LGV Est in costruzione a Saverne

Infrastrutture SNCF: un disastro ecologico

Mentre la ShiftProject di Jean-Marc Jancovici propone di triplicare la rete di linee ad alta velocità per "decarbonizzare" l'Europa, è bene ricordare che il nostro continente è, insieme al Nord America, tra le aree più invase nelle infrastrutture di trasporto: il 50% del continente europeo è inferiore o uguale a 1,5 km da una strada o ferrovia e il 95% inferiore a 10 km.

Infatti, la fauna e la flora sono notevolmente disturbate.

Territori colonizzati da infrastrutture di trasporto

La rete ferroviaria, emblema della Rivoluzione Industriale, continua ad espandersi, a scapito del mondo naturale.

TGV Strasburgo Parigi

Il Progetto Shift, attraverso le sue nove proposte "per un'Europa che cambi epoca", vuole "generalizzare l'auto a meno di 2L/100 km" proponendo "sistemi sostenibili di agevolazioni per facilitare l'acquisto di nuovi veicoli (bonus rottamazione, bonus- malus, adesivo)”. Le conseguenze di queste misure sono evidenti per gli esseri umani e non umani nei Paesi del Sud: i materiali (plastica, vetro, acciaio, alluminio, rame, ecc.) vengono estratti dal sottosuolo, e spesso negli Stati più poveri.

Il programma Energy Consulting Engineer contribuisce così alla devastazione del delta del Niger (11,7% del petrolio importato), dell'Angola (7,6%) e dell'Iraq (4,9%) e favorisce il mantenimento di regimi autoritari come l'Arabia Saudita (18,6% del petrolio importato petrolio), Kazakistan (13,8%) e Russia (7,9%).

Leggi anche:  Scarica: il bonus ecologico nuove auto, domande e risposte

La SNCF, il principale consumatore di energia

In Francia, con il 10% del mercato, la modalità di trasporto su rotaia resta la modalità di trasporto maggior consumatore industriale di elettricità.

“Questo rappresenta 17 TWh, di cui 9 in elettricità, 1 in gas naturale e il resto corrisponde a tonnellate di petrolio equivalente (diesel ferroviario o stradale) con quasi il 40% di treni regionali, autobus e la nostra controllata Geodis, che trasporta merci su gomma.

Tutto ciò corrisponde a 17 terawattora. Abbiamo 3 tipologie di utilizzo: 62% ferroviario, 23% stradale e 15% edilizio (stazioni, capannoni industriali e 100.000 unità abitative sociali con riscaldamento collettivo a gas).

Ogni anno il conto ammonta a 1,2 miliardi di euro. Questa è la prima voce di spesa esterna all'azienda. E che emette quasi 3 milioni di tonnellate di CO2 equivalente. » spiega Olivier Menuet, presidente di SNCF Energies in un'intervista pubblicata sul sito Le monde de l'énergie.

La SNCF, consumatrice di combustibili fossili

L'SCNF prevede di produrre elettricità mediante pannelli fotovoltaici sul tetto delle sue infrastrutture e la creazione di "fattorie solari". Queste misure, che dovrebbero rendere l'azienda più “verde”, richiederanno invece un forte approvvigionamento di materiali ed energia.

Il problema ecologico si sposta solo, altrove, e nel tempo: che ne sarà poi delle “prime generazioni” di pannelli fotovoltaici e materiali isolanti quando avranno raggiunto la loro massima vita utile (20 anni, ci dicono)?

Leggi anche:  Riciclaggio dei veicoli fuori uso

L'innovazione elettrica dovrebbe liberarci dalle risorse fossili. Eppure la necessità di metalli rari, come il litio, è in aumento.

Inoltre, tutti i dispositivi e le strutture che generano elettricità rinnovabile colonizzano terre preziose e rare.

In conclusione, la produzione di pannelli solari coinvolge i combustibili fossili, perché il silicio utilizzato deve essere riscaldato tra i 1 e i 200°C, temperature inaccessibili con le sole energie rinnovabili: la loro costruzione non può riuscire senza i combustibili fossili.

L'industria ferroviaria: enormi flussi di materiali ed energia

La massicciata (ciottoli posti sotto il binario per stabilizzare il binario) viene scaricata da treni ferroviari specializzati. Ogni giorno vengono depositate da quattro a cinquemila tonnellate di zavorra, il che significa che sono necessari quasi 2 milioni di tonnellate di zavorra all'anno!

L'Agenzia per l'ambiente e la gestione dell'energia (ADEME) denuncia l'impatto ecologico della manutenzione della rete ferroviaria: “SNCF Réseau è proprietaria e gestore della rete ferroviaria nazionale. La rigenerazione e la manutenzione generano ogni anno depositi significativi su tutto il territorio nazionale: più di 120 tonnellate di rotaie, più di 000 milioni di tonnellate di pietrisco, più di 2 tonnellate di traversine in legno, più di 60 tonnellate di traversine in cemento, più di 000 tonnellate di cavi e fili di contatto della catenaria. »

“Le superfici terrestri e le aree offshore, un tempo parti della natura “improduttive”, possono così essere sfruttate grazie, ad esempio, all'energia solare, eolica e geotermica. La digitalizzazione fa sì che materie prime rare – come il coltan africano, a cui nessuno si interessava qualche anno fa – diventino oggetto di commercio internazionale. Anche i rifiuti elettronici, in notevole quantità, offrono in cambio opportunità per l'industria globalizzata preposta al loro trattamento. I due segreti di questa presunta efficienza, specializzazione e progresso tecnico, vanno quindi di pari passo con l'intensificarsi del saccheggio delle risorse., protesta l'economista Niko Paech.

Ci sono sicuramente molti vantaggi nel viaggiare in treno, e molti utenti lo vedono come un modo eco-responsabile di spostarsi: un servizio condiviso che emette meno CO2. Ma questo ragionamento tiene conto di tutti i parametri che abbiamo appena citato?

Leggi anche:  Abbreviazioni

Insomma, la reputazione "verde" del treno forse non è da prendere alla lettera su tutta la linea se vogliamo l'ecobilancio settore globale!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *