Società e FilosofiaFrançois Roddier, termodinamica e della società

dibattiti filosofici e aziende.
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda sen-no-sen » 08/12/18, 20:44

Ahmed ha scritto:F. Roddier ha scritto:
... più una società è interconnessa, più diventa fragile ...

Viceversa, una società indebolita perché non è più in grado di soddisfare ciò su cui si basa (lavoro, denaro, merce ...) tende a sfruttare micro nicchie attraverso gli strumenti di interconnessione per temporaneamente sfugge alle sue contraddizioni. È così che l'uberisation o nuove forme di marketing (professionale o privato) sono sviluppate su Internet.


Sì, è una sorta di "sovra-saturazione".
L'economia, dopo aver colonizzato geograficamente, tende a interferire negli spazi concettuali generando nuovi bisogni attraverso le modalità o le trasformazioni sociali.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.

Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7181
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 518

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda Ahmed » 08/12/18, 22:01

Avrei detto spazi "interstiziali", che non escludono il fatto che siano anche nuovi concetti: l'interstiziale evoca bene il fenomeno della supersaturazione ... Parlerò meno di nuovi bisogni di nuovi modi di soddisfare ex ...
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
Exnihiloest
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1190
iscrizione: 21/04/15, 17:57
x 57

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda Exnihiloest » 09/12/18, 19:11

Ahmed ha scritto:F. Roddier ha scritto:
... più una società è interconnessa, più diventa fragile ...

Viceversa, una società indebolita perché non è più in grado di soddisfare ciò su cui si basa (lavoro, denaro, merce ...) tende a sfruttare micro nicchie attraverso gli strumenti di interconnessione per temporaneamente sfugge alle sue contraddizioni. È così che l'uberisation o nuove forme di marketing (professionale o privato) sono sviluppate su Internet.

Non c'è alcuna questione di "micro nicchie" nel testo di F Roddier, e non vedo alcuna relazione di causa-effetto tra le presunte "contraddizioni" e "strumenti di interconnettività". L'evoluzione degli stili di vita attraverso il progresso tecnico non è il risultato di una volontà. Il progresso tecnico è motivato certamente dal profitto, ma non solo, e precisamente non all'inizio per le aziende con gli impatti più importanti di quelli segnalati, Google e Facebook. I loro pionieri hanno iniziato a riempire un vuoto che sentivano in un campo che li interessava, è sempre come inizia, anche per la ruota probabilmente, la macchina da stampa o la radio.
E non c'è mistero: se ci vuole, è che le persone apprezzano ciò che viene loro fornito, senza offesa per le gioie della battuta. Per coloro che soffrono il monopolio dei taxi (che lo Stato è all'origine) e dei suoi prezzi esorbitanti, l'uberizzazione è una soluzione legittima, quindi il car pooling è possibile solo perché ci sono siti come blablacar. Trasforma la società, niente di più normale.

D'altra parte, il vero pericolo che F Roddier enfatizza è la standardizzazione del mondo. Il fatto che si basino essenzialmente sul modello americano è secondario, penso che il modello sarebbe lo stesso indipendentemente dal paese in quanto capace di presentare innovazioni interessanti. Questi saranno tecnici e scientifici, perché se innovazioni filosofiche, politiche o religiose potrebbero superarli, sarebbe stato fatto per molto tempo. È allineato con il paese più tecnologicamente avanzato, e non è sicuro che questo progresso possa in pratica assumere forme molto diverse da quelle che conosciamo (anche per il cibo, sfortunatamente!).
Rimane la standardizzazione del mondo. La perdita di diversità è un pericolo perché l'umanità si trova "a mettere tutte le sue uova in un unico paniere" e non possiamo più selezionare da più soluzioni che verrebbero provate.
Oggi non vedo come si possa fare altro che standardizzarsi in un mondo che comunica ovunque e non è altro che un "grande villaggio". Basta essere consapevoli del pericolo, fare attenzione a un governo mondiale e aspettare che il progresso tecnico ci permetta di lasciare la terra (che dovrebbe essere un obiettivo degli umani, ed è un po 'più esaltante di gestire la scarsità sulla terra).
0 x
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda sen-no-sen » 09/12/18, 21:16

Exnihiloest ha scritto:D'altra parte, il vero pericolo che F Roddier enfatizza è la standardizzazione del mondo. Il fatto che si basino essenzialmente sul modello americano è secondario, penso che il modello sarebbe lo stesso indipendentemente dal paese in quanto capace di presentare innovazioni interessanti.


Sì, è secondario, ma il Stati Uniti combinare diversi fattori che garantiscono le loro egemonie:
1) Un'economia forte (per non dire violenta, pleonastico!) Basata sul potere industriale e militare.
2) Una libertà di imprenditorialità attraverso un'economia liberale, specialmente attraverso mezzi significativi messi a disposizione per mantenere gli elementi del primo punto.
3) Un mix etnico che promuove l'accettazione culturale tra diversi gruppi di comunità in tutto il mondo (qualcosa di molto più difficile per la Cina).
4) Un'industria cinematografica che favorisce la "diffusione memetica".

Come il modello più dissipativo dell'energia, gli Stati Uniti vincono nonostante la loro giovinezza (agli occhi del vecchio mondo che sento) come potenti attrattori.
Una volta lanciata la macchina, le altre nazioni non hanno altra possibilità che seguire o stare dalla parte bassa ... quindi dobbiamo correre sempre più velocemente per rimanere sul posto (effetto della Regina Rossa).


La standardizzazione culturale è determinata dall'aumento dei flussi di energia tra le società, favorendo il fenomeno di coalescenza.
Altrimenti è il frammentazionequesto favorisce il ritorno a una cultura nazionale.
L'attuale situazione mondiale sembra indicare che ci stiamo muovendo verso il ritorno negli Stati nazionali, questo è confermato dal "Brexit", l'euroscetticismo in aumento, l'aumento del populismo incarnato dalle elezioni di Donald Trump de Victor Orban o Jair Bolsonaro.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7181
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 518

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda Ahmed » 09/12/18, 22:26

Exnihiloest, Lei scrive:
Non c'è alcuna questione di "micro nicchie" nel testo di F Roddier, e non vedo alcuna relazione di causa-effetto tra le presunte "contraddizioni" e "strumenti di interconnettività".

Non mi sento limitato dal vocabolario di F. Roddier nei miei commenti ...
Per quanto riguarda le contraddizioni, esse non sono affatto "supposte": la principale è l'opera (le altre risultanti da essa), questa specifica forma di attività specifica all'economismo / capitalismo che è, per il fatto stesso della logica sistemica, sempre più distrutto mentre costituisce la condizione dell'esistenza del produttore / consumatore (quindi del mercato ...).
Pertanto, è in quelle che chiamo micro nicchie che si rifugiano rispettivamente, coloro che non trovano decente a vendere la propria forza lavoro e coloro che sono costretti a consumare di più con parsimonia (per le stesse ragioni).

Quella tecnologia trasforma la società è ovvia ...
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."

Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda sen-no-sen » 10/12/18, 20:59

Nota il rilascio del nuovo libro François Roddier:Dalla termodinamica all'economia

Dalla termodinamica all'economia: il vortice della vita
10 dicembre 2018GeneraleFrançois Roddier

Questo è il titolo del mio nuovo libro che appare questo mese a "Parole". Puoi ordinarlo ora sul sito web del publisher al seguente indirizzo internet:

https://www.editions-parole.net/produit ... leconomie/

Questo libro è diviso in tre parti.

La prima parte, intitolata "Termodinamica classica", presenta un resoconto storico delle leggi di equilibrio della termodinamica, come furono stabilite nel XIX secolo dal fisico Sadi Carnot e dai suoi successori.

La seconda parte, intitolata "Termodinamica di non equilibrio", presenta i concetti sviluppati nell'20esimo secolo dal fisico-chimico Ilya Prigogine e descrive la loro applicazione alle reti neurali. Mostra che l'evoluzione di questi è necessariamente ciclica.

Infine, la terza parte intitolata "Termodinamica ed economia" propone un'applicazione di questi concetti alle società umane e al loro sviluppo economico. Mostra che gli esseri viventi evoluti hanno sviluppato tutti i modi per regolare la loro dissipazione di energia e propongono di trarre ispirazione dai loro cosiddetti meccanismi antagonisti agonisti per regolare l'economia umana.

Se ti è piaciuto questo libro, grazie per averlo donato ai tuoi amici come regalo di Natale.

http://www.francois-roddier.fr/
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7181
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 518

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda Ahmed » 17/12/18, 19:49

Intestazione "clientelismo speciale".

Per Natale fai due felici, il destinatario e l'autore: Bertrand Méheust è evitato dai media e il suo libro "La conversione di Guillaume Portail" non decolla nelle vendite .... :(
Ho già spiegato qui tutto il bene che penso a questo libro essenziale e pieno di sottigliezze (diversi livelli di lettura garantita!) E non ti rifletterò più con quello, ma è il momento di offrirlo e per offrirlo ... 8)

Se solo perché sarebbe quindi possibile prevedere un nuovo lavoro riguardante le idee che vengono discusse in questo forum, sui memetici e sul passaggio dall'ecomomismo esponenziale alla tecno-sfera: ho avuto un lungo dibattito con lui di recente e lui era davvero molto interessato.
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda sen-no-sen » 08/01/19, 19:30

132 - Come le aziende crollano

Oggi c'è un numero crescente di pubblicazioni sul collasso delle società umane. L'idea che le nostre cosiddette società "avanzate" possano collassare sta diventando sempre più importante, ma le opinioni su come ciò potrebbe accadere sono diverse.

Una prima preoccupazione è il declino delle nostre riserve petrolifere conosciute. La maggior parte dei lavoratori non può mettersi al lavoro senza prendere la propria auto personale e la benzina li costa sempre di più. Una soluzione sarebbe lo sviluppo del trasporto pubblico. Alcuni, pochi, osano parlare di declino economico, ma i nostri governi parlano solo di concorrenza libera e non distorta. In altre parole, il primo che rallenta viene raddoppiato da altri.

Una seconda area di preoccupazione è il riscaldamento globale. Ogni anno, esperti internazionali si riuniscono sotto forma di COP (Conferenza delle parti) per discutere le misure da adottare. Ma questi sono raramente seguiti dall'effetto. È anche chiaro che non tutti i paesi saranno ugualmente colpiti. Ridurre il nostro uso di petrolio sarebbe il primo passo, ma abbiamo appena visto di cosa si tratta.

In generale, le persone stanno diventando sempre più consapevoli della necessità di preservare il proprio ambiente. Questo include tutte le specie animali e vegetali che sono indicate come biodiversità. Tra queste specie, alcune hanno permesso all'uomo di sopravvivere, attraverso l'allevamento. Ora si estende alle specie marine. Nel frattempo, la popolazione mondiale continua a crescere vivacemente. Fino a quando potremo nutrire (quasi) tutti?

Un modo per capire il collasso di una società è considerare la società come una specie culturale e confrontare il suo meccanismo di collasso con quello di una specie genetica. Un esempio che viene subito in mente è quello dei dinosauri. Circa 65 milioni di anni fa, questi rappresentavano un insieme di specie genetiche in grado di dissipare molta energia. Sappiamo oggi che la caduta di una meteora ha profondamente cambiato il clima, immergendo la terra per un anno in una notte buia. Efficiente ma non molto resiliente, la maggior parte delle specie di dinosauri è scomparsa, lasciando il posto a piccoli mammiferi.

Come le odierne società umane, i dinosauri sono stati colpiti da un drammatico cambiamento nel clima e nelle fonti alimentari (energia e biodiversità). Sono scomparsi perché i loro geni non erano adattati a un tale cambiamento. Si è concluso che, molto dissipativi di energia come lo erano i dinosauri, le società avanzate di oggi sono destinate a scomparire perché la loro cultura non è adattata a un simile cambiamento. In altre parole, il collasso delle civiltà non è un fenomeno fisico ma un fenomeno culturale. Le nostre attuali società non sono in grado di cogliere la situazione oggi perché la loro cultura non le consente.

Coloro che hanno la fortuna di avere un lavoro vicino a casa, ma adottano anche un comportamento appropriato: quelli che evitano i grandi supermercati di andare dai piccoli commercianti locali (quando ancora esistono), quelli che comprare il cibo dagli agricoltori locali (eventualmente contribuire ad un AMAP) o frequentare i mercati degli agricoltori. Coloro che ordinano i loro libri all'editore, piuttosto che all'Amazzonia, riusciranno anche a farla franca ... Favorendo l'economia locale, riducono il ruolo dei trasporti, preservano il petrolio, rallentano il riscaldamento globale e risparmiano tempo prezioso per tutti. adattarsi alle nuove situazioni. Alcuni iniziano a realizzarlo. Appare un nuovo fenomeno: la creazione di valute locali: favoriscono lo sviluppo delle economie locali.

C'è anche un intermediario tra un'economia globalizzata e un'economia locale: un'economia nazionale. Le economie locali prosperano quando le economie nazionali si estinguono dalle multinazionali, mentre la vegetazione bassa cresce in assenza di piante di medie dimensioni. Sappiamo che prima o poi questi riacquistano forza. Lo stesso vale per i fenomeni culturali. Lo vediamo oggi con la comparsa di movimenti di scala nazionale. Possiamo quindi sperare di vedere il ritorno di un'economia nazionale un giorno.

http://www.francois-roddier.fr/
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 7181
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 518

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda Ahmed » 10/01/19, 18:13

Quando dice:
In altre parole, il collasso delle civiltà non è un fenomeno fisico ma un fenomeno culturale. Le nostre attuali società non sono in grado di cogliere la situazione oggi perché la loro cultura non le consente.

... va ben oltre i nostri distinti "collattisti" che non capiscono questa dimensione che peraltro si riferisce all'economismo piuttosto che alla cultura, poiché quest'ultimo fatto è in gran parte dominato dal primo (pur rimanendo impigliato).
Questo soddisfa anche l'opinione di Bertrand Méheust.

Sarei più riservato sulla fine della sua analisi in cui il comportamento proposto sembra piuttosto illusorio in vista della situazione prevista, in particolare la valuta locale e il ritiro nazionale ...
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5819
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 283

Re: François Roddier, la termodinamica e la società

Messaggio non luda sen-no-sen » 10/01/19, 20:44

Ahmed ha scritto:Sarei più riservato sulla fine della sua analisi in cui il comportamento proposto sembra piuttosto illusorio in vista della situazione prevista, in particolare la valuta locale e il ritiro nazionale ...


Il ritiro nazionale è una conseguenza della contrazione economica, passiamo da un blocco a un sottoinsieme di blocchi (K :freccia: r), il che significa che, alla luce dell'attuale situazione, la fine dell'Unione europea o almeno all'inizio è la frammentazione.
Di fronte a un collasso sistemico è molto difficile attuare misure efficaci, nel senso che i leader come le popolazioni sono mentalmente programmati dal modello "croissantisteQualsiasi idea di anticipazione del collasso valuterà l'idea che il sistema sia viziato dalla natura!
Non riesco a vedere l'attuale inquilino dell'Eliseo fare una tale confessione! Tanto da chiedere al Papa di affermare che Dio non esiste! : Lol:
L'epoca attuale mostra fino a che punto l'umanità non è un tutto cosciente, e che agisce per il momento solo sotto il giogo dei determinismi del superorganismo antropotecnico, è quindi purtroppo logico che stiamo dibattendo dai cicli che agitano questo.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Società e Filosofia"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 1