idrati di gas, il funzionamento inizia in Giappone!


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

D'après LesEchos:

Quella notte in Asia: Giappone, attacca un deposito di "ghiaccio che brucia"

Il governo giapponese lancia un'ampia sua esplorazione costa di depositi di idrato di metano. Alcuni esperti assicurano che questi depositi sarebbero stati, a livello globale, superiore alle riserve di petrolio, ma la loro estrazione sembra molto delicata.

Due anni per il giorno dopo la distruzione della centrale di Fukushima Daiichi, il governo inizierà oggi con ampia delle sue costole, l'esplorazione di giacimenti di idrati di metano, comunemente noto come "ghiaccio che brucia" con la speranza per aggiornare una nuova fonte di energia per alimentare il paese. Una nave noleggiata dalla esplorazione JOGMEC (Giappone Oil, Gas and Metals Nazionale Corp) e il Ministero dell'Industria procederà nel seminterrato della marina fossa di Nankai, la prima produzione test questi idrati metano, composto di ghiaccio e gas naturale in seguito alla decomposizione della materia organica.

Alcuni esperti assicurano che questi depositi sarebbero stati, a livello mondiale, superiore a quella delle attuali riserve di petrolio, ma la loro estrazione sembra estremamente delicata. Il JOGMEC, che ha testato nella canadese permafrost tecnica "depressurizzazione" di questi cristalli di metano, spera sorgere dalle profondità di decine di migliaia di metri cubi di gas al giorno nel corso dei prossimi due settimane di sperimentazione. Se la tecnica si dimostra efficace, un'operazione commerciale potrebbe essere lanciato entro l'anno 2018

Suite e la fonte.

Maggiori informazioni generali sulla esplorazione e lo sfruttamento di gas idrati


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *