Fascia: il tessuto a lungo trascurato che modella la tua salute

Come rimanere in buona salute e prevenire i rischi e le conseguenze sulla salute e la salute pubblica. malattia professionale, rischi industriali (amianto, inquinamento atmosferico, le onde elettromagnetiche ...), il rischio di impresa (lo stress sul posto di lavoro, l'abuso di droghe ...) e individuale (tabacco, alcol ...).
Avatar de l'utilisateur
GuyGadeboisTheBack
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 11536
iscrizione: 10/12/20, 20:52
Località: 04
x 2966

Fascia: il tessuto a lungo trascurato che modella la tua salute




da GuyGadeboisTheBack » 19/09/22, 14:53

La fascia, questa matrice interiore che modella la nostra salute

A lungo ignorato, questo tessuto che tiene in posizione i nostri muscoli e organi sta iniziando a ricevere un'attenzione speciale. Un numero crescente di studi suggerisce che ha un ruolo da svolgere nel trattamento di varie patologie come il dolore cronico o la disfunzione del sistema immunitario.
Immagine

Le rivoluzioni scientifiche possono nascere dalle cose più improbabili. Ad esempio un topo, in laboratorio, che si allunga nella postura del “cane a testa in giù”.

Secondo alcuni scienziati, che hanno trovato un modo per far fare yoga ai topi, queste piccole creature traggono vantaggio da una buona sessione di stretching tanto quanto noi. Inoltre, il loro studio rivela la vera importanza di un tessuto ignorato per secoli dalla scienza.

Nel XIX secolo, in Inghilterra, l'anatomista Erasmus Wilson disse di questo tessuto – oggi chiamato “fascia” – che si tratta di un bendaggio naturale. In dissezione, questo è esattamente come appare: fasce di tessuto connettivo fibroso, bianco, appiccicoso, robusto ma flessibile, perfettamente adatto a tenere in posizione muscoli e organi. Inoltre, ti impedisce di vedere i muscoli, le ossa e gli organi che ricopre, il che spiega perché, per anni, gli anatomisti lo hanno tagliato, rimosso, gettato via e presto se ne sono dimenticati.

Più recentemente, tuttavia, i ricercatori hanno iniziato a dare uno sguardo nuovo alla fascia e a rendersi conto che non è altro che un involucro inerte. In realtà è sede di un'attività biologica che mette in luce alcuni legami tra stile di vita e salute. La fascia potrebbe anche essere un organo sensoriale di un nuovo tipo. "C'è molto di più nella fascia di quanto si creda generalmente", afferma Karl Lewis della Cornell University di Ithaca, New York.

Un tessuto onnipresente nel corpo

Stiamo diventando consapevoli dell'urgenza di studiare più da vicino questo tessuto onnipresente nei nostri corpi. Con una migliore conoscenza, potrebbe essere possibile progettare nuovi modi per affrontare una serie di condizioni comuni ma difficili da trattare, dalla disfunzione del sistema immunitario al dolore cronico.
Una delle prime difficoltà nello studio della fascia è che non c'è consenso sulla sua definizione. Quel che è certo è che fa parte del gruppo dei tessuti connettivi, che, secondo la loro definizione più ampia, comprendono non solo tendini e legamenti, ma anche ossa, pelle e grasso.

La maggior parte dei ricercatori sulla fascia concorda anche sul fatto che si tratta di membrane tissutali composte da fibre di collagene forti e fibre di elastina più elastiche. Spesso queste membrane fibrose sono separate da una fascia "areolare" o "sciolta", che contiene meno fibre, gli spazi tra loro sono riempiti da una sostanza viscida che consente agli strati vicini di scivolare l'uno sull'altro. Gli ingredienti principali di questa zuppa viscosa sono l'acido ialuronico, che ha un effetto lubrificante, e i proteoglicani, molecole che agiscono come ammortizzatori. Le fibre della fascia e questa zuppa sono prodotte da cellule specializzate che si trovano nella fascia, i fibroblasti e i fasciaciti scoperti di recente.

Se dovessi tagliare un corpo umano, scopriresti facilmente due strati di questo film alimentare naturale: la fascia superficiale, che si trova immediatamente sotto la pelle, e la fascia profonda, che avvolge muscoli e organi e li collega tra loro . . Alcuni ricercatori estendono la definizione di fascia per includere la "fascia viscerale" (che riveste la cavità addominale e la divide in compartimenti in cui si adattano diversi organi), così come i sottili strati di tessuto connettivo che coprono praticamente ogni parte del corpo. Secondo questa definizione, la fascia forma una rete che tiene insieme tutti gli elementi del nostro corpo.

È sorprendente che, fino all'inizio degli anni 2000, nessuno avesse studiato in dettaglio questo tessuto centrale del corpo. Carla Stecco, chirurgo ortopedico e anatomista dell'Università di Padova, Italia [autrice dell'Atlante Funzionale del Sistema Fasciale Umano, pubblicato nel 2020 da Tita Editions] è una delle pioniere. Si è concentrata sulla fascia vent'anni fa, quando suo padre, Luigi Stecco, fisioterapista, sviluppò una nuova terapia fisica: la “manipolazione fasciale”. Secondo lui, questo metodo sarebbe in grado di curare tutto, dal mal di testa ai dolori muscolari e articolari. Ora fa parte della panoplia delle terapie fisiche basate sull'idea che il massaggio può ammorbidire una fascia diventata troppo rigida.

Alla ricerca di prove

Il problema è che all'epoca non c'erano prove per convalidare o invalidare l'idea che il massaggio potesse avere un'azione specifica sulla fascia e sul dolore. Da allora, Carla Stecco e altri ricercatori hanno dimostrato che la fascia è ricca di nervi e che questi trasmettono informazioni diverse in tutto il corpo. I nervi della fascia superficiale sono specializzati nella percezione della pressione, della temperatura e del movimento. Quelli della fascia profonda sono coinvolti nella propriocezione (percezione della posizione del corpo nello spazio) e nella nocicezione (percezione del dolore).

Gli scienziati hanno condotto esperimenti in cui volontari sani hanno ricevuto iniezioni dolorose nella pelle, nei muscoli e nella fascia. Questi esperimenti mostrano che i nervi della pelle e dei muscoli causano dolore localizzato, mentre la rete nervosa nella fascia produce dolore radiante, la cui origine è più difficile da localizzare. Questo tipo di dolore diffuso è caratteristico di diversi disturbi del dolore cronico, inclusa la fibromialgia, che alcuni studi associano all'infiammazione della fascia. Questo carattere diffuso è anche caratteristico del dolore post-esercizio, che è stato a lungo attribuito a un danno muscolare, ma che ora i ricercatori attribuiscono maggiormente a lesioni o infiammazioni della fascia.

Cattive notizie: quando l'infiammazione dura troppo a lungo, il corpo cambia la composizione dei nervi fasciali, che diventano più sensibili al dolore. Nei ratti, la proporzione di fibre nocicettive - recettori che rispondono a stimoli dolorosi - nella fascia aumenta dal 4 al 15% dopo l'infiammazione cronica della fascia profonda nella parte bassa della schiena.

Questo potrebbe spiegare perché il mal di schiena è così difficile da trattare. Sebbene siano una delle cause più comuni di assenza dal lavoro e limitazione della mobilità nel mondo, nell'85% dei casi sono classificate come “non specifiche”, ovvero non è possibile determinarne la causa esatta.

La fascia toracolombare è una struttura a forma di diamante situata nella parte bassa della schiena e composta da più strati, che si collegano a diversi gruppi di muscoli del tronco. Date le nostre attuali conoscenze, questa fascia toracolombare sembra essere il posto giusto per cercare l'origine del nostro mal di schiena. “La fascia toraco-lombare è come un grande recettore in grado di percepire le tensioni provenienti dagli arti superiori, dalla colonna vertebrale e dall'addome”, riassume Carla Stecco. E potrebbe benissimo essere che i neuroni sensoriali della fascia interpretino queste tensioni come dolore.

Il sentiero della flessibilità

Inoltre, l'infiammazione della fascia sciolta potrebbe peggiorare le cose. Helene Langevin del National Institutes of Health nel Maryland ha utilizzato tecniche di imaging a ultrasuoni per studiare la parte bassa della schiena. Secondo i suoi risultati, le persone con dolore cronico in questa regione hanno una fascia toracolombare più rigida del 20% rispetto alle persone senza dolore. Questa rigidità sembra essere dovuta al fatto che più strati di tessuto sono incollati insieme e impediscono alla fascia lassa di scivolare.

Gli studi che ha condotto sui maiali supportano questa ipotesi: una volta risolta la lesione iniziale, una mancanza di mobilità nella parte bassa della schiena può mantenere la rigidità della fascia e causare aderenze, aree in cui due strati sono attaccati l'uno all'altro da nuove fibre di collagene. Queste aderenze, come suggeriscono altri studi, limitano il movimento non solo nella fascia che si trova in prossimità della zona rigida, ma anche nelle regioni collegate vicine. In alcuni casi estremi, gli strati di fascia possono aderire tra loro fino a formare un blocco immobile che va dalla fascia superficiale alla fascia profonda e al muscolo.
Oltre a lesioni e infiammazioni, molti fattori possono compromettere la flessibilità della fascia. Secondo una ricerca di Robert Schleip dell'Università Tecnica di Monaco, l'attivazione del sistema nervoso simpatico (coinvolto nella risposta di lotta-volo) provoca la contrazione della fascia istruendo i fibroblasti in essa contenuti a trasformarsi in miofibroblasti. Queste cellule fanno parte della risposta infiammatoria alla lesione, spesso coinvolte in problemi articolari come la capsulite adesiva (o la spalla congelata).

Siamo lontani dall'aver finito di studiare come la risposta di lotta-fuga [implicata dalla paura o dallo stress, per esempio] causi rigidità. Detto questo, Robert Schleip pensa già che l'adrenalina aumenterebbe l'espressione di una sostanza infiammatoria, il TGF-beta. Questo verrebbe quindi immagazzinato nella fascia sciolta in previsione del prossimo stress del corpo. Quando ciò accade, i fibroblasti "assorbono il TFG-beta e si trasformano in poche ore in miofibroblasti", spiega. Aggiunge :
Sono quindi quattro volte meno flessibili di prima. Sono macchine a contrazione. Ecco come l'adrenalina può irrigidire la fascia.


In effetti, l'elenco dei fattori che possono alterare l'elasticità della fascia sta crescendo con il progredire della nostra ricerca. “Gli estrogeni possono creare una fascia più elastica, assicura Carla Stecco. La fascia è un tessuto molto dinamico in grado di reagire a fattori ormonali, chimici e meccanici. Questi fattori, presi insieme, determinano l'elasticità della nostra fascia".

Allungati per una salute migliore

Il lato positivo è che, poiché la fascia è dinamica, ci sono forti ragioni per credere che cambiare il nostro stile di vita possa risolvere alcuni problemi legati alla fascia. Soprattutto quando si eseguono allungamenti. Nei ratti Helene Langevin ha osservato che lo stiramento porta a modificazioni dei fibroblasti che costituiscono la matrice della fascia lassa: si moltiplicano, si allungano e si appiattiscono. "Lo stretching rilassa i tessuti", insiste.

Altri studi che ha condotto sui maiali indicano che allungare la parte bassa della schiena due volte al giorno per cinque minuti non solo riduce le dimensioni di un'area infiammata, ma sembra anche innescare una sequenza di eventi chimici antinfiammatori originati dalla fascia. Questa scoperta è promettente perché l'infiammazione cronica è associata a quasi tutte le malattie moderne, dalle malattie cardiache e dal diabete al cancro e alla depressione.

Un team della Harvard Medical School sta conducendo una prova con gli esseri umani per determinare se lo stesso vale per noi. Nello studio pilota da lei portato a termine alla fine del 2021, il gruppo di volontari sani che si sono allungati per un'ora presentava livelli alterati di citochine, molecole [coinvolte in particolare nell'infiammazione] appartenenti al sistema immunitario, ad esempio rispetto al gruppo che aveva non allungato. Questi risultati suggeriscono che lo stretching si traduce nella regolazione dell'infiammazione.

Per quanto riguarda le terapie fisiche che puntano sul rilassamento della fascia, come il massaggio, non è ancora chiaro se abbiano gli stessi effetti cellulari e antinfiammatori dello stretching, o se abbiano solo un'azione temporanea sulla fascia. Potrebbe essere, ad esempio, che le terapie manuali riscaldando i tessuti, rendano la matrice della fascia meno viscosa e consentano temporaneamente ai diversi strati di scivolare meglio l'uno sull'altro. Prudente, Helene Langevin ricorda che, finché non sappiamo di più sui meccanismi di queste terapie, non possiamo conoscerne gli effetti sulla fascia, se in effetti ce ne sono.

Prima che questa ricerca si traduca in trattamenti basati sull'evidenza, la fascia dovrà ripristinare la sua immagine tra gli scienziati. La sua cattiva reputazione risale agli anni '1940 e '1950, quando la ricerca medica classica gli prestò poca attenzione e divenne l'oggetto centrale di un metodo terapeutico alternativo sviluppato dalla defunta biochimica [americana] Ida Rolf. Chiamato “integrazione strutturale”, ma meglio conosciuto come “Rolfing”, questo metodo è un misto di terapia fisica e presupposti sull'allineamento dei campi energetici del corpo. Da allora, "fascia" è stata una parola d'ordine in tutti i tipi di terapie alternative.

Comunque, per Carla Stecco è giunto il momento che la medicina convenzionale si interessi un po' di più a questo tessuto e ne riconosca l'importanza in molti ambiti. Dovremmo finalmente capire che apre una finestra sulla salute umana. Questa sarebbe, secondo lei, “la vera rivoluzione fasciale”.

Caroline Williams

https://www.courrierinternational.com/a ... otre-sante
1 x
Obamot ha scritto: Scusati per tutto il male che hai fatto! Scusati subito qui, specialmente con Christophe, e cerca di non farlo di nuovo. Non è un "bavaglio". È la tua unica possibilità. Se aspetti troppo a lungo, in seguito pagherai un prezzo molto, molto alto, un prezzo che non sospetti nemmeno.

Di nuovo a "Salute e prevenzione. L'inquinamento, le cause e gli effetti dei rischi ambientali "

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Bing [Bot] e gli ospiti 23