gatto e uccello

Gatti e biodiversità, un incubo ecologico inevitabile?

Con circa 14.8 milioni di gatti presenti nelle nostre case in Francia secondo le cifre fornite dal sito Statista, è chiaro che questo piccolo felino domestico ha conquistato il cuore della popolazione francese. Purtroppo, questa cifra non è più così rosea se si considerano le popolazioni di uccelli che sopportano il peso maggiore di questi predatori! Soprattutto perché tiene conto solo della popolazione dei gatti domestici, quella dei gatti randagi è impossibile da stimare. Ma allora come impedire al tuo gatto di partecipare alla distruzione delle specie?

La collana a campana o la falsa buona idea

Ovviamente non si tratta di sbarazzarsi del tuo gatto con il pretesto che caccia gli uccelli nel tuo giardino, o anche nel tuo vicinato per i più valorosi. La prima idea che viene ai proprietari per limitare il problema è ancora troppo spesso quella di indossare un collare con campanello che dovrebbe prevenire l'uccello preso di mira dal tuo gatto.

Sebbene allettante sulla carta perché può essere costoso e facile da configurare, questa soluzione è in realtà una falsa buona idea. Già per la sua mancanza di affidabilità. La grande maggioranza dei gatti rimane in grado di cacciare nonostante questo collare. Poiché gli uccelli presi di mira come prede sono il più delle volte i piccoli che hanno lasciato il nido, la loro mancanza di esperienza non sempre consente loro di associare il rumore al pericolo.

D'altra parte, l'udito del tuo gatto è molto sensibile, molto più di quello degli umani! Possono sentire suoni fino a 50-60 Hz, dove il nostro è limitato a 000 Hz. Imporre loro un rumore costante ad ogni movimento può quindi essere molto fastidioso per loro su base giornaliera. Non imporresti l'acufene ai tuoi cari “per divertimento”, lo stesso vale per il tuo gatto… Dimentica il collare, il campanello e vediamo le soluzioni che possono aiutare concretamente!

Difficile da "tagliare" quando vedi un gattino così carino di pochi giorni dopo la nascita “viva” di un gatto

Sterilizzare per limitare le popolazioni erranti

In Francia la popolazione dei gatti randagi è molto importante!! Attenzione, non stiamo parlando di veri gatti selvatici (Felis Silvestris Silvestris), che vivono nei boschi e senza alcuna dipendenza umana alla stregua delle linci ad esempio. Nel nostro caso parleremo piuttosto di gatti selvatici (Felis Silvestris Catus), della stessa specie dei nostri gatti domestici. Si tratta quindi o di ex gatti domestici tornati alla "vita selvaggia" in seguito all'abbandono, oppure di gatti nati all'aperto ma risultanti da queste linee di ex gatti domestici o dalla riproduzione incontrollata dei nostri felini.

Leggi anche:  Disastro nucleare di Fukushima, l'altro Chernobyl?

Questi gatti, spesso malnutriti o malnutriti, sopravvivono come meglio possono nelle nostre città e villaggi. Sembra ovvio dire che il loro impatto sulle popolazioni di uccelli e animali selvatici è molto maggiore di quello di un gatto domestico che ha a disposizione una ciotola di crocchette. È quindi questa popolazione che deve essere risolta in via prioritaria. Tanto più che, contrariamente alla credenza popolare, il gatto domestico difficilmente può vivere senza l'uomo. Questi gatti sono quindi molto spesso magri, parassiti, o addirittura portatori di malattie come fiv (gatto AIDS) e felv (leucosi felina). Una foto tutt'altro che piacevole...

Tuttavia, esiste una soluzione semplice per superare questa situazione problematica: la sterilizzazione! Quello delle popolazioni di gatti randagi da parte delle associazioni durante le campagne di sterilizzazione ovviamente. Ma anche e soprattutto quella dei vostri gatti domestici.

Vantaggi e svantaggi della sterilizzazione nei gatti

L'aspetto “innaturale” è uno degli argomenti che più spesso emergono per opporsi alla sterilizzazione dei gatti domestici. Accoppiato con la paura dell'estinzione della specie. Stai tranquillo, con 11 gatti abbandonati alle terme la scorsa estate, ne siamo molto lontani!

La sterilizzazione, d'altra parte, ha dei vantaggi reali. Nella femmina limita fortemente le possibilità per l'animale di sviluppare un cancro ginecologico (cancro dell'utero, ovaie o tumori della catena mammaria), o di avere metrite (infiammazione acuta dell'utero molto dolorosa per l'animale, e che richiedono spesso costose sterilizzazioni di emergenza). Sono possibili due tipi di sterilizzazione, l'ovariectomia consiste nell'asportare solo le ovaie, l'animale non sarà più in grado di riprodursi e il suo rischio di malattie ginecologiche sarà ridotto ma non azzerato. L'isterectomia ovarica consiste nell'asportazione delle ovaie e dell'utero, elimina quindi quasi tutti i rischi di malattie ginecologiche per il tuo gatto. Sebbene sia un po' più costosa, questa seconda soluzione può quindi essere benefica per la salute del vostro animale. Il seguente video dà un'idea del processo di sterilizzazione nei gatti:

Leggi anche:  Scarica: impatto sulla salute dell'inquinamento atmosferico urbano: Afsse. rapporto 2.

Nel maschio e sebbene sia meno nota, la castrazione permette anche di limitare alcuni tumori come quello della prostata. Ma i vantaggi più notevoli qui sono comportamentali. La castrazione elimina quasi tutto l'odore di urina caratteristico dei gatti non castrati. Nella maggior parte dei casi (e tanto più se è stato fatto in anticipo), rimuove anche i segni indesiderati!! Il tuo gatto sarà quindi pulito e utilizzerà la sua lettiera invece di coprire le pareti e i mobili con getti di urina. Infine, un gatto castrato sarà spesso più calmo e calmo.

Se il tuo gatto non esce fuori, la castrazione è fondamentale per il suo benessere!! Cosa c'è di più sfortunato di un gatto non castrato che sente il bisogno di riprodursi senza mai averne la possibilità?

Se esce, la castrazione non solo limiterà la riproduzione, ma limiterà anche le dimensioni del territorio del tuo gatto. Così rimarrà più vicino a casa tua, limitando il rischio di perdite e incidenti. Nota che nel gatto maschio, la castrazione richiede solo pochi minuti e non richiede nemmeno i fili. Potete vederlo guardando il seguente video:

I rischi associati alla sterilizzazione e alla castrazione del gatto sono essenzialmente anestetici. Questo rischio rimane minimo, soprattutto perché i veterinari utilizzano sempre più l'anestesia gassosa durante queste operazioni. Un animale sterilizzato tenderà anche più facilmente ad essere in sovrappeso, una dieta adeguata e l'esercizio fisico possono limitare questo inconveniente. Infine, nei maschi possono verificarsi problemi urinari in seguito alla castrazione, tuttavia i casi sono rari e il più delle volte legati a una tecnica di castrazione scadente. Il rapporto rischio/beneficio complessivo rimane largamente a favore della sterilizzazione!

Leggi anche:  Opé2017, piattaforma partecipativa contro l'obsolescenza pianificata

Per ulteriori…

Per motivi di risparmio, potrebbe essere allettante ricorrere al pillola contraccettiva invece della sterilizzazione. Ancora una volta, questa è una falsa buona idea sotto tutti i punti di vista. In effetti, dimenticare semplicemente di prendere una pillola può portare a una gravidanza indesiderata e ridurre i tuoi sforzi a nulla. D'altra parte, e probabilmente il punto più importante, la pillola anticoncezionale felina provoca gravi disturbi ormonali nei gatti. Questi disturbi di solito portano molto rapidamente allo sviluppo di tumori al seno che possono essere impressionanti.

Infine, la sterilizzazione risolve parte della predazione felina consentendo la riduzione della popolazione dei gatti randagi. Tuttavia, probabilmente ti starai chiedendo cosa fare per impedire al tuo gatto di continuare impunemente lo sterminio degli uccelli del vicinato. Anche in questo caso, esiste un'ottima soluzione: il recinto! Limita lo spazio esterno accessibile al tuo gatto, proteggendo così gli animali selvatici, ma anche il tuo animale domestico. Il recinto consentirà infatti al tuo felino di godersi la vita all'aria aperta senza il rischio di avere un brutto incontro o di attraversare il percorso di un'auto.

In un prossimo articolo parleremo del possibili diverse soluzioni di custodia per proteggere il tuo animale domestico e la fauna selvatica nel tuo vicinato, nel frattempo puoi parlare del tuo animali preferiti sul forum.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *