GENERATORE DI VAPORE, principio e vantaggi

principio di funzionamento del sistema di GP In più: un generatore di vapore istante per alimentare un sistema di GP (Gillier Pantone)

Il sistema “GP +” è un'evoluzione del doping dell'acqua con gorgogliatore, denominato sistema GP (in onore del suo primo sperimentatore, l'agricoltore Antoine Gillet) sostituendo l'ingombrante gorgogliatore con un generatore di vapore.

L'idea originale viene da Michel Lathuraz, il cui soprannome è Camel1. L'idea e il design del generatore di vapore sono stati ampiamente sviluppati i forums che è un esempio di un Peugeot 205.

È questa assemblea che è stata eseguita presso il Il sindaco di Vitry sur Orne.

principio generale

Ciò comporta la sostituzione del bubbler (vedi piano di costruzione per un motore drogato ad acqua in questa pagina) da un generatore di vapore istantaneo (GVI) per compensare gli svantaggi del principio del gorgogliatore (inerzia e spazio).

Principio di funzionamento

È uno scambiatore anulare, posizionato nell'asse di flusso dei gas di scarico, che entrano in contatto con le pareti interna ed esterna. Le sue dimensioni (quindi la sua superficie di scambio) condizionano la sua capacità di innalzarsi di temperatura e la sua capacità di produrre vapore, sapendo che si sta cercando di produrre, non vapore secco e surriscaldato ma vapore umido o meglio una nebbia di acqua riscaldata poiché la temperatura rimane sotto i 100 ° C. Questo è spiegato da teoria della ionizzazione.

Leggi anche:  Iniezione d'acqua su benzina Renault Laguna 2.2

Verrà infatti dimensionato in base alla cilindrata e al suo tipo a benzina o diesel (per il momento è stato testato solo su diesel, alcuni sperimentatori stanno attualmente provando a benzina, arriverà il loro feedback sull'esperienza un po 'più tardi…)

Problemi legati all'uso di un gorgogliatore o evaporatore

L'idea che ha governato la progettazione del GVI, nasce dall'enumerazione dei difetti insiti nel principio del bubbler:

- elevata inerzia termica (è necessario riscaldare una grande quantità di acqua, che introduce un notevole sfasamento tra la produzione di vapore e il "fabbisogno" del motore, ecc.)

- il fatto che, appunto, il motore di un veicolo, a differenza di un trattore o di un generatore, lavora in regime di carico variabile, e che conseguentemente il reattore deve essere in grado di reagire rapidamente a queste variazioni, che il bubbler non è in grado di fare ...

Un piccolo aneddoto: alcuni sperimentatori hanno notato una perdita del freno motore in discesa. La spiegazione di questo problema deriva dal fatto che il motore ha prodotto un lavoro significativo in fase di salita, riscaldando gradualmente il gorgogliatore, che inizierà a produrre a pieno vapore ... in cima alla collina, e che continuerà a riscaldarsi. fatelo in fase di discesa, dove il motore deve solo produrre frenata ... questa riceve vapore che provvederà a qualche lavoro annullando parzialmente l'effetto freno motore !!

Leggi anche:  Video di un trattore drogato su FR2

- il vero problema dello spazio in un vano motore, che si pone quasi sistematicamente per il regista, con distanze a volte sfavorevoli che lo costringono a usare tubi lunghi ...

- realizzazione complicata anche dall'impianto di riscaldamento dell'acqua (da gas di scarico o collegamento al circuito frigorifero, ecc.)

- la produzione effettiva, che rimane sempre una grossa fetta, in termini di materia prima, tempo di produzione, energia incorporata e sviluppo

La risposta a questi problemi dal generatore di vapore istantaneo

Il GVI cerca di rispondere a tutti questi problemi:

- le sue ridotte dimensioni gli conferiscono una bassissima inerzia termica
- il suo riscaldamento dai gas di scarico gli permette di seguire il più fedelmente possibile le variazioni di carico del motore
- la sua integrazione nella linea di scarico, il più vicino possibile all'ingresso del reattore, aggira elegantemente il problema dello spazio, nonché l'eventuale ricondensazione del vapore nel suo percorso al reattore ...

Leggi anche:  Download: video del motore Pantone su TF1, auto Renault 21 dopante acqua

Con il concetto di GVI, si finisce con un design semplificato "in linea", che richiede solo una semplice modifica della linea di scarico, con un reattore integrato il più vicino possibile all'uscita del collettore di scarico, seguito dal GVI. In termini di collegamento, l'assieme riceve un ingresso dell'acqua per il GVI, un tubo di prelievo sul collettore di aspirazione e un tubo di ingresso dell'aria collegato al filtro dell'aria. È difficile renderlo più semplice ...

Questo tipo di realizzazione diventa quindi accessibile a molti appassionati del fai da te, essendo molto economico e molto veloce da realizzare ...

Suggerimenti per creare un GVI: Realizzazione di un generatore di vapore istantaneo (GVI) per la realizzazione pratica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *