Boostheat caldaia ibrida termodinamica per risparmiare energia

Condividi questo contenuto con:

Le caldaie convenzionali stanno diventando sempre più obsolete per il riscaldamento di case residenziali. In effetti, sono molto inquinanti e le loro prestazioni rimangono nella media, il che spesso ci spinge a impostare il termostato il più alto possibile quando arriva l'inverno. Di conseguenza, la nostra bolletta del riscaldamento ha raggiunto nuove vette e abbiamo un forte impatto sull'ambiente. È pertanto necessario prendere in considerazione soluzioni per un migliore riscaldamento, riducendo al contempo la nostra impronta di carbonio a livello ambientale. Fortunatamente, oggi ci sono caldaie moderne che permettono ad entrambi di riscaldarsi in modo ottimale, ottenendo risparmi energetici. Si tratta di caldaie ibride, termodinamiche e caldaie a bassa temperatura, il cui utilizzo garantisce numerosi vantaggi.

La caldaia ibrida termodinamica

La caldaia termodinamica è a sistema di riscaldamento a gas che è stato commercializzato dal 2018, progettato da una startup Greentech. La maggior parte delle caldaie termodinamiche che troverai sul mercato saranno quindi brevettate da questa startup. La sua particolarità sta nel suo funzionamento, perché combina 2 tecnologie di riscaldamento contemporaneamente. Da un lato, contiene a caldaia a condensazione, che utilizza le calorie ottenute dal vapore acqueo e dai fumi di gas per riscaldare il suo refrigerante. E dall'altro, una pompa di calore utilizza le calorie recuperate dall'aria ambiente per preriscaldare il circuito di riscaldamento.

riscaldamento termodinamico
Scaldacqua termodinamico convenzionale a doppia energia (termodinamica + fonte esterna: gas, petrolio, solare, ecc.). Questo tipo di pallone è sul mercato dalla metà degli anni 2000

Queste due tecnologie sono state combinate per mezzo di a compressore termico che sarà attivato dal calore prodotto dal gas e che a sua volta si surriscalderà come una pompa di calore aria-acqua. Grazie a questo ingegnoso sistema, la caldaia termodinamica può raggiungere a resa superiore a 180%, utilizzando congiuntamente due tecnologie sui campi operativi in ​​cui sono più efficaci. Raggiungere un rendimento complessivo che testa il 200% può essere sorprendente, ma è del tutto possibile perché il COP (Coefficiente di prestazione) di un pompa di calore può raggiungere 5 o 6. Era stato presentato al grande pubblico Caldaia Sanyo con cogenerazione termodinamica da 2008

Scegliendo la caldaia termodinamica, sarai in grado di riscaldare la tua casa e l'acqua calda sanitaria con un unico sistema e dividere la bolletta del riscaldamento per 2.

La Caldaia ibrida Boostheat

La caldaia ibrida è un sistema di riscaldamento che unisce le tecnologie della pompa di calore e della caldaia a condensazione : la caldaia termodinamica può quindi essere anche definita caldaia ibrida. Il principio è quello di utilizzare in modo sistematico e intelligente la modalità di riscaldamento più economica ed efficiente per la produzione di calore. Permette di combinare l'uso di diversi tipi di energia: energia rinnovabile e gas naturale, altri modelli aggiungono persino elettricità.



È importante chiarirlo sostituisci la tua vecchia caldaia e cambio per una caldaia ibrida ti permetterà di beneficiare di un'energia premium dallo Stato. Più specificamente, questo è il bonus Chauffage Coup de Pouce, che può essere concesso quando si sostituisce la vecchia caldaia con una più moderna che soddisfa determinati criteri di qualità. La caldaia ibrida è inclusa tra i sistemi di riscaldamento più efficienti e rispettosi dell'ambiente.

La caldaia ibrida termodinamica regola automaticamente l'uso del tipo di energia in base alla potenza di ciascuno, l'esercizio essendo facilitato dall'uso singolo di gas come energia primaria. Altri modelli ti permetteranno anche di controllare manualmente l'uso di gas o elettricità a seconda del costo di ogni energia.

Caso del caldaia a bassa temperatura

La caldaia a bassa temperatura ti consente di riscaldare la tua casa in modo ottimale, garantendo allo stesso tempo un notevole risparmio di carburante. È tuttavia importante notare che presto non sarà più venduto sul mercato a seguito della direttiva europea sulla progettazione ecocompatibile.

Funzionamento della caldaia a bassa temperatura

La caldaia a bassa temperatura è un sistema che ha la particolarità di riscaldare l'acqua a una temperatura inferiore rispetto alle caldaie tradizionali. Se con la prima acqua viene riscaldata fino a 90 ° C, la caldaia a bassa temperatura, si riscalda solo fino a 40 ° C o 60 ° C al massimo.

Dal momento che si riscalda a bassa temperatura, questa caldaia quindi funziona continuamente e non a scatti come gli altri modelli. Grazie al modo in cui funziona, questa caldaia utilizza energia fino al 90%, il che consente di risparmiare dal 10 al 15% sulla bolletta energetica rispetto a una caldaia di vecchia generazione.

Inoltre, sebbene la differenza di temperatura sia notevole, la caldaia a bassa temperatura garantisce il comfort termico proprio come gli altri modelli. Tutto ciò che serve è dotarsi di un radiatore a bassa temperatura, un pavimento riscaldato o un bruciatore che è regolato in base alla temperatura esterna.

Che dire del ritiro della caldaia a bassa temperatura dal mercato?

La direttiva europea sulla progettazione ecocompatibile emessa dal 2015 ha previsto divieto di vendita apparecchi di riscaldamento la cui efficienza non raggiunge l'86%. A settembre 2018, è stato quindi emesso un divieto di vendita per i riscaldatori che emettono più di 56m / kWh di Nox. Le caldaie a bassa temperatura non soddisfano questi requisiti, quindi non saranno più utilizzabili a lungo. Fai attenzione, puoi ancora trovarne alcuni con gli operatori, poiché possono continuare a vendere le azioni già acquisite.

En sostituzione di questo tipo di caldaia in particolare, la legge europea propone quindi l'uso di quelli a condensazione. Anche questi ultimi sono molto efficienti e i risparmi realizzati sulla bolletta energetica possono raggiungere il 30%.

risparmio di riscaldamento

Quali sono le eccezioni all'installazione di una caldaia a bassa temperatura?

Anche se la soluzione più giudiziosa è optare per a caldaia a condensazione, che ora sta diventando la norma, ci sono eccezioni alla loro installazione. In effetti, gli edifici collettivi possono ancora installare caldaie B1 a bassa temperatura, senza una rete di evacuazione dei fumi compatibile con le caldaie a condensazione. Inoltre, è sempre possibile trovare sul mercato caldaie a bassa temperatura che soddisfano le soglie di emissione previste dalla legge.



Quale aiuto finanziario è possibile?

A differenza di altri sistemi di riscaldamento come la caldaia a condensazione, l'installazione della caldaia a bassa temperatura non consente di beneficiare di un credito d'imposta o di un bonus di risparmio energetico. Puoi comunque richiedere altri aiuti come sussidi ANAH, la riduzione dell'aliquota IVA o l'eco-prestito a tasso zero. Le autorità locali forniscono anche sussidi se si installa una caldaia a bassa temperatura.

Una domanda su caldaie o riscaldamento? Usa il forum riscaldamento

commenti Facebook

Condividi questo contenuto con:


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *