Pompa di calore ad energia meccanica

Energie rinnovabili eccetto energia solare o termica (cfrforums sotto dedicato): turbine eoliche, energie marine, idraulica e idroelettrica, biomasse, biogas, geotermia profonda ...
Jp47
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 2
iscrizione: 29/09/22, 09:56
x 1

Pompa di calore ad energia meccanica




da Jp47 » 29/09/22, 10:46

Buongiorno,

Sto cercando di vedere se ci sono pompe di calore il cui compressore sarebbe azionato da una fonte di energia meccanica (nel mio caso di origine idraulica, ho un ruscello con le rovine di un mulino del 17° secolo il cui raggio è operativo e può essere facilmente dotato di ruota a pale).
Non vorrei passare attraverso un alternatore che produce corrente perché troppi investimenti e normative kafkiane).
Anche un sistema di rendimento primitivo o moderato mi interesserebbe.

Gli unici compressori azionati meccanicamente che trovo sono compressori di autocarri pesanti o macchine edili.
Va da sé che essendo l'energia principale gratuita, la regolazione non è la mia principale preoccupazione e vorrei evitare il più possibile sofisticati sistemi elettronici a favore dell'elettromeccanica rustica (ho già dato con il climatizzatore reversibile le cui schede cedono dopo 6 o 7 anni e che vengono venduti a prezzi proibitivi quando c'è ancora la possibilità che siano disponibili)

Il mio obiettivo è semplice: avere un apporto di riscaldamento quasi gratuito (investimento escluso) in inverno (quando la portata del torrente è elevata).

Non vedo questo concetto descritto da nessuna parte, ma immagino che possa essere esistito all'inizio del 20° secolo almeno per le macchine frigorifere.

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti.
1 x

phil59
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1704
iscrizione: 09/02/20, 10:42
x 326

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da phil59 » 29/09/22, 11:14

Ciao, il pb è che ci sarà la glassa, ed è necessario pianificare le fasi di sbrinamento, quindi ci vuole un minimo di elettronica credo....

Lascio agli specialisti la risposta, non ne so abbastanza....
0 x
hmmmmm, hmmmmmmmmmmmmm, uhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhmmmmmmmmm, eh, hmmmmmmmmmmmmm.

: Oops: : Cry: :( :shock:
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 11265
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1951

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da Ahmed » 29/09/22, 11:21

Se a priori nulla si oppone a questo tipo di montaggio, resta la preoccupazione della regolazione: in determinati momenti il ​​compressore deve smettere di erogare energia, quando viene raggiunto il setpoint di temperatura dell'ambiente. Una frizione elettromagnetica potrebbe eventualmente svolgere questa funzione. Il problema della formazione di ghiaccio potrebbe essere aggirato utilizzando una pompa di calore acqua/acqua, ma questa è meno utilizzata...
Se il flusso è sufficiente, non sarebbe ancora più semplice collegare un generatore e installare stupidi tostapane?
1 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."
Jp47
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 2
iscrizione: 29/09/22, 09:56
x 1

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da Jp47 » 29/09/22, 12:55

Grazie per queste prime recensioni.

Preciso le mie intenzioni, data la presenza del frantoio, ci sono >800 m3 permanentemente disponibili ad una temperatura minima di 6°C (misurata dopo 8 giorni di basse temperature: lotto D-10/N-15 e Garonne 2002)
Sarà quindi acqua/acqua glicolata per la pompa di calore con un'eventuale riserva tampone di 2000 l.
Non è necessario il funzionamento dell'aria condizionata.

Per quanto riguarda la parte da riscaldare (grande casa in pietra di 240 mq) utilizzerò tutto il calore prodotto, sarebbe solo un extra dal 2 al 20%. Le altre fonti di calore si fermeranno.

Per una turbina/alternatore è purtroppo regolamentato con 5 anni di procedure amministrative e un costo enorme perché è necessario fare uno studio di impatto e pianificare numerosi sviluppi. 10 kW o 2 MW sono le stesse regole (sì si va in testa, è come il mulino che sarebbe legalmente impossibile rimettere in servizio...)
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 11265
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1951

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da Ahmed » 29/09/22, 13:37

Non capisco l'opzione del buffer da 2000 L, visto che il flusso è abbondante?
0 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."

sicetaitsimple
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 8185
iscrizione: 31/10/16, 18:51
Località: Bassa Normandia
x 1477

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da sicetaitsimple » 29/09/22, 14:45

Jp47 ha scritto:Per una turbina/alternatore è purtroppo regolamentato con 5 anni di procedure amministrative e un costo enorme perché è necessario fare uno studio di impatto e pianificare numerosi sviluppi. 10 kW o 2 MW sono le stesse regole (sì si va in testa, è come il mulino che sarebbe legalmente impossibile rimettere in servizio...)


Giusto per capire dici:
- impossibile installare una turbina, troppo lunga, troppo costosa
- il mulino sarebbe impossibile da rimettere in servizio secondo le norme

Voglio credere. Ma cosa immagini un edificio che sarebbe conforme alle normative e non troppo lungo o costoso?
0 x
phil59
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1704
iscrizione: 09/02/20, 10:42
x 326

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da phil59 » 29/09/22, 16:39

I diritti sull'acqua sono speciali in Francia.

Anche per uso personale, non è consentito nemmeno mettere un generatore da 3 kW, mentre non rallenta nulla.....

Se è una cascata, penso che sia diverso....
0 x
hmmmmm, hmmmmmmmmmmmmm, uhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhmmmmmmmmm, eh, hmmmmmmmmmmmmm.

: Oops: : Cry: :( :shock:
Christophe
modérateur
modérateur
post: 74039
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 8731

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da Christophe » 29/09/22, 17:16

Ahmed ha scritto:Se a priori nulla si oppone a questo tipo di montaggio, resta la preoccupazione della regolazione: in determinati momenti il ​​compressore deve smettere di erogare energia, quando viene raggiunto il setpoint di temperatura dell'ambiente. Una frizione elettromagnetica potrebbe eventualmente svolgere questa funzione. Il problema della formazione di ghiaccio potrebbe essere aggirato utilizzando una pompa di calore acqua/acqua, ma questa è meno utilizzata...
Se il flusso è sufficiente, non sarebbe ancora più semplice collegare un generatore e installare stupidi tostapane?


+1 per la regolazione che necessariamente andrà meno bene che con un inverter elettronico!

Sì per l'accoppiamento a frizione farà una pompa di calore tutto o niente e beh è meglio di niente! : Cheesy:

Non sono uno specialista delle pompe di calore ma AMHA non credo che il ciclo di sbrinamento faccia capovolgere il compressore (impossibile su un compressore a spirale che si vede nella maggior parte dei gruppi freddi): inverte la direzione del fluido/gas. ..tramite un sistema di bypass pienamente compatibile con una pompa di calore "meccanica"...

Altrimenti, più semplice, prevedere lo sbrinamento...elettrico...con un sistema di fili antigelo o antigelo che si mettono su certi condotti di riscaldamento...questa credo sia la soluzione più semplice (per pochi kWh a anno...)...
0 x
Avatar de l'utilisateur
Forhorse
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2314
iscrizione: 27/10/09, 08:19
Località: Perche Ornais
x 250

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da Forhorse » 29/09/22, 21:05

Ho difficoltà a vedere quali normative possono vietarti di usare il movimento di una ruota idraulica/turbina per far girare un alternatore.

Ci sono dei passaggi se si vuole vendere la corrente prodotta in rete si, ma per un uso locale, se la mola aziona una mola o un alternatore non fa differenza.

Le norme sull'acqua saranno le stesse sia che il tuo mulino venga utilizzato per agitare il vento o per produrre elettricità.

Insomma, credo ci sia un malinteso sui regolamenti, e non è un impianto a gas che permetterà di aggirarli.
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 11265
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1951

Re: Pompa di calore ad energia meccanica




da Ahmed » 29/09/22, 21:43

Le norme sull'uso della forza motrice dell'acqua sono piuttosto draconiane: prima di montare qualsiasi cosa, è necessario ottenere il via libera dall'amministrazione, che richiede la prova che l'opera è antecedente alla Rivoluzione. È facile quando è figurato sulla mappa di Cassini, ma non tutto vi è rappresentato e spetta poi al proprietario raccogliere la prova di questa anteriorità... Ci sono anche limiti e vincoli aggiuntivi per lo sfruttamento di questo mulino, a seconda delle caratteristiche idrauliche del corso d'acqua al spesa di cui avviene l'astrazione (che è giustificata).
0 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "idraulica, eolica, geotermica, energia marina, biogas ..."

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 202