Lettera ai parlamentari su E85 e Total

Lettera inviata ai deputati e a un senatore della Senna marittima da Armand LEGAY, Master in Sociologia e autore dello studio di Biocarburante alcolico DEA

A Le Havre febbraio 22 08

signori

Lo scandalo non è solo il rifiuto delle compagnie petrolifere di introdurre biocarburanti anche nel gasolio come il super, sera 5, 75% per il 2008 e di far pagare i 500 milioni dai consumatori. È anche altrove.

La Carta per lo sviluppo del settore del Superetanolo E85 è stata infatti firmata il 13 novembre 2006 sotto l'egida del Primo Ministro dell'epoca, Dominique de Villepin. Con la loro firma, distributori di carburante (distribuzione di massa e compagnie petrolifere), case automobilistiche (PSA Peugeot Citroën, Renault, Ford, Saab, Volvo), produttori di etanolo (CGB, AGPB, AGPM) e Lo Stato si è impegnato a garantire il lancio nel 2007 e lo sviluppo in Francia del settore del superetanolo E85.

Con questo piano governativo sui biocarburanti da gennaio 2007, 600 pompe E85 (85% etanolo, 15% benzina) dovevano essere installate in Francia, il 40% delle quali da Total Elfina, ma sono solo 200 installate. e ancora con evidente discriminazione nella regione di Havraise dove viene prodotto l'E85.

In effetti, c'è un paradosso nell'installazione di queste pompe nella Senna marittima, rispetto alla loro posizione. Ad esempio a Le Havre nessuna pompa è installata quando nella regione di Rouen sei, di cui una in fase di installazione.

Sul territorio della Havre Agglomeration Community, è quindi il deserto di questo combustibile rinnovabile, quando rappresentanti eletti della Repubblica, controversi o di parte, sono contrari (a parole) o sostengono l'istituzione di due centrali elettriche carbone quando siamo una delle regioni o regioni più inquinate della Francia (a seconda del tempo).

E sanno, questi funzionari eletti, che il sequestro di CO2 non è sviluppato, così come la sua assimilazione da parte delle piante marine allevate.

Il ritardo che continua in questo piano deriva da un diverso orientamento assunto dal presidente Sarkozy con le conclusioni della Grenelle de l'Environnement dell'ottobre 2007, che era solo una distrazione mediatica.

Leggi anche:  La legge belga sui biocarburanti

Queste conclusioni mostrano la scelta operata dal governo Fillon in contrasto con quella di M. de Villepin sui biocarburanti e in particolare il bioetanolo (che sarebbe altrettanto dannoso del petrolio sull'effetto serra) con il piano E85 lanciato da questo ultimo. Il Presidente della Repubblica nel discorso di chiusura della Grenelle de l'environnement ha quindi proposto che venga condotto uno studio da ADEME, l'Agenzia per l'ambiente e la gestione dell'energia, per rimuovere o concretizzare i dubbi su biocarburanti di prima generazione. Tuttavia, annuncia che la scelta che gli sembra la più oculata sono i biocarburanti di seconda generazione che utilizzano piante diverse dal cibo e altri processi di fermentazione e liquefazione delle biomasse (vedi questa pagina: soluzioni energetiche future).

Ciò converge sulla miriade di associazioni ecologiche e di tutela ambientale, presenti a questo Grenelle, di cui dubito della loro rappresentatività democratica per il loro funzionamento, spesso al soldo di uno o pochi individui, al contrario dei sindacati dei lavoratori. o datori di lavoro o comunità. Va detto che il 20% della terra biologica è stato promesso entro il 2020 per il produttivismo verde. Questo converge anche verso la posizione delle major petrolifere che non sono pronte per quanto riguarda i loro strumenti industriali, sia per il rinnovamento, sia per l'installazione di nuove unità di raffinazione del petrolio in Europa e nel mondo. La decisione del governo francese e del presidente della Repubblica corrisponde al fatto di questo ritardo industriale. Con gli ecologisti in tasca, si gioca soprattutto al gioco dell'arrivo (casuale) delle petroliere, l'avvenimento che è nella raffinazione delle biomasse. Liquefatto, come il petrolio greggio, può essere utilizzato direttamente nelle raffinerie esistenti senza troppe modifiche, essendo la stessa tecnica di distillazione e cracking.

Questa analisi sui biocarburanti, in particolare per il bioetanolo, viene confrontata con le parole di Michel Girard, Ex Direttore di TOTAL Agricultural Development che ho sentito durante la giornata degli ingegneri agricoli il 15 novembre 2005 all'ESIGELEC, presso Madrillet dell'Università di Rouen: “Nella geografia del consumo il punto focale è l'Europa, non la Francia. L'Europa ha un disperato bisogno di diesel. L'Europa ha essenzialmente un surplus. Dove va? Negli Stati Uniti, che hanno un disperato bisogno di benzina. Questa situazione spiega l'aumento del prezzo del petrolio dovuto al fatto che da diversi decenni non sono state costruite raffinerie in Europa o negli Stati Uniti. (…) Oggi quando diciamo che c'è del greggio disponibile, è vero, ma è di pessima qualità. Se lo distillassimo nelle nostre raffinerie ne produrremmo meno di oggi. Ciò peggiorerebbe la crisi. (…), Perché dipendiamo, gli europei e la Francia in particolare, interamente dalla Russia.
Non c'è paura politica, ma se (i russi) espandono anche il loro trasporto su camion, useranno prima se stessi. Questo è il risultato delle tasse e anche della CO2, perché sappiamo che il diesel consuma meno della benzina. La mente, in definitiva, è un'equazione abbastanza complessa tra Arabia Saudita, greggi di fascia bassa e chiusure di raffinerie. (…) Nelle nostre previsioni, dovevamo ampliare il nostro parametro delle risorse energetiche. Naturalmente, la biomassa è una di queste. Per noi la scelta delle varie soluzioni è rappresentata da quattro moduli: le maggiori risorse possibili, agricoltura e co-prodotti agricoli, rifiuti e tecniche di trasporto per tutto questo. Ad esempio, abbiamo dimenticato come trasportavamo la legna da ardere. E poi, non mancano le tecnologie di trasformazione non ancora tutte ben padroneggiate per ottenere una gamma di prodotti che va dall'energia diretta, essendo più efficiente, al recupero con la cogenerazione, utilizzando tutti i combustibili e prodotti chimici (…) Oggi i biocarburanti si stanno sviluppando ovunque, ma in Europa è un casino. È una politica fiscale estremamente eterogenea. Per noi, senza dimenticare le lotte per la consegna tramite gasdotti e depositi che erano estremamente difficili da gestire in tutta Europa, i biocarburanti devono essere in grado di mescolarsi ed essere compatibili con l'intera politica.
Da lì, prenderemo quanti più biocarburanti può produrre l'agricoltura. Per l'agricoltura, questo avrà un impatto enorme. Penso che non sia necessario che il 25% dei terreni agricoli sia destinato all'energia e ai prodotti chimici. "
(Giorno di ingegneri agricoli Rouen ottobre 15 2005)

Leggi anche:  Eubionet 3, rete europea per lo sviluppo della biomassa energetica

Questi commenti sono la prova che la politica ambientale francese del nuovo governo si trova dietro la compagnia petrolifera Total.

Questa analisi che ti sto sottoponendo è un aspetto della ricerca universitaria che sto facendo sui biocarburanti. Tuttavia, è come cittadino di ciò che resta della Repubblica che chiedo ai rappresentanti eletti del popolo di intervenire presso il governo. In effetti, l'attuale controversia sui biocarburanti è dannosa per la nostra economia e il nostro ambiente. I biocarburanti di prima generazione, in uno sviluppo e un'agricoltura più ragionevoli che sostenibili (sostenibili per cosa?) In Francia, possono essere una fonte di sviluppo distinto e completamente rinnovabile, a condizione che gli input (vengono utilizzati prodotti chimici per la crescita delle piante) ) il meno nocivo e il più derivato dalla biomassa. I nostri agricoltori ne hanno tutto l'interesse, perché sono consapevoli della conservazione dei loro bacini idrografici e di altri territori e del loro strumento di lavoro: la Terra.

Se tanto olio parlare solo di sviluppo globale, lo sviluppo di bisogno locale e viceversa.

Per me, la necessità attuale è di andare verso un'economia positiva che combini partecipazione democratica, economia e scienza ecologica e dove la politica sarà al comando e non la finanziarizzazione come oggi.

Ottenere Signori, la mia salvezza repubblicano e il mio cordiale saluto.

Armand LEGAY

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *