Solare termico: un sito di riferimento

Il solare termico in tutte le sue forme: riscaldamento solare, acqua calda, la scelta di un collettore solare, solare a concentrazione, forni e fornelli solari, di accumulo di energia solare entro il buffer di calore, solare piscina, aria condizionata e fredda solare ..
Soccorso, consulenza, infissi ed esempi di realizzazioni ...
Avatar de l'utilisateur
jean63
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2332
iscrizione: 15/12/05, 08:50
Località: Avernia
x 1

da jean63 » 10/04/06, 12:20

cuicui :freccia:

I sensori Giordano sono dotati di tubi realizzati con tubi dotati di alette che creano un radiatore, a mio avviso facile da fabbricare. Gli assorbitori sono sempre verniciati in nero opaco.


Come vedi la produzione di alette e il collegamento con i tubi? La vernice nera opaca può essere una bomboletta spray "ad alta temperatura" o piuttosto comprare un barattolo da n kg e usare un rullo o una spazzola? perché con la bomba: 1 - molto costoso; 2 - molto si perde durante la spruzzatura.

Grazie per le tue luci : Idea: : Mrgreen:
0 x
Solo quando si è abbattuto l'ultimo albero, l'ultimo fiume contaminato, l'ultimo pesce pescato che l'uomo si renderà conto che il denaro non è commestibile (MOHAWK indiano).

Avatar de l'utilisateur
Cuicui
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3547
iscrizione: 26/04/05, 10:14
x 3

da Cuicui » 10/04/06, 14:37

Pinne: il foglio di rame più sottile possibile (prezzo e peso), ad esempio larghezza 12 cm. Incorporare il tubo di rame da 10 mm di diametro al centro, fissarlo in punti o tutti insieme con la lega per saldatura. Un tale elemento può avere la lunghezza che vogliamo. Ad esempio, i miei assorbitori sono lunghi 2,50 m. Abbiamo la larghezza che vogliamo posizionando molti di questi elementi fianco a fianco. Il collegamento viene effettuato in alto e in basso con le T in rame. Fornire gomiti per poter dissaldare e rivendere elementi separatamente, se necessario, o raccordi rimovibili.
La vernice nera opaca resistente al calore (ad es. Per tubo della stufa) funziona perfettamente, rullo o pennello. Ma poiché il rame si oscura naturalmente all'ossidazione, la pittura non è nemmeno essenziale.
0 x
Avatar de l'utilisateur
L'ex Oceano
modérateur
modérateur
post: 1570
iscrizione: 04/06/05, 23:10
Località: Lorena - Francia
x 1

da L'ex Oceano » 10/04/06, 16:02

Per quanto riguarda la connessione, è necessario (in modo che il flusso in ciascun tubo sia comparabile) utilizzare la seguente disposizione:

......, ------------------------>
..... / / / / / / / /
.... / / / / / / /
> ------------ "

Pertanto, l'acqua percorre la stessa distanza indipendentemente dal tubo utilizzato e i flussi sono bilanciati in ciascun tubo.
0 x
Avatar de l'utilisateur
Cuicui
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3547
iscrizione: 26/04/05, 10:14
x 3

da Cuicui » 10/04/06, 16:54

Appena (come un radiatore del riscaldamento centrale). Fornire collettori di diametro sufficiente (superficie approssimativamente uguale alla somma delle superfici dei tubi verticali).
0 x
Avatar de l'utilisateur
Rotella
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 127
iscrizione: 06/04/06, 22:15
Località: Francia: IDF

da Rotella » 10/04/06, 22:58

Bonjour.

Vorrei la tua opinione su un'idea:

è consuetudine mettere un foglio di rame sul fondo del collettore solare. Il rame è pesante e costoso.

potremmo sostituire questo foglio di rame con un foglio di lega, più economico, più leggero e con conduttività termica comparabile. Problema la lega non è compatibile con il rame in termini di corrosione (e saldatura).

Non so se conosci i fogli che mettiamo tra i componenti elettronici e i loro dissipatori di calore (non i fogli di mica, quelli nuovi che sono fatti di morbido teflon).

La mia domanda è sapere se non potremmo usare lo stesso principio, con tubazioni in rame, uno spessore per migliorare il contatto termico, quindi un foglio di alluminio. Con una connessione stretta per collare, la dilatazione potrebbe fare questo, il sensore sarà più leggero grazie all'alluminio e sicuramente meno costoso.

Cosa ne pensi?
0 x
La scienza ha inizio con la curiosità.

Avatar de l'utilisateur
jean63
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2332
iscrizione: 15/12/05, 08:50
Località: Avernia
x 1

da jean63 » 11/04/06, 11:21

Cosa ne pensi dei sensori del vuoto; secondo queste informazioni più precise mi chiedo se questa non è la soluzione giusta

Il grande concorrente; il collettore piano esiste da molto tempo, ha tre differenze fondamentali che, a nostro avviso, condannano a essere traboccate rapidamente dai collettori sottovuoto.

1. Le sue prestazioni dipendono fortemente dall'angolo di attacco del sole. Rimane molto potente quando il sole è esattamente di fronte. In altri casi, che rappresenta la maggior parte della giornata, è molto meno efficace. Essendo cilindrici, i tubi del vuoto sono sempre esattamente di fronte al sole.

2. Raggiungono rapidamente il picco di temperatura. Al di sopra di 60 ° C iniziano a perdere tutta l'energia che ne ricavano. Quindi per un serbatoio della stessa capacità, i sensori piatti avranno bisogno di molta energia per montare il serbatoio oltre i 60 ° C, i nostri sensori incontreranno questo fenomeno intorno ai 120 ° C.

3. Dipendenza dalla temperatura esterna. I collettori piani hanno un solo vetro di isolamento con l'ambiente esterno. La loro resa cala inevitabilmente in inverno per radiazioni identiche. È un peccato perché è in inverno che abbiamo bisogno di più calorie. La doppia parete e il vuoto dei nostri sensori inibiscono completamente questo fenomeno.

Qual è l'uso tipico dei sensori?

I collettori sottovuoto sono motori da riscaldare, possono essere utilizzati per la produzione di acqua calda sanitaria, riscaldamento di case e piscine e presto condizionamento solare (quando commercializzato).


fonte: www.chaleurterre.com/modules/news/article.php?storyid=5
0 x
Solo quando si è abbattuto l'ultimo albero, l'ultimo fiume contaminato, l'ultimo pesce pescato che l'uomo si renderà conto che il denaro non è commestibile (MOHAWK indiano).
Avatar de l'utilisateur
rezut
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 191
iscrizione: 01/12/04, 14:58
Località: Chalon sur Saone

da rezut » 11/04/06, 12:51

ciao cuicui

per le pinne dici 12 cm è la larghezza dell'elemento finito?
vuol dire che metti un tubo ogni 24 cm? non è un po 'troppo distante
Pensavo piuttosto un tubo ogni 8-10 cm in modo che le pinne fossero lunghe 8-10 cm e per la larghezza che cosa avresti messo?
Ho la possibilità di recuperare dalla lamina di rame di lg 50mm o 80mm (ep 0.5)
pensi che sarebbe abbastanza o troppo ampio?
0 x


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Torna a "Solare termico: collettori solari CESI, riscaldamento, acqua calda, stufe e fornelli solari"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 5