Mondial auto, comunicazione verde, stampa compiacente e ... niente in effetti!

Mondial auto, comunicazione verde, stampa compiacente e ... niente in effetti! - da Zorro il 14/11/2004 / 18:58

All'annuale biennale di Parigi Auto 2004, tutta la stampa specializzata (o no!) Era presente all'appuntamento: visitatori 1 460 803 in basso aumento e in particolare i giornalisti 10732 tra cui 55% stranieri)

Ma perchè?

Questa è un'opportunità per i giornalisti francesi, principalmente parigini, per rivedere gli addetti stampa, fissare un appuntamento per le prove stampa e condividere petits fours e altre attenzioni VIP, a cominciare dai famosi press kit !! Là, tra le pagine patinate e altre foto (in duplice copia con il Cd ROM!?!) Non una domanda dispregiativa ”né una parola sui valori di Scx, di aumento di massa, dell'inutilità dei gadget elettronici per l'affidabilità dubbioso (prezzi tracciati obbligano!) o consumi eccessivi dovuti alle 4 ruote motrici !! Certo, qua e là, informazioni su energie più o meno alternative: idrogeno, pompa di calore o GPL (vedi anche http://www.mobility-and-sustainability.com/)… Ma quasi niente da comprare che sia valido in concessioni !! Comunque il progresso vale solo se è condiviso no? E di fronte allo spreco di energia e al suo inquinamento, "noi" stiamo superando i limiti. Ad esempio, la normativa obbliga i veicoli a GPL ad essere anche benzina, quindi compromesso tecnico piuttosto deludente o addirittura "Allora accendi i tuoi codici!" »Consumare eccessivamente dal 2 all'8% e quindi ... compensare l'effetto radar e il suo calo delle velocità medie. Infatti, i giornali televisivi hanno annunciato quest'estate che nel 2003 il consumo di combustibili ... è diminuito dell'1% in Francia! Vale a dire 1 miliardo di euro di TIPP al mese nonostante il 4 × 4 in modalità USA! E scommetto che questo stupido provvedimento rifiutato dall'Europa nel 2001 sarà votato entro 4 mesi: la sicurezza ha una buona schiena in questo paese di ipocriti al potere !! Su questo argomento JP Jabouille si è inoltre confidato con RTL davanti a un giornalista molto imbarazzato: "A volere troppo per impedirci di morire, ci viene impedito di vivere! ".

Leggi anche:  Tesla cinema in The Prestige, una ricognizione?

I media così compiacenti, desideri sufficienti e maturi, sono in effetti gli inserzionisti di avvio! Le entrate pubblicitarie (in calo rispetto agli anni 2) rappresentano tra 50 e 80% delle loro entrate (100% gratuitamente). non possono quindi scrivere ciò che è giusto e spesso ignorano o prendono in giro lo sviluppo sostenibile nel buon egoista parigino, già ben bloccato nel suo inquinamento!

Infine per farla finita, sappiate che il produttore non riduce i consumi (o così poco a fronte dell'aumento di peso e dell'aerodinamica Scx che è peggiorata da 30 anni!) Ma poi ripuliti. Giusto per rispettare gli standard di omologazione e… vendere! E come invecchiano questi veicoli in termini di inquinamento? Non è il controllo tecnico fasullo e compiacente, obbliga la concorrenza, messo in atto che potrà dircelo in modo affidabile. Tuttavia, già 735 milioni di auto sotto 3.5 T nel mondo: quante VW Lupo 3 litri o Audi A2 TDI? Audi fermerà questo modello: troppo intelligente per i clienti "tradizionali" del marchio che preferiscono mostrarsi in A3 o più grandi ovviamente! Solo incentivi fiscali ecologici potrebbero salvare questi modelli e resuscitare la nostra Citroën ECO 2000, Peugeot VERA e altri modelli Renault VESTA 1 e 2 del 1984… meno inquinante è PRIMO CONSUMO MENO se possibile a iso comfort! Ma i profitti a breve termine e le lobby reggono a Bruxelles. Dove sono i giornalisti degni di questo nome ??? Non hanno davvero bisogno di una tessera stampa per ritrasmettere la comunicazione dei principali assemblatori di automobili (l'80% è prodotto da produttori di apparecchiature!).

L'uomo è davvero l'unico predatore dell'uomo. CQFD.

Leggi anche:  Essere cittadini inquinano di più!

Marc, ingegnere meccanico INSA.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *