Il carbonio rilascia terra

Libri, programmi televisivi, film, riviste o musica da condividere, consigliere di scoprire ... Parla con notizie che interessano in alcun modo la econology, l'ambiente, l'energia, la società, il consumo (nuove leggi o standard) ...
The Passing
x 17

da The Passing » 09/09/05, 10:46

Source: <a href='http://www.lemonde.fr/web/article/0,1-0,36-687034,0.html' target='_blank'>http://www.lemonde.fr/web/article/0,1-0,36...6-687034,0.html</a>

(Copio l'articolo perché non sarà disponibile tra un mese)

Tra 1978 e 2003, in Inghilterra e Galles, la Terra ha rilasciato nell'atmosfera una media annuale di 13 milioni di tonnellate di CO2
Sotto l'effetto del riscaldamento, i suoli rilasciano carbonio
IL MONDO | 08.09.05 | 14:08 pm • Aggiornato il 08.09.05/14/08 | XNUMX:XNUMX

Un circolo vizioso. Il processo che i ricercatori britannici descrivono nell'edizione di settembre della rivista Nature 8 September è motivo di preoccupazione. Indica che il riscaldamento globale sta portando in alcuni ecosistemi a risposte che portano direttamente al suo peggioramento. Pat Bellamy, Peter Loveland e tre colleghi del suolo nazionale Resources Institute (Cranfield University) hanno misurato la quantità di anidride carbonica (CO2) pubblicato da terreni in Inghilterra e Galles tra 1978 e 2003. Brutta sorpresa: durante questo periodo e come risultato dei cambiamenti climatici, circa 13 milioni di tonnellate di carbonio l'anno sono fuggiti e sono stati rilasciati in atmosfera.

Il pericolo di rimboschimento della tundra

Come risultato del riscaldamento, la copertura vegetale nelle regioni artiche del Canada, dell'Alaska e della Russia è in continuo aumento. Come diversi studi hanno dimostrato, questo processo comporta, attraverso la sintesi di nuove biomasse, un grande deposito di carbonio. I lavori pubblicati giovedì, settembre 7, nel Journal of Geophysical Research esplorano un altro aspetto di questi sconvolgimenti. Secondo questo studio, la crescita accelerata degli arbusti della tundra modifica la copertura nevosa invernale di queste vaste aree. In cambio, l'indice di riflessività (o albedo) di queste regioni cambia: riflettono meno luce solare e assorbono più energia. Ciò che sconvolge un fragile equilibrio energetico, spiega gli autori dello studio e promuove, ancora di più, la crescita delle piante.

Anche l'eccesso di energia assorbita dalla tundra durante l'inverno libererà una parte del carbonio immagazzinato nel terreno. Infine, la ridotta copertura nevosa in queste regioni potrebbe aiutare a modificare l'albedo medio della Terra e contribuire direttamente al suo riscaldamento.

Tali perdite di carbonio sono "allarmanti", commentatore della natura Annette Freibauer ed Ernst-Detlef Schulze scrivono biogeochimici al Max Planck Institute. In confronto, le attività umane nel Regno Unito generano circa 150 milioni di tonnellate di carbonio equivalente.

Il CO2 rilasciato dal terreno aggiunge a questo bilancio. Peggio: secondo le stime dei ricercatori, queste perdite non riconosciute corrispondono a "tutte le riduzioni delle emissioni di CO2 raggiunte dal Regno Unito tra 1990 e 2002". Ciò annulla l'effetto delle misure adottate attraverso la Manica per ridurre le emissioni di gas serra.

Inoltre, il protocollo di Kyoto non tiene conto delle variazioni degli stock di carbonio organico nei terreni. Ernst-Detlef Schulze e Annette Freibauer avvertono che "un'efficace politica climatica dovrà, in futuro, prendere in considerazione tutte le fonti di carbonio" evitando nel contempo il rilascio di scorte nell'atmosfera. esistente nella biosfera.

"ZONA DI PINO"

Sorprendente, la stima proposta dai ricercatori britannici è tuttavia considerata "molto solida" da Dominique Arrouays, direttore dell'unità Infosol dell'Istituto nazionale di ricerca agricola (INRA). Tuttavia, spiega, "gli scienziati sospettavano che una delle potenziali fonti di rilascio di carbonio nel suolo fosse situata nei paesi dell'emisfero settentrionale, nelle zone di torba che si trovano anche in le regioni circumpolari ".

Secondo gli autori dello studio, la causa principale è l'aumento della temperatura dovuto al riscaldamento globale. Questo accelera i meccanismi di mineralizzazione che trasformano il carbonio organico immagazzinato nel terreno in CO2.

I cambiamenti nell'uso e nello sfruttamento della terra negli ultimi venticinque anni sono, senza dubbio, anche da biasimare. Ma i ricercatori non hanno dati sufficientemente precisi sull'evoluzione delle pratiche agricole (drenaggio del suolo, conversione in erba, ecc.) Tra 1978 e 2003 per decidere. "La diminuzione del contenuto di carbonio evidenziata riguarda principalmente i pascoli, le torbiere e le aree montane, ma secondo Arrouays, anche le aree coltivate sono colpite, ma in misura minore".

Sebbene limitato a Inghilterra e Galles, questo lavoro è di cruciale importanza. Su scala globale, i suoli conservano una quantità stimata a 300 volte la quantità di carbonio rilasciata ogni anno dalla combustione di combustibili fossili (petrolio, gas, carbone). Nello strato di terreno vicino alla superficie sono memorizzati residui organici di piante, animali, ecc., Composti principalmente di carbonio.

Il fenomeno evidenziato in Inghilterra e Galles non può, tuttavia, essere generalizzato all'intero pianeta. Lontano da questo. "I terreni studiati, molto torbosi e particolarmente ricco di carbonio, si trovano solo nelle condizioni climatiche di freddo e umidità, detta Arrouays. Le terre trovati in Francia e Mediterraneo sono, per esempio, molto meno ricco di materia organica. " Sono quindi molto meno propensi a rilasciare un surplus di CO2 nell'atmosfera. "La tendenza non è univoca", afferma Arrouays, "In altre aree, le scorte di carbonio possono essere aumentate a causa dei cambiamenti climatici".

6 000 CAMPIONI

Estrapolare la situazione riscontrata in Gran Bretagna con regioni suolo comparabili è anche pericoloso: la stabilità della sostanza organica memorizzato dipende non solo la qualità dei terreni, ma anche da fattori come l'intensità del riscaldamento globale misurata localmente, utilizza e pratiche agricole, possibili cambiamenti nelle precipitazioni, ecc.

Misure paragonabili a quelle condotte dall'Istituto nazionale delle risorse del suolo non possono essere condotte in tutti i paesi. Si basano, infatti, su una fitta rete di territori. È grazie a questa rete che i ricercatori sono stati in grado di studiare le variazioni nel contenuto di carbonio dei campioni rappresentativi 6 000 della composizione del terreno. Hanno poi estrapolato le loro misure a tutto il territorio.

Tale rete di monitoraggio del suolo viene dispiegata in Francia da un gruppo di interesse scientifico (GIS) che riunisce il Ministero dell'Ecologia, il Ministero dell'Agricoltura, l'Ademe, l'Istituto francese di ambiente (IFEN) e INRA. Questa rete ora copre 40% del territorio e deve essere finalizzata in 2007. Una volta completato, permetterà di seguire l'evoluzione delle concentrazioni di carbonio, ma anche il contenuto di metalli pesanti e vari inquinanti.
0 x

Avatar de l'utilisateur
Lapin
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 823
iscrizione: 22/07/05, 23:50
x 1

da Lapin » 09/09/05, 13:41

Dopo i ruminanti, la terra.
Presto sarà colpa di METHANE HYDRATE

Quando arriverà il coraggio di affrontarsi e dire che noi
sono responsabili di questi squilibri?

complemento d informazioni vengono raccolte casualmente sul motore di ricerca. ( www.kartoo.com )
http://www.amisdelaterre.org/article.php3?...id_article=1290
http://www2.cnrs.fr/presse/journal/2353.htm

<_
0 x
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 57013
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 1926

da Christophe » 09/09/05, 14:23

A volte mi chiedo se leggi il sito ....: rolleyes:

https://www.econologie.com/articles.php?lng=fr&pg=1642

In ogni caso ... si scopa le palle!
0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - MIGLIORIAMO I NOSTRI SCAMBI SU FORUM - Pubblica un articolo su Econology e Google News
Yahi
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 115
iscrizione: 06/04/05, 19:48
Località: vicino a Nantes (44)

da Yahi » 09/09/05, 16:43

un link correlato che mostra l'evoluzione di alcuni territori:
<a href='http://www.lemonde.fr/web/portfolio/0,12-0@2-3244,31-658177@51-631969,0.html' target='_blank'>http://www.lemonde.fr/web/portfolio/0,12-0...1-631969,0.html</a>


Yahi
0 x
Quando avremo il diritto di smettere di usare l'olio?
oggetto libero!
Yahi
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 115
iscrizione: 06/04/05, 19:48
Località: vicino a Nantes (44)

da Yahi » 09/09/05, 16:56

e influenza sulla biosfera e sulla catena alimentare:

<a href='http://www.lemonde.fr/web/vi/0,47-0@2-3244,54-639756@51-631969,0.html' target='_blank'>http://www.lemonde.fr/web/vi/0,47-0@2-3244...1-631969,0.html</a>

Le scorte si esauriranno più velocemente del previsto:
<a href='http://www.lemonde.fr/web/article/0,1-0@2-3244,36-683794@51-631969,0.html' target='_blank'>http://www.lemonde.fr/web/article/0,1-0@2-...1-631969,0.html</a>

Le notizie sono cattive di fronte alle risorse globali della pesca. Già a marzo, il rapporto biennale della FAO, l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite, ha rilevato la stagnazione del volume di pesce catturato in mare per diversi anni (Le Monde du 11 mars).


Oggi, uno studio statistico condotto da scienziati dell'Istituto per la ricerca per lo sviluppo (IRD) attira un'osservazione ancor più inquietante. Mostra che un quarto delle industrie ittiche del mondo ha subito un crollo delle loro catture tra 1950 e 2000.

I ricercatori del Centro di ricerca della pesca mediterranea e tropicale di Sète (Hérault) hanno raggiunto questo risultato analizzando i dati forniti dalla FAO sulle catture di pesca a partire da 1950. Questi dati, regolarmente aggiornati, sono resi disponibili al pubblico dall'ente internazionale.

Fino ad ora, si è stimato che quando le quantità di pesce pescato rimanevano stabili da un anno all'altro, veniva mantenuto l'equilibrio tra la pesca e il rinnovo delle specie. In realtà, "la stabilità delle catture non è sempre sinonimo di una gestione sostenibile delle risorse", spiegano gli specialisti dell'IRD.

Quest'ultimo ha estratto la serie di cifre 1 519 dal database della FAO e grafici tracciati che riportano le catture negli ultimi cinque decenni. Risulta che la pesca 366 è 24% del totale mostra un crollo delle catture. Questo fenomeno è osservato in tutti i tipi di pesci studiati. Ma sembra colpire specie di acque profonde come merluzzo bianco, eglefino e salmone di più.


SIMULAZIONI MATEMATICHE


Ancora più preoccupante, tra questi crolli, 21% è preceduto da una fase di buone pesche, il che rende il fenomeno ancora più imprevedibile. Quindi, per circa dieci anni, le catture possono sembrare stabili, per poi scendere in un modo molto importante in pochi anni. "L'apparente equilibrio tra catture e rinnovi nasconderebbe, in effetti, un graduale declino della popolazione ittica considerata", affermano gli scienziati.

Le simulazioni matematiche effettuate dai ricercatori mostrano che questo fenomeno è essenzialmente dovuto a due fattori. In primo luogo, la capacità di pesca è aumentata in modo significativo a seguito dei miglioramenti tecnici apportati alle attrezzature. Le navi possono ora rilevare le scuole di pesce mediante sonar, utilizzare i dati satellitari o controllare a distanza gli attrezzi da pesca.

A questi mezzi di pesca molto più efficaci si aggiunge un meccanismo "spendaccione": quando una popolazione di pesci diminuisce e cade sotto una certa soglia, non ha più i mezzi per garantirne il rinnovo. A causa della bassa concentrazione di individui, gli incontri diventano meno frequenti e la riproduzione è più casuale. Questo meccanismo impedirebbe la ricostruzione di molti stock di pesca. E potrebbe spiegare il drammatico caso del merluzzo canadese, la cui popolazione non è ancora stata rinnovata, mentre la sua pesca è stata bandita da 1992.
0 x
Quando avremo il diritto di smettere di usare l'olio?

oggetto libero!


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Media & News: spettacoli televisivi, saggi e libri, notizie ..."

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 14