Mercedes 300TD sperimentazione pantone

Le modifiche e le modifiche ai motori, esperienze, risultati e le idee.
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 21/10/06, 03:36

Ciao Michel
Torniamo all'argomento! i Galli si calmano.
Bel montaggio, se ho capito che è il vecchio assemblaggio con un singolo reattore e gli altri tubi fungono da scambiatore per l'aria aspirata nel reattore.
resta da trovare la giusta quantità di aria all'ingresso del reattore
fornire una riduzione per modificare il flusso, rimane anche per controllare la quantità di acqua da iniettare a seconda della temperatura del reattore e della potenza richiesta dal motore, dovrebbe funzionare bene.
Per il controllo del pappillon è la depressione o il pedale dell'acceleratore? la farfalla è solida, specialmente se è posizionata dopo il filtro dell'aria.
Comunque su Mercerdes il flusso di iniezione si apre solo se c'è abbastanza aria nel collettore.
l'altro vantaggio con il tuo sistema è che puoi (eccitare) il reattore in funzione, semplicemente chiudendo il deflettore o sbattendolo in funzione richiede di tirare forte nel reattore.
Di tanto in tanto mi fermo ai margini della strada quando tutto è caldo e tappo l'ingresso del filtro e apro la macchina, il motore tira solo il reattore, è il mio modo di svegliarlo.
Andre
0 x

MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 21/10/06, 12:44

Ciao André
Sarebbe quindi anche necessario per me poter limitare il condotto dell'aria che va al reattore, ho pensato che modificando la posizione della farfalla (in verde sul diagramma) e quindi la depressione nel reattore che sarebbe sufficiente.
Devo essere in grado di ordinare tutto dall'interno:
Ho già il potenziometro che mi permette di controllare l'iniettore (da quasi 0 a 2L all'ora),
Devo trovare un servomotore o un cavo per la farfalla,
la sonda di temperatura per l'uscita del reattore (i cavi della sonda corrente sono troppo corti per entrare nell'abitacolo),
Ho trovato un vacuometro graduato fino a 750 mm di mercurio per visualizzare la depressione ma forse non è abbastanza?
E ci vorrebbe un misuratore di portata per dirmi immediatamente le migliori impostazioni.
Se continua sarà necessario essere 2 per guidare la Mercedes ed effettuare le regolazioni !!
Pitmix i tubi della presa d'aria del reattore e lo sfiatatoio essendo ora vicino è facile da modificare e, se necessario, collegare lo sfiatatoio direttamente alla presa d'aria.

Una piccola foto dell'assemblaggio (non ancora definitiva) sta iniziando a fare molti tubi! Il reattore è circondato da una speciale lana di roccia ignifuga e un foglio di alluminio.

Immagine

Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
PITMIX
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 2017
iscrizione: 17/09/05, 10:29
x 12

da PITMIX » 21/10/06, 13:32

Ammiro il tuo lavoro. Hai così poco spazio per lavorare.
In foto mostra ma in realtà è ancora più impressionante.
Complimenti a te spero che otterrai buoni risultati.
0 x
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 21/10/06, 13:52

Hi Pitmix
Spero anche, soprattutto che lo faccia fuori e che il tempo sia umido e che l'inverno stia arrivando lentamente! Se raggiungo un risparmio del 20% ti suggerisco di fare una lunga passeggiata per vedere Cristophe, se ovviamente è d'accordo. Andare a vedere André è già più difficile ...
A plus
Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
PITMIX
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 2017
iscrizione: 17/09/05, 10:29
x 12

da PITMIX » 21/10/06, 13:55

Penso che non sia vinto comunque, ma lo auguro sinceramente.
Da parte mia, ho avuto la prova, per caso, che il mio metodo di controllo dei consumi è abbastanza buono.
E per il piccolo messaggio nessuna preoccupazione.
0 x

bullone
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 357
iscrizione: 01/02/06, 20:44
Località: Pas-de-Calais

da bullone » 21/10/06, 15:36

ciao MichelM

se può aiutarti a pensare :!: :
Immagine

bullone
0 x
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 21/10/06, 16:22

Ciao
Ciao André
Sarebbe quindi anche necessario per me poter limitare il condotto dell'aria che va al reattore, ho pensato che modificando la posizione della farfalla (in verde sul diagramma) e quindi la depressione nel reattore che sarebbe sufficiente.
Devo essere in grado di ordinare tutto dall'interno:


Quello che sto cercando di dirti è che esiste un rapporto aria / acqua all'ingresso del reattore e che non ho ancora capito il perché.
Quando dico limite non significa controllo, ma solo la possibilità di posizionare qualcosa di ridotto in un raccordo per avere la possibilità di mettere diversi diametri, se solo una rondella ha praticato fori di 3mm o 5mm e 6mm
Esiste una relazione con la superficie dell'asta del traferro (o un tubo più piccolo spinto nel condotto)
Per il tuo strumento a vuoto dipende o vuoi posizionarlo davanti al reattore i valori sono sufficienti ma dopo il reattore se chiudi la valvola con RPM almeno andrà alla bottiglia.
Le depressioni che effettui una misurazione occasionale solo a scopo informativo.
sono le temperature che devono essere monitorate, per i termometri in generale estendo i fili il margine di errore è minimo.
All'inizio in un montaggio mettiamo molte cose, quindi se funziona semplifichiamo, i test del freddo ti causeranno problemi di analisi e distorcere il tuo giudizio. ma se hai anche un risultato basso al freddo, dì a te stesso che raddoppierà in estate.

Andre
0 x
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 21/10/06, 21:38

Buonasera e grazie Boulon e André
Bene, Bolt, mi hai dato un diagramma dannatamente carino, per la farfalla che hai aggiunto e la tangenziale lì ammetto di aver perso perché concretamente sarebbe stato abbastanza difficile per me raggiungerlo, e ho dovuto risalire rapidamente per potermi muovere la macchina.
Va notato che quando non avevo inserito questo tubo di preriscaldamento (aria e acqua iniettate) che shunt sul diagramma non funzionava, ho concluso che era troppo freddo all'ingresso dei reattori ( ce n'erano 3 in servizio) ...
D'altra parte, l'uso del tubo di bypass che è rimasto dal primo assemblaggio è il lato pratico di un tubo che corre lungo lo scarico, ma se fa troppo caldo potrei scollegarlo.

André la restrizione deve essere davanti al reattore? Se è così, posso mettere una valvola a sfera a livello del mio tubo nero che proviene dal filtro dell'aria e scende al tubo intermedio?

Stasera sono comunque riuscito a passare nell'abitacolo un piccolo cavo elettrico a più conduttori che dovrebbe essere sufficiente per le misure e i controlli dell'acceleratore tramite servomotore.

La prossima volta, se ricomincio, drogerei con acqua su un'auto meno complessa, un piccolo diesel a 4 cilindri senza turbo con spazio sotto il cofano e che useremo di più a pieno carico ...! L'ideale mi sembra essere un generatore.
Michel
0 x
bullone
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 357
iscrizione: 01/02/06, 20:44
Località: Pas-de-Calais

da bullone » 22/10/06, 00:11

MichelM ha scritto:... per la farfalla che hai aggiunto e il bypass lì ...

la farfalla (in verde sul diagramma) è il tuo montaggio

MichelM ha scritto:Va notato che quando non avevo inserito questo tubo di preriscaldamento (aria e acqua iniettate) che shunt sul diagramma non funzionava, ho concluso che era troppo freddo all'ingresso dei reattori ( ce n'erano 3 in servizio) ...

il bypass (in nero) sarebbe usato per bypassare parzialmente il calore dello scarico, e questo, solo nel caso in cui ci sia troppo calore dopo la vaporizzazione dopo l'iniezione di acqua: per non produrre vapore secco e mantenere micro-gocce d'acqua che potrebbero finire per nebulizzare sul naso dell'asta del reattore (al posto dell'effetto venturi) :freccia:
queste goccioline sarebbero essenziali per la ionizzazione del flusso
assente in vapore secco (vapore surriscaldato)

dici che senza preriscaldamento del vapore non funzionerebbe :freccia: è come quando André dice che è necessario un anticamera prima dell'asta del reattore, in modo da non ingoiare vapore troppo umido ma : Arrowd:

Andrew ha scritto:Quello che sto cercando di dirti è che esiste un rapporto aria / acqua all'ingresso del reattore e che non ho ancora capito il perché.

è necessario il giusto rapporto con la giusta temperatura contemporaneamente per avere vapore umido all'ingresso del reattore

:freccia: se troppa acqua: ci vorrà più T ° per evaporare abbastanza da non lasciare troppe gocce per non far affogare il reattore

Al contrario: in troppa aria, non ci sarà abbastanza acqua per saturare, a meno che non abbassi la temperatura o crei depressione

il giusto compromesso comporta il rapporto di 4 cose: aria / acqua / T ° / depressione

poiché la cosa principale è avere un vapore leggermente saturo, non è necessario regolare questi 4 parametri contemporaneamente quando siamo vicini al giusto rapporto

il grosso problema è che questi 4 parametri cambiano da soli quando cambia regime o coppia

ok, non è facile

bullone
[/ Quote]
0 x
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 22/10/06, 11:49

Ciao Bolt
Stavo pensando alla farfalla (deflettore mobile) in nero per il bypass, capisco il sistema di modulazione ma con così tanti parametri e inerzia termica in realtà non è facile da gestire. E non posso farlo al momento. Conto sull'iniettore di acqua pulsata regolabile per avere gocce d'acqua, deve esserci anche vapore secco. Come si misura questo a monte del reattore? Dall'umidità e dalla temperatura (o anche dalla pressione assoluta).
Per il momento devo procurarmi un servomotore e realizzare un piccolo circuito di controllo basato su NE555.

André hai scritto che di tanto in tanto bloccavi la presa d'aria del motore, ma perché? Asciugare l'asta del reattore e riavviare l'operazione.
A plus
Michel
0 x


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "iniezione di acqua nei motori: l'assemblaggio e la sperimentazione"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 7