Giardino naturale

Organizzare e organizzare il vostro giardino e orto: ornamentali, paesaggio, giardino selvatico, materiali, frutta e verdura, orto, fertilizzanti naturali, rifugi, piscine o piscina naturale. piante e colture a vita nel vostro giardino.
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 10929
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1731

Giardino naturale




da Ahmed » 03/06/22, 23:24

Biologia vegetale, so molto, eppure rimango un povero giardiniere, ma mi prendo cura il più possibile di me stesso, almeno ci provo perché è importante sotto molti aspetti. Non pretendo di sostituire Fatto, proprio quello di offrire uno spazio di discussione a tutte le pratiche senza esclusione, purché si rimanga in modalità rispettose del vivere.

Apro questo thread con un pensiero sul diserbo delle carote nella fase giovanile...
Da diversi anni produco carote con risultati molto variabili. Adesso capisco meglio alcuni dei miei fallimenti. Un problema che mi ha limitato a lungo nelle mie ambizioni di carota è il diserbo in linea proprio all'inizio dell'emergere delle giovani carote. Ho provato la copertura con terriccio sterilizzato mediante compostaggio: è un buon sistema, ma il mio stock di terriccio non è più sterile... Esiste anche la tecnica della semina fax, ma il suo principio mi sembra piuttosto delicato da applicare. Quest'anno mi sono detto che avrei esercitato l'ustione sulla lenza poco prima dell'emergenza. Ciò che mi ha dato questa idea è stata la scoperta nel mio bazar di un semplicissimo diserbante termico a gas (con cartuccia); C'è stato un tempo in cui questo aggeggio veniva venduto per pulire vialetti e pavimentazioni, un uso per il quale era notevolmente inefficace, motivo per cui può essere facilmente reperito alle vendite di garage... La realtà è che lo shock può solo distruggere le erbacce in fase di semina ed è lì che ho visto il vantaggio di un attrezzo leggero, per un rapido passaggio sul filare. Prima di ieri, prima applicazione, piuttosto incoraggiante. La mattina dopo osservo i risultati e noto che alcune piantine sono state risparmiate a causa di un'applicazione maldestra: torno sui luoghi interessati e questa mattina è tutto tostato. Tutto questo per pochissimo tempo e gas (su quest'ultimo punto, i fanatici della carota o, più seriamente, i semiprofessionisti possono collegare la macchina a una piccola bombola portatile e ricaricabile), mentre è un lavoro altrimenti noioso e molto noioso se fatto a mano . Allego una foto, non necessariamente molto nitida: è scattata di fronte alla fila; a sinistra ea destra vediamo le giovani erbacce e notiamo la loro assenza sulla linea (al centro); potete vedere alcune piante di carota apparse stamattina (per fortuna, questa operazione è stata un'ispirazione improvvisa da parte mia, perché stavo iniziando a preoccuparmi della svolta degli eventi).
IMG0097A.jpg
IMG0097A.jpg (432.71 KB) visto volte 533
2 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."

Avatar de l'utilisateur
Obamot
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 23559
iscrizione: 22/08/09, 22:38
Località: regio genevesis
x 4221

Re: Giardino naturale




da Obamot » 04/06/22, 02:13

Solo i miei due centesimi di contributo: avere all'epoca una trama con un po' troppe “larve bianche” per i miei gusti (quelle che attaccano le radici ovviamente), e prima di aver capito quali erano innocue: ho usato un metodo di “sterilizzazione la terra" sulla superficie, che valeva quel che valeva (ammesso che sterilizzasse qualcosa :) ) si trattava di mettere al sole un vassoio di ferro con uno o due cm di terriccio alla volta, e di attendere che fosse completamente asciutto, e quindi molto asciutto, e una volta "così solarizzato", di metterlo in un terriccio vuoto sacchetto e riposto in un luogo asciutto...

L'altra faccia della medaglia (come sa chi rigenera l'argilla verde) è che alle prime piogge il terreno così "trattato" torna molto fertile, perché la struttura "areata" in profondità offre ai giovani germogli un terreno favorevole per sviluppare i loro radici e ancorarsi (mantenere anche l'umidità ed evacuare l'acqua in eccesso).

Avevo quindi ingenuamente, per tentativi ed errori, ottenuto un certo successo del genere, con più o meno successo nel tempo, e se avessi esaurito una lampada a gas prima di aggiungere terriccio trattato in superficie (facendo l'ombra desiderata salute che smettesse di schiudersi e crescita), quindi si mette una leggera pacciamatura* lasciando passare i germogli desiderati ed essendo addizionati al terreno “sterile” trattato, magari solo per la durata del “nessuna terra avventizia” sarebbe poi durato più a lungo, il tempo necessario?

Ho poi cambiato metodo disponendo 2 file di assi inclinate a “V” ai lati delle piantine (ma in leggera pendenza), disponendomi così in modo che quando arrivava la pioggia (o l'irrigazione) l'acqua scorreva su entrambi i lati dell'asse delle piantine, e imbrogliando in questo modo, quasi nessun seme poteva volare e venire a giocare a guastafeste vicino ai fragili germogli.

* con qualcosa di diverso dalla paglia contenente semi...
0 x
— “I fallimenti potranno sempre trarre piacere dalla loro “ratitudine” (perché sono anche topi...)!” (– Cristoforo 1°) 15/06/22
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 10929
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1731

Re: Giardino naturale




da Ahmed » 04/06/22, 08:27

Normalmente sarebbe stato inutile effettuare un trattamento termico prima di stendere il vostro terriccio sterilizzato: le piantine ricoperte sarebbero state distrutte ricoprendo...
I letti sono una buona idea, ma un po' laboriosa per i miei gusti: da riservare a piccoli spazi... Io pratico in modo sostanzialmente simile seminando sistematicamente in solchi; contribuisce al buon allineamento dei semi (almeno per quelli più grandi), segna i solchi prima dell'emersione e poi permette una leggera scalzatura (in questo caso semplice livellamento) oppure anticipa una vera falciatura e quindi effettua il diserbo per copertura. L'altro vantaggio, come si nota, è quello di dirigere l'acqua, possibilmente la pioggia (se è abbastanza forte), ma soprattutto di convogliare l'acqua dall'annaffiatoio.
Il "segreto" del successo delle carote e di altri piccoli semi a lenta germinazione, come il prezzemolo, è di coprire poco, perché la loro riserva energetica è scarsa e non sarebbero in grado di attraversare 3 cm di terreno (un amico ha appena mancato il suo piantine di conseguenza), ma allo stesso tempo (sic), non devono seccarsi mentre in superficie sono direttamente esposte al sole. Ciò richiede quindi annaffiature regolari o, per piccole aree, coperture con assi o altro per mantenere l'umidità; in quest'ultimo caso monitorare attentamente l'emergenza, altrimenti l'effetto diserbo è garantito!
0 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
Obamot
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 23559
iscrizione: 22/08/09, 22:38
Località: regio genevesis
x 4221

Re: Giardino naturale




da Obamot » 04/06/22, 11:00

Sì, un orto non molto grande! Era proprio una “strategia” leggermente diversa per il prezzemolo, anzi...! Le assi in questione, piuttosto sottili, erano state recuperate da un giroletto “Futon” gettato via. In questo caso non a forma di “v” ma adagiato su un vecchio telo umido a strapiombo sulla piantina, sia tagliando i raggi solari sia preservando l'umidità prima che i fragili germogli emergano. Impedendo anche agli uccelli di banchettarne prima del tempo...

Sono esperienze emozionanti come queste, di osservazione della natura, quasi più divertenti della vendemmia stessa, c'è sempre un po' di suspense! E quando ce lo possiamo permettere quando l'orto è un “passatempo” sicuramente molto utile per la salute, sviluppa la comprensione del mondo e dell'umanità, e resta uno svago e perfino un lusso, purché non preveda direttamente la sopravvivenza della piccola famiglia ! Ma veniamo coinvolti nel gioco, vogliamo sempre fare un po' di più. Diamo... ecc.

Ci mette anche a confronto con i nostri limiti con umiltà, ad esempio non ci sono mai riuscito con i peperoni, che vengono letteralmente divorati prima ancora che siano stati in grado di svilupparsi abbastanza da valerne la pena raccoglierli...
Un po' più di fortuna con basilico o melanzane, ma non sempre :P
1 x
— “I fallimenti potranno sempre trarre piacere dalla loro “ratitudine” (perché sono anche topi...)!” (– Cristoforo 1°) 15/06/22
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 10929
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1731

Re: Giardino naturale




da Ahmed » 05/06/22, 09:45

Per quanto riguarda il prezzemolo è un seme lungo e abbastanza capriccioso da germogliare: un anno l'ho provato 3 volte prima di riuscirci. Alla fine ho rovesciato un pezzo di gronda sulla linea di semina e sigillato le estremità con terriccio: risultato impeccabile! Senza fare nulla, anche i semi di queste piante, molto più tardi, hanno invaso i miei letti di fragole, quindi la natura è fantastica.
Stasera, 7 mm di pioggia, al momento è un record ed è davvero gradito... 8)
In questo momento è la fine della prima fioritura delle fragole, ma la mancanza d'acqua, nonostante l'irrigazione, significa che attualmente i frutti sono mediamente piccoli. Avrò l'opportunità di tornare su questa cultura piuttosto speciale e sulle strategie che possono essere sviluppate...
2 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."

izentrop
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 10145
iscrizione: 17/03/14, 23:42
Località: Picardie
x 852
Contatti:

Re: Giardino naturale




da izentrop » 06/06/22, 00:00

I colpi della torcia diserbo, bla.

Lavoro le mie tavole in inverno prima dell'inizio della vegetazione. Un colpo di "biogrif 5 denti" ogni 40 cm, poi con una zanna rompo le zolle ed estraggo un massimo di radici (ortiche, convolvolo...)... niente olio.
Il compost e il legno triturato delle mie potature hanno migliorato il terreno che originariamente era molto argilloso.

Do un colpo più veloce prima di piantare e seminare e si sporca di nuovo. Le piogge invernali sembrano penetrare meglio nel terreno. Il terreno rimane umido in profondità, meglio che nei luoghi non arati.
Io non semino carote, visto il loro prezzo sul mercato e ho la possibilità di spigolarne alcune, invece per 2 anni mi mancavano le mie piantine di pastinaca...

Faccio anche un solco in un terreno allentato in profondità ma non super raffinato.
Quest'anno ho impacchettato nel solco prima di seminare abbastanza duramente...
Coprire i semi con un sottile strato di terriccio raffinato, quindi compattare nuovamente con il bordo del piede.
Innaffiature abbondanti in modo che rimanga umido in profondità e il miracolo, superba emergenza.
Il segreto è l'intimo contatto con la terra. : Wink:
Devo anche migliorare la mia pre-semina nel vivaio indoor, molte perdite dovute alla putrefazione dei semi. Alcuni semi sono molto sensibili ad esso.
Quest'anno sono orgoglioso dei miei lamponi, che attualmente raccolgono tra i 500 gr e 1 kg al giorno...

Il resto della terra è lasciato il più selvaggio possibile tranne che per i sentieri sgomberati...

Senza arrivare a questo risultato, che deve richiedere molto lavoro
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 10929
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1731

Re: Giardino naturale




da Ahmed » 06/06/22, 10:36

Izy, Lei scrive:
Il colpo della torcia diserbo, bla.

Si tratta però di una tecnica comunemente usata dai professionisti... Inoltre, la preparazione preliminare di cui parli (e che è sorprendentemente simile alla mia!* :P ) non riguarda la ricrescita spontanea dei semi delle infestanti che è più veloce di quella delle carote...
Inoltre, scrivi:
Il segreto è l'intimo contatto con la terra. : Wink:

Ecco, sono disperato di essere interamente della tua opinione! : Oops: Tamponare bene il terreno nel solco prima di seminare piccoli semi (io ho armeggiato con un torchio a fondo solco apposta per questo scopo) e classica farcitura con rastrello dopo la copertura (molto sottili, sempre nel caso semi piccoli con basse riserve energetiche** ).

* Metterei una foto dei miei strumenti che sono di base, ma "personalizzati" per renderlo più efficiente.
** Torniamo alla termodinamica! : Wink:
1 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."
Janic
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 16323
iscrizione: 29/10/10, 13:27
Località: Borgogna
x 2050

Re: Giardino naturale




da Janic » 06/06/22, 10:46


migliore e più efficace della grelinette: il coccodrillo!
quest'ultimo, utilizzato solo nel raschiamento del terreno, permette un progressivo sgretolamento dello strato superficiale (se lasciato a compimento, senza formare zolle/
Quindi su terreno duro: passare il coccodrillo senza forzarlo in profondità, ricoprire con erba pacciamante, ricominciare il giorno successivo o i giorni successivi, il coccodrillo scenderà da solo ogni volta un po' più in profondità senza doversi sbriciolare. Come detto ciò aera il terreno senza sconvolgere gli strati di progressiva decomposizione delle coperture pacciamante. Ideale per carote lunghe e non biforcute e per diserbo facile!
1 x
"Facciamo scienza con fatti, come fare una casa con le pietre: ma un accumulo di fatti non è più una scienza che un mucchio di pietre è una casa" Henri Poincaré
sicetaitsimple
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6972
iscrizione: 31/10/16, 18:51
Località: Bassa Normandia
x 1098

Re: Giardino naturale




da sicetaitsimple » 06/06/22, 11:54

izentrop ha scritto:I colpi della torcia diserbo, bla.
......
Non semino carote, visto il loro prezzo sul mercato e ho la possibilità di spigolarne alcune,


Se non semini carote, il diserbante termico non ti è molto utile! : Lol:
Ma confermo che è una soluzione utilizzata da professionisti, non l'ho praticata ma l'ho vista sui video di Jean-Martin Fortier.
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 10929
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1731

Re: Giardino naturale




da Ahmed » 06/06/22, 12:29

Potrebbe comunque tornargli utile se seminasse prezzemolo, anche se le lunghezze non sono paragonabili per l'uso familiare...
1 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Giardino: paesaggio, piante, giardino, stagni e piscine"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 8