Triac per scaldabagno in sito isolato

Il solare termico in tutte le sue forme: riscaldamento solare, acqua calda, la scelta di un collettore solare, solare a concentrazione, forni e fornelli solari, di accumulo di energia solare entro il buffer di calore, solare piscina, aria condizionata e fredda solare ..
Soccorso, consulenza, infissi ed esempi di realizzazioni ...
Hervé 09
Ho scoperto econologic
Ho scoperto econologic
post: 2
iscrizione: 22/06/22, 12:07
x 3

Triac per scaldabagno in sito isolato




da Hervé 09 » 22/06/22, 12:35

Ciao, sono in un sito isolato, ho un impianto solare da 1250w, sto installando una doppia vasca scambiatore (solare + caldaia su stufa).
Ho un inverter Multiplus 2 della Victron, programmabile per gestire il relè quando le batterie sono cariche.
Non ho ancora realizzato il collettore solare e mi sarebbe piaciuto mettere una resistenza di backup. Solo il mio fornitore di componenti ha solo 1400w, 2000w e 3000w come watt.
Idealmente vorrei mettere il piccolo resistore da 1400 W e dividere la potenza a metà con un triac di segnale pulito o equivalente per la mia rete.
Questo per avere un sistema di riserva quando la mia stufa non è in funzione e il collettore solare è in riparazione o in produzione...
Scusate se il messaggio è lungo, grazie per le vostre risposte
1 x

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 69630
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 6781

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da Christophe » 22/06/22, 14:04

Ciao e benvenuto qui!

Non troppo lungo come primo messaggio e molto tecnico come mi piace è bello!

Un triac è un transistor, non regola la potenza (non credo)...a meno che tu non voglia usarlo come il punto b) che ti propongo.

Se vuoi abbassare la potenza/consumo di una resistenza facilmente, ci sono 2 modi facili e robusti (ce ne sono sicuramente altri ma questi sono i 2 che ti vengono in mente a freddo):

a) O si abbassa la tensione (ad esempio fornire a 150 invece di 230 = 150/230 della potenza nominale)... questo si fa facilmente con un reostato regolabile, è molto affidabile e molto preciso (a volte vale la pena 10€) Ne uso uno da più di 10 anni sulla mia pompa solare!

https://www.leboncoin.fr/recherche?text=rehostat

Ecco un duplicato affidabile (se funziona ancora : Mrgreen:) a 15€: https://www.leboncoin.fr/bricolage/2063374188.htm

b) O si fa un'alimentazione sequenziale (X minuto di riscaldamento, Y minuto di pausa...) con un relè temporizzato per ottenere la potenza media desiderata...
0 x
phil59
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 662
iscrizione: 09/02/20, 10:42
x 139

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da phil59 » 22/06/22, 14:46

https://fr.aliexpress.com/item/32757556400.html

Là c'è un 1000W, ma da lì trovi quello che vuoi...

Oppure 2 da 700W, allora devi trovare il prezzo giusto

https://fr.aliexpress.com/item/1005003126852774.htm



"Gizmos" per abbassare su ali, lo troverai per 5 €, credo.
0 x
Forum Econologia = Presto ex "parco giochi all'asilo".
sicetaitsimple
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6972
iscrizione: 31/10/16, 18:51
Località: Bassa Normandia
x 1098

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da sicetaitsimple » 22/06/22, 15:50

Christophe ha scritto:Se vuoi abbassare la potenza/consumo di una resistenza facilmente, ci sono 2 modi facili e robusti (ce ne sono sicuramente altri ma questi sono i 2 che ti vengono in mente a freddo):

a) O si abbassa la tensione (ad esempio fornire a 150 invece di 230 = 150/230 della potenza nominale)... questo si fa facilmente con un reostato regolabile, è molto affidabile e molto preciso (a volte vale la pena 10€) Ne uso uno da più di 10 anni sulla mia pompa solare!

b) O si fa un'alimentazione sequenziale (X minuto di riscaldamento, Y minuto di pausa...) con un relè temporizzato per ottenere la potenza media desiderata...


Uh ...
a) equivale a dissipare energia nel reostato per effetto Joule. Sicuramente adatto per un uso saltuario di una macchina, non certo per un uso prolungato.

b) non risponde alla domanda, che è quella di limitare la richiesta di potenza di picco alla capacità al tempo t dell'impianto solare in un sito isolato.
0 x
Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 11748
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 2564

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da Remundo » 22/06/22, 16:28

se la potenza che fa per te è 700 W, allora devi trovare una stufa elettrica o un mini forno effetto Joule che abbia la stessa potenza.

esiste.

Peccato comprarne uno nuovo se ti serve solo la resistenza. può essere trovato nel cassonetto. La resistenza è raramente difettosa su questi dispositivi.

Le resistenze elettriche sono un grosso filo d'acciaio abbastanza rigido, calibrato su 220 V AC, ma inserendo 220 V DC in esso si otterrà lo stesso effetto Joule.
0 x
ImmagineImmagine

phil59
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 662
iscrizione: 09/02/20, 10:42
x 139

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da phil59 » 22/06/22, 17:13

https://fr.aliexpress.com/item/1005004406856743.html



Non ci metterò 2000 W, ma 1000, forse... per il prezzo...

Il massimo sarebbe vedere cosa viene reiniettato sulla rete e regolare automaticamente la potenza ....
0 x
Forum Econologia = Presto ex "parco giochi all'asilo".
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 69630
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 6781

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da Christophe » 22/06/22, 17:25

sicetaitsimple ha scritto:Uh ...
a) equivale a dissipare energia nel reostato per effetto Joule. Sicuramente adatto per un uso saltuario di una macchina, non certo per un uso prolungato.


Qualsiasi cosa ! Un reostato è l'equivalente di un ponte divisore di tensione a bassa potenza, è un trasformatore di corrente alternata... Ehi, devi ripassare un po' le basi, pensavo lavorassi presso EDF o ENEDIS o qualcosa del genere ? : Mrgreen: : Mrgreen: : Mrgreen:

La mia pompa asincrona da 640W in 230V AC consuma 400W quando l'ho impostata a 150 Volt, misura effettuata all'uscita di uscita (= ingresso reostato)...

Si si lo so chi "sa" ha detto che era impossibile abbassare la potenza di un motore asincrono abbassando la tensione... solo che la mia pompa funziona così da anni al ritmo di 1000h all'anno... .

sicetaitsimple ha scritto:b) non risponde alla domanda, che è quella di limitare la richiesta di potenza di picco alla capacità al tempo t dell'impianto solare in un sito isolato.


Se è per la mancia ok... il messaggio non è chiaro!
0 x
Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 11748
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 2564

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da Remundo » 22/06/22, 17:32

sì, il dimmer è un componente abbastanza semplice.

Ha il vantaggio di essere regolabile.

ma la sua operazione di taglio sinusoidale introduce interferenze nel circuito elettrico.
0 x
ImmagineImmagine
sicetaitsimple
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6972
iscrizione: 31/10/16, 18:51
Località: Bassa Normandia
x 1098

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da sicetaitsimple » 22/06/22, 18:56

Christophe ha scritto:Si si lo so chi "sa" ha detto che era impossibile abbassare la potenza di un motore asincrono abbassando la tensione... solo che la mia pompa funziona così da anni al ritmo di 1000h all'anno... .

Se lo dici tu... E gira alla sua velocità nominale?
0 x
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 69630
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 6781

Re: Triac per scaldabagno in sito isolato




da Christophe » 22/06/22, 19:32

Ascolta, mi stai facendo incazzare semplice... non mi interessa conoscere i veri RPM, ho il flusso e la potenza di cui ho bisogno, funziona e basta!

Questa pompa "limitata" in tensione funziona bene e funziona bene da 10 anni e ho risparmiato migliaia di kWh (240 kWh all'anno circa) con questo gruppo con un reostato a 50€ contro una regolazione di velocità a 1000€ : Mrgreen: : Mrgreen: : Mrgreen: : Mrgreen: ...

Dopo, ci saranno sempre dei jolly come te che dicono "non può funzionare", devi creare il PIL...

Ehi, hai detto lo stesso per la mia conversione termodinamica del palloncino, vero? : Mrgreen:

sicetaitsimple ha scritto:L'idea sembra carina, ma temo che i risultati saranno deludenti almeno in termini di risparmio.
A priori ho capito che 43°C è la temperatura esterna massima. La temperatura massima di setpoint dell'acqua calda è più simile a 40°C, con un COP di ?????, ma sicuramente degradata rispetto all'ottimale..
Inoltre, hai sicuramente bisogno di una pompa. In breve, il tuo risparmio annuale di kWh sarà molto basso.

Non voglio assolutamente rilanciare un dibattito sul "contatore che va a ritroso", ma nel tuo caso non sarebbe più semplice dotarsi, se possibile, di un pannello aggiuntivo di circa 300W? mantenendo l'impianto così com'è ?


UN SOLO PERSO!

Per chi non sapesse di cosa parlo: pompaggio-acqua-filtrazione / trasformazione-bollitore-solare-ACS-in-scaldacqua-termodinamico-con-piccola-piscina-t17035.html
0 x


Torna a "Solare termico: collettori solari CESI, riscaldamento, acqua calda, stufe e fornelli solari"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 9