maschera termale antivirale

Innovazione Anti-Covid: la maschera antivirale termica rifiutata da Idelux e Innovatech ma sviluppata dal MIT

La resistenza fisica del coronavirus Sars-Cov2 è eccezionale e spiega, in parte, l'attuale situazione sanitaria globale in caso di pandemia. Numerosi studi internazionali sono stati effettuati sul comportamento fisico e chimico di Sars-Cov2, uno degli ultimi pubblicati nell'ottobre 2020 parla di un resistenza fino a 28 giorni su alcune superfici ! È una resistenza eccezionale per un virus. Molti studi sono stati compilati in questa pagina sul resistenza al coronavirus 2019. Tutti questi studi dimostrano che il coronavirus è resistente ma ... anche, e fortunatamente, che è un virus termolabile. Vale a dire che sarà distrutto abbastanza rapidamente dal calore. Al contrario, un coronavirus può sopravvivere per più di 2 anni a -20 ° C. Chi pensa ancora che un buon freddo invernale disinfetterà e fermerà la pandemia si sbaglia completamente .... Questo è il caso di alcuni batteri ma non del tutto dei coronavirus. Accadrà il contrario, il freddo e le condizioni invernali rafforzano le capacità di resistenza del coronavirus, mentre il caldo le diminuisce. Da marzo 2020 abbiamo pensato a un file maschera di disinfezione virale di inibizione termica. Il MIT ha appena comunicato di aver realizzato lo stesso sviluppo ... sviluppo a cui è stato rifiutato il supporto di Idelux Innovation e Innovatech. Ecco la sua storia ...

sommario

  1. Termolabilità di Sars-Cov2 da studi scientifici pubblicati
  2. Teoria di maschera di disinfezione virale mediante inibizione termica del Coronavirus
  3. Il prototipo di test della maschera di inibizione termica
  4. Presentazione a Idelux Innovation and Innovatech a maggio 2020
  5. La maschera termica del MIT presentata al pubblico il 21 ottobre 2020

1. Il virus è termolabile: resiste alle basse temperature per molto tempo ma muore abbastanza rapidamente con il calore.

La ricerca e la lettura di pubblicazioni scientifiche facilitano la ricerca di informazioni e cifre sul resistenza virale di Sars-Cov2, Un team di ricercatori cinesi, ad esempio, ha pubblicato il 27 marzo 2020 questo studio Stabilità di SARS-CoV-2 in diverse condizioni ambientali

coronavirus e temperature
Fonte: Stabilità di SARS-CoV-2 in diverse condizioni ambientali pubblicato il 27 marzo 2020

In biochimica si considera accettabile una disinfezione virale o batterica quando si verifica una diminuzione della concentrazione di patogeni di LOG 4, vale a dire una divisione per 10. Molti test iniziano con una concentrazione di ordine di LOG 000, è quindi necessario raggiungere LOG 6 per considerare che la disinfezione è efficace. La tabella sopra lo indica quindi il virus è ancora estremamente attivo anche dopo 14 giorni a 4 ° C… ma ci vogliono meno di 5 minuti a 70 ° C perché diventi non rilevabile (U).

Lo stesso studio fornisce anche la seguente tabella di resistenza sulle superfici. La superficie è un altro importante parametro di resistenza del virus. Ecco alcuni valori di resistenza virale a temperatura ambiente (20 ° C) su diverse superfici:

SarsCov2 resistenza alla temperatura superficiale
Fonte: Stabilità di SARS-CoV-2 in diverse condizioni ambientali pubblicato il 27 marzo 2020

Un altro studio, pubblicato il 7 ottobre 2020, intitolato L'effetto della temperatura sulla persistenza di SARS-CoV-2 su superfici comuni conferma questa resistenza e fa il collegamento tra temperatura e resistenza superficiale su diverse superfici: acciaio inossidabile, plastica, banconote, vetro, vinile e indumenti di cotone.

Sars-Cov2 resistenza alla temperatura superficiale
Fonte: L'effetto della temperatura sulla persistenza di SARS-CoV-2 su superfici comuni pubblicato il 7 ottobre 2020

Possiamo così leggere su questi diversi grafici che ci sono tracce (LOG 2 o superiore) del virus dopo 28 giorni sulle banconote e dopo 21 giorni su acciaio inox o plastica a 20 ° C ma questi valori scendono a 7 giorni a 30 ° C e 1 giorno a 40 ° C. Infine, dovresti sapere che questi test sono stati effettuati al buio, senza luce o UV. Infatti, come indicato anche in la pagina della resistenza virale, i raggi UV che possono contribuire fortemente alla disinfezione virale.

Leggi anche:  Coronavirus: mappa della Francia dell'epidemia e dati dei dipartimenti

Ma si capirà facilmente che l'estate torrida ha protetto in gran parte la popolazione e che le giornate brutte e l'abbassamento delle temperature sono state, come per caso, seguite da un'esplosione di casi. Qualcosa che nessun media ha mai detto per proteggere la sua popolazione!

Pertanto, questa informazione scientifica ci consente di concludere almeno 3 cose:

  • che Sars-Cov2 è estremamente resistente allo scoperto a un virus
  • che alcuni influencer, ufficiali o meno, hanno un comportamento criminale che merita pesanti sanzioni penali affermando pubblicamente (Internet, media, discorsi politici, ecc.) che il virus sopravvive solo poche ore nell'ambiente
  • che è possibile attaccarlo molto efficacemente con la temperatura, cioè termicamente, che è oggetto di l'invenzione è iniziata su questo sito il 2 aprile 2020 e da allora sviluppata dal MIT

2. Teoria di maschera di disinfezione virale mediante inibizione termica del Coronavirus

Dal 2 aprile 2020, a soli 5 giorni dalla pubblicazione dello studio cinese sulla resistenza termica del virus, Christophe Martz ha presentato pubblicamente l'idea di realizzare una maschera di disinfezione virale con metodo termico con la possibilità di un supplemento UV.

Per fare ciò, Christophe ha estrapolato i dati dallo studio cinese per stabilire le seguenti curve di inibizione termica a LOG4:

Estrapolazione termica distruzione del coronavirus
Fonte: Curve di inibizione termica Sars-Cov2 di Christophe Martz

Cosa permette di dedurre questa estrapolazione? I seguenti dati di inibizione virale rispetto alla durata:

  • a 90 ° C si ottiene una riduzione logaritmica di 8,46 / minuto
  • a 120 ° C si ottiene una riduzione logaritmica di 16,89 / minuto
  • a 150 ° C si ottiene una riduzione logaritmica di 27,68 / minuto

In secondi (sottrai LOG da 60 o 1.778):

  • a 90 ° C si ottiene una riduzione logaritmica di 6,68 / secondo
  • a 120 ° C si ottiene una riduzione logaritmica di 15,11 / secondo
  • a 150 ° C otteniamo una riduzione logaritmica di 25,91 / secondo

In altre parole, per ottenere la disinfezione termica di LOG 4, il virus deve essere riscaldato per i seguenti periodi:

  • a 90 ° C si ottiene una riduzione del log 4 dopo 0.60 secondi
  • a 120 ° C si ottiene una riduzione del log 4 dopo 0.26 secondi
  • a 150 ° C si ottiene una riduzione del log 4 dopo 0.15 secondi

Questi tempi sono del tutto compatibili con una portata respiratoria e un'eventuale maschera termica, tanto più che la portata respiratoria è pulsata… restava quindi da fare un bilancio termico per vedere quale potenza servisse per riscaldare l'aria respiratoria a queste temperature. Questo Qui Christophe ha eseguito l'equilibrio del calore respiratorio e ha concluso a potenza richiesta a riposo di una ventina di Watt per innalzare la temperatura dell'aria di 100 ° C, che è abbastanza compatibile con un dispositivo portatile.

Leggi anche:  Barbecue verticale, ecologico e buono per la salute

La teoria era buona, ora si trattava di confermare questi calcoli con un prototipo di prova, cosa fatta in pochi giorni ...

3. Il prototipo di test della maschera di inibizione termica

Per una maggiore velocità nella realizzazione del prototipo, Christophe aveva deciso rapidamente di andare su una maschera Snorkeling da Decathlon a cui era sufficiente adattare una cella di riscaldamento. Qualcosa fatto in pochi giorni.

Lo scopo di questa parte non è entrare nei dettagli tecnici, ma presentare rapidamente il lavoro e mostrarloun prototipo funzionale di una maschera termica esisteva in Europa dalla primavera del 2020. Questo prototipo è stato presentato alle organizzazioni umanitarie belghe, ma che ha mostrato scarso interesse nonostante l'urgente situazione sanitaria. Queste illustrazioni provengono dalla presentazione fatta in videoconferenza a Idelux Innovation and Innovatech a maggio 2020, torneremo su questo punto. Si tratta di 2 incubatori di innovazione situati in Belgio.

La totale assenza di finanziamenti pubblici o aiuti esterni spiega la frugalità del prototipo progettuale. L'importante era dimostrare la fattibilità del concetto tecnico e convalidare il bilancio termico. Il tutto in un tempo minimo visto il contesto sanitario.

maschera termale antivirale
Vantaggi e svantaggi dell'utilizzo di una maschera per lo snorkeling di tipo Decathlon. Il vantaggio principale del nostro sviluppo è stato il risparmio di tempo.

 

maschera termale antivirale
Presentazione dello "snorkel riscaldato" realizzato con un riscaldatore 12V 120W e regolato in ciclo continuo senza isteresi con sonda K. Il tutto è alimentato da una batteria al litio.
maschera termale antivirale
Boccaglio riscaldato montato sulla maschera Snorkeling: sono presenti solo 2 cavi, l'alimentazione e la sonda di temperatura
maschera termale antivirale
Prova in condizioni reali a riposo per un periodo di 1 ora per verificare l'equilibrio termico: questo si sposa perfettamente con la teoria, per alimentare questa maschera termica è necessaria una potenza di circa 20W.

4. Presentazione a Idelux Innovation e Innovatech a maggio 2020

L'11 maggio 2020, tutto il lavoro e i risultati realizzati sul prototipo sono stati presentati in videoconferenza al Charlotte Van Haelen e Christelle Henrotin di Idelux Innovation, un'organizzazione di sostegno all'innovazione finanziata con fondi pubblici situata nel Lussemburgo belga. È stata data loro una presentazione dettagliata di 48 pagine. Il progetto ha attirato la loro attenzione, una seconda videoconferenza era prevista per alcuni giorni dopo con Stéphane Gualandris dell'incubatore Innovatech per lavorare sul BMC: il Business Model Canvas.

È stato purtroppo dedotto da questo BMC, che è stato realizzato come ogni altro progetto di innovazione, ovvero senza tener conto della situazione sanitaria che il progetto della maschera termica non poteva ottenere il sostegno pubblico così com'era. Tuttavia, tutto indicava il forte potenziale di salute dell'invenzione e quindi la potenziale conservazione di vite umane. Ma la prima ondata di primavera stava volgendo al termine in Belgio. Si è sostenuto, tra le altre cose, che l'epidemia fosse finita. Questo è doppiamente sbagliato perché da un lato il virus non è mai scomparso in primavera (né in Belgio né altrove), semplicemente perché i servizi ospedalieri cominciavano a essere meno saturi. E d'altra parte, la fine di questa prima ondata riguardava solo il Belgio, molti altri paesi nel mondo erano ancora pesantemente colpiti in quel momento. Il Belgio avrebbe potuto essere all'origine di una grande innovazione globale e forse avrebbe potuto salvare molte vite ... belgi o altri ... e ovviamente rallentare la pandemia!

Leggi anche:  Il consumo dei tipi di carne nel mondo

Il sig. Gualandris non credeva ad una contaminazione aerea del virus, nonostante gli studi già pubblicati all'epoca e anche fatto un comportamento altezzoso e una certa arroganza difficilmente compatibile con la funzione che ricopre. Sapeva che l'epidemia era finita e sapeva che il virus non era disperso nell'aria ... questo con certezza al 100%! Questo progetto innovativo non valeva quindi più la pena soffermarsi e soprattutto non meritava sostegno o aiuto pubblico!

Questo progetto è quindi rimasto in cantiere da maggio 2020 ... fino al pubblicazione da parte del prestigioso MIT di un progetto molto simile in linea di principio. Pubblicazione che è la fonte di questo articolo di revisione.

5. La maschera termica del MIT presentata al pubblico il 21 ottobre 2020

Ecco il comunicato stampa in francese del progetto MIT trasmesso da Ouest-France ieri 26 ottobre 2020

 

Scienziati statunitensi testano una maschera riscaldata che distruggerebbe il coronavirus

Finora, la maschera è stata utilizzata per prevenire la dispersione delle goccioline che trasportano il coronavirus. E se la maschera di domani potesse semplicemente neutralizzare il coronavirus con il calore?

La ricerca è ancora in corso ma i primi risultati sembrano promettenti. Negli Stati Uniti, il 21 ottobre gli ingegneri del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno annunciato di aver sviluppato una maschera in grado di disattivare il virus utilizzando il calore.

Mentre le maschere che attualmente utilizziamo, siano esse in tessuto o plastica, lavorano solo per ridurre la diffusione del virus, questa nuova maschera sarebbe ancora più efficace.

Il sistema è il seguente: una rete di rame riscaldata nella maschera tramite una batteria consente di neutralizzare le particelle virali con il calore durante la respirazione.

Prototipi già realizzati ma necessitano di validazione scientifica

"Una tale maschera potrebbe essere molto utile per gli operatori sanitari, così come per il pubblico in generale in situazioni in cui le distanze sociali non possono essere rispettate come nei trasporti pubblici affollati", scrivono i ricercatori.

Sebbene questo esperimento sia in corso da marzo, sono già stati costruiti diversi prototipi di queste maschere. Ma l'esperimento deve ancora essere valutato da esperti scientifici e medici.

"E, naturalmente, dobbiamo essere vigili sulla sicurezza e sul comfort per gli utenti della maschera"ha aggiunto Samuel Faucher, un laureato dell'istituto e autore principale della ricerca. Con ogni probabilità, queste maschere di nuova generazione dovrebbero costare più delle maschere chirurgiche.

Ovviamente la forma del modello non è la stessa del nostro prototipo a molla ma il concetto, cioè l'inibizione virale termica, è strettamente identico.

Maschera termica MIT

Il comunicato stampa originale del MIT è datato 21 ottobre 2020, era oggetto di un pubblicazione scientifica dettagliata su arxiv disponibile per il download pubblico.

Una domanda ? Un'osservazione? Contatta Christophe, usa i commenti qui sotto o visita la cronologia di maschera antivirale termica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *