L'inerzia termica degli oceani promette di amplificare il riscaldamento globale

Notizie-ambiente 02 / 05 / 05 da CS

Un team di ricercatori guidato da James Hansen, direttore degli studi spaziali presso il Goddard Institute della NASA, l'agenzia spaziale statunitense ha calcolato che la Terra trattiene 0,85 watt (+/- 0,15) di più energia per metro quadrato emetteva in un dato periodo in cui questa cifra era solo di pochi decimi di Watt prima del 1960. Questi risultati sono stati pubblicati giovedì su Science Express.
Secondo James Hansen, autore dell'articolo, questo squilibrio energetico è l'indizio che le stime scientifiche dell'impatto dell'attività umana sul clima sono corrette.
Questi calcoli potrebbero essere realizzati utilizzando modelli computerizzati di stazioni oceanografiche e climatologiche installate su boe negli oceani o in stazioni terrestri i cui dati sono raccolti dai satelliti. Secondo i suoi dati, il livello degli oceani è già aumentato di 3,2 centimetri dal 1993 e anche se questa variazione sembra piccola, è in realtà due volte più importante di quella registrata in tutto il secolo scorso.
Inoltre, gli oceani trattengono il calore più a lungo del suolo e svolgono il ruolo di accumulatori termici con un fenomeno che si verifica nelle profondità oceaniche, chiamato "inerzia termica".
Ciò significa che se fermassimo completamente le emissioni di gas serra di origine antropica possiamo aspettarci un aumento di 0,6 gradi Celsius.
In altre parole, l'autore indica chiaramente nella sua introduzione che la riduzione delle emissioni di GHG deve essere intrapresa tempestivamente e che se il mondo decide di avere maggiori prove del riscaldamento atmosferico prima di agire, il fenomeno dell'inerzia termica degli oceani prefigura un cambiamento climatico ancora maggiore che sarà eccessivamente difficile se non impossibile da evitare.

Leggi anche:  La siccità è costosa in Portogallo

Fonte

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *