La Corrente del Golfo, in programma l'arresto?

Scenario nero alla Casa Bianca. Se la Corrente del Golfo si ferma ...

riscaldamento globale scioglimento dei poli + = + arresto oceano corrente di panico sul pianeta.

Questa è l'equazione data da due ricercatori americani a George W. Bush, che si affrettò ... a seppellirlo!

Alcuni report agghiacciante. Che hanno scritto Peter Schwartz e Doug Randall, su richiesta del Pentagono dal titolo: ". Pensare l'impensabile" Ci sarebbe normalmente non hanno mai sentire parlare di George Bush non ha voluto la pubblicazione. Ma ci sono perdite sempre. "L'impensabile" è stato presentato alla fine di febbraio. In breve: sarà freddo e riscalderà il pianeta. Il freddo è per il clima. Il caldo, è l'enorme conflitto che il raffreddamento può provocare.

A coloro che credono ingenuamente che siamo in un periodo di riscaldamento globale che si tradurrà in ondate di calore futuri ripetutamente, ricordare, come fare Schwartz e Randall, che nulla è semplice questioni climatiche. Ed è accaduto in passato che il calore provoca episodi di temperature siberiane in Europa e altrove. Non era molto tempo: anni 12600 fa, un periodo che i geologi chiamano il Dryas recente. Il clima allora era più o meno la stessa di oggi, anche se i livelli del mare erano significativamente più bassi. Ma la calda Corrente del Golfo già bagnava le coste dell'Europa in Norvegia, e tutto andava bene. Troppo, perché con il caldo ghiaccio artico ha cominciato a sciogliersi. E si sparsero al tracollo glaciale volta gigantesco in tutto il Nord Atlantico. Con una conseguenza inaspettata: questo ingresso d'acqua dolce bloccato la Corrente del Golfo, questo "gigantesco nastro trasportatore idraulica" che attraversa gli oceani del mondo a volte superficiali, a volte in profondità, nelle parole di paléoclimatologue francese Jean-Claude Duplessy (1).

Leggi anche:  L'effetto serra, probabili conseguenze?

Alleggeriti da questo film d'acqua dolce, la Corrente del Golfo si fermò la miscelazione con le acque più dense dei fondali. L'attuale famoso che non poteva immergersi per continuare la sua corsa oceano è stato rallentato considerevolmente. Conseguenze immediate: in meno di settanta anni, l'Europa si trovò immersioni in piena età di ghiaccio. Le isole britanniche sapevano il clima della Siberia. E il ghiaccio, d'inverno, giù al largo delle coste del Portogallo! L'episodio è durato un migliaio di anni prima della grande fornace corrente ha fatto si accende di nuovo.

Questo è esattamente ciò che ci dicono gli esperti del Pentagono: un nuovo Dryas, una forte ondata di freddo sull'Europa, con tutte le conseguenze che ne deriverebbero, in tutto il mondo. Perché il freddo porterebbe alla siccità, interromperebbe i monsoni fino al sud-est asiatico. La carestia minaccia 400 milioni di persone. Combatteremmo quindi per la sopravvivenza, anche con le bombe nucleari, per l'acqua, per il cibo, finché la popolazione mondiale, scrivono gli autori, non sarà tornata a un livello compatibile con capacità alimentari molto compromesse. del pianeta ...

Leggi anche:  Gulf Stream clima tallone d'Achille

Vi risparmiamo i dettagli di questo scenario da incubo che Schwartz e Randall sono in partenza 2010. La loro raccomandazione: trasformare gli Stati Uniti in una sorta di fortezza in grado di sopportare l'assalto di fame il resto del pianeta. Ma non una parola sulla necessità di lottare contro l'emissione di gas a effetto serra, tra cui gli Stati Uniti sono i principali responsabili.

Questo silenzio discreto non era sufficiente a George Bush, per il quale ogni menzione delle conseguenze del riscaldamento globale è eresia. Egli ha quindi impostato contro il canestro, come fa regolarmente - il deputato democratico Henry Waxman contato 21 casi almeno - quando gli scienziati pagati dal governo vanno contro le idee o interessi del Presidente.
Dobbiamo temere il quasi-guerra globale che annunciamo gli esperti del Pentagono? Non è sicuro. Si prendono alcune precauzioni, parlano di ipotesi plausibili. Ma, aggiungono, studiano tutti gli scenari.

Jean-Claude Duplessy, da parte sua, tenderebbe a qualificare questo tipo di letteratura come "delirio militare". Ma riconosce, tuttavia, che "le cose si stanno muovendo nel Nord Atlantico". Primo, perché la salinità dell'acqua è calata lì. Poi perché in uno dei tre stretti attraverso i quali la Corrente del Golfo sfocia nel Mare di Norvegia, la velocità della grande corrente oceanica è diminuita del 20% dalla metà degli anni 1990. Altrove, le misurazioni non sono ancora state effettuate. fare. A questo si aggiunge che il ghiaccio in Groenlandia potrebbe iniziare a sciogliersi se le temperature saliranno di oltre 2 ° C, la previsione più ottimistica per la fine del secolo… Condanneremo i nostri nipoti a vivere una nuova era glaciale? Difficile da dire. Come sottolinea Jean-Claude Duplessy: “Questa è la prima volta nella storia conosciuta del pianeta che passeremo da un periodo caldo all'altro, ancora più caldo. E lì, siamo totalmente privi di benchmark! "

Leggi anche:  emissioni CO2 per litro di carburante: benzina, diesel o GPL

(1) Autore di "quando l'oceano è arrabbiato: la storia naturale del clima" da Editions Odile Jacob, 1996.

Gerard Petitjean, Nouvel Observateur n 2059, 22 / 02 / 05: NouvelObs

Altro: Il rallentamento della Corrente del Golfo

1 commento su "The Gulf Stream, chiusura programmata?"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *