Chi di voi è soddisfatto della sua vita materiale?

dibattiti filosofici e aziende.
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 57130
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 1952

da Christophe » 18/01/12, 20:10

sen-no-sen ha scritto:"Ciò che possediamo finisce per possedere noi".


Vorrei anche dire di più: In realtà non possediamo nulla, abbiamo l'illusione di possedere oggetti, alcuni dei quali ... sopravviveranno a noi! "

Ed è interessante vedere che un oggetto che sopravvive a generazioni, usa, può essere venduto N volte e accumulare un valore intrinseco (= accumulo di lavoro umano) quindi molto importante! Meditare!
0 x
Ce forum ti ha aiutato? Aiutalo anche tu in modo che possa continuare ad aiutare gli altri - MIGLIORIAMO I NOSTRI SCAMBI SU FORUM - Pubblica un articolo su Econology e Google News

Avatar de l'utilisateur
Obamot
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 14480
iscrizione: 22/08/09, 22:38
Località: regio genevesis
x 793

da Obamot » 18/01/12, 20:50

sen-no-sen ha scritto:In una società di mercato, è intrinsecamente difficile raggiungere la "felicità" senza avere un accesso minimo ai beni materiali.

Inoltre, l'attuale truffa - che risiede nell'alienazione dei beni - ci fa credere in una cortina di fumo onirica che la felicità è in possesso del bene materiale.

Tranne che dovrebbe essere determinato perché è così?

- "Ciò che possediamo finisce per possedere noi".


Mi piace anche questo:
- "Non piangere per aver perso la luna, le tue lacrime ti impedirebbero di vedere le stelle" ....
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 9532
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1021

da Ahmed » 20/01/12, 20:37

Christophe ha scritto:
Ed è interessante vedere che un oggetto che sopravvive a generazioni, usa, può essere venduto N volte e accumulare un valore intrinseco (= accumulo di lavoro umano) quindi molto importante! Meditare!

Falso e interessante!

Falso, poiché l'oggetto non accumula alcun valore, semplicemente lo mantiene. Ogni proprietario successivo fa avanzare una somma (lavoro), quindi la recupera dall'utente successivo.
Ciò è possibile solo perché il suo valore d'uso è considerato costante e anche il suo valore di scambio è stabile.

Interessante, rispetto all'obsolescenza programmata che produce oggetti che devono essere costantemente riscattati, che, per una volta, porta ad un "accumulo di lavoro umano" sprecato per ricostituire la scorta iniziale. :cipiglio:

Quindi vediamo che nel primo caso il servizio fornito dall'oggetto è quasi gratuito poiché comporta solo un'immobilizzazione di una determinata somma di denaro, mentre nel secondo si traduce in costi sempre rinnovati successivi malfunzionamenti ...
0 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
L'ex Oceano
modérateur
modérateur
post: 1570
iscrizione: 04/06/05, 23:10
Località: Lorena - Francia
x 1

da L'ex Oceano » 20/01/12, 22:31

Questo è il riflesso di una società dei consumi che si nutre del flusso di denaro.

E per generare questo flusso, è necessario produrre più attraente (effetto moda), migliore (aumento tecnologico) e più fragile (obsolescenza)

E per mantenere questi flussi, il credito al consumo ...
0 x
[Modalità MODO = ON]
Zieuter ma non pensare di meno ...
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6530
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 527

da sen-no-sen » 21/01/12, 11:42

ex oceanica ha scritto:Questo è il riflesso di una società dei consumi che si nutre del flusso di denaro.

E per generare questo flusso, è necessario produrre più attraente (effetto moda), migliore (aumento tecnologico) e più fragile (obsolescenza)

E per mantenere questi flussi, il credito al consumo ...


... e mantenere l'illusione che la felicità sia nell'accumulo di beni di consumo.

Da un punto di vista etologico, possedere beni e uno dei tanti mezzi che rende possibile affermare il proprio dominio sull'altro, come la posizione gerarchica.
Il problema è che i mezzi per ottenere questo dominio sono diventati un fine in sé.
0 x
"L'ingegneria a volte consiste nel sapere quando fermarsi" Charles De Gaulle.

Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 9588
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 595

da Remundo » 21/01/12, 11:57

ex oceanica ha scritto:Questo è il riflesso di una società dei consumi che si nutre del flusso di denaro.

E per generare questo flusso, è necessario produrre più attraente (effetto moda), migliore (aumento tecnologico) e più fragile (obsolescenza)

E per mantenere questi flussi, il credito al consumo ...
E soprattutto molte materie prime ed energia ... durerà solo per un po '...
0 x
ImmagineImmagineImmagine
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 9532
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1021

da Ahmed » 21/01/12, 13:37

La società dei consumi è essa stessa una conseguenza del funzionamento dell'economia ... anzi, come dice il proverbio Remundo, durerà solo per un po 'e già, sta prendendo forma un nuovo modo di operare economico, meno basato sul consenso * e quindi meno democratico.
Non è ancora del tutto chiaro, poiché le due modalità coesistono e il passaggio è relativamente lento.

La fine della "società dei consumi", sebbene auspicabile, non è, sotto gli attuali auspici, una garanzia di sviluppo favorevole.
Forse (ovviamente non lo desidero!) "L'orrore economico", considerato da lontano e con l'oblio che ne consegue, sembrerà più positivo di fronte a tutti gli orrori contenuti nelle possibilità che potrebbero verificarsi. se non stiamo attenti ...

* Consenso consistente, detto rapidamente, nell'abbandono della sua autonomia contro il comfort.
0 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Società e Filosofia"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 9