Mercedes 300TD sperimentazione pantone

Le modifiche e le modifiche ai motori, esperienze, risultati e le idee.
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 20/03/07, 08:04

Ciao a tutti
Per il misuratore di portata a ingranaggi ovali Kytola sembra essere più adatto per l'olio e la portata è un po 'forte: da 0,1 a 1 L / min minimo mentre penso che 0,033 a 0,33 L / mn (da 2 a 20L / H) sarebbe l'ideale. E c'è il prezzo. Ogni volta che chiedo il prezzo è minimo 300 € Tasse escluse: il solo sensore marittimo Navman da solo è di circa 350 €, il micro-stream BAMO (da 0,5 L / H a 300 L / H a 2 %) è 450 €, Brooks LSN40 350 €, chiederò a Kobold ma è sicuramente dello stesso ordine. Non credo di poter trovare un buon misuratore di portata a basso prezzo.
Per i misuratori a galleggiante mi è stata data la precisione 10% o il fondo scala 5% ma comunque non andrei a passare i tubi diesel in cabina, ho già molti problemi con i cavi tubi .... E non voglio profumare l'interno con l'odore o rischiare una perdita.
Per un piccolo misuratore di portata industriale vedo solo qualcuno che può recuperare un riformato nell'industria se non nuovo, è fuori portata per me.
Penso di poter sviluppare il mio anche se devo rifarlo interamente. Soprattutto da adesso il ritorno del gasolio con il volume di degasaggio e la valvola funziona correttamente (per il momento !!).
Grazie per la tua partecipazione a questa ricerca del sacro Graal / misuratore di portata!
Michel

Vaso in platino e vetro per degasaggio
debitmetre-pic126.jpg
debitmetre-pic126.jpg (39.31 KIO) Accesso a 414 volte


Volume di degasaggio per flussimetro diesel
Piatto con galleggiante
debitmetre-pic125.jpg
debitmetre-pic125.jpg (37.44 KIO) Accesso a 414 volte
0 x

MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 20/03/07, 13:04

Ho avuto una risposta da Kobold il misuratore di portata che sarebbe adatto per il diesel (niente plastica per il carburante) è il prezzo DTK1210 circa 200 € IVA esclusa è più conveniente ma è ancora 10 volte più del Conrad, capiamo perché . È un modello in acciaio inossidabile con mini turbina PVDF (?) Con un ugello di 1 mm per 0,05 a 0,6 L / min, caduta di pressione 1 bar, uscita in frequenza (impulso con transistor NPN come Conrad)
:freccia: Misuratore di portata Kobold DTK.
Concludo quindi che richiede un alloggiamento di metallo con un ugello di diametro 1mm e una turbina molto leggera montata molto liberamente e ben guidata, ad esempio con magnete e sensore ad effetto Hall.
Nel frattempo, non ho trovato alcun indirizzo nella mia regione per i magneti 2mm: modellismo, metalli Weber (4 mm), hardware, attrezzature per orologeria, elettronica, ho trovato un solo sito in Germania ma è necessario un ordine minimo (10 €) per questi magneti a pezzi 0,08 € che rende parti 125!
Michel
0 x
nialabert
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 257
iscrizione: 02/06/05, 22:32
Località: Ginevra

da nialabert » 20/03/07, 13:08

Come conteggi il ritorno di carburante con questo flussimetro?
0 x
***************************
I ricercatori che cercano si trovano, ma i ricercatori hanno trovato che cerca.
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 20/03/07, 14:18

Il ritorno della pompa è inserito nel volume di degasaggio (seguendo lo schema iniziale dei bulloni) a valle del misuratore di portata che misura solo l'aspirazione dal serbatoio in funzione del consumo. Per contro, ad esempio, il sistema navale 3200 di Navmann in realtà ha due sensori identici (misuratori di portata) per fare la differenza, più facile senza degassare il volume e le valvole, ma è molto più costoso di 900 € con il display che mi sembra.
Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
elefante
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6646
iscrizione: 28/07/06, 21:25
Località: Charleroi, centro del mondo ....
x 6

da elefante » 21/03/07, 00:40

Non conosco il grado di raffinatezza della regolazione della tua auto, ma non sarebbe più economico da misurare

1) regime del motore
2) e il tempo di apertura degli iniettori (la pressione è quasi costante)

velocità del motore X tempo di apertura dell'iniettore = apprezzamento relativo (questo è ciò che ci interessa di più) della quantità di carburante consumata (effettivamente)

?????

il tempo è ciò che può essere misurato in modo più preciso nell'elettronica moderna, in realtà è la base di tutte le altre misurazioni, comprese le distanze.
0 x
elefante Suprema Onorario éconologue PCQ ..... Sono troppo prudente, non abbastanza ricco e troppo pigri per davvero salvare la CO2! http://www.caroloo.be

MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 21/03/07, 07:18

salut
Per misurare il consumo di carburante su un motore a iniezione con controllo dell'iniettore elettrico è necessario misurare il tempo di iniezione cumulativo durante un periodo per avere L / H o una distanza per avere L / 100 km. Il problema per me è creare il software, non è complicato ma quando non facciamo la programmazione ci vuole tempo per iniziare e non ho visto nessuno a priori tiriamo fuori il programma per un PIC da esempio.
Nel mio caso un'iniezione diesel convenzionale con pompa meccanica (e regolazione elettronica), ad esempio, gli iniettori meccanici si aprono ad una soglia di pressione di 120 bar. L'unico altro mezzo oltre al misuratore di portata che ho trovato è un sensore piezoelettrico che dà un segnale quando il tubo d'acciaio che va all'iniettore si deforma a causa della pressione, ma a priori consente di conoscere l'inizio di ma non la durata. È stato anche l'uso di questi sensori per regolare dinamicamente l'iniezione e non calcolare il consumo. Spero di provare questo tipo di sensore, ma è ancora tempo di realizzarlo.
Con i mezzi finanziari andrebbe molto più veloce ...
Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
elefante
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6646
iscrizione: 28/07/06, 21:25
Località: Charleroi, centro del mondo ....
x 6

da elefante » 21/03/07, 07:58

in realtà è molto diverso da quello che sto studiando in questo momento.

e un potenziometro dritto, come un mixer accoppiato meccanicamente al comando dell'acceleratore?
0 x
elefante Suprema Onorario éconologue PCQ ..... Sono troppo prudente, non abbastanza ricco e troppo pigri per davvero salvare la CO2! http://www.caroloo.be
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 21/03/07, 10:47

Né, aveva spiegato André, avrebbe richiesto il regime del motore e l'acceleratore, ma la pompa eroga in funzione dell'aria aspirata, quindi ci sarebbe anche bisogno di un misuratore di portata d'aria e forse di altri parametri o potenza misurare il controllo interno della pompa. E dobbiamo sempre sviluppare un software per il calcolo dei consumi. In breve, non è semplice per me e secondo me più complesso del misuratore di portata del carburante e del computer da bici. Non sono lontano dal funzionamento del misuratore di portata (anche se dovessi rifarlo da capo) non cambierò tutto adesso. Ogni interrogatorio è spesso un numero piuttosto elevato di ore di implementazione e test.
Infatti per essere efficaci dovremmo lavorare in gruppo in base alle nostre capacità, alcuni sviluppano una scheda elettronica e un software per la misurazione dei consumi, altri sono coinvolti nella realizzazione del generatore di vapore umido, ecc ... Una bella utopia ? Lo facciamo un po 'comunque.
Michel
0 x
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 21/03/07, 14:41

Ciao
elefante ha scritto:in realtà è molto diverso da quello che sto studiando in questo momento.

e un potenziometro dritto, come un mixer accoppiato meccanicamente al comando dell'acceleratore?


Non perdere tempo con un potenziometro, questa è la prima cosa che provo.
La posizione dell'accelleratore è solo un set
successivamente c'è un vuoto nel collettore (il tubo del vaccino che viene piantato nella parte inferiore della pompa di iniezione e all'interno della pompa un regolatore centrifugo.
La bocca chiude manualmente l'entrata del filtro dell'aria e posiziona l'acceleratore sul fondo, non inietta molto carburante e il motore non gira molto velocemente.
I costruttori hanno realizzato un sistema di questo tipo per impedirne il fumo nelle accellerazioni.

Il metodo giusto è come Michel sta attualmente facendo, è quello di fare un ciclo per eliminare il ritorno del serbatoio e misurare il gasolio che alimenta il circuito e di nuovo c'è una certa inerzia se il volume del circuito è grande 1 litro nel mio caso anche se una misura nemmeno istantanea con un backspace leggero mi soddisferebbe già

Il metodo sarebbe quello di poter misurare il tempo di sollevamento di un iniettore o la portata meno il flusso di ritorno.
Con i nostri piccoli mezzi in particolare che le quantità misurate sono basse ed è necessario rilevare piccole variazioni per ameloirer il sistema, per farlo funzionare non è troppo complicato ma cercare le ragioni precise per farlo funzionare meglio è lungo e arduo

Attualmente per mancanza di meglio misuro l'uscita del collettore di scarico della temperatura direttamente correlata al consumo di gasolio con una certa insenatura e un segno di errore

Andre
0 x
bullone
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 357
iscrizione: 01/02/06, 20:44
Località: Pas-de-Calais

da bullone » 21/03/07, 23:48

ciao

michelm, ti sei mai divertito con questo tipo di software, c'è un contatore di impulsi
Non ho bevuto più per vedere se era possibile rilasciare un debito.

ci sono ancora interfacce da investire, per questo sistema (per andare oltre la simulazione):
https://www.econologie.com/forums/post39237.html#39237

bullone
0 x


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "iniezione di acqua nei motori: l'assemblaggio e la sperimentazione"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 9