Blocco olio può 2016

Legge sul lavoro El Khomri: petrolio bloccato, arma di massiccia distruzione economica?

Legge sul lavoro El Khomri: per opporsi alla riforma della legge sul lavoro, i sindacati stanno ora brandendo l'arma della massiccia distruzione economica (ehi sì…) bloccando raffinerie e depositi di petrolio! E questo potrebbe funzionare per far piegare un governo che, su questo colpo, fa come gli pare!

Egli sarà più forte di olio #Notte in piedi? Su Econologie.com, pensiamo così!

In effeti; il blocco energetico è una strategia che funziona piuttosto bene per far piegare i governi, poiché la nostra economia dipende dal petrolio. Le scorte di carburante, a parte raffinerie e depositi di petrolio, sono davvero molto basse (pochi giorni)! Prova di ciò è che in meno di 24 ore di blocco, le Stazioni di Servizio di molti reparti, principalmente in Occidente, hanno già adottato misure di razionamento: 20L per i veicoli leggeri di meno di 3.5 tonnellate e 40L per i più pesanti ...

Leggi anche:  Mutuo per la casa: determina la tua capacità di prestito

Più o meno recenti movimenti sociali hanno già bloccano le raffinerie: è sempre finita sia da un governo di nuovo sia per gli atti di violenza per sbloccare la forza raffinerie o depositi di carburante! Riguardo all'evoluzione dell'attuale potenziale carenza, vedi questo Articolo mondo.

Come promemoria, un ultimo blocco risale all'autunno del 2010 riguardante la riforma delle pensioni e abbiamo avviato il dibattito all'epoca: petrolio, più forte dei sindacati? Dibattito che resta quindi di grande attualità! Oggi il dibattito è rigorosamente lo stesso poiché cambiano solo le ragioni del blocco ...

E anche 2010, il governo ha ridotto al minimo il rischio di penuria, molto reale però, almeno per alcuni posti! Ecco cosa disse all'epoca Jean-Louis Schilansky, presidente dell'Unione francese delle industrie petrolifere (Ufip):

Rimangono “tra i 7 ei 10 giorni” di scorte di carburante disponibili, ha dichiarato lunedì Jean-Louis Schilansky, sesto giorno di sciopero nelle raffinerie di Total. La Ufip aveva indicato la scorsa settimana che le scorte rappresentavano “dai 10 ai 20 giorni” di consumo. "Le scorte sono diminuite un po 'più del previsto".

Per concludere e approfondire la sostanza del problema, cioè l'occupazione, ecco un interessante e completo dibattito sull'evoluzione profonda e strutturale del mercato del lavoro negli ultimi anni (e nei prossimi, perché sull'econologia sappiamo anticipare): mercato del lavoro: tutto domani disoccupati?

È per le stesse ragioni fondamentali dell'evoluzione del mercato del lavoro che l'idea di reddito di base sta iniziando a ricevere una seria considerazione da parte di molti governi in tutto il mondo, ma questa ... questa è un'altra storia!

8 commenti su "El Khomri Labour Law: petrolio bloccato, arma di distruzione economica di massa?"

  1. Ma no, non c'era il rischio di una carenza secondo il governo: http://www.lesechos.fr/industrie-services/energie-environnement/021953081614-ruee-vers-les-pompes-a-essence-dans-louest-2000121.php ecco perché hanno già sbloccato le serrature Force ... senza commenti ^^

    Fondamentalmente, mi dispiace, ma insisto "Il petrolio è più forte degli striscioni" (https://www.econologie.com/forums/societe-et-philosophie/reforme-retraites-le-petrole-plus-fort-que-les-syndicats-t10044-90.html#p303570)

  2. Questa mattina il rischio di penuria esisteva ancora:

    “Una carenza totale o parziale (di alcuni tipi di carburante) in circa 1.500 stazioni sulle 12.000 del Paese, secondo Alain Vidalies.

    Delle 2.200 stazioni di servizio gestite da Total in Francia, 390 erano parzialmente o totalmente fuori servizio domenica, di cui 76 nell'Ile-de-France, 73 nel Nord-Pas-de-Calais, 60 in Bretagna e altrettante in Normandia, un ha specificato il gruppo francese. "

    http://www.lexpress.fr/actualites/1/politique/carburants-les-difficultes-d-approvisionnement-en-carburant-persistent_1794641.html

  3. Una prima, credo, nella storia del nucleare civile francese: “Dopo le raffinerie, le centrali nucleari verranno a loro volta bloccate? Tale è in ogni caso la minaccia agitata dalla CGT-Energie. La potente federazione di settore ha deciso, martedì 24 maggio, di lanciare un appello al personale di EDF per complicare la produzione di energia elettrica giovedì, giornata di azione sindacale in tutto il Paese. L'obiettivo è fare pressione sul governo per ottenere il ritiro della riforma del codice del lavoro. " https://www.econologie.com/forums/energies-fossiles-nucleaire/greve-du-zele-prevue-dans-les-centrales-nucleaires-t14748.html

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *