isolamento sottotetto

Lavori di isolamento del tetto: guida comparativa 2020

Il tetto è il primo quindi dei solai sono ammissibili sulla dispersione energetica in un'abitazione. Il tasso di energia persa attraverso quest'area è stimato a oltre il 30%. La migliore soluzione per limitare queste perdite di calore e ridurre il consumo di energia è quella diisolare la soffittase sono persi o no. La scelta di un materiale termoisolante è vasta: prestazioni e proprietà dell'isolamento sono vari e ce ne sono tanti isolamento naturale da molti anni sul mercato. Quali sono i metodi più utilizzati per questo tipo di coibentazione e quali sono i finanziamenti che si possono contrarre per l'esecuzione di lavori di coibentazione del tetto? Guida 2020 ai materiali e metodi isolanti per sottotetti persi o abitabili.

Quali sono i diversi tipi di isolamento utilizzati per l'isolamento di soffitte perse e ristrutturate?

Ci sono diversi tipi di isolamento per l'isolamento del sottotetto. Alcuni sono naturali e alcuni sono chimici. Come materiale isolante chimico, distinguiamo:

  • Lana di vetro: ca. 75% della soffitta delle famiglie francesi sono isolati con questo isolante minerale.
  • Lana di roccia: anche questo isolamento è molto popolare. Esiste sotto forma di fiocchi, pannelli, rotoli, ecc. Quello che lui consente un facile adattamento a diverse configurazioni che i tetti presentano.
  • Polistirolo espanso: si presenta sotto forma di lastre. Questo materiale è abbastanza economico, resistente e ecologico.
  • Pannello sandwich: è un monoblocco multistrato robusto, impermeabile e resistente, la cui parte isolante è spesso realizzata in poliuretano o polistirolo espanso.

Tra isolamento naturale adibito alla coibentazione di solai perduti e soffitte ristrutturate, troviamo il ovatta di cellulosa all'ingrosso, il pannello di canapa e legno, il sughero, lana di pecora e paglia.

Leggi anche:  Riscaldamento e isolamento: bilancio termico o di effettuare una diagnosi energetica

Finanziamento dei lavori di isolamento dei solai tramite prestito di lavoro

Per ottenere l'isolamento dei vostri spazi sul tetto persi o abitabili, sia dall'interno (ITI) che dall'esterno (ITE), sono disponibili diversi aiuti finanziari. Tra questi c'è il prestito per lavori di isolamento. Questo è un credito al consumo riservato a chi desidera prendere in prestito la somma necessaria per eseguire i lavori di isolamento della soffitta del loro alloggio. Chiamato ancora credito lavoro, questa tipologia di prestito non può superare i 75 euro.

Esistono diversi tipi di prestiti di lavoro e lo sono diviso in due categorie principali quali sono:

  • Prestiti per lavori bancari: questi prestiti sono assegnato solo a mutuatari affidabili. Possono essere attaccati o meno all'esecuzione del lavoro che finanziano;
  • Prestiti agevolati dallo Stato: di regola lo sono mezzi testati. Tra questi ci sono il PAS (Social Accession Loan), il Pass-travaux, i prestiti ANAH, il prestito per la casa e l'Eco-PTZ (Zero Rate Loan).

L'isolamento delle soffitte perse e delle soffitte convertibili limita la perdita di calore attraverso il tetto. È quindi efficace per ottenere risparmi energetici significativi. Diverse tecniche sono utilizzate per questo tipo di isolamento e puoi scegliere tra isolamento chimico e naturale. Inoltre, i lavori di isolamento del tetto sono ammissibili per a prestito di lavoro, previa accettazione del file da parte di un'organizzazione come Domofinance.

calcolo dell'isolamento

Quali sono le diverse tecniche utilizzate per l'isolamento dei tetti perse o no?

L'attico perduto designare uno spazio sotto il tetto e che è inabitabile per diversi motivi. Molto spesso è la scarsa disposizione del telaio, l'altezza libera insufficiente (inferiore a 1,80 m) o l'inclinazione del tetto inferiore al 30% a rendere impossibile l'allestimento. Soffitta sfruttabile o abitabile avere abbastanza spazioe può essere convertito in uno spazio vitale. Puoi decidere di farne una mansarda o anche una camera da letto.

Diversi tipi di tecniche vengono utilizzate per isolare soffitte perse e soffitte abitabili. Per il primo (perso), ci sono tre processi: soffiaggio, stenditura e posa rotoli di lana a terra. Per il secondo (abitabile), pratichiamo l'isolamento dall'interno e dall'esterno (sarking).

Leggi anche:  Download: Guida all'isolamento termico della tua casa

La tecnica del soffiaggio o del floccaggio, ad esempio ovatta di cellulosa nelle soffitte perdute 

Questo metodo è il più utilizzato quando si tratta di isolare soffitte perse, soprattutto quelli a cui è difficile accedere. Consiste nella proiezione a terra o sottotetto dell'isolante scelto. Questo processo richiede l'uso di una macchina chiamata cardatrice o soffiatore. Questo riduce il materiale isolante in scaglie e lo diffonde in soffitta. Un semplice portello è sufficiente per eseguire il lavoro. Questa tecnica ha il vantaggio di essere molto efficiente poiché copre completamente l'area su cui viene eseguito il lavoro. È apprezzato anche per la rapidità della sua realizzazione.

Il metodo di diffusione

Questa tecnica di isolamento della soffitta è simile a quella del soffiaggio. L'unica differenza è che non usa nessuna macchina. L'isolamento viene acquistato direttamente sotto forma di scaglie e l'installazione viene eseguita manualmente utilizzando un rastrello. Lo spargimento è adatto per isolare sottotetti perduti facilmente accessibili.

Posa di isolamento in rotoli sul pavimento

Qui si tratta di posare e fissare rotoli di lana sulle pareti da isolare. Sebbene più costoso rispetto alle altre due tecniche, raggiunge buone prestazioni termiche solo con un unico strato di isolamento tra i travetti. Ma per avere maggiori garanzie, si consiglia di applicare un secondo per coprirle. Inoltre, lei gode di una lunga durata.

Leggi anche:  Cinque attività per divertirsi in giardino

Isolamento dall'interno

Questa forma di isolamento è molto efficace. Lei è realizzato con pannelli rigidi e semirigidi. L'installazione viene eseguita fissando uno strato di isolamento tra le travi o un doppio strato sotto i vespai a livello del tetto. Questo processo ha il vantaggio di essere meno caro poiché non è complicato da eseguire e non comporta alcun intervento sul tetto (a patto ovviamente che sia in buone condizioni). Inoltre, se la configurazione del telaio è abbastanza buona da consentirlo, può essere lasciato esposto. Che aggiunge fascino all'estetica dei tuoi interni.

Isolamento della soffitta dall'esterno o Sarking

Sarking richiede un po 'di lavoro da fare in anticipo. Ciò riguarda in particolare il "decurling" o lo "strappo". Questo lo rende molto più costoso rispetto all'isolamento della soffitta dall'interno. Si consiglia quindi di preferire solo questo metodo se fai una ristrutturazione del tuo tetto o se il tuo alloggio è in costruzione. Tuttavia, l'isolamento dall'esterno non invade il tuo spazio e quindi preserva la superficie disponibile. Inoltre, lo è efficace nel limitare l'impatto delle variazioni climatiche.

Una domanda su un sito completato o su un sito futuro? Visitare il forum opere e isolamento

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *