Conseguenze del blocco del Canale di Suez da parte della nave portacontainer Ever Given

Trasporto e trasporto nuovi: l'energia, l'inquinamento, le innovazioni del motore, concept car, veicoli ibridi, i prototipi, il controllo dell'inquinamento, le norme di emissione, imposta. non i singoli modi di trasporto: trasporti, organizzazione, carsharing o carpooling. Trasporto senza o con meno olio.
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 58366
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 2239

Conseguenze del blocco del Canale di Suez da parte della nave portacontainer Ever Given




da Christophe » 30/03/21, 11:44

Avendo sbloccato il Canale di Suez ... la globalizzazione può ricominciare ... pinnnaise, eravamo caldi !! E ancora è stato nel contesto Covid dove il traffico è necessariamente un po 'indebolito (no?) : Cry: : Cry: : Cry:



Il Canale di Suez viene sbloccato ma emergono sette conseguenze a lungo termine

Una settimana dopo essersi arenata nel Canale di Suez, asse marittimo strategico per il commercio mondiale, la nave portacontainer Ever Given è stata, non senza difficoltà, rimessa a galla. Questo disastro estremamente raro, che ha bloccato più del 10% del commercio mondiale per diversi giorni, avrà conseguenze ben oltre il solo settore dei trasporti. Concentrati sui sette effetti principali di questo blocco.

La corsa al gigantismo messa in discussione

Sono colossi con i piedi d'argilla. The Ever Given, questa enorme barca lunga 400 metri, capace di trasportare 24 container, simboleggia il fallimento di questi giganti dei mari troppo grandi per attraversare rotte marittime. Tra il 000 e il 1980, il loro peso è quadruplicato, riferisce France Culture. Se questo consente alle aziende di ridurre i costi, queste "megaships" (barche giganti) rappresentano un rischio reale illustrato dal blocco del Canale di Suez che, nonostante il varo di un enorme progetto in questa direzione, ha tardato ad adattarsi. queste navi.
Portata alla luce l'ultra-dipendenza dalla Cina

Merci per un valore di 10 miliardi di dollari passano ogni giorno attraverso il Canale di Suez. Lo scorso anno il 75% dei container trasportati proveniva dalla Cina, a dimostrazione della grande dipendenza dell'Europa da Pechino. The Ever Given è partito il 4 marzo dal porto di Ningbo, nella Cina orientale, e doveva arrivare a Rotterdam, nei Paesi Bassi. "Nei container ci sono sia il tuo telefono, sia componenti costruttivi di un'auto o parti riservate alla costruzione di turbine eoliche", spiega a France 24 Paul Tourret, direttore dell'Istituto superiore di economia marittima.

Miliardi di dollari persi ogni giorno

Se il 29 marzo la nave portacontainer era in viaggio, il direttore esecutivo della Royal Boskalis, una società incaricata di aiutare a ripulire Ever Given, stima che ci vorranno altri 3,5 giorni prima che il traffico riprenda la sua velocità di crociera. Attualmente quasi 400 navi attendono di poter attraversare il canale. Tuttavia, l'assicuratore Allianz stima che ogni giorno di immobilizzazione costi tra i 6 ei 10 miliardi di dollari al commercio mondiale. Ogni ora di blocco, 400 milioni di dollari vengono spazzati via.

Contenitori, componenti elettronici e medicali

Circa 24 container di Ever Given sono rimasti bloccati per diversi giorni ... ma ci sono anche quelli trasportati dalle altre 000 navi bloccate su entrambi i lati del canale egiziano di 400 chilometri. Questa immobilizzazione forzata aumenterà ulteriormente la tensione per alcune forniture in Europa. È il caso delle parti elettroniche provenienti dalla Cina o da Taiwan, che potrebbero danneggiare in particolare l'industria automobilistica. Questo è anche il caso dei contenitori stessi. Il mondo manca a causa della ripresa economica. Infine, anche i laboratori europei che producono i vaccini potrebbero subire ritardi nella consegna.

130 pecore bloccate nei mercantili

"La situazione è critica e rischia di diventare una tragedia marittima senza precedenti che coinvolge animali vivi". L'Ong Animals International ha lanciato nei giorni scorsi l'allarme sulla sorte delle 130mila pecore trasportate a bordo di imbarcazioni bloccate dal blocco del Canale di Suez. Undici cargo provenienti dalla Romania, dalla Spagna e dal Sud America sarebbero interessati. Se l'Agenzia nazionale per la sanità veterinaria (ANSVA) afferma che gli animali saranno "scaricati in altri porti" se necessario, questa situazione ravviva il dibattito sul trasporto di animali vivi. Il mese scorso, più di 000 bovini hanno vagato per il Mediterraneo per più di due mesi.

Apertura alla rotta artica

L'incidente del Canale di Suez ha deliziato alcuni. Vi hanno visto una dimostrazione della fragilità delle nostre rotte di approvvigionamento e della necessità di andare verso una globalizzazione più ragionevole. Anche le autorità russe, ma non per gli stessi motivi. Assicurano che il blocco dello stretto passaggio egiziano sia una gigantesca pubblicità per il passaggio artico nel nord della Russia che, con il riscaldamento globale, è sempre più libero dai ghiacci all'inizio dell'anno. Il blocco del Canale di Suez "ha evidenziato soprattutto la necessità di un ulteriore sviluppo della rotta del Mare del Nord", spiega il diplomatico russo Nikolai Korchounov.

Crea competizione ferroviaria sul canale

Ci sono due possibilità per le ferrovie di sostituire una parte del trasporto marittimo. Il primo sarebbe un viaggio di 11 chilometri dalla Cina all'Atlantico. Un viaggio di appena 000 giorni (contro i 15 in nave) anche se ogni treno avrebbe una capacità da 60 a 1 volte inferiore a una nave portacontainer. L'altra alternativa sarebbe un mix barca / ferrovia che prenderebbe una linea ad alta velocità tra Ain Sokhna a sud del canale e El Alamein, molto a ovest, sulla sponda del Mediterraneo. Un viaggio di 000 chilometri percorsi in poche ore, senza contare però il carico e lo scarico delle barche.

Ludovic Dupin @LudovicDupine e Marina Fabre, @fabre_marina


Fonte : https://www.novethic.fr/actualite/econo ... 49677.html
0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - Per buoni scambi tra i membri - Pubblica un articolo su Econology e Google News

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 58366
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 2239

Oggetto: Conseguenze del blocco del Canale di Suez da parte della nave portacontainer Ever Given




da Christophe » 31/03/21, 11:04

Ah ah ah

https://flightsim.to/file/11272/ever-gi ... raffic-jam



Il mercantile del Canale di Suez bloccato può essere visto in Microsoft Flight Simulator

0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - Per buoni scambi tra i membri - Pubblica un articolo su Econology e Google News
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 58366
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 2239

Oggetto: Conseguenze del blocco del Canale di Suez da parte della nave portacontainer Ever Given




da Christophe » 06/04/21, 14:09

0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - Per buoni scambi tra i membri - Pubblica un articolo su Econology e Google News


Torna a "Nuovo trasporto: innovazioni, motori, l'inquinamento, le tecnologie, le politiche, organizzazione ..."

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 9