Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica

Come rimanere in buona salute e prevenire i rischi e le conseguenze sulla salute e la salute pubblica. malattia professionale, rischi industriali (amianto, inquinamento atmosferico, le onde elettromagnetiche ...), il rischio di impresa (lo stress sul posto di lavoro, l'abuso di droghe ...) e individuale (tabacco, alcol ...).
Yves-Landry Kouame
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 1
iscrizione: 19/03/21, 15:05
x 2

Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da Yves-Landry Kouame » 19/03/21, 15:19

Sovraccarico di informazioni, notizie false, drammatizzazione, notizie ecologiche hanno ricevuto negli ultimi anni un'attenzione particolare da parte dei media. Annegata in un diluvio di informazioni, l'ecologia continua a scatenare passioni e creare forti ansie, al punto che inizia a manifestarsi in molti giovani sintomi di eco-ansia.

Le battaglie mediatiche su argomenti che influenzano il futuro dell'umanità sono evidenti. Che si tratti di politica, economia, educazione, disuguaglianze sociali e soprattutto ecologia, i media sono stati, per molto tempo ma ancor di più oggi, vere leve di varie produzioni intellettuali. Diverse posizioni sono espresse spesso distillando più pregiudizi di comprensione che chiarimenti nel cittadino comune. Questa realtà, unita alla forte volontà di agire tra i giovani, di fronte all'emergenza climatica, generalizza sottilmente un grande disagio con l'eco-ansia.

Eco-ansia: che cos'è?

Chi ha il privilegio di conoscere ha il dovere di agire. Questa idea di Einstein passa oggi per il filo conduttore di milioni di giovani impegnati in tutto il mondo. Provengono dalla generazione Y e Z, godono di una ricchezza di informazioni traboccante e dimostrano una consapevolezza ecologica chiaramente maggiore di quella delle generazioni passate. Le loro posizioni, sia su Internet che durante incontri formali come il COP, rivelano rabbia, paura del futuro e indignazione. Fanno sentire la loro voce ovunque gli venga data l'opportunità e quando non è così, creano occasioni di ribellione: "Venerdì per il futuro!" Cantano ogni venerdì per rivendicare un futuro virtuoso. Ma questa paura del futuro, sebbene legittima, genera allo stesso tempo una sensazione di eco-ansia. Infatti, al di fuori delle grandi manifestazioni, quando sono davanti alla televisione, a scuola, con la loro famiglia, questi giovani non sentono alcun segno di speranza per il pianeta in costante degenerazione. Sono divorati dall'eco-ansia, dalla solitudine o anche dal disagio di trovarsi su un pianeta che sta letteralmente bruciando a un ritmo infernale, a causa delle nostre azioni. Sviluppano così la paura di ciò che l'umanità sarà tra 10, 20, 30 anni ...

Questo colpo di blues porta all'auto-colpa, un malessere mantenuto dalla paura di un futuro decisamente disastroso da un lato e dalla disperazione di una lotta condannata dall'altro.

Il peso dell'eccessiva informazione e delle idee preconcette


La calotta glaciale ha raggiunto il punto di non ritorno in Groenlandia. Anche se riusciremo a frenare il cambiamento climatico, questa parte del ghiaccio marino rimarrà irrecuperabile. Un simile scenario era prevenibile? È la prima volta nella storia?

I tentativi di spiegare questo tipo di catastrofe climatica vanno in tutte le direzioni. Le idee ricevute sono generosamente distillate e sono estremamente virali. Scegliere le informazioni più rilevanti in questa infobesità diventa la vera sfida. È difficile in questo 21 ° secolo farsi un'idea giusta delle notizie ecologiche, a causa dei media che si sono affermati nel tempo come vere leve per la moralizzazione della società. Non si tratta più solo di fornire informazioni per informare le azioni. Lo spazio mediatico è diventato per molti attori, l'agorà di grandi competenze, per quanto vario e controverso possa essere. Di fronte, ci sono giovani consumatori che sono sempre più ansiosi e spaventati da quanto annunciato per il nostro pianeta entro 100 anni.

In quest'epoca, dove si vende meglio l'esagerazione di fatti e cause, il piacere di apprendere e coltivare si trasforma rapidamente in ansia. Sulla controversa questione del consumo di carne, ad esempio, due anni fa il conduttore Nagui ha fatto uscire dal silenzio i professionisti dell'allevamento, affermando in televisione che la carne rossa inquinava più di ogni altra cosa il settore dei trasporti. Ha così risvegliato un vecchio dibattito che aveva opposto le statistiche della FAO sul bestiame alle statistiche dell'IPCC sui trasporti. La quota di emissioni del settore zootecnico, tenendo conto delle emissioni dirette e indirette, risulta essere superiore alla quota delle emissioni dei trasporti in circolazione. Questo confronto, più volte rifiutato ma comunque diffuso, non avrebbe dovuto essere fatto secondo alcuni esperti, dato che i due studi non si basavano sugli stessi metodi di calcolo. I giovani così e regolarmente frequentano i forum dei media che iperbolizzano ed estrapolano i fatti, aiutando intrinsecamente ad abbassare il loro morale.

Fatti pesanti e entourage

Annegata in un diluvio di informazioni allarmistiche, l'ecologia continua a scatenare passioni e creare forti ansie, al punto che inizia a svilupparsi in molti giovani che non conducono più ampi come Beatrice, sintomi di ansia ecologica.

Come Greta Thunberg, Béatrice si è resa conto molto presto dell'impatto delle sue attività sugli ecosistemi. Segue le notizie ambientali e sa in cosa consiste la sua impronta ecologica. Sui social media, è interessata a tutti i suggerimenti che potrebbero aiutarla a ridurre il suo impatto sugli ecosistemi, ma si sente come se stesse facendo poco. Mentre lavora per ridurre l'assunzione di carne, riceve regolarmente video dalla sua amica vegana, Rebecca, che mostrano in modo inquietante il trattamento degli animali nei macelli e spiegano la tossicità dell'allevamento del bestiame. Ieri stava seguendo il dibattito nucleare con George dopo aver visto un documentario sullo scioglimento dei ghiacciai. Qualche mese fa Mamadou le ha detto che il telefono che tiene da due anni e che le è costato i risparmi, proviene dalle miniere del Congo e dallo sfruttamento dei bambini.

Lei che ama il cioccolato, l'indagine sul cacao ivoriano, rivelando lo sfruttamento dei bambini, le ha fatto perdere l'appetito per i derivati ​​di questa materia prima. Turbata, vuole fare la sua parte per rivoluzionare il mondo perché, come il Colibrì, crede nell'azione dei piccoli gesti quotidiani. Ogni giorno vive con la voglia di fare meglio ma si sente in colpa per non poter fare di più. Questa domenica, dopo aver consultato un articolo sull'esplosione demografica, ha preso una decisione importante: aderire all'ideologia portata avanti dal movimento GINKS (Green Inclinations No Kids). Questo movimento sostiene la rinuncia all'idea di procreare. Poiché vuole preservare il pianeta da altre bocche da sfamare e da altri corpi da vestire, Béatrice ha deciso di non avere figli. Inoltre, la scorsa settimana, non poteva andare alla marcia per il clima perché era stanca e non troppo motivata.

Beatrice fa uno sforzo ma ogni volta che cerca di seguire le notizie ambientali il suo morale subisce un duro colpo. Alla fine si sente inutile nonostante la sua zucca, il suo cibo biologico, i suoi acquisti all'ingrosso, la scelta di prodotti locali e artigianali, il suo attivismo ecologico e la sua determinazione a non avere figli. Beatrice soffre effettivamente di ansia ecologica. I suoi amici la chiamano ironicamente "donna organica". Questa pressione della causa ambientale si è trasformata in pressione sociale e si materializza nel suo spaventoso bigottismo quando va in un centro commerciale, un supermercato e anche quando va dagli artigiani locali. Per liberarsi da questo stato, Béatrice deve essere meglio informata, fare un passo indietro e forse imparare ad apprezzare la sua giovinezza in modo diverso.

Impara di più e fai un passo indietro per agire meglio

Ci sono migliaia di “Beatrice” oggi, questi giovani, colpiti dall'informazione apocalittica e il cui morale cala ogni volta che viene annunciato un aumento della temperatura terrestre. Si nutrono di informazioni calibrate su argomenti effettivamente più vasti e spesso sviluppano inconsapevolmente segni di eco-ansia che impediscono loro di vivere ed esercitare un giusto impegno. Per curarlo, prendere le distanze dalle informazioni sintetizzate nella stampa online si sta rivelando una strada importante.

Liberarsi dall'influenza dei media non è la soluzione definitiva. Perderebbe persino i dati essenziali sul coinvolgimento. D'altra parte, potremmo integrare alcune predisposizioni. Una delle prime cose da capire è che la buona notizia non viene diffusa. D'altra parte, le cattive notizie fanno il giro del mondo velocemente perché provocano più reazioni. Il secondo elemento da integrare è che quando non ci documentiamo alla luce di diverse fonti sull'argomento che ci interessa, rischiamo solo di essere al corrente invece che di capire. Il terzo elemento da integrare è che tanto la notizia può essere segnata dallo stesso evento dando l'effetto di urgenza, tanto quanto può veicolare informazioni false che per forza della ripetizione danno lo stesso effetto. È anche importante tenere presente che si ha il diritto di pensare, mettere in discussione, seguire e non seguire.

Ogni cittadino ha il diritto di scegliere il proprio modo di mettersi in gioco. Tutti i contributi, siano essi mediatici, scientifici o politici dovrebbero essere in linea con la diversità delle credenze e lasciare margini ai cittadini per prendere una decisione. Perché se l'obiettivo perseguito da qualche anno dai media, è quello di suscitare un senso di colpa nei giovani per spingerli ad agire meglio, il risultato resta molto contrastante. Infatti, nonostante il contributo dei media per il risveglio della coscienza ecologica dei giovani attraverso messaggi spaventosi, le abitudini rimangono consumistiche. I giovani sono dunque ecologicamente attenti, ma molti sono questi giovani che non vedono più il punto di privarsi di certe abitudini di consumo, poiché in ogni caso i media annunciano in modo preponderante l'apocalisse ecologica in tutti i continenti. È ora di cambiare strategia.

Yves-Landry Kouame
allegati
© ESSERE SENSIBILE AL SUO AMBIENTE (4) .png
2 x

Avatar de l'utilisateur
Forhorse
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2155
iscrizione: 27/10/09, 08:19
Località: Perche Ornais
x 156

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da Forhorse » 20/03/21, 08:02

Vai un altro scettico sul clima su forum... penso che dovremo eventualmente rinominare il sito perché visti tutti gli argomenti di questo tipo che abbondano sul file forum, siamo ormai lontani dall'idea che ne ha motivato la creazione.
2 x
eclectron
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2686
iscrizione: 21/06/16, 15:22
x 378

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da eclectron » 20/03/21, 08:39

Yves-Landry Kouamé ha scritto:Perché se l'obiettivo, puntato da qualche anno dai media, è quello di suscitare un senso di colpa nei giovani per spingerli ad agire meglio, il risultato resta molto eterogeneo.

I media non hanno alcuna intenzione di "suscitare un senso di colpa nei giovani per spingerli ad agire meglio"
L'obiettivo dei media è creare un ronzio per vendere (la loro zuppa).
La paura è uno dei migliori agganci, tutto qui.
E si scopre che alcune verità hanno un effetto sui cervelli meno corrotti dalla vita.
Non c'è assolutamente coerenza nelle linee editoriali dei media.
Nella stessa notizia, daremo il benvenuto al mercato azionario che ha preso 3 punti e lamenteremo un orso polare alla ricerca dei suoi banchi di ghiaccio, senza fare il collegamento tra causa ed effetto ...

È proprio questa mancanza di coerenza, questa ipocrisia, questa apatia dei media e della società nel suo insieme che si ribella o angoscia i giovani. Ed è giusto!

Non c'è bisogno di tirare fuori il "discorso della legge con un'opinione diversa", anzi molto spesso avanzato dagli scettici, per cercare di giustificare l'incoerenza, l'inerzia della nostra azienda, di fronte alla posta in gioco attuale.
Ci sono alcuni fatti sufficientemente significativi e indiscutibili: RCA e la scarsità di combustibili fossili (per non dire risorse in generale, anche rinnovabili), per giustificare un'azione coerente, esigente, esigente una società coerente.
Sì, quando siamo giovani abbiamo il diritto di lamentarci.
Più anziani, abbiamo il diritto, persino il dovere, di agire.

L'ansia nasce dalla sensazione di impotenza per poter cambiare in modo significativo le cose.
Solo l'azione può superare questa ansia.

Temo che il diritto a un'opinione diversa rivendicata qui si chiami negazione.

Ritengo "Chi ha il privilegio di conoscere ha il dovere di agire".
0 x
https://i.pinimg.com/564x/94/3d/47/943d ... dcb276.jpg
"Se combatti qualcosa gli dai più energia" E.Tolle
Avatar de l'utilisateur
Exnihiloest
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2974
iscrizione: 21/04/15, 17:57
x 212

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da Exnihiloest » 20/03/21, 18:29

Yves-Landry Kouamé ha scritto:...
Ogni cittadino ha il diritto di scegliere il proprio modo di mettersi in gioco. Tutti i contributi, siano essi mediatici, scientifici o politici dovrebbero essere in linea con la diversità delle credenze e lasciare margini ai cittadini per prendere una decisione. Perché se l'obiettivo perseguito da qualche anno dai media, è quello di suscitare un senso di colpa nei giovani per spingerli ad agire meglio, il risultato resta molto contrastante. Infatti, nonostante il contributo dei media per il risveglio della coscienza ecologica dei giovani attraverso messaggi spaventosi, le abitudini rimangono consumistiche. I giovani sono dunque ecologicamente attenti, ma molti sono questi giovani che non vedono più il punto di privarsi di certe abitudini di consumo, poiché in ogni caso i media annunciano in modo preponderante l'apocalisse ecologica in tutti i continenti. È ora di cambiare strategia.

Yves-Landry Kouame

Se l'ecologismo fosse un movimento positivo, per trovare soluzioni tecnologiche innovative meno inquinanti ma anche efficaci, o per mostrare con l'esempio come vivere in modo più ecologico, non creerebbe ansia, le persone si approprerebbero spontaneamente delle soluzioni o le seguiranno senza stress.

Ma l'ecologismo non è niente di tutto questo, non è ecologia. È una corrente ideologica politico-religiosa la cui ecologia è solo il pretesto. E questa corrente fa proselitismo costantemente. Tuttavia, per raccogliere membri, per suscitare paura del futuro affermando che l'ecologismo ha soluzioni, questo è il metodo. Il cattolicesimo lo ha usato per secoli, esacerbando la paura dell'inferno, funziona.

L'ecologismo crea quindi artificialmente la gravità dei problemi per collocarvi le sue soluzioni, vale a dire per collocare lì il dogma che vuole che il mondo segua. Si afferma che i problemi rari sono onnipresenti, i problemi benigni sono rovinati, i problemi vengono persino creati dal nulla quando non ce ne sono.
Ovviamente, tutto ciò ha un impatto sulla psicologia delle persone che sono deboli nel pensiero critico o inadatte alla società e che vogliono la loro vendetta. Non si rendono conto di quanto siano manipolati, e non relativizzano affatto che gli svantaggi delle attuali soluzioni più o meno inquinanti sono il rovescio della medaglia dei vantaggi di cui beneficiano, in particolare dal loro tenore di vita, mentre il la cosiddetta soluzione derivante dal dogma ecologico vorrà che vi rinuncino anche quando il rapporto vantaggio / svantaggio è largamente a favore delle vecchie soluzioni.
È così che abbiamo visto in Australia un movimento ambientalista per vietare o ridurre i tradizionali incendi preventivi nella boscaglia, a causa degli uccelli, con la conseguenza che sono stati poi accesi enormi incendi, uccidendo non solo molte più persone. . Visto dall'ambiente, va tutto bene, più incendi ci sono, più possono causare paura.

Le uniche soluzioni dell'ambientalismo sono "tu avevi bisogno di questo, l'hai usato, te ne priveremo". Non è risolvere problemi sviluppando soluzioni, è rimuovere problemi. Ma questi problemi erano gli svantaggi delle soluzioni messe in atto per soddisfare le nostre esigenze e altri problemi più gravi, che a loro volta continuano a ripresentarsi. Una regressione a causa del movimento ambientalista è un rischio reale molto più preoccupante del riscaldamento globale.

Oltre a ciò ci sono attività realizzate con una prospettiva veramente ecologica da persone attente all'ambiente, che pensano che l'ecologia passi soprattutto attraverso l'azione individuale, danno l'esempio, ma non sono loro che sentiamo.
Purtroppo quelli che sentiamo sono gli urla politicizzati, come la fanatica Greta, Al Gore e compagnia, i campioni della manipolazione dalla paura, e qui tutti i loro seguaci condizionati, i campioni della fedeltà al dogma.
0 x
Avatar de l'utilisateur
Exnihiloest
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2974
iscrizione: 21/04/15, 17:57
x 212

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da Exnihiloest » 20/03/21, 18:48

Forhorse ha scritto:Vai un altro scettico sul clima su forum... penso che dovremo eventualmente rinominare il sito perché visti tutti gli argomenti di questo tipo che abbondano sul file forum, siamo ormai lontani dall'idea che ne ha motivato la creazione.

L'idea potrebbe essere stata confusa e da rifondere. È come l'idea del comunismo, molto buona all'inizio, e poi abbiamo visto i danni in URSS o in Cina. A differenza dei tempi del comunismo, oggi tutti possono esprimersi facilmente forum e social network, la parola non può più essere monopolizzata da un partito, peccato per l'ambiente, eh?
È abbastanza positivo che ci siano persone critiche qui che sono in grado di vedere i difetti di un'ideologia in ascesa prima che faccia lo stesso danno che ha fatto il comunismo. La libertà di espressione aiuta a risvegliare menti aperte e indecise e garantisce diversità di punti di vista. Quanto alla cecità e all'apriori, lì non si potrà fare altro ma queste sono le rumorose minoranze di cui ho parlato sopra, i fondamentalisti, quelli che si sente molto ma che non fanno altro che vociferare, che ovviamente non sono per risvegliarsi, per l'impossibile nessuno è tenuto, ma per eliminare politicamente. Soprattutto se ci interessa l'ecologia.
0 x

eclectron
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2686
iscrizione: 21/06/16, 15:22
x 378

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da eclectron » 20/03/21, 19:18

Exnihiloest ha scritto:
Yves-Landry Kouamé ha scritto:...
Ogni cittadino ha il diritto di scegliere il proprio modo di mettersi in gioco. Tutti i contributi, siano essi mediatici, scientifici o politici dovrebbero essere in linea con la diversità delle credenze e lasciare margini ai cittadini per prendere una decisione. Perché se l'obiettivo perseguito da qualche anno dai media, è quello di suscitare un senso di colpa nei giovani per spingerli ad agire meglio, il risultato resta molto contrastante. Infatti, nonostante il contributo dei media per il risveglio della coscienza ecologica dei giovani attraverso messaggi spaventosi, le abitudini rimangono consumistiche. I giovani sono dunque ecologicamente attenti, ma molti sono questi giovani che non vedono più il punto di privarsi di certe abitudini di consumo, poiché in ogni caso i media annunciano in modo preponderante l'apocalisse ecologica in tutti i continenti. È ora di cambiare strategia.

Yves-Landry Kouame

Se l'ecologismo fosse un movimento positivo, per trovare soluzioni tecnologiche innovative meno inquinanti ma anche efficaci, o per mostrare con l'esempio come vivere in modo più ecologico, non creerebbe ansia, le persone si approprerebbero spontaneamente delle soluzioni o le seguiranno senza stress.

Ma l'ecologismo non è niente di tutto questo, non è ecologia. È una corrente ideologica politico-religiosa la cui ecologia è solo il pretesto. E questa corrente fa proselitismo costantemente. Tuttavia, per raccogliere membri, per suscitare paura del futuro affermando che l'ecologismo ha soluzioni, questo è il metodo. Il cattolicesimo lo ha usato per secoli, esacerbando la paura dell'inferno, funziona.

L'ecologismo crea quindi artificialmente la gravità dei problemi per collocarvi le sue soluzioni, vale a dire per collocare lì il dogma che vuole che il mondo segua. Si afferma che i problemi rari sono onnipresenti, i problemi benigni sono rovinati, i problemi vengono persino creati dal nulla quando non ce ne sono.
Ovviamente, tutto ciò ha un impatto sulla psicologia delle persone che sono deboli nel pensiero critico o inadatte alla società e che vogliono la loro vendetta. Non si rendono conto di quanto siano manipolati, e non relativizzano affatto che gli svantaggi delle attuali soluzioni più o meno inquinanti sono il rovescio della medaglia dei vantaggi di cui beneficiano, in particolare dal loro tenore di vita, mentre il la cosiddetta soluzione derivante dal dogma ecologico vorrà che vi rinuncino anche quando il rapporto vantaggio / svantaggio è largamente a favore delle vecchie soluzioni.
È così che abbiamo visto in Australia un movimento ambientalista per vietare o ridurre i tradizionali incendi preventivi nella boscaglia, a causa degli uccelli, con la conseguenza che sono stati poi accesi enormi incendi, uccidendo non solo molte più persone. . Visto dall'ambiente, va tutto bene, più incendi ci sono, più possono causare paura.

Le uniche soluzioni dell'ambientalismo sono "tu avevi bisogno di questo, l'hai usato, te ne priveremo". Non è risolvere problemi sviluppando soluzioni, è rimuovere problemi. Ma questi problemi erano gli svantaggi delle soluzioni messe in atto per soddisfare le nostre esigenze e altri problemi più gravi, che a loro volta continuano a ripresentarsi. Una regressione a causa del movimento ambientalista è un rischio reale molto più preoccupante del riscaldamento globale.

Oltre a ciò ci sono attività realizzate con una prospettiva veramente ecologica da persone attente all'ambiente, che pensano che l'ecologia passi soprattutto attraverso l'azione individuale, danno l'esempio, ma non sono loro che sentiamo.
Purtroppo quelli che sentiamo sono gli urla politicizzati, come la fanatica Greta, Al Gore e compagnia, i campioni della manipolazione dalla paura, e qui tutti i loro seguaci condizionati, i campioni della fedeltà al dogma.

Cosa proponi di fronte al demone verde?
Cosa proponi per gestire la finitezza dei fossili (e tutti : Mrgreen: )?
0 x
https://i.pinimg.com/564x/94/3d/47/943d ... dcb276.jpg
"Se combatti qualcosa gli dai più energia" E.Tolle
Avatar de l'utilisateur
Forhorse
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2155
iscrizione: 27/10/09, 08:19
Località: Perche Ornais
x 156

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da Forhorse » 20/03/21, 19:35

si propone di fare lo struzzo, niente di più.
0 x
eclectron
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2686
iscrizione: 21/06/16, 15:22
x 378

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da eclectron » 20/03/21, 19:59

Forhorse ha scritto:si propone di fare lo struzzo, niente di più.

Sì, ma voglio che lo dica : Lol: : Lol: : Lol:

Dirà di lasciare andare il mercato, di dare alle persone la libera iniziativa per risolvere il problema.
Ma poiché il problema è strutturale, a causa del sistema capitalista, l'azione individuale non è sufficiente, abbiamo bisogno di un'azione di gruppo.
Chiaramente fare un gruppo di persone con uno spirito ecologico, portando avanti azioni ecologiche.
Un gruppo che si potrebbe chiamare il partito ambientalista? : Lol: : Lol: : Lol:
Ah, non è facile giustificare le incongruenze del liberalismo ... :Rotolo:
0 x
https://i.pinimg.com/564x/94/3d/47/943d ... dcb276.jpg
"Se combatti qualcosa gli dai più energia" E.Tolle
ABC2019
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6966
iscrizione: 29/12/19, 11:58
x 309

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da ABC2019 » 21/03/21, 08:24

eclectron ha scritto:Ci sono alcuni fatti sufficientemente significativi e indiscutibili: RCA e la scarsità di combustibili fossili

è di per sé incoerente affermare che i due sono indiscutibili, poiché contraddittori. Se c'è una scarsità di combustibili fossili nel prossimo futuro, ciò limiterà necessariamente l'RCA a valori modesti.
0 x
eclectron
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2686
iscrizione: 21/06/16, 15:22
x 378

Ri: Eco-ansia: il grande disagio della giovinezza ecologica




da eclectron » 21/03/21, 08:45

ABC2019 ha scritto:
eclectron ha scritto:Ci sono alcuni fatti sufficientemente significativi e indiscutibili: RCA e la scarsità di combustibili fossili

è di per sé incoerente affermare che i due sono indiscutibili, poiché contraddittori. Se c'è una scarsità di combustibili fossili nel prossimo futuro, ciò limiterà necessariamente l'RCA a valori modesti.

Cosa prendi la mattina? Fermati subito, provoca un "ragionamento a due palle".
Oggi non esiste la RCA?
Oggi non ci sono più combustibili fossili?
Fondamentalmente siamo a metà delle scorte di fossili, quindi la RCA non finirà presto, il che lo sai per certo.
Quindi le tue considerazioni soggettive e fuori terra, RCA seria o non seria purché non milioni di RCA stampigliate morte, ti lascio a colazione ... :Rotolo:
1 x
https://i.pinimg.com/564x/94/3d/47/943d ... dcb276.jpg
"Se combatti qualcosa gli dai più energia" E.Tolle


Di nuovo a "Salute e prevenzione. L'inquinamento, le cause e gli effetti dei rischi ambientali "

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 23