I combustibili fossili: petrolio, gas, carbone, nucleare (fissione e fusione)Olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Petrolio, gas, carbone, nucleare, PWR, EPR, fusione calda, ITER, termica, cogenerazione, trigenerazione. Peakoil, esaurimento, economia, tecnologie e strategie geopolitiche.
C moa
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 667
iscrizione: 08/08/08, 09:49
Località: Alger
x 1

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda C moa » 16/07/17, 16:49

Bonjour à tous,
Come alcuni già sanno, io sono una nave cisterna (anche se è 2 anni da quando ho lasciato la professione). Ho anche lavorato su Girassol e Dalia in Angola che alcuni hanno già citata.

Vorrei trasmettere alcune informazioni aggiuntive:
1) c'è molto di più di carbonio (indipendentemente dalla sua forma) nel seminterrato che la nostra atmosfera può sopportare. Si stima 5 e 10 volte.
2) siamo in una crisi dal 2014 e bloccare gli investimenti da allora. Tuttavia, le scoperte sono ancora, ma non compenseranno cali naturali della produzione che sono più veloci rispetto alla diminuzione del consumo. L'orologio sarà doloroso e tutti potranno criticare i grandi profitti del petrolio, dimenticando che è sempre più costoso e difficile da ottenere il pareggio.
3) è sempre più difficile da sfruttare, per il confronto, prima di 1950, 110 recuperiamo barili al barile che investono oggi, siamo piuttosto 10 a 1 e in alcuni casi a 4 1 (oilsands per esempio). Se i prezzi e la redditività sono lì, non c'è ragione che l'olio non va alla ricerca di nuove riserve.
4) in Francia consuma 1,5 mbeopd giorno ... Si comincia quando per ridurre il nostro consumo ??

PS: l'olio ha iniziato c'è un tempo di investire in società rinnovabili e curato sono scomparsi senza il loro intervento.

Buona Domenica a tutti
0 x
E 'difficile da sola !!!

moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3690
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 328

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda moinsdewatt » 13/11/17, 20:30

Messico: scoperta di un importante giacimento di petrolio e gas

AFP pubblica 03 Nov 2017

Il presidente messicano Enrique Peña Nieto ha annunciato venerdì la scoperta di un "importante" giacimento di petrolio e gas nello stato di Veracruz, nell'est del paese.

Questo deposito conterrebbe riserve valutate a 1,5 miliardi di barili di petrolio grezzo e sarebbe la "scoperta più importante degli ultimi quindici anni" onshore (a terra) per la società pubblica Pemexha detto Peña Nieto in un incontro pubblico.

L'estrazione dovrebbe essere effettuata "in un tempo relativamente breve ea basso costo" perché il deposito è vicino all'infrastruttura Pemex esistente, secondo il presidente messicano.

Questa scoperta si presenta come la produzione di gigante petrolio è sceso nel terzo trimestre al 1,8 milioni di barili al giorno, con un decremento del 12% rispetto al livello dello stesso periodo del 2016.

società Pemex che genera circa 16% dei ricavi nello stato messicano, ha registrato una perdita netta di 5,3 miliardi nel terzo trimestre, principalmente a causa l'impatto dei disastri naturali sulla produzione nel mese di settembre.

https://www.connaissancedesenergies.org ... gaz-171103


...........
L'Ixachi-1 72 Bene che collegava chilometri (45 miglia) a sud del porto di Veracruz è creduto per contenere 1.5 trilioni di barili di petrolio in atto, o circa 350 milioni di comprovata, probabile e può essere riservato.

La produzione di olio leggero e di gas umido potrebbe iniziare "tra un anno, la fine di 2018 o 2019", ha dichiarato venerdì l'amministratore delegato di Pemex, Jose Antonio Anaya Gonzalez, in un'intervista telefonica. "Sono molte le infrastrutture che aiuteranno a sviluppare il campo".
..............
Gonzalez Anaya, secondo Gonzalez Anaya. "Per prima cosa dobbiamo iniziare con un piano di sviluppo prima di sapere quanto costerà", ha detto. "C'è molto lavoro da fare."

https://www.bloomberg.com/news/articles ... cruz-state
0 x
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda sen-no-sen » 13/11/17, 21:02

Qualunque sia la dimensione del deposito, non cambierà molto con l'inevitabile venuta del PAO (Peak all oil) o "all oil peak" (periodo 2015 / 2025).
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Bardal
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 292
iscrizione: 01/07/16, 10:41
Località: 56 e 45
x 106

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda Bardal » 14/11/17, 07:45

sen-no-sen ha scritto:Qualunque sia la dimensione del deposito, non cambierà molto con l'inevitabile venuta del PAO (Peak all oil) o "all oil peak" (periodo 2015 / 2025).


Sì, senza dubbio, è matematicamente inarrestabile ...

Ma se il Picco del Petrolio viene raggiunto un giorno, essendo imposto dalle leggi del mercato di fronte alle leggi della fisica, è chiaro che sarà troppo tardi per invertire la fuga della macchina termica terrestre.

Ciò che ora è all'ordine del giorno è di lasciare sepolte la maggior parte delle fonti di energia del carbonio, cioè di uscire dalla logica del picco petrolifero (e del picco di gas o carbone). .. Altrimenti, sarà troppo tardi ...

In teoria, questo è ciò che una tassa sul carbonio correttamente progettata e applicata dovrebbe mirare ... Siamo lontani da esso.
1 x
dirk pitt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2078
iscrizione: 10/01/08, 14:16
Località: isere
x 64

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda dirk pitt » 14/11/17, 11:18

moinsdewatt ha scritto:[color = red] Questo deposito conterrebbe riserve valutate a 1,5 miliardi di barili di petrolio grezzo e sarebbe la "scoperta più importante degli ultimi quindici anni" onshore (onshore)


Wow, 1.5Mb parla dei giorni 17 del consumo mondiale di petrolio. il bellissimo caso!
la produzione è sempre più difficile, come ricorda CMoa sopra, non soddisferà più la domanda nel prossimo futuro (alcuni anni)
I problemi di CO2 e del riscaldamento globale saranno quindi l'ultima delle nostre preoccupazioni per la prossima crisi energetica.
2 x
Immagine
Clicca mia firma

Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda sen-no-sen » 14/11/17, 12:14

bardal ha scritto:Ciò che ora è all'ordine del giorno è di lasciare sepolte la maggior parte delle fonti di energia del carbonio, cioè di uscire dalla logica del picco petrolifero (e del picco di gas o carbone). .. Altrimenti, sarà troppo tardi ...

In teoria, questo è ciò che una tassa sul carbonio correttamente progettata e applicata dovrebbe mirare ... Siamo lontani da esso.


Troppo tardi, il Peak All OIL è ora:
Immagine
Simulazione della produzione globale di liquidi da 1870 a 2100.

La linea verticale è 2010. Con questa simulazione, il massimo storico di produzione è intorno a 2020. Poi, nel giro di pochi anni, è ormai ampiamente condiviso equamente tra i "tecnici" del settore petrolifero (le previsioni molto più ottimista di solito sono fatti di estensioni di tendenza semplici del passato, senza alcuna altra forma di approfondimento!), Di contro il dibattito rimane vivace l'altezza del picco e la velocità di declino dopo il massimo.

https://jancovici.com/transition-energetique/petrole/a-quand-le-pic-de-production-mondial-pour-le-petrole/

A più o meno 5 anni il picco viene raggiunto o verrà raggiunto molto presto.


dirk pitt ha scritto:
moinsdewatt ha scritto:
I problemi di CO2 e del riscaldamento globale saranno quindi l'ultima delle nostre preoccupazioni per la prossima crisi energetica.


Effettivamente!
La crisi energetica proveniente dovrebbe portare -come era il caso con il picco mondiale di petrolio convenzionale 2005 / 2006- una crisi economica, data l'iper industrializzata del debito paese sarà molto dannosa per la pace nel mondo.
Inoltre, diciamo: la transizione energetica è ufficialmente finalizzata a limitare gli effetti futuri del riscaldamento globale, ma non ufficialmente è principalmente un mezzo (molto tardi) per colmare il calo della produzione petrolifera.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
dirk pitt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2078
iscrizione: 10/01/08, 14:16
Località: isere
x 64

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda dirk pitt » 14/11/17, 15:50

sen-no-sen ha scritto:Inoltre, diciamo: la transizione energetica è ufficialmente finalizzata a limitare gli effetti futuri del riscaldamento globale, ma non ufficialmente è principalmente un mezzo (molto tardi) per colmare il calo della produzione petrolifera.


Non sono sempre d'accordo con sen-no-sen, sono d'accordo con te qui ed è piuttosto raro che sentiamo questa tesi.
l'imminente mancanza di petrolio non può essere riconosciuta ufficialmente dai politici in quanto è un dato di fatto. non c'è soluzione a questa mancanza futura.
0 x
Immagine

Clicca mia firma
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda sen-no-sen » 14/11/17, 20:29

dirk pitt ha scritto:
Non sono sempre d'accordo con sen-no-sen, sono d'accordo con te qui ed è piuttosto raro che sentiamo questa tesi.
l'imminente mancanza di petrolio non può essere riconosciuta ufficialmente dai politici in quanto è un dato di fatto. non c'è soluzione a questa mancanza futura.


Diciamo che ci sono soluzioni ma sono difficilmente accettabili.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3690
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 328

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda moinsdewatt » 05/01/18, 21:49

Immagine

eppure Drill baby Drill, TRUMP e la sua amministrazione lo dicono:


Aprendo la strada alle trivellazioni offshore di petrolio e gas, Trump spazza (di nuovo) l'effetto di Obama

Lena Corot la nuova fabbrica 05 / 01 / 2018

Donald Trump apre la strada allo sfruttamento di petrolio e gas al largo delle coste statunitensi. Tornando ancora una volta alla politica guidata da Barack Obama, il Sottosegretario degli Interni Ryan Zinke ha annunciato un nuovo programma nazionale quinquennale sulla gestione delle risorse energetiche marine che consente lo sfruttamento offshore di petrolio e gas su una larga maggioranza di costa degli Stati Uniti.

Come parte di un nuovo programma nazionale sulla gestione delle risorse energetiche marine che abbraccia il periodo 2019-2024, Il Sottosegretario degli Interni Ryan Zinke ha annunciato Giovedi 4 Gennaio vuole consentire lo sfruttamento di petrolio e gas di nuovo su una vasta maggioranza delle coste americane. Con questo annuncio, l'amministrazione Trump sta ancora rivisitando una decisione del suo predecessore e continua a dipanare la politica ambientale di Barack Obama. Gli Stati Uniti vogliono consentire lo sfruttamento del petrolio e del gas al largo del 90% delle acque costiere statunitensi, che conterrebbero il 98% delle risorse ancora non sfruttate nel petrolio e nel gas situate nel campo federale, afferma il Segretario degli Interni a un comunicato stampa In confronto, la legge attuale esclude il 94% di queste acque costiere dalle perforazioni, afferma il Segretario degli Interni.

Ryan Zinke aggiunge che questa proposta iniziale include le licenze 47 distribuite nelle zone 25 di 26 pianificate per la prospezione e la produzione di petrolio e gas offshore. Le licenze 19 saranno concesse al largo delle coste dell'Alaska, 7 nella regione del Pacifico, 12 nel Golfo del Messico e 9 nella regione atlantica, dettagli l'uscita. Questo nuovo programma prevede quindi di concedere il maggior numero di licenze offshore nella storia degli Stati Uniti, afferma il governo.

Una proposta iniziale è aperta alla discussione

Ma questa è solo una proposta iniziale per chiarire l'amministrazione Trump. Questo programma è aperto alla discussione. Le autorità locali e federali, le agenzie e la società civile avranno voce in capitolo prima che la decisione finale sia attesa nei prossimi mesi, ha dichiarato Ryan Zinke. Questa consultazione pubblica è un passo cruciale nel processo, afferma il governo

"L'importante è trovare il giusto equilibrio tra la protezione della costa e delle persone e l'autosufficienza energetica degli Stati Uniti", afferma Ryan Zinke. Non è perché un'area è attualmente in questo progetto che alla fine sarà nel programma finale aperto alle licenze. Già sull'assalto del Clean Power Plan di Barack Obama, Donald Trump ha firmato lo scorso marzo un decreto sull '"indipendenza energetica" degli Stati Uniti per smantellare le regole emanate dal suo predecessore al fine di raggiungere l'indipendenza energetica del paese . Ancora una volta, il governo Trump sta tornando alla politica del suo predecessore per raggiungere questo obiettivo.

Stati contrari allo sfruttamento offshore

Gli stati federali hanno già reagito. Sulla costa occidentale, i governatori della California, dell'Oregon e di Washington si oppongono a questo programma. In una dichiarazione congiunta, dicono, "Questa decisione politica di aprire la costa del Pacifico, che è bella e silenziosa, allo sfruttamento offshore di petrolio e gas affronta un decennio di opposizione da [i loro tre afferma], sia repubblicani che democratici ".

Rick Scott, governatore della Florida, ha anche ribadito la sua opposizione a trivellare il suo stato. "Ho chiesto immediatamente di incontrare il segretario Ryan Zinke per discutere le preoccupazioni sollevate da questo progetto e la necessità di rimuovere la Florida dalla lista", ha detto in una dichiarazione. Ancora una volta, il progetto di Donald Trump è tutt'altro che unanime. Prenderà in considerazione le reazioni prima di prendere la decisione finale?

https://www.usinenouvelle.com/article/e ... ma.N633808
1 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3690
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 328

Re: olio: quando ci sono più, ci sono ancora

Messaggio non luda moinsdewatt » 03/02/18, 20:47

Messico: asta di giacimenti di petrolio 19

AFP ha pubblicato il Feb 01. 2018

Mercoledì scorso, il Messico ha messo all'asta i giacimenti di petrolio profondo 19 nel Golfo del Messico durante l'asta più grande da quando il paese ha aperto il settore energetico a quello privato.

Diciannove società petrolifere hanno partecipato a queste ottave offerte, tra cui il gruppo francese Total, che ha presentato solo un'offerta per la quale non è stata selezionata. Il gigante petrolifero Royal Dutch Shell anglo-olandese ha vinto nove lotti, quattro nel suo nome, quattro in un consorzio con Qatar Petroleum, e un altro associato con il gigante petrolifero messicano Pemex.

Pemex ha vinto quattro premi, due dei quali a suo nome. PC Carigali, una sussidiaria del colosso petrolifero malese Petronas, ha vinto sei lotti, due soli e quattro in alleanza con altre compagnie. I depositi si trovano tutti allo stato di Tamaulipas, nel nord-est del Messico. Hanno riserve totali stimate in 4,2 miliardi di barili. Dieci depositi non hanno trovato acquirenti.

"Questo è un altro successo per il settore petrolifero in Messico", ha dichiarato il vice ministro degli idrocarburi Aldo Flores. Si prevede che questi premi genereranno un investimento di 93 miliardi e potrebbero creare posti di lavoro 230 000 durante i primi quindici anni, secondo il ministro. La produzione potrebbe iniziare in 2028.

Mettendo all'asta questi depositi, il Messico sta cercando di contrastare il calo della produzione, che è sceso del 9,6% in 2017, secondo i dati della società Pemex. Il Messico compete con il Brasile per attrarre investitori stranieri nel suo settore energetico. "Il Brasile è molto attraente per le aziende che operano in acque profonde", afferma Alejandra Leon, analista di IHS Markit.

Questi all'asta knockout seguire sulla riforma energetico lanciato dal presidente Enrique Peña Nieto in 2013, che si è concluso il monopolio statale del gigante petrolifero messicano Pemex, vecchi anni quasi 80.

https://www.connaissancedesenergies.org ... ers-180201
0 x




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Torna "I combustibili fossili: petrolio, gas, carbone, nucleare (fissione e fusione)"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Exabot [Bot], imbarazzare e gli ospiti 2