 1570
iscrizione: 04/06/05, 23:10
Località: Lorena - Francia
x 1

Messaggio non luda L'ex Oceano » 22/11/05, 19:22

Inoltre nel caso delle tre fasi vi è la possibilità di ottenere 380 V grazie allo sfasamento a 120 ° delle fasi.

Questo è ciò che viene chiamato in Francia una presa di forza, su cui sono generalmente dispositivi professionali ramificati.

L'obiettivo è anche aumentare la tensione per avere più potenza a parità di intensità.
0 x

swyng69
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 2
iscrizione: 21/11/05, 21:17

Messaggio non luda swyng69 » 23/11/05, 07:56

hi,
Potrei essermi frainteso. La mia rete a 12 volt sarebbe solo per la rete interna dell'alloggio.
Hai davvero bisogno di una lampadina da 220 V per una toilette o un corridoio.
Il passaggio a 12 V sarebbe più vantaggioso in termini di risparmio energetico.
0 x
Avatar de l'utilisateur
rezut
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 191
iscrizione: 01/12/04, 14:58
Località: Chalon sur Saone

Messaggio non luda rezut » 23/11/05, 08:57

ciao swyng69

questa è anche la domanda che mi pongo
sapere
è meglio avere una rete a 12 volt o un trasformatore per punto di illuminazione e quale delle 2 soluzioni e meno affamato di energia
Penso che sia il tipo di domanda che fai

personalmente ho questo tipo di lampada in bagno (vale a dire un trasformatore che alimenta 3 lampade da 35 watt ma non posso dire se consuma meno di una singola lampada da 100 watt a 220 v

se qualcuno ha la risposta !!!
0 x
Avatar de l'utilisateur
gegyx
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3720
iscrizione: 21/01/05, 11:59
x 132

Messaggio non luda gegyx » 23/11/05, 11:43

L'elettricità arriva a 220v a casa tua, al tuo contatore e paghi a quel livello.
Scegli le tue installazioni indoor, partendo da questa fonte.
Lo scopo della tua domanda è quello di voler consumare meno? Essere eco-compatibili o semplicemente pagare di meno a breve termine alla fine della giornata?
Economico: consumare il meno possibile nel complesso, in modo da non disturbare l'equilibrio del pianeta, pur rimanendo economico. Puoi accendere con una lampada a olio vegetale; si è dimostrato.
Ti interessa ancora l'elettricità? Vedi se riesci a realizzarlo naturalmente, mulino a vento, turbina eolica, pannelli voltaici, stirling ... ovviamente è casuale ...
Usa la compagnia elettrica? evitare dispositivi di consumo pesanti, gadget superflui e sviluppare abitudini di gestione economica dell'energia domestica.
Per l'illuminazione, lampade a basso consumo a 220v, il cui prezzo è diminuito.
Prendi le nuove lampade tecnologiche? Lampada a LED, pareti chiare, luce chimica o biologica? La cosa migliore è aspettare un po '... Lascia che sia comodo in termini di qualità e prezzo ...
Ciò che mi disturba con l'illuminazione a bassa tensione è che un trasformatore viene fornito (e acquistato) per ogni utilizzo; che mettiamo più lampade piccole per abbinarne una grande; e per quanto ne so, sono sempre alogeni (riscaldamento e consumi non molto economici).
Quando ho armeggiato un po ', ho studiato una rete 12v in casa, per soddisfare le molteplici esigenze in piccoli assiemi e dispositivi elettronici (non di illuminazione) della casa, evitando così la molteplicità di piccoli trasformatori; (è stato il trasformatore del campanello che mi ha dato l'idea); quindi un grande trasformatore per tutta la casa e una rete 12v a basso amperaggio, che passa attraverso diversi fili (8/10), rimanendo libero sui contattori telefonici che avevo installato al mio arrivo, in tutte le stanze, cablato in 8 fili; è preferibile una tensione CC per non disturbare, parassitare le intercettazioni telefoniche.
In conclusione, sei tu che vedi i tuoi bisogni e le tue scelte su questo pianeta, in base al tuo reddito.

Ma sappi che se Edf ti fornisce 220v, la cosa migliore è usare apparecchiature a 220v ...
Attrezzature varie ed economiche perché in grandi serie.
Un trasformatore collegato a una presa del riscaldatore, anche quando non in uso.
Ogni trasformazione di tensione genera perdite ; resa inferiore al 100%.
Gegyx
Dernière édition par gegyx il 23 / 11 / 05, 23: 25, 1 modificato una volta.
0 x
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 54202
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 1555

Messaggio non luda Christophe » 23/11/05, 14:02

Ho spostato il soggetto nel sub-forum "Elettricità"
0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - MIGLIORIAMO I NOSTRI SCAMBI NEL FORUM - Pubblica un articolo su Econology e Google News
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

Messaggio non luda Andre » 23/11/05, 15:16

Buongiorno,
Alimenta la casa con 12 volt o 110 volt o 220 volt
Il consumo di energia è sempre lo stesso non sfugge alla legge Potenza = amperaggio X tensione
Più bassa è la tensione, più grandi devono essere i fili di alimentazione e più aumentano le perdite nella linea.
Bassa tensione 12 volt c, è per motivi di sicurezza
E più economico per produrre lampade a incandescenza (il filamento è più grande, quindi meno supporto interno.
Ora è così facile passare a 12 volt CC a 220 V CA con gli inverter che sono economici e inversi, è anche facile per molto tempo, era molto più complicato quando ero giovane. Siamo in abbondanza di materiale, tutto è facile da raggiungere, in campo elettronico.
(Vengo dalla generazione di raddrizzatori al selenio e motori a corrente continua con spazzole e lampade radio)
Per darti un'idea delle perdite di tensione in una linea
Infine un elettricista ha sostituito tutte le luci della pista dell'aeroporto municipale, ha messo le lampade da 75watt invece delle originali da 40watt, funziona a 110vlts.
Mentre ci avviciniamo alla fine della pista, le luci si affievoliscono a causa della caduta di tensione nella linea, ho realizzato che alcune misurazioni hanno dato 117 volt all'inizio e alla fine della linea 65volts.
Il rimedio è o di ingrandire le code che sono già molto grandi o di ridurre i consumi, hanno sostituito le luci con 40watt e tutto è diventato normale, comunque per l'atterraggio di notte non ci vuole molta luce

Andre
0 x




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Energia elettrica, elettronica e IT Hi-Tech, Internet, fai da te, l'illuminazione, i materiali, e la nuova"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 13