I ghiacciai della penisola antartica giù

Un team anglo-americano nella rivista Science rivela che i ghiacciai costieri della penisola antartica hanno perso terreno nel corso degli ultimi cinquant'anni.

I ricercatori del British Antarctic Survey (BAS) e del US Geological Survey (USGS) hanno analizzato più di 2000 fotografie aeree scattate tra il 1940 e il 2000, nonché un centinaio di immagini satellitari che vanno dagli anni '1960 ad oggi (via Argon , LANDSAT 1, 2, 3, 4 e 5 MSS, LANDSAT 4 e 5 TM, ERS 1 e 2, RADARSAT e ASTER).

Ciò ha permesso di stabilire una cartografia con una risoluzione dell'ordine di trenta metri e un'accuratezza della posizione dell'ordine di 130 metri. Dei 244 ghiacciai studiati, l'87% si è ritirato in media di 600 metri dagli anni '1950 (gli altri, distribuiti in modo irregolare, avendo fatto pochi progressi), ad un ritmo che ha accelerato di 50 metri all'anno per cinque anni.

In effetti, dal 1945 al 1954, il 62% di questi ghiacciai stava aumentando, ma la tendenza è cambiata dal 1954 per raggiungere un tasso di pensionamento del 75% nel 2004 (queste percentuali basate su variazioni medie calcolate con il 95% di la fiducia). L'americana Jane Ferrigno e i suoi colleghi hanno anche notato una netta differenza in base alla posizione dei ghiacciai, quelli situati nella parte settentrionale della penisola (più calda) essendo i più colpiti dallo scioglimento. Più precisamente, se si considerano le isoterme a -5 ° C e -9 ° C come noto nel 2000, i ghiacciai situati nella zona più fredda non sono cambiati, quelli situati tra -5 ° C e -9 ° C sono diminuiti, mentre non ce n'è nella zona più calda (sopra -5 ° C). Questa particolare distribuzione induce un legame con il riscaldamento atmosferico che quest'area conosce dal 1950 (+ 2 ° C), ma il team rimane cauto e non desidera rendere questo riscaldamento l'unico responsabile della ritirata dei ghiacciai (di tanto quanto un rallentamento del declino in alcune aree tra il 1985 e il 1994 non corrisponde ad alcun raffreddamento relativo). I meccanismi di risposta di questi mostri di ghiaccio ai cambiamenti climatici sono davvero complessi e altri parametri devono ancora essere presi in considerazione, come la temperatura degli oceani e la quantità di precipitazioni.

Leggi anche: Pace dall'acqua

Rimane una chiara conclusione: il ritiro dei ghiacciai antartici risulta essere maggiore di quanto stimato.

WP 22 / 04 / 05 (dice studio ghiacciai antartici sono in calo, il livello dei mari maggio
salire) / FT 21 / 04 / 05 (Ritiro di ghiaccio antartico raccoglie ritmo)

http://www.aaas.org/news/releases/2005/0421glaciers.shtml

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *