turismo

Kevin Rivaton, esperto di turismo sostenibile

Impossibile parlare delle figure emblematiche del settore del turismo responsabile senza citare Kevin Rivaton. Questo tipo di turismo sostiene il rispetto per l'ambiente contribuendo allo sviluppo sociale, economico e del patrimonio della regione interessata. Scopri il ritratto di questo influente attore nel settore del turismo etico in questo articolo.

biografia

Kevin Rivaton è nato il 30 agosto 1982 a Beirut. Proviene da una famiglia musulmana di due bambini. Suo padre, Jacques Rivaton, è un site manager e sua madre, Myriam, è una centralinista. Ha trascorso parte della sua infanzia in Libano, in particolare a Beirut. I suoi legami molto forti con sua madre lo hanno dato alla luce la sua passione per il turismo e il suo amore per la cultura libanese. Inoltre, conserva preziosi ricordi delle storie di missione che sua madre gli raccontava ogni sera quando era piccolo. Kevin Rivaton è sposato con sua moglie dal 2011. La coppia ora è i genitori di una bambina di 8 anni e di un bambino di 5 anni. La famiglia risiede a Belleville nel 19 ° arrondissement di Parigi.

La carriera accademica di Kevin Rivaton

Kevin Rivaton è entrato nel Notre Dame de la Providence College di Vincennes dopo aver completato gli studi a Beirut. Rimase lì durante i suoi anni di scuola superiore. Dopo aver conseguito la laurea in economia nel 1998, Kevin rivaton decide di partecipare ai concorsi ACCES e SESA. Successivamente, è entrato nella business school di Tolosa per prepararsi alla laurea in Economia e Management. Suoi studi superiori a Tolosa costringerlo a lasciare il nido di famiglia per stabilirsi lì. Kevin Rivaton si fa strada nel settore turistico dopo 3 anni di formazione universitaria. Decide quindi di atterrare a Master in International Tourism Science, Marketing and Management. Per lui proseguire gli studi in un campo che gli appassiona e in cui vuole fare carriera era già scontato all'epoca. Questa scelta è confermata durante uno scambio universitario durante l'ultimo anno del master. Accompagnato da un compagno di classe appassionato di cultura dell'America Latina, scopre molti paesi tra cui Colombia, Perù e Venezuela.

turismo verde

i suoi inizi

Fu al suo ritorno in Francia quello Kevin Rivaton inizia la sua carriera professionale. È entrato a far parte della società di consulenza turistica Marinat Voyages a Parigi e vi ha lavorato per un periodo di 2 anni. Ha deciso di rafforzare e approfondire le sue capacità durante sei anni con lo studio Opodo prima di mettersi in proprio.

Leggi anche:  Inquinamento globale contro inquinamento locale!

Consulente in ingegneria turistica e culturale

Oggi, Kevin Rivaton è totalmente adempiuto come consulente in ingegneria turistica e culturale a Parigi. Ha un lavoro che ama e trova affascinante. Ha sempre attribuito grande importanza a ecologia nell'esercizio delle sue funzioni. Gli piace trasmettere le sue idee e i suoi consigli. Kevin Rivaton è stato profondamente toccato dagli eventi dell'11 settembre 2001 e dal razzismo che ne è derivato ed è stato testimoniato nei confronti della comunità musulmana di cui fa parte. Si considera essere un connazionale francese a pieno titolo. Era molto entusiasta dell'idea di ospitare il progetto Euromed di Nicolas Sarkozy volto a ottimizzare lo sviluppo dei paesi del Mediterraneo e del turismo in generale. Purtroppo, quest'ultimo non ha avuto successo. Nel corso della sua carriera, Kevin Rivaton ha avuto l'opportunità di lavorare con grandi marchi come PMU, Sodexho Alliance, Flunch, Euro Disney, Club Méditerranée, Accor, Club MED, Pierre et Vacances e con la compagnia del Louvre.

Kevin Rivaton: un forte sostenitore di turismo etico

Kevin Rivaton è sempre stato un fervente difensore del turismo etico. È anche impegnato per la causa dello sviluppo sostenibile. Infatti, il consulente in turismo e ingegneria culturale è contro il turismo di massa. È, per lui, uno dei primi fattori di degrado del pianeta. Il suo obiettivo è preservare al meglio le risorse naturali del territorio migliorando le condizioni di vita degli abitanti. Incoraggia i suoi clienti a mostrare il massimo rispetto per la natura. Per fare questo, suggerisce diversi modi responsabili e rispettosi dell'ambiente per scoprire destinazioni paradisiache. Come lui, governi, ONG, comunità e consulenti del turismo promuovono l'espansione del turismo etico. Oltre a contribuire al protezione ambientale, questo concetto crea posti di lavoro per i residenti.

carta e donne

Un atleta appassionato

Sportivo, Kevin Rivaton è appassionato di ciclismo. Dedica molto tempo alla pratica di questa attività sportiva. Oltre a fare sport regolarmente durante la settimana, non perde mai l'occasione di andare in bicicletta: vacanze in famiglia, passeggiate con gli amici, ecc. La bicicletta gli permette di scoprire luoghi di difficile accesso con altri mezzi di locomozione. Durante l'estate del 2009, Kevin Rivaton ha deciso di farlo andare in Medio Oriente in bicicletta con il suo migliore amico. Durante questo viaggio durato due anni, i due amici hanno attraversato il Libano e Israele dove hanno potuto imparare l'arabo. L'apprendimento di questa lingua non si è fermato con questo viaggio. Infatti, Kevin Rivaton ha deciso di migliorare le sue capacità al suo ritorno in Francia, per diversi anni.

Leggi anche:  Gasland, video report sul gas shale

Un amante della cultura libanese

Kevin Rivaton è sempre stato appassionato di cultura libanese. Ha ricevuto questo amore da sua madre. Lui e sua moglie decidono di andare in luna di miele in Argentina. Due anni dopo, ha scelto di andare in Libano con tutta la sua famiglia. Afferma il suo particolare interesse per questa destinazione che ha visitato più volte. Kevin Rivaton ammette, tuttavia, di averlo fatto una preferenza per Beirut, la sua città natalee Tiro, città natale di sua madre. Le magnifiche spiagge di sabbia bianca, i momenti indimenticabili trascorsi nella città di Tiro e le escursioni in famiglia sul Monte Libano rimarranno per sempre impresse nel suo cuore. Inoltre, i suoi figli hanno potuto migliorare la loro padronanza dell'arabo durante questo viaggio in Libano grazie ad una totale immersione linguistica. Attualmente, tutta la famiglia di Kevin Rivaton parla correntemente francese e arabo.

I suoi progetti a Libano

Appassionato di cultura libanese, Kevin Rivaton è particolarmente interessato allo sviluppo del turismo responsabile locale. Ne è convinto lo sviluppo dell'ecoturismo è del tutto possibile nel paese a patto di saper giocare la carta dell'etica e della qualità. Gli piace consigliare ai suoi clienti di partecipare attivamente allo sviluppo sostenibile ed economico del paese.

rivaton

Libano, una miniera d'oro perecoturismo

Secondo Kevin Rivaton, il Libano è una vera miniera d'oro per l'ecoturismo. Il paese è pieno di risorse illimitate e sfruttabili.

Per informazione, è negli anni '90 che inizia l'espansione del turismo etico in Libano, in particolare con la creazione di sentieri dedicati a passeggiate e scoperte. Ciò è dovuto al fatto che il paese è famoso per le sue escursioni e trekking. Ad esempio, nel Barouk esistono molti sentieri che consentono la visita dei paesaggi della regione. Questo enorme sviluppo ha dato vita a nuovi posti di lavoro per le comunità locali. Notiamo, ad esempio, la comparsa di molti ristoranti e piccole pensioni come quella nel villaggio di Ammiq e The Orange House a Tiro. Tutte queste strutture hanno permesso di offrire lavoro alla popolazione locale.

Leggi anche:  Pronto a buttare via Arte: l'obsolescenza pianificata non è una pratica recente

Oltre ai suoi villaggi tradizionali, ai vigneti di famiglia e alla deliziosa cucina locale, il Libano offre innumerevoli attività da fare con i propri cari e nel rispetto dell'ambiente. Ad esempio, è possibile dipingere in un laboratorio di pittura murale nella periferia di Beirut, per visitare le botteghe degli artigiani locali, per la raccolta delle olive al Sud, ecc. Il paese ospita anche molte riserve naturali. Ad esempio, è possibile raggiungere il dominio di Taanayel in bicicletta.

Il turismo etico in Francia secondo Kevin Rivaton

Kevin Rivaton sostiene che il lo sviluppo del turismo etico è del tutto possibile in Francia. Nel sud, ad esempio, è possibile visitare molti vigneti. Alcune tenute offrono anche degustazioni ai propri clienti. Questo concetto ha molti vantaggi. Oltre ad evitare il turismo di massa e consentire i viaggi in piccoli gruppi, fornisce un sostentamento per i viticoltori. Inoltre, la Francia ha lo stesso potenziale del Libano. Il paese infatti offre anche la possibilità di fare bellissime e indimenticabili escursioni. Le montagne della Francia offrono paesaggi meravigliosi e mozzafiato, sia nei Pirenei, nelle Alpi o nei Vosgi. Inoltre è possibile la visita guidata. Inoltre, ci sono molti laghi che sono fonti di reddito per molte persone. Il lago di Annecy, ad esempio, fornisce sostentamento alle società di noleggio di barche, al personale dei piccoli ristoranti vicini, ecc.

Consulente in ingegneria turistica e culturale, Kevin Rivaton sostiene una forma di turismo etico che rispetti l'ambiente e le popolazioni. Nato a Beirut e innamorato della cultura libanese, ha in programma di sviluppare l'ecoturismo nel suo paese natale.

Per andare oltre, come consumare responsabilmente quando si parla di turismo ?

1 commento su "Kevin Rivaton, esperto di turismo sostenibile"

  1. Buongiorno,
    Sono in questo settore da 39 anni, ovvero dal giorno in cui è nato questo "esperto" ...
    E autore di 4 libri sul turismo sostenibile, tra cui questo: Turismo sostenibile - dall'utopia alla realtà ”, Jean-Pierre Lamic, edizioni Kalo Taxidi, 2019.
    Eppure non conosco questa persona!
    Fa parte di una generazione che reinventa ogni giorno quello che da 40 anni cerchiamo di sviluppare ...
    Quindi, digli che se si accorge della nostra esistenza, siamo aperti a qualsiasi scambio costruttivo ...
    Serdecznie.
    Jean-Pierre Lamic

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *