MINOS ai blocchi di partenza

Dopo dieci anni di preparazione, sta per iniziare l'esperimento MINOS (Main Injector Neutrino Oscillation Search). Entro la fine di questo mese, l'acceleratore di particelle dell'iniettore principale presso il Fermi National Accelerator Laboratory (Illinois) inizierà a produrre un fascio di neutrini destinato a far luce sui segreti di queste particelle senza carica elettrica e massa a meno un milione di volte più leggero della particella carica più leggera.

 Il raggio generato, chiamato NuMI, sarà diretto a un rilevatore di 6000 tonnellate situato a quasi 700 chilometri di distanza, nel profondo dell'ex miniera di ferro del Sudan, nel Minnesota nord-orientale. Ogni anno, più di mille miliardi di neutrini passeranno attraverso il Sudan Underground Laboratory dopo un viaggio di appena due millisecondi e mezzo. La maggior parte continuerà la propria corsa invariata, ma ne entreranno in collisione circa 1500 all'anno
atomi all'interno del rivelatore, consentendo ai ricercatori di studiare meglio le loro caratteristiche, la loro connessione suggerita alla misteriosa materia oscura e il modo in cui queste particelle - che esistono in tre stati aromatici chiamati elettronici, muonici e tau - passano da una varietà all'altra.

Leggi anche:  Energie rinnovabili: gli obiettivi europei sono lontani

Previsto per un periodo di cinque anni, l'esperimento MINOS coinvolge 32 istituzioni situate in Brasile, Francia, Grecia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti. Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE), da cui dipende Fermilab, ha finanziato gran parte del progetto da 181 milioni di dollari.

USAT 11 / 02 / 05 (progetto del neutrino del Minnesota che inizierà questo mese)
http://www.usatoday.com/tech/science/mathscience/2005-02-11-neutrino-detector_x.htm
http://www.fnal.gov/pub/about/public_affairs/neutrinos/index.html

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *