iniezione di acqua nei motori: informazioni di carattere generaleReattore Pantone, riflessioni personali

iniezione di acqua in motori a combustione interna e il processo "Pantone": Panoramica e informazioni generali. Ritagli e video.
Avatar de l'utilisateur
NLC
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2751
iscrizione: 10/11/05, 14:39
Località: Nantes

Reattore Pantone, riflessioni personali

Messaggio non luda NLC » 10/11/05, 15:46

Ciao a tutti! :D :D

Bene, ho scoperto da un amico il sistema pantone. Dal momento che 3 giorni non dormo più e non intendo il sistema per adattarlo al mio veicolo!

Ma prima di fare qualsiasi cosa, cerco di analizzare il più finemente possibile l'operazione per essere in grado di ottimizzarlo ed essere sicuro che funzioni la prima volta.

Ecco le mie riflessioni personali, che ho avuto cura di notare come e quando mi sono venute in mente le idee:

Riflessioni sul gorgogliatore:
---------------------------

- Deve essere garantito che durante i movimenti, gli spruzzi non possano essere aspirati dal reattore. È necessario proteggere l'uscita verso il reattore in modo che l'aria umida possa passare, ma non le gocce d'acqua.

- Il gorgogliatore deve produrre aria umida, non vapore acqueo. Penso che se il gorgogliatore produce vapore acqueo, c'è troppa acqua nell'aria perché il reattore faccia il suo lavoro. Inoltre, se c'è troppa acqua, il reattore si raffredderà e potrebbe riprendere.

- Affinché il gorgogliatore funzioni meglio, è necessario riscaldare l'acqua. Infatti, nell'acqua calda, le molecole vengono attivate e l'evaporazione è migliore. È noto che l'acqua calda evapora più velocemente dell'acqua fredda. D'altra parte, non è necessario che l'acqua bolle, altrimenti è a causa del vapore che esce dal gorgogliatore. Cosa sarebbe buono, sarebbe di regolare l'acqua del gorgogliatore ad una certa temperatura, ad esempio 90 ° C.

- C'è una buona probabilità che il gorgogliatore funzioni meglio se l'aria aspirata viene preriscaldata in anticipo

Riflessioni sul reattore:
----------------------------

- Non penso che il diametro dello stelo sia molto importante. Ciò che è importante è probabilmente la distanza tra lo stelo e il suo contenitore, che sembra essere tra 0.5 e 1.5mm. Penso che dobbiamo dimensionare il diametro della canna e il suo contenitore in base al flusso d'aria che vogliamo passare. Maggiore è la capacità cubica, maggiore è la quantità d'aria aspirata dall'aspirazione, quindi più aria umida deve essere fatta passare nel reattore, se vogliamo mantenere la stessa proporzione di aria normale / pantoné ad aria umida.

- È imperativo che i tubi di ingresso e di uscita del reattore siano più importanti della superficie tra l'asta e il suo contenitore. Penso che il diametro interno dei tubi di ingresso e di uscita deve essere lo stesso del diametro interno del reattore. In questo modo, ci sarà una buona depressione attorno allo stelo e una buona accelerazione dell'aria.

- Il reattore deve essere il più caldo possibile, quindi penso che dovrebbe essere il più vicino possibile all'uscita del motore. Penso che sarebbe una buona idea isolare termicamente il reattore dal tubo di scarico, in modo che la pentola + la testata non assorba il calore del reattore. Perché immagino che i gas di scarico siano molto più caldi del piatto stesso. Quindi, se siamo ben isolati, la temperatura del reattore sarà maggiore rispetto a quando siamo scarsamente isolati.

- Penso che per essere efficace, il reattore non deve aspirare troppa acqua, come ad esempio il vapore. Penso davvero che devi succhiare aria umida e non vapore. Dobbiamo quindi progettare il gorgogliatore.

- Penso che se è necessario che i gas di scarico circolino nella direzione opposta dell'aria del reattore, è più per ragioni di temperatura dell'aria all'uscita del reattore che per il magnetismo o non lo faccio sapere quale altra ragione. In effetti, l'uscita del reattore sarà teoricamente più calda dell'ingresso, poiché i gas di scarico si raffredderanno. Quindi, possiamo dire che l'aria aspirata dal reattore sarà riscaldata "delicatamente".
Esempi teorici:
Se l'ingresso del reattore è a 700 ° C e l'uscita a 800 ° C (circolazione nel reattore opposta ai gas di scarico):
L'aria che entra nel reattore si riscalda gradualmente e ha la possibilità di raggiungere una temperatura vicina a 800 ° C.
Ora se è l'ingresso del reattore che è a 800 ° C e l'uscita ha 700 ° C (circolazioni nella stessa direzione):
L'aria in entrata incontrerà improvvisamente 800 ° C, ma non può raggiungerla all'istante!
E poiché la temperatura del reattore diminuisce, non dovremmo essere in grado di avvicinarci il più vicino al 800 ° C come per il caso 1er.

- Rispetto al punto precedente, è possibile che più lungo il reattore e l'asta, meglio funziona:
Poiché riscalderemo gradualmente l'aria lungo tutto il percorso, allora è lungo, più ci avviciniamo alla temperatura dell'uscita del reattore. Inoltre, se l'attrito delle molecole sui muri provoca un'elettrificazione, e che questa elettrificazione è per qualcosa nel processo di pantone, penso che più a lungo si strofina, meglio è?

- Può essere necessario lasciare una certa distanza tra l'uscita del reattore e l'ammissione, in modo che l'aria umida pantonizzata si raffreddi un po 'e diventi più densa?

-----------

La mia teoria su come funziona il principio del pantone:

L'aria che entra nel reattore è carica di umidità, cioè abbiamo micro gocce d'acqua sospese nell'aria.
Al momento del passaggio intorno all'asta, tutta l'aria è montata ad alta temperatura (senza l'asta, l'aria al centro del reattore non scalderebbe tanto quanto l'aria che sfrega contro il bordo).
Penso che alzare l'aria ad alta temperatura consenta di rompere le micro particelle d'acqua in particelle più piccole, forse in molecole d'acqua. Forse se c'è l'elettrificazione a causa dello sfregamento, aiuta ancora di più a rompere le microdrops.
Penso che in questa fase i mollecoli d'acqua non siano ancora incrinati.
Quindi quest'aria si mescola con l'aria ambientale ed entra nel cilindro. Penso che sia al momento dell'esplosione del carburante, mentre la temperatura sale molto in alto, che l'acqua si spacchi e si trasformi in idrogeno + ossigeno, e partecipi quindi all'amplificazione della combustione, così da ottenere energia e in particolare consentono una combustione più completa (quindi meno inquinamento).

--------

Piccola riflessione sul gorgogliatore:

Penso che il massimo delle ottimizzazioni possibili sarà fatto sul gorgogliatore e sulla strada per portare l'uscita del reattore all'ammissione del motore.
Perché l'obiettivo del gioco sarebbe che il motore ingerisca l'aria massima proveniente dal reattore ...

Per il gorgogliatore e il montaggio attuale, c'è qualcosa che m'chiffone. Ecco un diagramma molto semplificato:

Immagine

Ci vorrà una certa forza di aspirazione per essere in grado di aspirare aria in questo tipo di gorgogliatore, perché per aspirare l'aria è necessario creare una depressione sufficiente in modo che il livello di acqua nella presa d'aria diminuisca fino a quando sotto, in modo che possa entrare una bolla d'aria.
È per questo motivo che su determinati siti, raccomandano di chiudere l'ingresso d'aria di origine, di avere un'aspirazione sufficiente nel gorgogliatore e di provocare il gorgoglio.

La mia idea sarebbe: non è il motore per aspirare il gorgogliatore d'aria, ma spetta a noi fornire quest'aria!
In questo modo, potremmo anche fornirgli più aria di quanto ne abbia bisogno, solo per essere sicuro che sia alimentato forzatamente!
Poiché mi sento a mio agio con questo sistema di gorgogliamento corrente, un motore al minimo non aspira abbastanza aria attraverso l'aspirazione per causare abbastanza depressione e gorgogliamento. E per i viaggi in città, siamo spesso al minimo, quando aspettiamo ai semafori o negli ingorghi, quindi sarebbe necessario che anche al minimo il motore venga alimentato con aria panton.

Per questo, la mia idea è di inserire una pompa d'aria tra il reattore e il filtro dell'aria. È lei che aspira l'aria nel gorgogliatore attraverso il reattore e fornisce quell'aria al motore.
Potremmo quindi scegliere elettricamente il flusso d'aria che vogliamo inviare al motore. E con una pompa, è più il motore a risucchiare quest'aria, siamo noi a fornirlo.
L'assemblaggio sarebbe ancora più semplice, basterebbe collegare l'uscita della pompa quasi ovunque dopo il filtro dell'aria, senza che sia necessario chiedere se aspiriamo abbastanza nel gorgogliatore.
Con questo sistema non sarebbe necessario chiudere l'ingresso dell'aria originale.

Il grande vantaggio della pompa è che per ogni veicolo è possibile calibrare il flusso minimo per il minimo e il flusso massimo. Quindi semplicemente ruotare la pompa più o meno velocemente per regolare il flusso.

Inoltre, quando l'acqua è fredda nel gorgogliatore o, ad esempio, se il reattore non è caldo (possiamo considerare i sensori), basta non far funzionare la pompa e il pantone è inattivo!

Essendo un programmatore elettronico e un sistema informatico, non mi spaventa affatto per fare una sorta di calcolatrice ad iniezione di pantoné!

------

Installazione sul mio veicolo:

Voglio installare questo sistema sulla mia macchina. È una fase laguna I di 98, motore a benzina 2.0L, 115ch. Tutta la gestione del motore è fatta da una calcolatrice, ma non penso che sia un problema, penso che sia un vantaggio. Ti spiego perché:

L'auto ha un computer di bordo che mi dà informazioni sul consumo in tempo reale (sarà pratico provarlo!).

Ora faccio un esempio concreto, diciamo che sono stabilizzato a 100km / h su una strada piana.
Il consumo in tempo reale mi mostra 6.2L / 100km e rimane estremamente stabile se non muovo il piede dell'acceleratore. Ora, se la strada scende, e io non muovo il pedale dell'acceleratore, l'auto sta guadagnando velocità, il motore si trasforma, ma il consumo diminuisce leggermente. Normale poiché il computer rileva che l'auto è meno carica, quindi inietta meno carburante.
Ora, se in discesa mi alzo per restare a 100Km / h, poi il consumo cala bruscamente, perché l'auto è ancora meno carica.

Quindi mi dico che sul piatto, stabilizzato ad una certa velocità, e il sistema di pantone ha iniziato, la macchina tenderà ad avanzare di più, e mi troverò nello stesso caso della discesa: o non sollevo il piede, e la macchina sta guadagnando velocità consumando lo stesso o anche un po 'meno, o mi alzo e lì consumo meno.

Quindi non penso che il sistema pantone sia incompatibile con le iniezioni elettroniche.

Ho studiato la documentazione tecnica della mia auto e l'iniezione è regolata grazie ai seguenti parametri e sensori:
- Temperatura dell'acqua (per sapere se il motore è caldo)
- Temperatura dell'aria al momento del ricovero
- Depressione nel collettore di aspirazione (per calcolare il carico dell'auto penso)
- Posizione dell'acceleratore (quindi l'acceleratore)
- Sonda lambda

Il sistema di pantone influenzerebbe quindi la temperatura dell'aria al momento del ricovero. Poiché l'aria sarà più calda, la calcolatrice dovrebbe dedurre che l'aria è meno densa e regolerà la ricchezza iniettando meno benzina.

L'unico problema possibile è la sonda lambda. Sembra che con il sistema a pantone, il motore rifiuti molto ossigeno. La sonda lambda farà quindi credere alla calcolatrice che la miscela sia troppo povera e quindi dovrebbe iniettare più benzina.

Può essere che la calcolatrice non sia troppo e sia in modalità predefinita. Finalmente vedremo, se è il caso, armeggiare con la sonda lambda per dire alla calcolatrice che tutto è ok.

Altrimenti ho messo la mia auto sul ponte questo pomeriggio (il mio bel padre è un meccanico, aiuta)))

Per posizionare il reattore, non ho possibilità 36, dovrebbe essere messo al posto del catalizzatore.
Ho lo scarico 4 dalla testa del cilindro che si incontra in una Y almeno 60cm della testata.
Quindi non posso mettere il reattore il più vicino possibile. Subito dopo la Y, ho la sonda Lambda.

E dietro la sonda lambda, ho una curva, poi 30 cm di distanza il catalizzatore.
Non posso toccare il tubo che si trova tra la Y e il catalizzatore, perché è lui che integra la sonda lambda, e sarebbe troppo lavoro, perché tutta questa parte è tra il cockpit e il motore, quindi completamente inaccessibile.

Quindi non ho scelta, devo mettere in atto il catalizzatore. Il grande vantaggio è la semplicità di rimuovere / ripristinare il reattore, perché ci sono viti 5 da svitare! E c'è abbastanza spazio per fare qualcosa di pulito.
Con contro spero che sarà piuttosto caldo :?

Bene, spero che tu abbia raggiunto la fine del mio romanzo e tu non sei troppo assonnato :D :D :D :D

Potresti darmi la tua opinione sulle mie ipotesi e idee?

A bientot
Dernière édition par NLC il 16 / 11 / 05, 19: 27, 1 modificato una volta.
0 x

Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 9

Messaggio non luda Andre » 10/11/05, 17:09

Ciao NLC

quando si parla di lettura del modello di consumo
la base di questo calcolo è la durata degli impulsi agli iniettori, in funzione del tempo e del numero di iniettori, potrebbe esserci un leggero errore quando il filtro benzina inizia a persistere così lievemente una mancanza di iniettori di pressione, ma in Insieme sono misure affidabili.
Se hai un oscilloscopio a portata di mano misurerai il segnale della sonda lambda attualmente in funzione e quando aumenterai l'acqua vedrai la differrence, il segnale e il corrugato c, è una media, è un segnale molto fluttuante operazione. Ho rinunciato a spendere molta energia per modificare questo segnale, ma se sei nel business vai nel computer qualche modello è riprogrammabile e il segnale è collegato ad un + 1,4 lo fa e determina il rapporto, solo avere l'opportunità di cambiare questa tensione, per cambiare il rapporto
Come tutti i sistemi ad anello, le sonde combattono una tensione e quando è a zero il sistema è in equilibrio. Se lavori nella strumentazione sai tutto questo ....
Andre
0 x
Avatar de l'utilisateur
NLC
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2751
iscrizione: 10/11/05, 14:39
Località: Nantes

Sì, questa sonda lambda non mi fa paura

Messaggio non luda NLC » 10/11/05, 17:28

Se mai pone un problema, lo accendo e mando alla calcolatrice la giusta tensione che gli dirà che la miscela è ok.

Altrimenti cosa ne pensi della mia idea di pompa d'aria, per evitare di dover armeggiare un venturi sull'ammissione e cercare di fare aggiustamenti?

Almeno non è più il motore che si risucchia anche il pantheon d'aria, è il sistema che lo fornisce.

Ovviamente si complica un po 'perché aggiungiamo elettronica, ma penso che a lungo termine, una scatola di iniezione pantone sarebbe buona.

La mia idea è anche quella di riscaldare l'acqua del gorgogliatore con una resistenza al calore. Possiamo quindi regolare la temperatura che vogliamo ° C vicino e, soprattutto, semplifica il montaggio, non c'è bisogno di deviare l'acqua di raffreddamento!

Altrimenti sulla mia auto, non sarò in grado di realizzare una distanza di reattore / ammissione inferiore a 1m o 1m20.

Non è un po 'troppo? :? :?
0 x
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 9

Messaggio non luda Andre » 10/11/05, 19:41

Rispondi al nick
Vedo che non hai mai messo un oscilloscopio su una sonda Lambda
non è un potenziometro o una termocoppia, la sonda genera un segnale ondulato che sta scricchiolando come uno squelch in radio o in una polarizzazione
in linguaggio elettronico, non è una tensione semplice, è la prima cosa che ho provato a sostituire la sonda.
Quando mettere una pompa per aspirare il panton è fattibile con una piccola pompa a palette, deve essere resistente al calore e richiede lubrificazione, (vita breve)
Comunque con i motori turbo è un po 'come quello che fa aspirare nel reattore una piccola parte di quello del motore a valle.
a basse velocità non dà molto a usare il reattore, manca chiaramente il calore soprattutto su un diesel.

Dobbiamo trovare modi semplici per far funzionare il reattore, e usare l'energia termica persa, non credere che in un gorgogliatore si riscaldi e sia finita, il che consuma molto calore è il fatto che il acqua evaporante che rinfresca tutto il bazard
e ci vuole molto calore per mantenere questa evaporazione (a freddo)
Per un gorgogliatore che funziona con olio motore, una torcia a propano (il piccolo blu che è disponibile in commercio) non è sufficiente a mantenere una temperatura di gorgogliatore per 125cc, ti dà un'idea di il calore richiesto per un'automobile.
Piccoli consigli occorrono una settimana per realizzare un montaggio su un piccolo motore prima di imbarcarsi su un'auto, ho combattuto per anni 3 su un piccolo motore e ho pensato di sapere tutto, quando ho fatto il montaggio sulle auto, Ho visto che avevo molto da imparare, drogare, l'acqua è una storia diversa da percorrere con i combustibili, solo il principio che rimane lo stesso, con alcune varianti.

Andre
0 x
Avatar de l'utilisateur
NLC
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2751
iscrizione: 10/11/05, 14:39
Località: Nantes

Messaggio non luda NLC » 10/11/05, 19:57

Sisi, alla base la sonda lambda rilascia una tensione, che rappresenta il livello di ossigeno presente nei gas di scarico.

Ma il fatto è che questo sensore non è affatto lineare, poiché la ricchezza aumenta un po ', come 14 / 1, la tensione del sensore aumenta bruscamente.
Idem nell'altra direzione, se la ricchezza diminuisce un po ', come 15 / 1, anche la tensione diminuisce drasticamente.

Ecco perché la tensione che hai misurato oscilla e sembra un'onda quadra. Perché il sistema non può regolare correttamente con questo tipo di sensore. In effetti funziona quasi tutto o niente. Se la calcolatrice rileva una miscela troppo povera, difficilmente lo arricchirà che la sonda lambda si accenderà dall'altra parte. E al contrario.

Ecco la curva operativa di una sonda lambda:

Immagine

È chiaro che il minimo cambiamento nel contenuto di ossigeno modifica notevolmente la tensione di uscita.

Ora credo che le sonde lambda siano più costose, ma sono più lineari e consentono una vera regolazione. Qui siamo più nel tutto o niente. (quindi i segnali quadrati)
0 x

Avatar de l'utilisateur
zac
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 1446
iscrizione: 06/05/05, 20:31
Località: Piton St Leu
x 2

Messaggio non luda zac » 10/11/05, 20:19

Ciao nlc Ciao Andrew
Prima di prendere l'iniziativa, guarda le soluzioni semplici. : Lol:
Forniture varie tutti hanno i loro vantaggi e svantaggi, reso semplice per débuter.Il sono 2 1 punto primordiale: una temperatura sufficiente per il reattore "si blocca" .2: buona pressione nel reattore. :P
Dopo, quando hai rispettato questi punti 2 e che funzionerà, sarai in grado di evolvere il sistema con l'elettronica o altro !!!!
Per l'evoluzione del sistema preferisco un sistema semplice che funzioni sempre (anche con una resa media) : Wink: che un super sistema che viene eseguito una volta ogni tanto (con una grande prestazione) e che ci fa sembrare pagliacci il resto del tempo. : Cry:
Per quelli che cavalco prometto un sistema anti-inquinamento, per il resto gli aderenti si vedono i benefici.
A vostra disposizione per qualsiasi tubatura.
@+
zac
0 x
Avatar de l'utilisateur
NLC
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2751
iscrizione: 10/11/05, 14:39
Località: Nantes

Messaggio non luda NLC » 10/11/05, 20:22

Per andré:

Per il riscaldamento elettrico del gorgogliatore, non pensavo che l'evaporazione dell'acqua potesse consumare tanta energia!
Quindi rimarrò per un momento su un gorgogliante riscaldato dall'acqua di raffreddamento.
0 x
Avatar de l'utilisateur
NLC
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2751
iscrizione: 10/11/05, 14:39
Località: Nantes

Messaggio non luda NLC » 10/11/05, 20:32

A zac:

Esattamente, ho esposto la mia idea riguardo alla pompa perché proprio è (secondo me) più semplice.
E sì, non ci sarebbero tatuaggi da eseguire per trovare il modo giusto per avere un'aspirazione efficace nel gorgogliatore. Né per regolare un venturi sull'ammissione, ecc ...

Per me la pompa sembrava più semplice, perché collega la sua uscita all'ingresso dell'ammissione senza domande, senza bisogno di venturi o altro, dal momento che è la pompa che crescerà con il flusso che vogliamo l'aria pantonata. E non c'è bisogno di una valvola o di un'elettrovalvola se si vuole tagliare il sistema, basta semplicemente spegnere la pompa.

Ma comunque, come ha detto Andre, penso che sarà difficile trovare una pompa adeguata ...

La mia preoccupazione per ora è il reattore :(
Dovrò trovare il modo ideale per montarlo.

La prossima settimana scruterò una pagina del documento tecnico della mia macchina, su cui c'è il piano di fuga.

Forse puoi consigliarmi sulla posizione più adatta.
Perché immagini che non voglio rovinare i silenziatori 36;)
Mettere il reattore al posto del catalizzatore sarebbe buono, ma sembra un po 'lontano dalla testata :?

In ogni caso, ti terrò informato sui progressi della mia installazione. Proverò a testarlo al più presto, sono stufo di essere un latte vaccino! : Twisted:
0 x




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "iniezione di acqua nei motori: informazioni di carattere generale"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 2