I maggiori inquinatori del pianeta non vogliono sacrificare la loro crescita

Il partenariato Asia-Pacifico, che riunisce a Sydney alcuni dei maggiori inquinatori del pianeta, ha promesso, giovedì 12 gennaio, di combattere il riscaldamento globale senza sacrificare la crescita economica basata sui combustibili fossili, ma fonte di l'emissione di gas serra.

"La nostra convinzione dell'urgente necessità di continuare lo sviluppo e sradicare la povertà è al centro della nostra visione", hanno affermato in una dichiarazione i sei paesi membri - Stati Uniti, Australia, Cina, Giappone, India e Corea del Sud. - del "partenariato per lo sviluppo pulito e il clima", al termine dei due giorni di incontro. Alla conferenza erano presenti anche circa XNUMX leader di multinazionali industriali. "Lavorando insieme, siamo in grado di soddisfare meglio la nostra crescente domanda di energia e le nostre sfide comuni, comprese quelle relative all'inquinamento atmosferico, alla sicurezza energetica e all'intensità dei gas serra. serra ”, continuano i Sei.

Leggi anche:  Motori ad iniezione d'acqua: storia

Ma "i combustibili fossili sono la base delle nostre economie e rimarranno una realtà per tutta la vita e oltre", ha proseguito il comunicato, sottolineando che la lotta al riscaldamento globale non dovrebbe rallentare la crescita economica. “È quindi cruciale lavorare insieme per sviluppare e utilizzare tecnologie più pulite con meno emissioni di gas inquinanti in modo da poter continuare a utilizzare i combustibili fossili gestendo il problema dell'inquinamento atmosferico e delle emissioni di gas. effetto serra ”, secondo il testo.

Scopri di più

Nota econologica: di fronte alla cattiva volontà, a cosa servono le imprese dei paesi della zona di Kyoto se non è per ostacolare la loro competitività?

In questo senso, saremmo per l'istituzione di una "tassa di Kyoto" su tutti i prodotti importati dalla "zona non Kyoto" alla "zona di Kyoto".

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *