microbiota

Microrganismi: prenditi cura del tuo microbiota intestinale

Composto da una moltitudine di microscopici organismi viventi, il microbiota intestinale (o flora intestinale) è uno dei meccanismi essenziali per il corretto funzionamento dell'organismo umano. Alcuni esperti medici lo considerano addirittura un organo a sé stante che tutti devono mantenere adeguatamente per preservare la propria salute. Nello specifico, perché dovremmo prenderci cura del nostro microbiota intestinale? Quali sono le soluzioni naturali per farlo?

L'importanza di prendersi cura del proprio microbiota intestinale

Conosciuta anche con il nome di flora intestinale, questa coltura di microrganismi fornisce preziose informazioni sullo stato di salute di un individuo, dalla ricchezza o meno della sua composizione. Anche alcuni medici del XIX e XX secolo si sono affidati all'analisi delle tracce del microbiota contenute nelle feci dei loro pazienti per stabilire la loro diagnosi. Il microbiota è costituito da un numero esponenziale di batteri, lieviti, archaea, eucarioti e funghi che vivono in comunità e in linea le pareti dell'apparato digerente grazie al biofilm.

Questi batteri buoni vivono in simbiosi con l'organismo umano, partecipando così a diverse funzioni essenziali. Nel colon, il microbiota si occupa della fermentazione delle sostanze non digerite dopo l'assorbimento intestinale (amido, mucine, glicosaminoglicani, pectine, lignina, ecc.). Rende quindi completa la digestione. Inoltre, il microbiota è coinvolto nella trasformazione metabolica degli acidi biliari. Alcuni studi hanno anche dimostrato che questi batteri partecipano attivamente alla sintesi delle vitamine B9, B9, B12 e K da parte dell'organismo.

Oltre a facilitare la digestione del cibo, difesa del corpo costituisce la seconda importante funzione di questi microrganismi. Infatti, il microbiota forma una barriera protettiva contro batteri, virus o microbi ingeriti. Inoltre stimola e regola l'attività di système immunitaire generale, compresa la maggior parte delle cellule presenti nel tratto digestivo. Infine, secernendo mediatori attivi nel cervello, il microbiota è essenziale per il bene comunicazione tra intestino e cervello.

Prendersi cura del proprio microbiota intestinale riduce il rischio di contrarre determinate patologie e disagi. Frequenti disturbi digestivi, aumento di peso improvviso, infezioni urinarie o polmonari, nonché reazioni allergiche sono tra le altre cose legate a un disturbo del microbiota intestinale. Alcuni studi suggeriscono anche che la disfunzione del microbiota è legata al peggioramento dei sintomi di diverse condizioni croniche, come il cancro, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer, il morbo di Crohn o la schizofrenia.

Leggi anche:  Disastro nucleare di Fukushima, l'altro Chernobyl?

Probiotici, una soluzione naturale per mantenere o ripristinare il microbiota intestinale

Contributo di probiotici, una dieta varia ed equilibrata, uno stile di vita sano e la moderazione dell'attività sportiva sono tutte soluzioni naturali per prendersi cura della propria buona salute. coltura intestinale di microrganismi.

L'apporto di probiotici attraverso gli integratori alimentari è infatti particolarmente giudizioso quando si vuole ripristinare o semplicemente mantenere il proprio microbiota intestinale. Alcuni produttori offrono prodotti contenenti una varietà di microrganismi viventi, generalmente ceppi di batteri o lieviti destinati a riequilibrare la flora esistente. Questi integratori alimentari sono rivestiti nelle capsule gastroresistenti, che permette loro di resistere ai succhi gastrici e ai sali biliari presenti nel tratto digestivo.

I ceppi di base utilizzati sono lieviti, bifidobatteri e lattobacilli (bifidus, helveticus, rahmnosus, longnum, saccharomyces, ecc.). Hanno una durata da 1 a 3 settimane nell'ambiente intestinale.

Per ottenere effetti benefici per il funzionamento dell'organismo, i probiotici devono essere assunti regolarmente e in quantità sufficiente. Non appena vengono ingeriti, gli elementi interagiscono con il microbiota dell'ospite aderendo alle cellule del rivestimento intestinale. Tuttavia, qualsiasi cura probiotica dovrebbe normalmente essere soggetto al parere di un medico. Ogni organismo, infatti, ha una specifica composizione floreale. Un'analisi medica eseguita in anticipo da uno specialista sarà giudiziosa per determinare l'esatta natura e il tasso di presenza di ciascun ceppo di microrganismi presenti nel tuo intestino.

Sarà quindi possibile individuare i tuoi possibili eccessi (ceppi il cui numero di individui è superiore alla media) e carenze (ceppi il cui numero di individui è notevolmente ridotto). Oltre a queste indicazioni, dovresti essere consapevole che a volte le tue caratteristiche genetiche e la tua storia medica possono entrare in gioco. Seguendo le raccomandazioni di un farmacista o del tuo medico, ti assicuri di consumare ceppi probiotici efficaci e adattato alla tua organizzazione.

Inoltre, il dosaggio ottimale ti è indicato e può essere modificato in base ai risultati ottenuti. Si noti che gli yogurt fermentati, alcuni formaggi (mozzarella, cheddar, gouda, Roquefort, Camembert, ecc.) e le verdure fermentate sono cibi probiotici. Sono interessati anche i derivati ​​fermentati della soia, l'aceto di mele, le bevande fermentate a base di kefir o kombucha. Consumarli spesso è quindi benefico per la salute, anche se l'assunzione quantitativa di questi alimenti non è così elevata come quella degli integratori alimentari.

Leggi anche:  Barbecue verticale, ecologico e buono per la salute

integratore alimentare biologico probiotici

Una dieta adeguata per l'assunzione di prebiotici

I prebiotici sono fibre solubili che possono resistere alla digestione e all'assimilazione nell'intestino tenue. Se ingeriti in quantità sufficiente, vengono poi utilizzati come cibo per batteri buoni del microbiota intestinale, partecipando così alla loro crescita e proliferazione. Si tratta qui di polisaccaridi a catena complessa come amido, fruttooligosaccaridi (FOS), galattooligosaccaridi (GOS) o glicosaminoglicani. Sono interessate anche le mucine, le emicellulose, le pectine.

Frutta, verdura, legumi e alcune piante sono gli alimenti più ricchi di prebiotici. Si possono citare in particolare asparagi, aglio, frumento, segale, zucchine, carciofi, cipolle, banane, angurie, porri, indivie, scorzonera, radice di cicoria e avena. Non si tratta di abusarne, ma di associarli a una dieta equilibrata ogni giorno. In quest'ottica, per mantenere l'equilibrio del microbiota intestinale, dovrebbero essere evitati un consumo eccessivo di zuccheri o sostanze grasse, nonché l'adozione di una dieta iperproteica. Inoltre, non dovresti abusare del consumo di prodotti contenenti dolcificanti, aromi e colori artificiali.

L'importanza di prendersi cura della propria igiene personale

È probabile che l'alcol e i componenti naturali e chimici delle sigarette causino disbiosi del microbiota intestinale. Pertanto, ha senso evitare un consumo eccessivo di questi prodotti. Allo stesso modo, è importante riposarsi il prima possibile, assicurandosi di dormire almeno 8 ore al giorno. Dovresti evitare il più possibile qualsiasi situazione che potrebbe farti precipitare in uno stato di stress quasi permanente. Anche un'attività sportiva moderata da 1 a 3 giorni alla settimana è molto utile.

Leggi anche:  Download: collegamenti tra inquinamento, ricoveri e mortalità

Dovresti sapere che la pratica intensiva dello sport sconvolge l'equilibrio del microbiota, perché porta a un reindirizzamento dei principali flussi sanguigni ai muscoli, al cuore e al cervello. Questo fa sì che l'intestino venga privato di ossigeno durante l'esercizio, ma improvvisamente viene rifornito di ossigeno alla fine dell'esercizio. Lo stress ossidativo ha quindi causato attacchi particolarmente cellule intestinali essenzialmente composto dai batteri buoni del microbiota.

Ciò non significa che tutti i praticanti di sport intensivo abbiano sistematicamente una flora intestinale devastata, perché la capacità di adattamento allo sforzo fisico di ciascun organismo è unica. Tuttavia, seguendo il consiglio di un medico sportivo, potrebbe essere saggio seguire una cura simbiotica (associazione del consumo di prebiotici a quello di probiotici) per ricolonizzare gradualmente il microbiota intestinale da " buoni microrganismi".

cibo prebiotico

Trattamenti a base di antibiotici da evitare il più possibile

Se potenti antibiotici ad ampio spettro ci permettono di curare molti disturbi, sono anche nemici del microbiota intestinale. In effetti, distruggono tutti i tipi di batteri, buoni e cattivi. A meno che non sia espressamente indicato dal proprio farmacista o medico, i trattamenti basati su tali prodotti farmaceutici non sono pertanto incoraggiati. Se devi assolutamente assumere antibiotici, allora è consigliabile segui una cura simbiotica per ridurre gli effetti devastanti dell'assunzione di antibiotici.

Per la protezione dell'organismo e il buon andamento della digestione, è importante mantenere il microbiota intestinale. L'assunzione di prebiotici o probiotici attraverso alimenti e integratori, nonché uno stile di vita sano, sono ottimi modi per farlo.

Una domanda ? Visita il nostro forum Santé

4 commenti su “Microorganismi: prenditi cura del tuo microbiota intestinale”

  1. Grazie per tutte queste informazioni. Consumo regolarmente cure probiotiche per aumentare la mia flora e la mia immunità ... non è sempre facile trovare una formula adatta alla sua flora. Hai qualche consiglio. Quello che mi si addice meglio lereca biotica. Il mio farmacista mi consiglia.

    1. L'artrite reumatoide è legata a uno squilibrio del microbiota intestinale

      Il microbiota intestinale è stato recentemente al centro della ricerca nel campo delle malattie autoimmuni. Oggi, un nuovo studio condotto da un team dell'University College di Londra suggerisce che uno squilibrio nel microbiota intestinale potrebbe svolgere un ruolo importante nello sviluppo dell'artrite reumatoide.

      In uno studio preclinico, i ricercatori hanno scoperto che il danno al rivestimento intestinale era direttamente correlato all'infiammazione articolare e alla gravità della malattia. Da qualche tempo, gli scienziati hanno suggerito un legame coerente tra le anomalie del microbiota intestinale e l'artrite reumatoide, e l'aumento delle popolazioni di alcuni tipi di batteri cattivi è stato spesso associato alla gravità della malattia.
      Un meccanismo ancora poco compreso

      Tuttavia, non è ancora chiaro esattamente come i batteri intestinali possano influenzare l'infiammazione articolare. Sono stati considerati diversi meccanismi, che vanno dai batteri intestinali che modulano lo sviluppo di specifiche cellule infiammatorie responsabili dell'artrite a particolari metaboliti batterici che contribuiscono alla gravità della malattia.

      Questo nuovo studio esamina un'altra ipotesi causale, concentrandosi sui legami tra la gravità dell'artrite e l'indebolimento della parete intestinale indotto dai batteri. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Med.

      "Volevamo sapere cosa stava succedendo nell'intestino e se i cambiamenti nella parete intestinale - che di solito funge da barriera per proteggere il corpo dai batteri - sono un segno distintivo della malattia e contribuiscono al suo sviluppo", afferma Claudia. , co-autore.

      (...)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *