Gli animali hanno percepito l'arrivo dello tsunami

Gli animali, per non parlare del "sesto senso", sono armati di uno spettro di percezione più sviluppato rispetto agli umani, motivo per cui molti di loro, come gli elefanti, sono stati in grado di sfuggire alla morte durante gli tsunami. nel sud-est asiatico, spiegano gli specialisti francesi. (Nota dell'editore: in Sri Lanka, non sono stati contati cadaveri di animali, con stupore dei funzionari!)

"In tutto ciò che è vibratorio, terremoto o onde sonore, gli animali hanno capacità che noi non abbiamo o non abbiamo più" per anticipare un evento anormale. Così vediamo "cani o gatti in preda al panico anche prima dell'arrivo di un terremoto o di un'esplosione vulcanica", spiega a AFP Hervé Fritz, ricercatore di ecologia e comportamento animale del CNRS. Gli elefanti, di cui è stato riferito che corrono nell'entroterra dello Sri Lanka o della Thailandia, “hanno schemi di comunicazione a infrasuoni. Percepiscono negli infrasuoni segnali non udibili dall'uomo e hanno l'apparato fisiologico per comunicare tra loro su distanze molto grandi, diverse decine di km ”, spiega il ricercatore. Per il terremoto della scorsa settimana ci sono due ipotesi plausibili: si è sentito l'arrivo dello tsunami o dalla "firma a terra" dell'onda, oppure grazie ad un rumore che gli uomini non hanno percepito.

Leggi anche:  Quaderno di avviso "Water We Are" di Pierre Rabhi e Juliette Duquesne

"Rispetto ad altre specie, hanno una migliore facoltà di associazione e una grande capacità motoria", aggiunge Hervé Fritz. Un gran numero di specie hanno mezzi, specifici o generici, per difendersi da un pericolo, anche se ne ignorano la natura: ad esempio i pipistrelli, che utilizzano una sorta di radar sonoro che permette loro di recuperare il pericolo. eco su un ostacolo di un grido che hanno emesso. Quindi sono consapevoli di un cambiamento nella vibrazione, che segnala un cambiamento drammatico nel loro ambiente. Un altro esempio è il coniglio e altri animali a quattro zampe che, sulla base delle vibrazioni del terreno, hanno imparato a percepire i pericoli. (...)

Gli animali hanno "codici di allerta": emettono segnali di allarme come i cervi quando si avvicinano ai predatori, o gli uccelli quando un rapace aleggia. L'elefante, che è molto vocale, è in grado di esprimere il suo nervosismo con grida associate al pericolo. Senza saper nuotare efficacemente, cosa che gli elefanti e le tigri fanno molto bene nella fauna asiatica, "molti mammiferi terrestri sono in grado di districarsi da una situazione acquatica critica", e ad esempio di attraversare un ruscello se il la situazione lo richiede, secondo Hervé Fritz.

Leggi anche:  Lotta ai cambiamenti climatici: siamo irresponsabili o inconscio?

http://www.cyberpresse.ca/technosciences/article/article_complet.php?path=/technosciences/article/04/1,5296,0,012005,881419.php

Agence France Presse, 04/01/05

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *