Lille Métropole trasformerà i suoi rifiuti organici in gas

La comunità urbana di Lille sta avviando i lavori sul più grande centro di recupero biologico d'Europa. Installato a Sequedin, nel sud della metropoli, il sito tratterà 108.000 tonnellate di rifiuti verdi all'anno, trasportati via fiume. Il sito servirà anche come luogo per salire a bordo di chiatte per rifiuti inceneribili (180.000 tonnellate / anno) fino al centro di incenerimento di Halluin, a nord della metropoli. Questo modo di trasporto dovrebbe consentire di "risparmiare" l'equivalente di 10.000-12.500 camion all'anno. Il CVO, che coprirà 30.000 m2 costruiti in logica HQE, in una camera di depressione d'aria, è destinato principalmente alla produzione di biogas, l'equivalente di 4 milioni di litri di gasolio all'anno. Questa risorsa, corrispondente al consumo di circa 34.000 autobus, sarà riservata alla flotta di autobus della comunità urbana. L'impianto produrrà anche circa 2005 tonnellate di "digestato", un composto purissimo. Il gruppo svizzero Linde ha ottenuto la costruzione di questa apparecchiatura, in collaborazione con Sogea-Ramery (shell) e l'architetto Luc Delemazure. L'operatore sarà scelto a seguito di un bando di gara che dovrebbe essere lanciato nell'autunno 25. Il sito includerà lo stesso CVO e un centro di trasferimento dei rifiuti via fiume, un garage per autobus, oltre ad un annesso per veicoli raccolta rifiuti fermentabili. All'apertura, prevista per l'inizio del 2007, impiegherà 72 persone. L'investimento, portato dalla comunità urbana di Lille, ha raggiunto i 54 milioni tasse escluse, di cui 18 milioni per il CVO stricto sensu e XNUMX milioni per il centro di trasferimento.

Leggi anche:  Nobel per la Pace per il cambiamento climatico

La gazzetta dei comuni.
30 / 03 / 2005.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *