Non c'è posto per il clima nell'istruzione

Forum solare fotovoltaico FV e generazione di elettricità solare da energia solare a irraggiamento diretto.
giuseppe erma
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 3
iscrizione: 09/09/22, 10:38
x 3

Non c'è posto per il clima nell'istruzione




da giuseppe erma » 09/09/22, 11:29

Ciao comunità di Ecologia,

Oggi le business school tradizionali non parlano di cambiamento climatico, né dei limiti fisici del mondo in cui l'economia dovrebbe inserirsi.
Tuttavia, sappiamo che si continua a emettere troppa CO2, che l'Europa è già carente di energia in modo strutturale(1).
Riteniamo che sia giunto il momento di integrare questi limiti nel modo in cui viene insegnata la gestione classica e aiutare le aziende e le organizzazioni pubbliche a rivedere i loro modelli di business per renderli più efficienti sotto il profilo delle risorse e meno minacciosi per il clima.

Purtroppo il clima e i vincoli di risorse non sono menzionati nell'89% dei corsi (corsi non opzionali) e anche quando lo sono, queste materie sono spesso soffocate alla fine del corso (66% alla fine del master ) ( 2)
6 importanti business school in Europa osservano anche in un articolo pubblicato da harvard BR che "le business school sono troppo in ritardo nel prendere atto del cambiamento climatico, così come nel rispondere a questo urgente ed esistenziale" (3)

Così ci è venuta l'idea di creare KLIMA School, la nuova business school che racchiude gli insegnamenti di business di una business school entro i limiti fisici del mondo moderno. Dovrebbe consentire di formare i manager di domani a decarbonizzare l'economia ea essere più sobri, a fare meglio integrando il clima e la scarsità di risorse nei loro software decisionali. (4)

https://www.klimaschool.com/

Cosa ne pensate di questa osservazione e del nostro progetto?

ps: siamo costantemente alla ricerca di relatori, insegnanti, relatori, partner per portare i nostri studenti in stage o lavoro-studio. Non esitare a contattarci.

fonti:
1) https://theshiftproject.org/wp-content/ ... NTHESE.pdf
(2) https://theshiftproject.org/mobiliser-l ... le-climat/
(3) https://hbr.org/2022/02/business-school ... ate-crisis
(4) https://www.klimaschool.com/

graduation-g6f5e823d3_1280.jpg
laurea-g6f5e823d3_1280.jpg (106.56 KiB) Visto 382 volte
2 x

humus
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1887
iscrizione: 20/12/20, 09:55
x 624

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da humus » 09/09/22, 12:12

Bella intenzione.
Solo una domanda, il problema non è il capitalismo, essenzialmente in crescita, in un mondo finito?
Di conseguenza non dovremmo insegnare un'economia in cui la crescita non è l'alfa e l'omega, non dovremmo insegnare il sostenibile vs il redditizio?
Insegnare qualcosa rimanendo nel quadro del capitalismo è di scarsa utilità finché il quadro non cambia?
Il problema è il telaio, giusto?


PS Non ho ancora guardato i link che vado a mangiare, scusa se scrivo dopo : Wink:
0 x
Non mi aspettavo niente ma sono comunque piacevolmente sorpreso (io)
Christophe
modérateur
modérateur
post: 71560
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 7471

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da Christophe » 09/09/22, 12:15

Esattamente, e quando vai all'istruzione superiore, è guadagnare di più durante la tua vita... con tutto ciò che implica dietro...

Ah che paradosso...
1 x
giuseppe erma
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 3
iscrizione: 09/09/22, 10:38
x 3

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da giuseppe erma » 09/09/22, 12:58

Ciao Humus e Christophe,

Grazie per i vostri commenti.
I dati della Banca Mondiale mostrano che le emissioni di carbonio dell'URSS sono aumentate solo tra la fine della guerra e il suo crollo negli anni '90 (fonte: https://perspective.usherbrooke.ca/bila ... TM.CO2E.KT)
Per rispondere alla domanda, non sembra quindi essere in discussione il modello di distribuzione della ricchezza prodotta, quanto piuttosto la natura estrattivista ed emettitrice di carbonio delle attività dell'umanità. Umanità che dovrebbe affrontare i limiti fisici planetari che si avvicinano.

Per quanto riguarda sostenibile vs. profittevole, come in ogni cambiamento strutturale dovrebbero esserci vincitori e vinti, in un contesto generalmente recessivo.
Possiamo quindi facilmente immaginare i produttori e i produttori di attrezzature di biciclette o treni/tram che si mettono la ciliegina sulle mani dopo essere stati ingannati per un secolo dalle case automobilistiche. Il futuro lo dirà.

Quello di cui siamo convinti è che di fronte all'entità dei cambiamenti in arrivo, sia necessario disporre di personale qualificato, competente e formato sulle questioni da agire.
0 x
Christophe
modérateur
modérateur
post: 71560
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 7471

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da Christophe » 09/09/22, 14:13

Ciao Giuseppe

giuseppe herm ha scritto:I dati della Banca Mondiale mostrano che le emissioni di carbonio dell'URSS sono aumentate solo tra la fine della guerra e il suo crollo negli anni '90 (fonte: https://perspective.usherbrooke.ca/bila ... TM.CO2E.KT)


Sì, questo è certo, comunismo non era sinonimo di declino!!

Ma rispetto agli USA? Che dire? Pro capite e per PIL?
0 x

giuseppe erma
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 3
iscrizione: 09/09/22, 10:38
x 3

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da giuseppe erma » 09/09/22, 15:37

Caro Christophe,

Grazie per le tue domande,
Consiglio il sito https://ourworldindata.org/co2-emissions
che riassume molto bene con precise infografiche che ripercorrono le emissioni per area geografica e per abitanti nel corso della storia.
Leggerete che infatti, per gli USA le emissioni sono superiori al cumulato globale, anche per anno e per abitante.
Per quanto riguarda le emissioni per unità di PIL e per paese, non ne sono sicuro. A livello globale, tuttavia, l'intensità di carbonio di ciascuna unità di PIL non è diminuita così tanto, poiché l'intensità di carbonio di un'unità di energia è rimasta stabile e l'intensità di energia di un'unità di PIL è diminuita solo del 10% in 18 anni.


Fonte : https://drive.google.com/drive/folders/ ... 7CbHbDH1tw
1 x
humus
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1887
iscrizione: 20/12/20, 09:55
x 624

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da humus » 09/09/22, 16:11

giuseppe herm ha scritto:I dati della Banca Mondiale mostrano che le emissioni di carbonio dell'URSS sono aumentate solo tra la fine della guerra e il suo crollo negli anni '90 (fonte: https://perspective.usherbrooke.ca/bila ... TM.CO2E.KT)
Per rispondere alla domanda, non sembra quindi essere in discussione il modello di distribuzione della ricchezza prodotta, quanto piuttosto la natura estrattivista ed emettitrice di carbonio delle attività dell'umanità. Umanità che dovrebbe affrontare i limiti fisici planetari che si avvicinano.

Assolutamente il problema è l'estrattivismo, ma perché l'estrattivismo, se non quello di produrre e crescere?
Indico il capitalismo perché è il sistema economico globale.
Si scopre che per costruzione il capitalismo richiede estrattivismo e crescita.
A meno che non mi dimostri che il capitalismo può funzionare senza estrattivismo, senza crescita e senza crisi?

Temo che tu voglia risolvere un problema senza affrontare le cause profonde del problema, giusto?


Ammettendo che il capitalismo decide di diventare virtuoso ripiegando sul sostenibile, sul riciclabile e sul rinnovabile, non ci sarebbe una contraddizione di fronte a questa esigenza di crescita intrinseca al capitalismo?.
Ricordiamo che senza crescita non ci sono soldi per scambiare beni e servizi.
Il 90% della valuta mondiale è credito e quindi una prospettiva di crescita.
Non prendi un prestito se non hai prospettive di crescita.
1 x
Non mi aspettavo niente ma sono comunque piacevolmente sorpreso (io)
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 11151
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 1890

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da Ahmed » 09/09/22, 19:05

Non prendi un prestito se non hai prospettive di crescita.

Questo schema si applica nella fase "classica" ma, d'ora in poi, è l'assenza di una reale prospettiva di crescita in quantità sufficiente (rispetto alla massa del capitale accumulato) che obbliga a ricorrere a una possibilità di crescita perfettamente immaginaria. : un modo di rifugiandosi in un futuro accomodante, chiamato a risolvere i problemi ormai divenuti strutturalmente insolubili...
Possiamo anche vederlo come una nuova sfaccettatura dell'estrattivismo che, dopo aver conquistato lo spazio e il presente, ora attacca il futuro...
0 x
"Soprattutto, non credere a quello che ti dico."
Petrus
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 502
iscrizione: 15/09/05, 02:20
x 219

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da Petrus » 09/09/22, 19:36

Penso che stiamo proprio vivendo questo cambiamento. Senza crescita, il sistema capitalista sta sacrificando il benessere delle persone e la libertà di sopravvivere.
Come abbiamo già visto durante la crisi del covid, il capitalismo ha saputo mantenersi e le grandi fortune hanno continuato ad aumentare la loro ricchezza (con l'aiuto di ingenti sussidi) nonostante un'economia a mezz'asta, mentre le persone si sono impoverite.

Dato che la crescita non è più possibile, si passa alla modalità "sobrietà" (l'ecologia è solo un pretesto, non gliene è mai fregato) e cominciano a fare la loro pasta o sulla massa di merce venduta, ma speculando sulle carenze.

È "la fine dell'abbondanza", per citare il presidente.
1 x
Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 12521
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 3035

Re: Nessun posto per il clima nell'istruzione




da Remundo » 09/09/22, 19:46

Ciao Giuseppe, grazie per il tuo intervento.

le scuole parlano un po' di cambiamento climatico e risorse limitate.

sei un collaboratore del progetto Shift? Jancovici ha riflettuto sul tema della sensibilizzazione della società su questi temi e ritiene che si debba agire attraverso tutte le istituzioni esistenti (scuole, circoli economici, politici, scientifici, ecc.)

decarbonizzare l'economia è un po' una questione di ingegneri, ma soprattutto un cambiamento radicale della mentalità consumistica verso qualcosa di più calmo.

non accadrà così in fretta...
0 x
ImmagineImmagine


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Energie rinnovabili: energia solare"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 9