Lille Métropole trasformerà i suoi rifiuti organici in gas

La comunità urbana di Lille lancia le opere del più grande centro di recupero biologico in Europa. Situato a Sequedin, a sud della metropoli, il sito elaborerà 108.000 tonnellate di rifiuti verdi all'anno, trasportati via fiume. Il sito servirà anche come luogo di imbarco su chiatte per rifiuti inceneribili (180.000 tonnellate / anno) verso l'impianto di incenerimento di Halluin, a nord della metropoli. Questa modalità di trasporto dovrebbe "salvare" l'equivalente dei camion 10.000 in 12.500 all'anno. Il CVO, che si estenderà su 30.000 m2 incorporato nella logica HQE, in una camera a vuoto d'aria, è inizialmente destinato alla produzione di biogas, l'equivalente di 4 milioni di litri di diesel all'anno. Questa risorsa corrispondente al consumo di un centinaio di autobus, sarà riservata al parcheggio degli autobus della comunità urbana. L'impianto produrrà anche alcune tonnellate di "digestato" 34.000, un composto molto puro. Il gruppo svizzero Linde ottenne la costruzione di questa attrezzatura, in associazione con Sogea-Ramery (lavori strutturali) e l'architetto Luc Delemazure. L'operatore verrà selezionato dopo un bando di gara che dovrebbe essere lanciato in autunno 2005. Il sito includerà l'attuale CVO e un centro di trasferimento di rifiuti fluviali, un garage per autobus e un allegato per i veicoli di raccolta dei rifiuti fermentabili. Impiegherà le persone 25 alla sua apertura, prevista a partire da 2007. L'investimento, effettuato dalla comunità urbana di Lille, raggiunge 72 milioni al netto delle tasse, inclusi 54 milioni per CVO stricto sensu e 18 milioni per il centro di trasferimento.

Leggi anche: Iniezione d'acqua nel Messerschmitt

La gazzetta dei comuni.
30 / 03 / 2005.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *