Inquinamento delle nuove tecnologie: IT, internet, hi-tech ...

Scheda completa e sintetica sull'impatto ambientale delle nuove tecnologie

Inquinamento ad alta tecnologia

Lo sviluppo della società digitale porta a un consumo eccessivo di energia e ad un aumento costante di prodotti, materiali ... e rifiuti elettronici. I governi e gli industriali iniziano a misurare il costo ecologico della nuova economia e agiscono timidamente. Ma, per ora, sono i paesi emergenti e i loro abitanti a pagarne il prezzo, a rischio del loro ambiente e della loro salute.

L'inquinamento visibile e invisibile

Secondo le ultime proiezioni di Forrester, un miliardo di personal computer (PC) saranno in servizio nel mondo nel 2008 e più di due miliardi entro il 2015. Ma cosa facciamo con queste montagne di schermi, di unità centrali, tastiere, stampanti e periferiche di ogni genere quando obsolete o fuori servizio?

Nel mondo si accumulano dai 20 ai 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e questo volume cresce dal 3 al 5% all'anno, secondo uno studio delle Nazioni Unite nel 2005. In Francia, attualmente stiamo producendo in media 25 kg di RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) all'anno e per persona. E di questi 25 kg, l'8% - o meno di 2 kg - passa attraverso un canale di raccolta e poi eventualmente ricicla per un quarto di essi.

In Europa, secondo un rapporto dell'Unione Europea, ogni anno vengono così immesse nell'atmosfera quasi 36 tonnellate di mercurio e 16 tonnellate di cadmio, principalmente a causa dell'incenerimento dei RAEE.

Tuttavia, questa è solo la punta dell'iceberg. L'aumento del parco informatico induce anche un costo energetico, e quindi ambientale, sempre più elevato. Man mano che il numero di personal computer cresce, la quantità di elettricità necessaria per alimentarli aumenta meccanicamente.
Ma oltre a questi dispositivi, la stessa infrastruttura Internet prosciuga una grande quantità di risorse energetiche. Stimato in 123 terawattora nel 2005, il consumo di elettricità di tutti i server del mondo è equivalente alla produzione di una quindicina di centrali nucleari.
Sostenuto da server economici, ma di bassa qualità e inefficienti, Internet contribuisce a una bolletta energetica di oltre 5 miliardi di euro all'anno, stima Jonathan Koomey, uno studioso di Stanford. Tra il 2000 e il 2005, il consumo globale di questi server è più che raddoppiato. Un tale aumento è tanto più problematico in quanto non include il numero di server di grandi aziende, come Google, che è molto discreta riguardo alla capacità delle sue infrastrutture.

Paesi emergenti, bidoni della spazzatura dell'Occidente

Il riciclaggio dei rifiuti elettronici è complesso e richiede la manipolazione di componenti dannosi per la salute e l'ambiente. È poco o non redditizio e pericoloso. È quindi "del tutto naturale" che i paesi sviluppati inviano i loro rifiuti ai paesi emergenti, chiudendo un occhio sui metodi utilizzati a livello locale.
L'inquinamento su larga scala legato a questa industria colpisce l'Asia e l'Africa. Il Basel Action Network (BAN) elenca gli scarichi, i canali e più in generale tutti gli abusi in materia di inquinamento elettrico ed elettronico. Secondo lui, a titolo di esempio, ogni mese in Nigeria vengono scaricati più di 500 container di apparecchiature informatiche usate per essere riparate e riutilizzate. Ma quasi tre quarti di ogni carico risulta inutilizzabile e viene distrutto con noncuranza o, peggio, abbandonato in vaste discariche. Toxics Alert ha stimato in un rapporto pubblicato nel 2004 che il 70% dei RAEE collocati in discarica a Nuova Delhi proveniva dalle esportazioni dai paesi industrializzati.

I metodi utilizzati nei paesi poveri per riprocessare questi rifiuti sono molto rudimentali e pesanti le ripercussioni sulla salute delle popolazioni e sull'ambiente. L'acqua è il principale vettore di questo inquinamento. In Cina, un campione d'acqua prelevato dal fiume Lianjiang, vicino a un sito di riciclaggio, ha rivelato livelli di piombo 2 volte superiori agli standard raccomandati dall'OMS (Organizzazione mondiale della sanità).
La consapevolezza degli stati inquinanti - i paesi sviluppati - è stata lenta ma è emerso un arsenale legislativo: la Convenzione di Basilea, che vieta qualsiasi esportazione di prodotti pericolosi tra i paesi firmatari, è entrata in vigore nel 1992. riciclaggio, il regolamento è arrivato dopo. Una direttiva europea nota come WEEE (Waste of Electrical and Electronic Equipment), adottata nel 2003, è stata applicata a livello europeo dall'agosto 2005. Allo stesso tempo, un'altra direttiva europea nota come RoHS (Restriction of Hazardous Substances) volta a controllare è stato adottato l'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.
Al momento, questo dispositivo legislativo è operativo in Europa e la maggior parte dei paesi sviluppati sta seguendo l'esempio. Si stanno mettendo in atto canali di recupero e riciclo e sono affari di tutti: produttori e distributori sono ora tenuti a rispettarli. Ma è chiaro che la maggioranza degli stati interessati continua a inviare i propri rifiuti elettronici ai paesi emergenti, a volte sotto forma di donazioni per aggirare la legge.

Leggi anche:  Biogas in Africa

Iniziative "verdi" disparate

Essendosi preoccupate per le questioni relative all'ambiente o alla loro immagine, le aziende IT stanno investendo sempre di più nel ritrattamento di materiali pericolosi. Interrogata dall'associazione Greenpeace, che pubblica regolarmente una Guida per l'alta tecnologia responsabile, Apple, ad esempio, si è impegnata a diventare "più verde" ea mostrare più trasparenza nelle sue procedure di riciclaggio.

I grandi gruppi industriali stanno anche cercando di promuovere misure per ridurre il consumo di energia dei computer. Riuniti nella Climate Savers Computing Initiative, i principali attori come Microsoft, AMD, Lenovo e IBM, e più recentemente Google e Intel, lavorano in accordo con l'organizzazione ambientale World Wildlife Fund (WWF) e altre 25 associazioni .
I produttori di computer e componenti che partecipano a questa iniziativa si impegnano a sviluppare prodotti ad alta efficienza energetica che soddisfino i requisiti tecnici dell'EPA, l'Agenzia federale per l'ambiente degli Stati Uniti. Le altre società che aderiranno a questa iniziativa si doteranno di computer più economici. Sperano di risparmiare 5,5 miliardi di dollari di costi energetici all'anno e di ridurre le emissioni di gas serra di 54 milioni di tonnellate all'anno.
Anche l'infrastruttura della rete Internet, composta da decine di milioni di server, tende ad un sensibile calo dei consumi elettrici. Sempre più produttori offrono server virtuali, che stanno gradualmente sostituendo le righe, i cabinet e gli alloggiamenti dei server ad alta intensità energetica. Altre aziende stanno cercando di democratizzare i cosiddetti server a "basso consumo".
Basteranno queste iniziative disparate? La proliferazione dei rifiuti elettronici e l'inquinamento generato dalle nuove industrie tecnologiche richiedono lo sviluppo di un “protocollo di Kyoto” IT?

Jim Puckett: "La legislazione europea è la più avanzata, ma ha dei difetti"

Cosa ne pensi delle direttive sui rifiuti elettronici applicati a livello europeo e internazionale?

La legislazione europea è la più avanzata in termini di gestione dei rifiuti elettronici, ma presenta diversi difetti che alcuni si affrettano a sfruttare. Se esiste un principio in base al quale il produttore è obbligato a riciclare i suoi prodotti, nessuno indica come e dove dovrebbero essere. È finalmente possibile svuotare il riempimento in Francia, riempire le discariche in Nigeria o Cina.
Inoltre, se gli esportatori dichiarano che il loro carico contiene apparecchiature destinate ad essere riutilizzate, queste non sono più considerate “rifiuti”, ma “prodotti”, che sfuggono alla regolamentazione del trasporto dei rifiuti. Questa è una grande bugia: circa il 75% del materiale che siamo stati in grado di identificare in Nigeria viene semplicemente messo in discarica e poi bruciato.
Quali sono le direttive che incidono maggiormente sugli scarichi “informali” dei paesi emergenti?
Le tre misure principali in questo settore sono importanti, ma devono essere adeguatamente attuate. La regolamentazione del trasporto dei rifiuti è la legge più importante, se correttamente applicata. Consumatori e produttori sono incoraggiati a risolvere il problema a monte ea non esportare i propri rifiuti. Inoltre, anche la direttiva ROHS (restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose) può avere un grande impatto, a condizione che l'elenco delle sostanze cosiddette "pericolose" sia esteso e per evitare esenzioni. Infine, se la direttiva sui RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), che attualmente riguarda solo i consumatori, verrà modificata per cercare la responsabilità del produttore, diventerà anche una leva importante.
Avete notato una diminuzione o aumento dei rifiuti in quanto l'istituzione di linee guida internazionali?
Niente è realmente migliorato: ciò è dovuto principalmente alla mancanza di fermezza nell'applicazione in Europa e all'assenza di qualsiasi legislazione negli Stati Uniti. Una legge sui rifiuti informatici è più efficace nei paesi esportatori che nei paesi importatori.
ci sono alcuna consapevolezza dei paesi emergenti sulle condizioni sanitarie e ambientali tali ricondizionatori?
C'è poco che i paesi emergenti possano fare. La Cina ha cercato di ridurre l'afflusso di rifiuti e migliorare le condizioni per il ritrattamento, ma il mercato informale del riciclaggio sporco è in crescita, a causa del commercio globale che è molto difficile da controllare. Per la Cina, questo non è un problema tecnico: le aziende di riciclaggio di qualità non possono competere con il mercato informale. L'unico modo per fermare questo ciclo è promuovere la Convenzione di Bale e la sua diligente applicazione.

Leggi anche:  Da ZenCart a PrestaShop: econological il nuovo negozio!

Le pianure del Web

Chattare tramite messaggistica istantanea, giocare online o semplicemente navigare in Internet sono ormai attività comuni per gli utenti web. Le velocità sono sempre più alte e gli scambi di file più numerosi sulle autostrade dell'informazione, mentre questi danno l'illusione della smaterializzazione.
Tuttavia, dall'altra parte degli schermi degli utenti di Internet, una pesante infrastruttura è alla base del Web. Il byte, l'unità di misura del computer, ha infatti un equivalente energetico, uno dei più alti. Stimato in 123 terawattora all'anno, il consumo mondiale di elettricità dei server rappresenta lo 0,8% del consumo totale di elettricità (16 terawattora all'anno), l'equivalente di circa quindici centrali nucleari.
Gli Stati Uniti da soli assorbono un terzo di questo consumo (45 terawattora all'anno). Jonathan Koomey, uno studioso di Stanford, ha calcolato che una simile bolletta energetica ammonta a 5,3 miliardi di euro all'anno (7,2 miliardi di dollari).
Secondo il suo studio pubblicato nel febbraio 2007, il consumo di server è raddoppiato in cinque anni. Nel 2000, i server globali utilizzavano meno di 60 terawattora all'anno. Il rapporto di Mr. Koomey è tanto più allarmante in quanto non include i server utilizzati da Google. L'azienda americana, molto oscura riguardo alla sua infrastruttura, non ha mai rilasciato dati sulle sue capacità di archiviazione. Secondo un articolo del giugno 2006 pubblicato sul New York Times, Google ha più di 450 server, distribuiti in una ventina di centri tecnici.
La forte domanda è la causa principale di tale offerta energetica. I paesi sviluppati, membri dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la banda larga sempre più plebiscitaria. Con oltre 58 milioni di abbonati, gli Stati Uniti sono il mercato più grande, in termini assoluti, seguiti da Giappone e Corea del Sud. Ma è nei paesi dell'Europa settentrionale che il tasso di equipaggiamento è più alto. In Danimarca, Paesi Bassi o Islanda, quasi un abitante su tre ha la banda larga, rispetto a uno su cinque in Francia.
12,7 milioni di abbonati francesi sono così collegati ad alta velocità, figurando nei primi tre paesi europei più connessi, dietro Regno Unito e Germania. Anche i paesi digitali emergenti come la Cina, il cui tasso di penetrazione di Internet è molto basso (10,4%, contro quasi il 70% del Nord America), aumenteranno in modo sostenibile la domanda.
Ansiosi di soddisfare le aspettative dei propri clienti, produttori come HP o Dell offrono server a prezzi bassi, ma inefficienti. Il 90% dell'infrastruttura IT è quindi costituita da "server di volume", i più economici sul mercato. Masse nelle stanze, inefficienti, vengono utilizzate solo il 10% delle loro capacità. Richiedono anche sistemi di raffreddamento estesi, che contribuiscono alla metà del loro consumo di elettricità. Secondo Mr. Koomey, il loro numero è esploso in cinque anni: nel 2000, il mondo aveva 12 milioni di "server di volume", contro i 26 milioni del 2005.
I prossimi anni potrebbero vedere l'emergere di nuove tendenze. Nel marzo 2007, l'istituto IDC ha ridotto di 2005 milioni di unità le previsioni di vendita di server tra il 2010 e il 4,5. Un tale calo è in parte a vantaggio dei cosiddetti server "virtuali", molti dei quali possono essere ospitati da un singolo server fisico. Nel 2010 verranno venduti 1,7 milioni di server per la virtualizzazione, pari alla capacità di 8 milioni di server "reali". Ciò rappresenterà il 14,6% del volume della capacità del server, contro solo il 4,5% nel 2005.
Anche i principali produttori hanno intrapreso una strategia di riduzione dei consumi. Sebbene Sun si affidi a processori più efficienti, il suo concorrente, Hewlett-Packard, fornisce ad alcuni server funzioni di risparmio energetico e ventole più efficienti.

Leggi anche:  Note legali, privacy e diritti di riproduzione

Da aprile VIA, un produttore taiwanese di circuiti integrati, e Hewlett Packard commercializzano un computer a bassa potenza destinato al mercato cinese. Perché hai lanciato un progetto del genere? La Cina sta registrando un aumento dell'inquinamento e delle emissioni di anidride carbonica causato dalla rapida crescita delle attività industriali e commerciali. Ciò avviene quando il mondo inizia a diventare più consapevole dei problemi legati all'ambiente e al riscaldamento globale e adotta misure positive per risparmiare energia e ridurre l'impronta di carbonio delle attività umane.

seguente

Dibattito forums

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *