Le ragioni del boom del petrolio ...

Come si spiega una simile esplosione dei prezzi del petrolio?

Prima di tutto è necessario distinguere tra breve e lungo termine. Alcuni analisti affermano che se i prezzi stanno salendo è perché non c'è più petrolio.

Tuttavia, se proprio oggi stanno divampando, è perché un uragano sta devastando il Golfo del Messico. A breve termine, l'impennata del prezzo del petrolio è dovuta a una combinazione di fenomeni: crescita della domanda mondiale, riduzione delle scorte, sottoinvestimento. Nel medio termine, vale a dire quattro o cinque anni, l'incertezza risiede nella risposta della domanda e dell'offerta ai livelli di prezzo più elevati osservati oggi. È solo a lungo termine che possiamo prevedere un problema di risorse. A breve termine, il problema è che da due a tre anni siamo di fronte a un continuo aumento della domanda, mentre l'offerta non è aumentata a un ritmo equivalente. Il risultato è un'erosione della capacità produttiva disponibile dei paesi OPEC: questa sovraccapacità è così passata dal 5% del consumo mondiale nel 1990 al 2% di oggi. Possiamo anche evidenziare le tensioni a livello di raffinazione. Al minimo incidente, c'è un problema con lo smaltimento del prodotto. Il clima internazionale teso sta provocando pressioni sui prezzi. Quanto a quanto lontano può arrivare questo aumento, penso che le cifre annunciate da alcuni - fino a $ 300 - siano completamente fuori dall'ordinario. Ciò che è chiaro è che il mercato reagisce molto rapidamente. L'uragano Katrina pesa oggi sul mercato, proprio come l'annuncio di possibili attacchi in Arabia Saudita due settimane fa. E un rallentamento della domanda peserebbe sui prezzi in direzione opposta.

Leggi anche:  Kyot casa: nuove statistiche è venuto

Quali soluzioni esistono per far fronte a questa esplosione di prezzi?

Tutto ciò che può portare al risparmio energetico va ovviamente nella giusta direzione. Tutti i propositi degli ultimi anni sono stati dimenticati e occorre ridurre gli sprechi. Ad esempio, dimentichiamo che l'uso dell'aria condizionata nelle auto comporta un aumento del consumo di benzina. Per quanto riguarda una possibile reintroduzione del TIPP galleggiante, credo che questa non sia la soluzione appropriata se vogliamo ridurre la dipendenza della Francia dal petrolio. Se l'aumento dei prezzi crea problemi sociali, è necessario affrontarli, ma con altri mezzi.

Questo aumento del prezzo del petrolio non ravviva il dibattito sulle energie rinnovabili?

Il petrolio viene consumato principalmente nei trasporti. Il 95% del consumo energetico del settore dei trasporti proviene dal petrolio e ad oggi non esiste un'alternativa significativa. Possiamo certamente usare biocarburanti o energia elettrica, ma questo è ancora piccolo.

Leggi anche:  Presto l'iniezione di acqua su una BMW M4 Safety Car e serie?

Fonte: 6clones

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *