Mercedes 300TD sperimentazione pantone

Le modifiche e le modifiche ai motori, esperienze, risultati e le idee.
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 26/04/06, 13:05

hi Christophe
Sì, ci ho pensato e mi sono detto che è sufficiente mettere il ritorno del diesel dopo il misuratore di portata e, se necessario, con un piccolo serbatoio intermedio nel buffer ... Bene, potrei dimenticare un problema, capisco con un'iniezione di benzina che fa il ritorno (di benzina calda) nel serbatoio per mescolarlo con il "freddo" del serbatoio per evitare i tappi del vapore (blocco del vapore ex su Triumph TR5 del 1968 il cui ritorno non è stato effettuato nel serbatoio), ma con il diesel sembra meno utile?
Altrimenti per il display ho pensato a un ciclocomputer:
per esempio un Sigma (ampiamente usato per motociclette visualizza fino a 299 Km / H!) se programmiamo lo sviluppo della ruota a 3999mm (valore massimo) dovremmo avere 2,5L / ora = 10 Km / H. Il il sensore è un ILS (contatto di chiusura magnetico) come il flussimetro !? Provare....
Michel
0 x

Avatar de l'utilisateur
PITMIX
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 2017
iscrizione: 17/09/05, 10:29
x 12

da PITMIX » 26/04/06, 22:31

Ciao michelm
Pensi che il tuo flussometro potrebbe funzionare sulla mia auto a benzina?
Per Diesel penso che il viaggio di ritorno sia semplicemente quello di creare un circuito ermetico nell'aria.
L'unico modo per purificare l'aria è creare un circuito ad anello ...
0 x
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 27/04/06, 02:10

Ciao Michel

Per il piccolo misuratore di portata sembra che il prezzo sia pari alla precisione della misurazione e del flusso, sebbene il condotto non sia grande.
Il principio deve essere buono per un sistema a carburatore, poiché per il contatore di impulsi per biciclette, l'ho esaminato in un negozio, è uno strumento semplice e facile da programmare che dovrebbe essere usato in questo gruppo ( anche per fare un rapporto per avere i valori veri, ma i valori veri non sono importanti è la variazione che ci interessa)
Per quanto riguarda il ritorno su un diesel, è un volume abbastanza grande che un metro del genere sarebbe buono per il consumo ma non per il ritorno. Sul WV c'è una valvola che controlla il ritorno, o meglio i rendimenti di ritorno davanti al filtro, questo offre il vantaggio di riscaldare il diesel, in paesi freddi come qui. lo svantaggio è che sono necessari sistemi a tenuta per evitare le bolle d'aria e l'emulsione del diesel, mentre si ritorna nel serbatoio che dà il tempo alla schiuma di dissiparsi,
Per coloro che lavorano con olio e riscaldamento questa valvola di ritorno è essenziale.
Non so se hai già misurato il volume del ritorno su una pompa bosch, ma non è lungo che riempia una lattina di
25 litri con il ritorno, confrontare il consumo è enorme
Non sto parlando di ciò che trasuda lungo gli iniettori, è minimo.

Andre
0 x
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 27/04/06, 08:19

Ciao André e Pitmix
Pitmix, a priori, deve essere adatto per la benzina, ma non l'ho trovato chiaramente indicato con questo modello.
André quindi il ritorno dovrebbe avere un sistema (una valvola o un serbatoio intermedio) per evitare l'emulsione se giro il ritorno diesel con il tubo di alimentazione.
È vero che il misuratore di portata ha un diametro piccolo (6 mm) ma è l'unico che ho trovato in grado di misurare da 1 a 10 L / H, gli altri sono per portate più elevate.
L'ho ordinato e dovrei riceverlo la prossima settimana.
Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
PITMIX
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 2017
iscrizione: 17/09/05, 10:29
x 12

da PITMIX » 27/04/06, 08:40

Ciao Michel e André
In questo caso ho intenzione di acquisirne uno. Avevo trovato un misuratore di portata Renault su eBay, ma ho esitato a comprarlo. Due giorni dopo era troppo tardi per essere venduto.
Costa solo 25 euro.
Ho chiesto alla Renault che costa 380E.
E devi aggiungere un computer per convertire tutto questo in informazioni leggibili.
0 x

MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 27/04/06, 11:44

Hi Pitmix
Si prega di notare che un recente misuratore di portata per auto a benzina o diesel è a misuratore di portata d'aria disegnato dal motore per il computer di iniezione. Quindi non è ciò di cui abbiamo bisogno. Ho visto anche misuratori di portata per lo stile ULM dell'aviazione leggera, ma alcuni per esempio costano € 623 ... Avevo anche trovato un misuratore di portata speciale per i test automobilistici, ma immagino che sia a prezzi molto professionali.
Per il piccolo misuratore di portata Conrad nella prima descrizione molto generale indicano acqua, carburante, benzina.
L'unico problema è che normalmente non sono ben fatti per il flusso pulsato (da una pompa meccanica) ma forse con un piccolo serbatoio intermedio dovrebbe sistemare le cose. Ma spero in particolare di avere valori relativi con o senza doping dell'acqua.
Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
PITMIX
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 2017
iscrizione: 17/09/05, 10:29
x 12

da PITMIX » 27/04/06, 20:20

Ciao michelm
Non ho capito perché non sarebbe andato, ma ho intenzione di discuterne con te di persona.
A+
0 x
MichelM
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 411
iscrizione: 14/02/05, 13:13
Località: Val de Marne 94

da MichelM » 27/04/06, 22:08

Buona sera Pitmix
Il misuratore di portata d'aria (all'inizio erano tapparelle che ruotavano in base all'aria aspirata dal motore, ora è più simile ai sistemi di riscaldamento a filo) è molto pratico per sapere cosa succhia effettivamente il motore e mandargli la giusta quantità di carburante, a differenza delle iniezioni stile Weber Magneti Mareli (in particolare le motociclette) di tipo apha / N (apertura della valvola a farfalla e velocità del motore N) che estrapolano secondo una mappa standard registrata. Ma hey questo misuratore di portata non dà un'idea del consumo. I computer di bordo funzionano con i tempi di apertura dell'iniettore e la velocità del veicolo per calcolare i consumi. È un po 'quello che pensavo di fare con un sensore piezoelettrico su un tubo di iniezione 300TD (iniezione meccanica della pompa).
Ho già intenzione di provare con il flussometro del carburante ....
Michel
0 x
Avatar de l'utilisateur
PITMIX
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 2017
iscrizione: 17/09/05, 10:29
x 12

da PITMIX » 27/04/06, 22:50

Beh si.
In definitiva, non ci importa di quanto consumiamo all'istante. Ma se in autostrada otteniamo un flusso costante anche a una velocità costante e che quando avviamo il reattore questo flusso ridotto è che funziona. No ?
0 x
bullone
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 357
iscrizione: 01/02/06, 20:44
Località: Pas-de-Calais

da bullone » 28/04/06, 01:24

buonasera

Per i flussometri, se non si desidera installare 2: uno nel viaggio verso l'esterno, l'altro al ritorno, e se si desidera evitare le emulsioni, è necessario installare un serbatoio intermedio con un sistema di degasaggio con galleggiante e una valvola piuttosto debole come su questo piano
questo è un diagramma schematico dei flussometri J di VIENNE, di cui ho usato una copia per testare il consumo che ho fatto sui trattori di cui ho parlato
Immagine

Perché non farne uno con un vecchio carb
Ciò che conta è principalmente il galleggiante (se c'è troppo gas (emulsioni), il galleggiante scende, quindi seguendo il livello del liquido che scende e scopre quindi il foro chiuso a temperatura normale dall'ago
Questo foro deve essere collegato al tubo di ritorno al serbatoio (anziché al ritorno della pompa di iniezione e al ritorno dell'iniettore)
Non dobbiamo dimenticare la valvola calibrata che forza la (leggera) pressurizzazione del serbatoio galleggiante

Il primo arrivo del carburante passa necessariamente attraverso il contatore (tramite una valvola di non ritorno che non deve essere dimenticata)
La pompa di alimentazione del veicolo pompa sempre e ciò che non viene utilizzato immediatamente viene spinto nel serbatoio galleggiante, ritorna attraverso la valvola calibrata e quindi crea un circuito (completamente chiuso nel caso in cui la pompa l'iniezione non invierebbe nulla agli iniettori), ma durante questo periodo il degassatore a galleggiante ha un sacco di tempo per degassare eventuali emulsioni

attraverso lo sfiato al serbatoio, non lascia mai carburante, al limite, non dobbiamo collegarlo

il piccolo contagiri ovoidale del diagramma fornisce un impulso per giro, un magnete attiva una canna
il modello che ho usato aveva uno spostamento di 1 cm3 / giro (1000 impulsi / litro)

ha inviato gli impulsi a un'unità elettronica che produce un totalizzatore, un cronometro con on / off e il più interessante: misuratore di portata istantaneo (qualche secondo comunque, il tempo in cui riceve alcuni impulsi), ma è come un tachimetro bicicletta, purché affidabile

buona lettura
bullone
Dernière édition par bullone il 29 / 04 / 06, 13: 02, 1 modificato una volta.
0 x


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "iniezione di acqua nei motori: l'assemblaggio e la sperimentazione"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 6