Micro alghe Chlamydomonas e biogas

Microalghe (dalla famiglia Chlamydomonas) per migliorare il funzionamento delle unità di biogas Fonte BE da ADIT

Il gruppo di lavoro guidato dal Prof. Gerd Klöck e la dott.ssa Anja Noke, biotecnologi presso l'Istituto per le tecniche ambientali e biologiche dell'Università di scienze applicate di Brema, concentrano il loro lavoro sullo sviluppo di nuovi processi per l'uso industriale delle microalghe. In questo contesto, dal 1 luglio 2008, conduce un progetto di miglioramento degli impianti biogas, denominato AlgenBiogas. Il Ministero Federale dell'Istruzione e della Ricerca (BMBF) lo sostiene per un periodo di 3 anni, per un importo di 245.000 euro nell'ambito del programma "FHprofUnd" (ricerca in scuole superiori specializzate in collaborazione con le imprese).

Il biogas prodotto nei reattori contiene, oltre al combustibile desiderato, metano, altri gas come CO2 e idrogeno solforato (H2S). Se questi gas sono presenti in concentrazioni troppo elevate e la percentuale di metano scende al di sotto di una certa soglia, il biogas non può più essere utilizzato per la combustione.

Leggi anche:  Il ruolo energetico dell'agricoltura

L'obiettivo di AlgenBiogas è lo sviluppo di un processo per la rimozione di H2S e CO2 dal biogas utilizzando microalghe. Possono effettivamente utilizzare questi gas per aumentare la propria biomassa. L'ossigeno prodotto durante questa fotosintesi può quindi essere rimosso mediante un processo appropriato. La biomassa microalgale formata viene quindi utilizzata come substrato per il processo di formazione del biogas. In precedenza, sostanze utili come gli acidi omega 3 e omega 6 oi carotenoidi possono essere estratti dalle alghe.

Un idoneo impianto pilota deve essere costruito e collaudato per diversi mesi in collegamento con un'unità di biogas, in collaborazione con le società Algatec (Brema) e MT-Energie (Bassa Sassonia). Il lavoro di ricerca e sviluppo dovrebbe portare alla progettazione di un impianto commerciale, che integrerà le unità di biogas nuove o già funzionanti.

Un sottoprogetto parallelo, che inizia presso la Scuola Superiore Specializzata di Anhalt, consentirà, tra l'altro, di scegliere e coltivare microalghe adatte e di estrarre prodotti dalla biomassa algale. I partner della scuola Anhalt in questo progetto sono il gruppo BiLaMal e le società Stollberg e LUM GmbH.

Leggi anche:  Biocarburanti su TF1

Per ulteriori informazioni, contatti:

- Insegnante. Dr. Gert Klöck - Fakultät 5 "Natur und Technik", Neustadtswall 30,
D28199 Brema - tel: +49 421 5905, fax: +4266 49 421 - e-mail: Gerd.Kloeck@hs-bremen.de - http://www.hs-bremen.de/internet/de/index.html
- Presentazione del programma FHprofUnd (in tedesco)
- Un altro progetto che utilizza le alghe per eliminare CO2

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *