Globalizzazione: danno collaterale

Nel suo documentario "L'incubo di Darwin", Hubert Sauper mostra come la globalizzazione diventi l'ultimo stadio dell'evoluzione umana e come la legge del più forte, applicata al sistema economico e sociale, generi catastrofi ecologiche e umane.

Tanzania, riva del Lago Vittoria, fine anni '50. Fu in questa regione fino ad allora preservata che gli occidentali decisero di introdurre il "persico del Nilo", un pesce molto apprezzato dai consumatori europei e giapponesi ma che sarebbe poi diventato un formidabile predatore, che trasforma uno degli ecosistemi più ricchi del mondo in una zona di morte. Questo predatore ha infatti eliminato le 200 specie di pesci originariamente presenti nel Lago Vittoria, lasciando le acque prive di ossigeno e specie viventi. Le specie di pesci che si nutrivano di alghe sono progressivamente scomparse, le alghe si accumulano, muoiono e provocano cali di ossigeno, mentre il pesce persico del Nilo finisce per nutrirsi da solo per mancanza di altre risorse ... Sfruttato eccessivamente da sempre più pescatori - nel 1970, 4.000 barche portavano 15.000 tonnellate di pesce, nel 1980 il loro numero è aumentato a 6.000 e la pesca ha prodotto 100.000 tonnellate di pesce - il pesce persico del Nilo ha , in pochi decenni, ha trasformato un lago di 500 anni in acque eutrofiche.
A Mwanza, una città che si affaccia sul lago Vittoria, ogni giorno arrivano nelle fabbriche tra le 500 e le 1000 tonnellate di pesce che vengono poi trasportate in Europa da aerei cargo russi. Ma gli aerei non trasportano solo pesce: arrivano in Africa carichi di armi, vendute dagli europei ai protagonisti dei guerriglieri che imperversano nella regione -Rwanda, Congo, Burundi… - Hubert Sauper mostra il balletto incessante di questi aerei, alcuni dei quali - il massimo del cinismo - portano aiuti umanitari ai campi profughi delle Nazioni Unite nello stesso momento in cui portano loro le armi che li uccideranno. Senza essere del tutto ignorate, le innumerevoli guerre vengono spesso definite "conflitti tribali", come quelli in Ruanda e Burundi. Le cause nascoste di tali disordini sono, nella maggior parte dei casi, gli interessi imperialisti per le risorse naturali ”, sottolinea l'autore, che ha realizzato un precedente film nel 1998 sul Ruanda.

Leggi anche:  Scegli una banca che rispetti di più l'ambiente

 "Il capitalismo ha vinto" 

Contemporaneamente a questo spettacolo disastroso, il regista mostra l'arrivo di una delegazione della Commissione europea, venuta a congratularsi, con gli industriali locali, per il successo economico del pesce persico del Nilo. 34 milioni di euro sono stati pagati dall'Europa per sviluppare questo settore, la cui produzione è destinata esclusivamente ai consumatori occidentali (2267 tonnellate nel 2004 per il solo mercato francese). La popolazione che sopravvive intorno al lago si nutre solo di scarti di pesce non adatti alla vendita. Perché questa industria non ha solo distrutto la ricchezza ecologica della regione, ma ha anche distrutto il sistema economico e sociale locale, i piccoli pescatori locali esclusi dall'industria del pesce persico del Nilo non hanno più nessun altro specie da pescare. La domanda perenne di chiedersi quale sia la struttura sociale e politica migliore per il mondo sembra aver avuto risposta, osserva l'autore. Il capitalismo ha vinto. Le società future saranno governate da un sistema consumistico visto come "civilizzato" e "buono". Nel senso darwiniano, ha vinto il "buon sistema". Ha vinto convincendo i suoi nemici o eliminandoli ”. Disoccupazione, famiglie distrutte, comunità distrutte: in questa implacabile dimostrazione di darwinismo biologico e sociale, Hubert Sauper mostra, senza miserabilità, le devastazioni del capitalismo sugli esseri umani. La prostituzione, l'alcolismo, la forte prevalenza dell'AIDS, i bambini di strada che annusano la plastica fusa dagli involucri di pesce ... la distruzione della vita locale è davvero un incubo darwiniano. "Ho cercato di trasformare la storia del successo di un pesce e del fugace" boom "attorno a questo animale" perfetto "in un'ironica e spaventosa allegoria del nuovo ordine mondiale, spiega Hubert Sauper. Ma la manifestazione sarebbe la stessa in Sierra Leone e il pesce sarebbe diamanti, in Honduras sarebbero le banane, e in Iraq, Nigeria o Angola sarebbero il greggio ”.

Leggi anche:  Funzionamento dell'istruzione nazionale francese: bilancio e abusi

Le cauchemar de Darwin (L'incubo di Darwin), un film di Hubert Sauper, è uscito nelle sale il 2 marzo 2005. Il film ha ricevuto 8 premi a festival internazionali, tra cui il Premio Europea Cinemas al Festival di Venezia del 2004.

Véronique SMEE

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *