I fiocchi di neve cadono spesso, ma non negano il riscaldamento

Villaggi isolati, strade bloccate, aerei in ritardo… I fiocchi di neve caduti in abbondanza in questi giorni hanno colpito la mente di tutti. Le nevi del passato erano tornate! La macchina climatica, che si credeva fosse stata rotta dalla follia degli uomini, aveva ripreso il suo corso ancestrale. Alla fine la natura era la più forte. Lo sentivamo con quel piccolo rumore dimenticato nei nostri paesi: lo stridore della neve sotto le suole.
I 7 cm di neve misurati il ​​23 febbraio a Parigi-Montsouris e Orly, 5 cm a Saint-Brieuc, 10 cm nel Calvados, 15 cm nella Manica, o anche 20 cm a Bocognano (Corsica), sono pochi. rispetto ai 40 cm di polvere bianca caduti nel 1946 a Parigi, 85 cm nel 1954 a Perpignan, 70 cm nel 1956 a Ramatuelle, 60 cm nel 1969 a Belfort, 54 cm nel 1971 a Saint-Etienne, 38 cm nel 1985 a Nizza , 50 cm nel 1986 a Langres, o 22 cm nel 1993 a Carcassonne. Più vicino a noi, nel gennaio 2003, 15 cm di cristalli sono stati depositati in Finistère, Aquitania, Provenza e Corsica.
La recente nevicata "non è eccezionale", sottolinea Pierre Bessemoulin, direttore della climatologia di Météo France. "Tornando indietro negli annali fino al dopoguerra, ci sono una quindicina di episodi nevosi notevoli per la loro intensità e durata", ricorda.
Gli 8 giorni in cui la neve è apparsa a Parigi tra il 1 gennaio e il 20 febbraio 2005 sono lontani dal record di 24 giorni stabilito nello stesso periodo nel 1963. Lo stesso vale per Rennes (3 giorni contro i 10 del 1985 ), Lille (12 contro 26 nel 1963), Strasburgo (15 contro 30 nel 1952 e 1965), Lione (7 contro 25 nel 1953) o Bordeaux (4 contro 9 nel 1956 e 1987).
"La variabilità interannuale del manto nevoso è molto grande", osserva Pierre Etchevers, direttore del Grenoble Centre for Snow Studies (CEN). Si tratta di una serie continua di misurazioni effettuate dal 1960 al Col de Porte, a quota 1 metri, nel massiccio della Chartreuse. Rivela un'alternanza di inverni fortemente o al contrario leggermente nevosi, il cui susseguirsi sembra puramente casuale.
Tuttavia, vi è una tendenza generale al ribasso. In quarant'anni l'altezza della neve al Col de Porte, misurata negli ultimi dieci giorni di febbraio, è diminuita di oltre un terzo, da 1,5 ma meno di 1 metro.
Eseguendo modelli dell'evoluzione del manto nevoso in funzione dei parametri meteorologici, i ricercatori di Grenoble sono stati in grado di ricostruire il manto nevoso dei massicci alpini dalla fine degli anni '1950. “Nelle Alpi settentrionali, il livello del manto nevoso è è rimasto fermo fino alla fine degli anni '1990, poi appare un netto calo, descrive Pierre Etchevers. Nelle Alpi meridionali, il calo più marcato risale agli anni '1960, poi agli anni '1980 ".
Questa rarefazione dell'oro bianco è chiaramente correlata all'aumento delle temperature che, nello stesso periodo, sono passate da 1 a 3 0 ° C sui rilievi alpini. Al Col de Porte, la temperatura media invernale è aumentata di 2 ° C in quarant'anni.
Cosa succederà nei prossimi decenni? Il riscaldamento globale annuncia la scomparsa delle nevi invernali? Per scoprirlo, i ricercatori hanno preso i loro modelli e li hanno applicati a 34 massicci delle Alpi e dei Pirenei, ipotizzando un aumento di 2 ° C della temperatura dell'aria. I loro calcoli prevedono due diversi comportamenti del manto nevoso a seconda dell'altitudine. Al di sopra di una linea tra i 0 ei 2 m, l'effetto del riscaldamento sarebbe debole in inverno, ma lo scioglimento primaverile sarebbe prima e più veloce.
In media montagna, invece, il colpo di calore avrebbe un impatto significativo. Intorno ai 1 m, la stagione bianca sarebbe accorciata di almeno un mese e lo strato di neve si scioglierebbe come un dolore.

Leggi anche:  Dominique de Villepin chiama per entrare "nell'era post-petrolifera"

Fonte : www.lemonde.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *