HVB-Diesel: miscele proibite

Sebbene in teoria sia possibile mescolare olio vegetale con gasolio per far funzionare un motore diesel, questa pratica è illegale in Francia. I trasgressori si espongono a una pesante multa, oltre a dover pagare il TIPP sul contenuto del loro carro armato!

Il prezzo del carburante non smette di salire vertiginosamente, molti automobilisti cercano soluzioni alternative per abbassare le bollette. In tempi recenti, la miscelazione di oli vegetali, principalmente olio di colza o olio per frittura, con il gasolio è emersa come la soluzione per molti proprietari di veicoli diesel. Ma attenzione, se l'uso di questo tipo di miscela è possibile senza troppi rischi meccanici (vedi riquadro), questo non è il caso per quanto riguarda la legislazione doganale francese.

In effetti, questo tipo di cocktail "petro-vegetale" è completamente illegale, perché tutti i combustibili venduti in Francia, qualunque sia la loro origine, sono soggetti alla tassa interna sui prodotti petroliferi (TIPP). A parte un forte odore di frittura sullo scarico, è difficile sapere di prima mano se un'auto utilizza una miscela diesel / olio vegetale, a differenza delle auto che funzionano con carburante domestico tradito da segni rossastri attorno al tappo del carburante. . Tuttavia, nessun delinquente è immune, perché uno può essere controllato in qualsiasi momento e ovunque nel territorio dai funzionari della dogana. In effetti, spetta alla Direzione generale delle dogane e dei diritti indiretti (DGDDI) raccogliere il TIPP e quindi reprimere eventuali frodi. "L'automobilista sorpreso è passibile di una multa fino al doppio dell'importo di dazi e tasse evasi per violazione della normativa sui prodotti petroliferi e dovrà anche saldare il TIPP applicabile al diesel", precisa la DGDDI. Il danno viene quindi valutato dai funzionari doganali in base alla quantità stimata della miscela presente nel serbatoio.

Leggi anche:  Iniezione d'acqua con sistema G su elicottero.

Fonte

Nota di econologia: secondo questo, l'attuale "pseudo crisi" sui carburanti avrebbe avuto un effetto piuttosto negativo su HVB. In effetti, ha reso i nostri leader consapevoli che il movimento dei consumatori di HBV era senza dubbio più importante di quanto pensassero. Si sono così affrettati a mettere in piedi una politica repressiva o preventiva (per potenziali futuri consumatori) e soprattutto altamente pubblicizzata. Hai detto: "Francia, un paese di diritti umani"?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *